E-R | BUR

n.128 del 27.04.2020 (Parte Seconda)

XHTML preview

Progetti di ricerca e innovazione industriale per soluzioni di contrasto alla diffusione del COVID-19. Contributi a imprese e centri di ricerca - Integrazioni e rettifiche al bando e relativa modulistica approvato con delibera di Giunta regionale n. 342/2020

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Premesso che:

- dal mese di gennaio 2020 si è sviluppata in Italia una epidemia per effetto della diffusione del virus COVID-19, manifestatosi per la prima volta in Cina;

- l'OMS - Organizzazione Mondiale della Sanità il 30 gennaio 2020 ha dichiarato l'epidemia da COVID-19 un'emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale;

- il Governo Italiano, in considerazione dell’aggravarsi generalizzato del contagio a partire e con maggior intensità nelle regioni della Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna, ha dichiarato con deliberazione del Consigli/o dei Ministri del 31 gennaio 2020, lo stato di emergenza sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso all'insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili, per sei mesi;

Preso atto che per contrastare il carattere particolarmente diffusivo dell'epidemia e l'incremento dei casi sul territorio nazionale sono stati emanati numerosi provvedimenti a livello statale e regionale:

- Ordinanza contingibile e urgente n. 1/2020 del Ministero della Salute d’intesa con il Presidente della Regione Emilia-Romagna e successiva ordinanza del 3/4/2020 inerente le misure di contenimento valide fino al 13 aprile 2020, fatte salve le disposizioni previste con successivi DPCM;

- Decreti legge n. 6 del 23/2/2020 e n. 18 del 17/3/2020;

- D.P.C.M. del 25/2/2020, 1/3/2020, 4/3/2020, 8/3/2020, 9/3/2020, 11/3/2020 e 22/3/2020 e Decreto del Ministro dei Trasporti del 25/3/2020 e D.P.C.M. del 1/4/2020;

- Protocollo condiviso di regolazione delle misure per il contrasto ed il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro, sottoscritto il 14/3/2020;

- Ordinanza del Ministero della salute del 22 marzo 2020;

Ordinanza dell’8 marzo 2020 e i propri Decreti n. 16/2020, 17/2020, 25/2020, 26/2020, 28/2020, 29/2020, 31/2020, 32/2020, 34/2020, 35/2020, 36/2020, 39/2020, 41/2020, 42/2020, 43/2020, 44/2020, 45/2020, 46/2020, 47/2020, 48/2020, 49/2020, 53/2020, 57/2020 e 58/2020, n. 61/2020 e n. 66/2020;

Visti:

- il Regolamento n. 1303/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013, recante disposizioni comuni sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo, sul Fondo di coesione, sul Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale e sul Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca compresi nel quadro strategico comune e disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione, relativo al periodo della nuova programmazione 2014-2020 che abroga il regolamento (CE) n. 1083/2006, ed in particolare l’art.47, comma 1, in cui si stabilisce che per ciascun Programma Operativo, lo Stato membro istituisce un Comitato di Sorveglianza, entro tre mesi dalla data di notifica della decisione di approvazione del Programma Operativo medesimo;

- il Regolamento delegato (UE) n. 240/2014 della Commissione del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta sul partenariato nell’ambito dei fondi strutturali e d'investimento europei, e in particolare l’art.10 “Norme che disciplinano la composizione del comitato di sorveglianza”;

- il Programma Operativo Regionale FESR Emilia-Romagna 2014/2020, approvato con Decisione di Esecuzione della Commissione Europea C(2015) 928 del 12 febbraio 2015;

- la propria deliberazione n. 179 del 27/2/2015 recante “Presa d'atto del Programma Operativo FESR Emilia-Romagna 2014-2020 e nomina dell’autorità di gestione”;

 Visti:

- il regolamento (UE) 2020/460 del Parlamento Europeo e del consiglio del 30 marzo 2020 che modifica i regolamenti (UE) n.1301/2013 (UE), n. 1303/2013 e (UE) n. 508/2014 per quanto riguarda misure specifiche volte a mobilitare gli investimenti nei sistemi sanitari degli Stati membri e in altri settori delle loro economie in risposta all'epidemia di COVID-19 (Iniziativa di investimento in risposta al coronavirus;

- la comunicazione della Commissione Europea C(2020) 1863 final del 19/3/2020 “Quadro Temporaneo per le misure di aiuti di stato a sostegno dell’economia nell’attuale emergenza COVID-19”, integrata dalla successiva comunicazione C(2020) 2215 final del 3/4/2020 “Modifica del quadro temporaneo per le misure di aiuto di Stato a sostegno dell'economia nell'attuale emergenza del COVID-19”;

Vista la propria deliberazione n. 342 del 14/2/2020 avente ad oggetto “Progetti di ricerca e innovazione industriale per soluzioni di contrasto alla diffusione del Covid19. Contributi a imprese e centri di ricerca” con la quale si approva il Bando, allegato n.1, per sostenere progetti di ricerca e sviluppo di breve durata, finalizzati allo sviluppo e rapida successiva industrializzazione di soluzioni innovative per il contrasto all’epidemia di COVID-19, e la relativa modulistica costituita dagli allegati n. 2, n. 3 e dalle appendici n. 1, n. 2, n. 3, n. 4, n. 5 e n. 6;

Considerato che:

- sono stati riscontrati degli errori materiali negli allegati n. 1 e n. 3 e all’appendice 3 della propria deliberazione n. 342/2020;

Preso atto che:

- le modifiche da apportare all’allegato n. 1 approvato con propria deliberazione n. 342/2020 sono delle precisazioni finalizzate ad agevolare la compilazione da parte dei proponenti e con particolare riferimento al paragrafo 8 finalizzate a fornire una maggiore descrizione del regime sugli aiuti di stato attuato su questo Bando;

- le modifiche da apportare all’allegato n. 3 e all’appendice n. 3 approvati con propria deliberazione n. 342/2020 sono delle rettifiche di meri errori materiali;

Ritenuto pertanto opportuno:

- apportare le relative rettifiche agli errori materiali riscontranti nell’allegato 1 della propria deliberazione n. 342/2020 e le relative precisazioni che vengono riportate nel dettaglio dell’allegato 1 parte integrante alla presente deliberazione;

- apportare le relative rettifiche agli errori materiali riscontrati all’appendice 3 e all’allegato 3 parte integrante della propria deliberazione n. 342/2020 e che i moduli opportunamente rettificati sono riportati quali allegato 2 e 3 parte integrante alla presente deliberazione;

Richiamati:

- il D.lgs. n. 159 del 6/9/2011 e ss.mm.ii.;

-il D.Lgs. n. 33 del 14 marzo 2013 “Riordino della disciplina riguardante il diritto di accesso civico e gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e succ. mod.;

Richiamate:

 - la propria deliberazione n. 83 del 21 gennaio 2020 “Approvazione del Piano Triennale di Prevenzione della Corruzione e della Trasparenza 2020-2022” ed in particolare l’allegato D “Direttiva di indirizzi interpretativi per l'applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal d.lgs. n. 33 del 2013. Attuazione del piano triennale di prevenzione della corruzione 2020-2022”;

- la Legge 13 agosto 2010, n. 136 "Piano straordinario contro le mafie, nonché delega al Governo in materia di normativa antimafia", e successive modifiche;

Richiamate le proprie deliberazioni:

- n. 2416/2008 avente ad oggetto “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e succ. mod.;

- n. 468/2017 avente ad oggetto “Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia-Romagna”;

Viste le circolari del Capo di Gabinetto del Presidente della Giunta regionale PG/2017/0660476 del 13 ottobre 2017 e PG/2017/0779385 del 21 dicembre 2017 relative ad indicazioni procedurali per rendere operativo il sistema dei controlli interni predisposte in attuazione della propria deliberazione n. 468/2017;

Richiamata altresì la determinazione dirigenziale n. 898 del 21/1/2020 avente ad oggetto “Presa d'atto interim Servizio Ricerca, Innovazione, Energia ed Economia Sostenibile. Riattribuzione deleghe dirigenziali alle PO Q0001196 e Q0001508”;

 Dato atto che il responsabile del procedimento ha dichiarato di non trovarsi in conflitto, anche potenziale, di interessi;

Dato atto dei pareri allegati;

Su proposta dell’Assessore allo sviluppo economico, green economy, lavoro, formazione Vincenzo Colla e dell’Assessore alla scuola, università, ricerca, agenda digitale Paola Salomoni;

A voti unanimi e palesi

delibera

per le motivazioni indicate in premessa e che si intendono qui integralmente richiamate:

  1. di approvare le relative rettifiche agli errori materiali riscontranti nell’allegato 1 della propria deliberazione n. 342/
2020 e le relative precisazioni che vengono riportate nel dettaglio dell’allegato 1 parte integrante alla presente deliberazione;
  2. di approvare le relative rettifiche agli errori materiali riscontrati all’appendice 3 e all’allegato 3 parte integrante della propria deliberazione n. 342/2020 e che i moduli opportunamente rettificati sono riportati quali allegato 2 e 3 parte integrante alla presente deliberazione;
  3. di pubblicare la presente deliberazione comprensiva dell’allegato n. 1, n. 2 e n. 3 nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico e sul sito http://fesr.regione.emilia-romagna.it/;
  4. di dare atto, infine che, per quanto previsto in materia di pubblicità trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà alle pubblicazioni ai sensi delle disposizioni normative ed amministrative richiamate in parte narrativa, inclusa la pubblicazione ulteriore prevista dal piano triennale di prevenzione della corruzione, ai sensi dell’art. 7 bis, comma 3, del D.lgs. n. 33 del 2013 e ss.mm.ii..

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it