E-R | BUR

n.339 del 18.11.2013 (Parte Seconda)

XHTML preview

Avviso pubblico per la presentazione di piani annuali di attività di promozione e sviluppo della formazione professionale, ai sensi dell'art. 39 della Legge Regionale n. 12 del 30 giugno 2003, così come modificato dall'art. 25 della Legge Regionale n.9 del 25 luglio 2013

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

Viste:

  • la L.R. 30 giugno 2003, n. 12 "Norme per l’uguaglianza delle opportunità di accesso al sapere, per ognuno e per tutto l’arco della vita, attraverso il rafforzamento dell’istruzione e della formazione professionale, anche in integrazione tra loro” che all’art. 39 così come integrato dalla L.R. n. 9/2013 al comma 3 bis prevede che la Regione Emilia-Romagna possa sostenere, previa approvazione dei piani annuali di attività, gli enti bilaterali rappresentativi a livello regionale delle organizzazioni sindacali dei lavoratori della formazione professionale e delle associazioni degli enti formativi, per attività finalizzate alla promozione e allo sviluppo della formazione professionale;
  • la deliberazione dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna n. 38 del 29/03/2011 “Linee di programmazione e indirizzi per il sistema formativo e per il lavoro 2011/2013.(Proposta della Giunta regionale in data 07/03/2011, n. 296)” laddove prevede la necessità di investire in una formazione professionale capace di porsi nei confronti del sistema produttivo, sapendo intercettare e rispondere in modo tempestivo ed efficace alle richieste di competenze e conseguentemente la necessità di “promuovere la qualificazione e la specializzazione di tutti i soggetti che, con ruoli e competenze diverse, traducono gli obiettivi sopra definiti in azioni complesse a favore delle persone e delle imprese”;

Viste le proprie deliberazioni:

  • n. 177 del 10/2/2003 “Direttive regionali in ordine alle tipologie di azione ed alle regole per l’accreditamento degli organismi di formazione professionale” e ss.mm.ii;
  • n. 105 del 1/2/2010 “Revisione alle disposizioni in merito alla programmazione, gestione e controllo delle attività formative e delle politiche attive del lavoro, di cui alla deliberazione della Giunta regionale 11/02/2008, n. 140 e aggiornamento degli standard formativi di cui alla deliberazione della Giunta regionale 14/02/2005, n. 265” e s.m.i.;
  • n.1487 del 21/10/2013 “Aggiornamento elenco degli organismi accreditati di cui alla D.G.R. n. 1037/2013 e dell’elenco degli organismi accreditati per l’Obbligo d’istruzione ai sensi della D.G.R. n. 2046/2010”;

Visti inoltre:

  • la Decisione del 2 marzo 2005 C(2005) 429 della Commissione Europea “Relativa al Regime di Aiuti messo in atto dall’Italia per la ristrutturazione degli enti di formazione professionale”;
  • il Regolamento CE n. 1998/2006 della Commissione Europea del 15/12/2006, relativo all’applicazione degli articoli 87 ed 88 del trattato CE agli aiuti di importanza minore “de minimis”, pubblicato sulla GUCE serie L. n. 379/5 del 28/12/2006;
  • la propria deliberazione n. 332 del 26/03/2007 “Approvazione e modalità di attuazione e finanziamento del REG. (CE) 1998/06 del 15/12/2006”;

Considerato che:

  • con la fine del 2013 ha termine il periodo di programmazione 2007/2013 dei Fondi strutturali e in particolare quella legata al FSE e che sono in via di definizione i nuovi regolamenti e tutti gli atti per l’avvio del nuovo periodo di programmazione 2014 - 2020;
  • la Regione intende sostenere azioni di miglioramento delle capacità degli enti del sistema formativo e quindi della qualità della formazione a disposizione della società regionale e a vantaggio della competitività del sistema socio economico;

Ritenuto opportuno, anche in considerazione dell’avvio del nuovo periodo di programmazione, attuare quanto previsto dal comma 3 bis dell’art. 39 della citata Legge regionale n. 12/2003 e promuovere quindi azioni a sostegno delle attività degli enti bilaterali del settore della formazione, in particolare nell’ambito della formazione professionale, dell’istruzione e formazione professionale e della transizione al lavoro, anche per il miglioramento delle competenze e dell’organizzazione degli organismi accreditati ai sensi dell’art. 33 della Legge regionale n. 12/2003;

Considerato che, a questo scopo, sono state individuate le seguenti aree di intervento:

  • sistemi di standard professionali e formativi;
  • sistemi di certificazione di competenze;
  • sistemi di orientamento e supporto alla transizione al lavoro;
  • sistemi di monitoraggio ed efficienza dei flussi informativi e gestionali;
  • competenze per disabilità e disagio;
  • competenze per le pari opportunità;
  • competenze per la Pubblica Amministrazione;

Tenuto conto che così come previsto dal comma 3 bis art. 39 della citata legge regionale 12/2003, la Regione intende intervenire previa approvazione di specifici piani annuali di attività, invitando gli enti bilaterali rappresentativi a livello regionale delle organizzazioni sindacali dei lavoratori della formazione professionale e delle associazioni degli enti formativi, a svolgere attività finalizzate alla promozione e allo sviluppo della formazione professionale per l’anno 2014;

Ritenuto pertanto opportuno:

  • approvare l’Avviso pubblico per la presentazione di piani annuali di attività di promozione e sviluppo della formazione professionale, descritto nell’allegato A) parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;
  • dettagliare all’interno dell’Avviso citato, le modalità e termini per la presentazione delle proposte dei piani annuali di attività e le modalità e criteri di valutazione di detti piani;
  • avvalersi per l’istruttoria dei piani di attività presentati, di un apposito Nucleo di valutazione, che sarà nominato con successivo atto del Direttore Generale dell’area Cultura, Formazione e Lavoro;

Dato atto che le risorse regionali, pari ad euro 2.000.000,00, destinate alla copertura del presente Avviso, saranno assicurate sulla L.R. 12/2003 e allocate nei rispettivi capitoli del bilancio regionale per l’esercizio finanziario 2014 a seguito dell’entrata in vigore della relativa legge di bilancio;

Richiamati:

  • la L.R. n. 43 del 26/11/2001, “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e successive modificazioni;
  • il D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle Pubbliche Amministrazioni”;

Richiamate le proprie deliberazioni:

  • n. 1057/2006 concernente “Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali e s.m.”;
  • n.1663/2006 concernente “Modifiche all’assetto delle Direzioni generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente”;
  • n.2416/2008 concernente “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e ss.mm.;
  • n. 1377/2010 concernente “Revisione dell’assetto organizzativo di alcune direzioni generali” così come rettificata dalla DGR n. 1950/2010;
  • n. 2060/2010 concernente “Rinnovo incarichi a direttori generali della Giunta regionale in scadenza al 31/12/2010”;
  • n. 1222/2011 concernente “Approvazione degli atti di conferimento degli incarichi di livello dirigenziale (decorrenza 1/8/2011)”
  • n. 221/2012 concernete “Aggiornamento alla denominazione e alla declaratoria e di un Servizio della Direzione generale Cultura, formazione e lavoro”

Dato atto del parere allegato;

Su proposta dell’Assessore competente

A voti unanimi e palesi

delibera

  1. di approvare, per le motivazioni espresse in premesse e qui integralmente richiamate, l’Avviso di cui all’allegato A) parte integrante e sostanziale della presente deliberazione;
  2. di dare atto che per l’istruttoria dei piani di attività presentati, ci si avvarrà di un apposito Nucleo di valutazione, che sarà nominato con successivo atto del Direttore Generale dell’area Cultura, Formazione e Lavoro;
  3. di dare atto che le risorse regionali, pari ad euro 2.000.000,00 destinate alla copertura del presente Avviso saranno assicurate sulla L.R. 12/2003 e ss.mm. e allocate nei rispettivi capitoli del bilancio regionale per l’esercizio finanziario 2014 a seguito dell’entrata in vigore della relativa legge di bilancio;
  4. di stabilire che all’approvazione dei piani di attività presentati, all’assunzione degli impegni di spesa e alla definizione delle modalità di erogazione dei finanziamenti si provvederà con propria successiva deliberazione a seguito dell’entrata in vigore della legge di bilancio per l’esercizio finanziario 2014;
  5. di pubblicare la presente deliberazione, unitamente all’Allegato A)parte integrante e sostanziale della stessa, nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna e sul sito: http://formazionelavoro.regione.emilia-romagna.it;
  6. di stabilire che la modulistica per la presentazione dei piani annuali di attività sarà pubblicata e scaricabile dal sito: http://formazionelavoro.regione.emilia-romagna.it.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it