E-R | BUR

n.17 del 25.01.2017 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Assegnazione e concessione per l'anno 2016 dei contributi di cui all'art. 9, comma 2, della L.R. n. 34/2002 e ss.mm. - Individuazione ai sensi dell'art. 61 della L.R. n. 11/2016 dei soggetti destinatari

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Visti:

  • la Legge Regionale 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e successive modificazioni;
  • la L.R. 15 novembre 2001, n. 40 “Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle LL.RR. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1977, n. 4”, per quanto applicabile;
  • la legge 13 agosto 2010, n. 136 avente ad oggetto “Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia” e successive modifiche;
  • la determinazione dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture n. 4 del 7 luglio 2011, recante “Linee guida sulla tracciabilità dei flussi finanziari ai sensi dell’art. 3 della legge 13 agosto 2010, n. 136”;
  • la L.R. 29 dicembre 2015, n. 23 “Disposizioni per la formazione del Bilancio di previsione 2016-2018 (Legge di stabilità regionale 2016) e ss.mm.;
  • la L.R. 29 dicembre 2015, n. 24 “Bilancio di Previsione della Regione Emilia-Romagna 2016-2018” e ss.mm.;
  • la deliberazione G.R. n. 2259 del 28/12/2015 recante “Approvazione del documento tecnico di accompagnamento e del bilancio finanziario gestionale di previsione della Regione Emilia-Romagna 2016/2018” e ss.mm.;
  • la L. 3/2003 e in particolare l'art.11;
  • il D.lgs. 23 giugno 2011, n. 118 “Disposizioni in materia di armonizzazione dei sistemi contabili e degli schemi di bilancio delle Regioni, degli enti locali e dei loro organismi, a norma degli articoli 1 e 2 della Legge 5 maggio 2009, n.42” e successive modifiche ed integrazioni;
  • il D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 e ss.mm.ii.;
  • la propria deliberazione n. 66 del 25 gennaio 2016 ”Approvazione del Piano triennale di prevenzione della corruzione e del programma per la trasparenza e l'integrità. Aggiornamenti 2016-2018”;
  • la determina dirigenziale n. 12096/2016;
  • il D.lgs. n. 159/2011 e succ. mod., in particolare l’art.83;

Visto L’art. 9, comma 2, della L.R. n. 34/2002 e ss.mm. che così recita: “La Regione assegna altresì contributi a soggetti gestori di centri di servizio per la realizzazione di attività di sostegno e qualificazione delle associazioni di promozione sociale iscritte. A tal fine, i medesimi soggetti erogano le proprie prestazioni sotto forma di servizi offrendo consulenza e assistenza qualificata, strumenti per la progettazione, l'avvio e la realizzazione di specifiche attività, nonché assumendo iniziative di formazione e qualificazione nei confronti degli aderenti ad associazioni di promozione sociale”;

Visto l’art. 61 della L.R. n. 11/2016 che stabilisce che per l'anno 2016, ai fini dell'attuazione dell'art. 9, comma 2, su richiamato, la Giunta regionale individua con proprio atto i soggetti destinatari e i servizi di cui al medesimo comma, tenendo conto, ove possibile, al fine di assicurare continuità ai servizi in corso, dei rapporti attivati dalle Province entro il 30/6/2015;

Visto altresì l'art. 63 della L.R. 11/2016 sopra richiamata;

Vista la nota prot. n. PG/2016/550223 del 26/7/2016 con cui la Responsabile del Servizio coordinamento politiche sociali e socio educative. Programmazione e sviluppo del sistema dei servizi ha invitato le Province a comunicare i soggetti con cui alla data del 30/6/2015 erano in atto rapporti di collaborazione per la gestione di sportelli di supporto alle associazioni di promozione sociale di base, nonché copia degli atti con cui tali rapporti sono stati perfezionati;

Dato atto che in riferimento alla su richiamata nota hanno risposto:

  • la Città Metropolitana di Bologna, con nota del 5/8/2016, conservata agli atti del Servizio regionale competente con prot. n. PG/2016/629041 del 23/9/2016, trasmettendo documentazione da cui risulta che nessun rapporto all’uopo è stato attivato;
  • la Provincia di Ferrara, con nota del 8/9/2016, conservata agli atti del Servizio regionale competente con prot. n. PG/2016/617856 del 19/09/2016, trasmettendo la documentazione relativa al rapporto all’uopo attivato con l’Associazione “U.I.S.P. Unione Italiana Sport Per Tutti”, con sede in Ferrara, Via Verga n. 4, C.F. 93013900381, con scadenza 31/12/2016;
  • la Provincia di Forlì-Cesena, con nota del 19/8/2016, conservata agli atti del Servizio regionale competente con prot. n. PG/2016/596409 del 02/09/2016, trasmettendo documentazione da cui risulta che nessun rapporto all’uopo è stato attivato;
  • la Provincia di Modena, con nota del 03/10/2016, conservata agli atti del Servizio regionale competente con prot. n. PG/2016/648149 del 5/10/2016, trasmettendo documentazione da cui risulta che nessun rapporto all’uopo è stato attivato;
  • la Provincia di Parma, con nota del 23/09/2016, conservata agli atti del Servizio regionale competente con prot. n. PG/2016/629023 del 23/09/2016, trasmettendo la documentazione relativa al rapporto all’uopo attivato con l’Associazione “Forum Solidarietà”, con sede in Parma, Via Bandini n. 4, C.F. 92077570346, con scadenza 31/12/2016;
  • la Provincia di Piacenza, con nota del 28/09/2016, conservata agli atti del Servizio regionale competente con prot. n. PG/2016/641585 del 30/9/2016, trasmettendo documentazione da cui risulta che nessun rapporto all’uopo è stato attivato;
  • la Provincia di Ravenna, con nota del 13/6/2016, conservata agli atti del Servizio regionale competente con prot. n. PG/2016/609851 del 13/9/2016, trasmettendo documentazione da cui risulta che nessun rapporto all’uopo è stato attivato;
  • la Provincia di Reggio Emilia, con nota del 13/9/2016, conservata agli atti del Servizio regionale competente con prot. n. PG/2016/609788 del 13/9/2016, trasmettendo la documentazione relativa al rapporto all’uopo attivato con l’Associazione “A.R.C.I. - Nuova Associazione’”, con sede in Reggio Emilia, Viale B. Ramazzini n. 72, C.F. 91052110359, con scadenza 31/12/2016;
  • la Provincia di Rimini, con nota del 29/8/2016, conservata agli atti del Servizio regionale competente con prot. n. PG/2016/592728 del 31/8/2016, trasmettendo la documentazione relativa al rapporto all’uopo attivato con l’Associazione “Volontarimini’”, con sede in Rimini, Via Cavignano n. 238, C.F. 91047750400, con scadenza 31/12/2016;

Visto che le Province che hanno attivato rapporti per le attività di cui all’art. 9, comma 2, della L.R. n. 34/2002 e ss.mm. avevano destinato gli importi individuati dalla Giunta regionale con deliberazione n. 1006/2015, così come di seguito specificato e per un importo complessivo pari ad €. 45.771,43; 

Provincia di Ferrara

€ 11.584,74

Provincia di Parma

€ 12.024,10

Provincia di Reggio Emilia

€ 14.513,82

Provincia di Rimini

€ 7.648,77

Ritenuto, pertanto, di assegnare e concedere i contributi di cui all’art.9, comma 2, della L.R. n.34/2002 ai beneficiari indicati dalle Province per gli importi sopra citati;

Ritenuto che ricorrano gli elementi di cui al DLgs n. 118/2011 e ss.mm.ii. in relazione alla tipologia di spesa prevista e alle modalità gestionali delle procedure medesime, trattandosi di contributo soggetto a rendicontazione e che pertanto l'impegno di spesa di € 45.771,43 possa essere assunto sul cap. 57705 "Contributi alle associazioni di promozione sociale iscritte nel registro regionale per la realizzazione di progetti specifici di interesse e diffusione regionale (art. 9, comma 1, L.R. 9 dicembre 2002, n. 34)", del bilancio per l’esercizio finanziario gestionale 2016-2018, anno di previsione 2016, che presenta la necessaria disponibilità approvato con propria delibera n. 2259/2015 e succ. mod.;

Preso atto che la procedura dei conseguenti pagamenti disposti in attuazione del presente atto è compatibile con le prescrizioni previste dall’art. 56, comma 6, del citato D.Lgs n. 118/2011;

Considerato che, sulla base delle valutazioni effettuate dal Servizio Coordinamento politiche sociali e socio educative. Programmazione e sviluppo del sistema dei servizi, le fattispecie in esame non rientrano nell’ambito di applicazione dell’art. 11 della Legge 16 gennaio 2003, n. 3;

Considerato che, sulla base delle valutazioni effettuate dal Servizio Coordinamento politiche sociali e socio educative. Programmazione e sviluppo del sistema dei servizi, le associazioni oggetto del presente provvedimento non rientrano nell’applicazione dell’art. 4, comma 6, del D.L. 6/7/2012, n. 95, convertito con modificazioni in Legge 7/8/2012, n. 135 in quanto associazioni di promozione sociale di cui alla L. n. 383/2000 e organizzazioni di volontariato di cui alla L. n. 266/1991;

Dato atto che l’importo del finanziamento assegnato esime, secondo quanto previsto dall’art. 1 comma 2 lett. e) del DPR giugno 1998, n. 252, dal valutare l’eventuale necessità di esperire nei confronti del destinatario gli accertamenti antimafia previsti dalla normativa vigente;

Richiamate le proprie deliberazioni n. 2416 del 29/12/2008 e ss.mm., n. 193 del 27/2/2015, n. 2189 del 21/12/2015, n. 270 del 29/2/2016, n. 622 del 28/4/2016, n. 702 del 16/5/2016, n. 1107 del 11/7/2016 e n. 1681/2016;

Dato atto dei pareri allegati alla presente deliberazione;

Su proposta della Vicepresidente Assessore al welfare e alle politiche abitative, Elisabetta Gualmini;

A voti unanimi e palesi

delibera

  1. di assegnare e concedere, per le motivazioni riportate in premessa e che qui si intendono integralmente riportate
    • all’Associazione “U.I.S.P. Unione Italiana Sport Per Tutti”, con sede in Ferrara, Via Verga n. 4, C.F. 93013900381, la somma complessiva di € 11.584,74;
    • all’Associazione “Forum Solidarietà”, con sede in Parma, Via Bandini n. 4, C.F. 92077570346, la somma complessiva di € 12.024,10;
    • all’Associazione “A.R.C.I. - Comitato territoriale di Reggio Emilia”, con sede in Reggio Emilia, Viale B. Ramazzini n. 72, C.F. 91052110359, la somma complessiva di € 14.513,82;
    • all’Associazione “Volontarimini - Coordinamento del Volontariato della Provincia Riminese”, con sede in Rimini, Via Cavignano n. 238, C.F. 91047750400, la somma complessiva di € 7.648,77;
  2. di dare atto che, per le ragioni espresse in premessa, le norme di cui all’art. 11 della legge 16 gennaio 2003, n. 3 non sono applicabili al finanziamento oggetto del presente provvedimento;
  3. di impegnare, sulla base di quanto indicato in premessa, la spesa complessiva derivante dal presente provvedimento, pari ad € 45.771,43, registrata al n. 4872 di impegno, sul cap. 57705 "Contributi alle associazioni di promozione sociale iscritte nel registro regionale per la realizzazione di progetti specifici di interesse e diffusione regionale (art. 9, comma 1, L.R. 9 dicembre 2002, n. 34)", del bilancio finanziario gestionale 2016-2018, anno di previsione 2016, che presenta la necessaria disponibilità, approvato con propria delibera n. 2259/2015 e succ. mod.;
  4. di dare atto che il Dirigente regionale competente per materia provvederà, con proprio atto formale, nel rispetto dei principi e postulati sanciti dal D.lgs. n. 118/2011 e ss.mm.ii. ed in applicazione della propria delibera n. 2416/2008 e ss.mm., alla liquidazione dei finanziamenti di cui trattasi, nonché alla richiesta di emissione del titolo di pagamento in un’unica soluzione ad avvenuta presentazione, entro il 31/01/2017, di una dichiarazione, resa ai sensi dell'art. 47 e ss. del D.P.R. 445/2000, a firma del legale rappresentante delle Associazioni oggetto di finanziamento, con cui si attesti la realizzazione delle attività e si dia atto della rendicontazione delle spese sostenute dal 1/1/2016 al 31/12/2016;
  5. di dare atto che in attuazione del D.Lgs. n. 118/2011 e ss.mm., la stringa concernente la codificazione della transazione elementare, come definita dal citato decreto è la seguente:
    • Missione 12 - Programma 08 - Codice Economico U.1.04.04.01.001 - COFOG 10.7 - Transazioni UE 8 - SIOPE 1633 - C.I. Spesa 3 - Gestione ordinaria 3
  6. di dare atto che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative ed amministrative richiamate in parte narrativa.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it