E-R | BUR

n.206 del 07.08.2015 (Parte Seconda)

XHTML preview

Fondo ministeriale per le politiche attive del lavoro: Approvazione del Piano di intervento e delle prime procedure di attuazione - DGR nn. 157/2015 e 906/2015

Visti:

  • l'articolo 1, comma 215, della legge 27 dicembre 2013, n. 147, che istituisce presso il Ministero del lavoro e delle politiche sociali il Fondo per le politiche attive del lavoro, al fine di favorire il reinserimento lavorativo dei fruitori di ammortizzatori sociali, anche in regime di deroga, e del lavoratori in stato di disoccupazione, demandando ad un decreto non regolamentare del Ministero del lavoro e delle politiche sociali di stabilire le iniziative, anche sperimentali, finanziabili a valere sul Fondo e volte a potenziare le politiche attive del lavoro, tra le quali, al fine del finanziamento statale, può essere compresa anche la sperimentazione regionale del contratto di ricollocazione;
  • il decreto di natura non regolamentare, adottato il 14 novembre 2014 e registrato alla Corte dei Conti in data 9 dicembre 2014 (registro 1 - foglio 5368) del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali che definisce le iniziative anche sperimentali, sostenute da programmi formative, finanziabili sul Fondo per le politiche attive del lavoro;
  • la legge 23 luglio 1991, n. 223, recante "Norme in materia di cassa integrazione, mobilità, trattamenti di disoccupazione, attuazione di direttive della Comunità europea, avviamento al lavoro ed altre disposizioni in materia di mercato del lavoro" e s.m.i.;
  • il decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 181, recante "Disposizioni per agevolare l'incontro tra domanda ed offerta di lavoro, in attuazione dell'articolo 45, comma 1, lettera a), della l. 17 maggio 1999, n. 144" s.m.i e in particolare l'articolo 1, comma 2, lettera c), che definisce lo stato di disoccupazione;
  • il decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, recante "Attuazione delle deleghe in materia di occupazione e mercato del lavoro, di cui alla legge 14 febbraio 2003, n. 30" s.m.i;
  • la legge 28 giugno 2012, n. 92, recante "Disposizioni in materia di riforma del mercato del lavoro in una prospettiva di crescita" s.m.i. e in particolare l'articolo 4, commi da 40 a 45;

Visto altresì il regolamento (CE) n. 1309/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013 sul Fondo europeo di adeguamento alla globalizzazione (2014-2020);

Visti altresì:

  • la deliberazione dell’Assemblea Legislativa n. 163 del 25/06/2014 “Programma Operativo della Regione Emilia-Romagna. Fondo Sociale Europeo 2014/2020. (Proposta della Giunta regionale del 28/04/2014, n. 559)”;
  • la Decisione di Esecuzione della Commissione Europea del 12/12/2014 C(2014)9750 che approva il Programma Operativo Fondo Sociale Europeo 2014/2020" per il sostegno del Fondo sociale europeo nell'ambito dell'obiettivo "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione";
  • la propria deliberazione n. 1 del 12/1/2015 “Presa d'atto della Decisione di Esecuzione della Commissione Europea di Approvazione del Programma Operativo "Regione Emilia-Romagna Programma Operativo Fondo Sociale Europeo 2014-2020" per il sostegno del Fondo Sociale Europeo nell'ambito dell'Obiettivo "Investimenti a favore della crescita e dell'occupazione";

Viste inoltre:

  • la propria deliberazione n. 1691 del 18/11/2013 “Approvazione del quadro di contesto della Regione Emilia-Romagna e delle linee di indirizzo per la programmazione comunitaria 2014-2020”;
  • la propria deliberazione n. 992 del 7/7/2014 “Programmazione fondi SIE 2014-2020: approvazione delle misure per il soddisfacimento delle condizionalità ex-ante generali ai sensi del regolamento UE n. 1303/2013, articolo 19”;
  • la Deliberazione dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna n. 167 del 15/7/2014 “Documento Strategico Regionale dell’Emilia-Romagna per la programmazione dei Fondi Strutturali e di Investimento Europei (SIE) 2014-2020 - Strategia, approccio territoriale, priorità e strumenti di attuazione”;
  • la propria deliberazione n. 515 del 14/4/2014 “Strategia regionale di ricerca e innovazione per la specializzazione intelligente”;

Richiamate le Leggi Regionali:

  • n. 12 del 30 giugno 2003, “Norme per l’uguaglianza delle opportunità di accesso al sapere, per ognuno e per tutto l’arco della vita, attraverso il rafforzamento dell’istruzione e della formazione professionale, anche in integrazione tra loro” e s.m.i.;
  • n. 17 del 1 agosto 2005, “Norme per la promozione dell’occupazione, della qualità, sicurezza e regolarità del Lavoro” e s.m.i.;

Richiamate inoltre:

  • la deliberazione dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna n. 38 del 29/3/2011 “Linee di programmazione e indirizzi per il sistema formativo e per il lavoro 2011/2013” - Proposta della Giunta regionale in data 7 marzo 2011, n. 296;
  • la deliberazione dell’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna n. 145 del 3/12/2013 “Proroga delle linee di programmazione e indirizzi per il sistema formativo e per il lavoro 2011/2013 di cui alla deliberazione dell'Assemblea legislativa n. 38 del 29 marzo 2011. (Proposta della Giunta regionale in data 18 novembre 2013, n. 1662);
  • la propria deliberazione n. 532 del 18/04/2011 “Accordo fra Regione e Province dell'Emilia-Romagna per il coordinamento della programmazione 2011/2013 per il sistema formativo e per il lavoro - (L.R. 12/2003 e s.m. - L.R. 17/2005)” e ss.mm.ii;
  • la propria deliberazione n.1973/2013 ”Proroga dell’Accordo tra Regione Emilia-Romagna e Province di cui alla delibera di Giunta n. 532/2011 e ss.ii”;

Richiamate altresì le proprie deliberazioni:

  • n. 177/2003 “Direttive regionali in ordine alle tipologie di azione ed alle regole per l’accreditamento degli organismi di formazione professionale” e ss.mm.;
  • n. 936/2004 “Orientamenti, metodologia e struttura per la definizione del sistema regionale delle qualifiche” e ss.mm.;
  • n.265/2005 “Approvazione degli standard dell'offerta formativa a qualifica e revisione di alcune tipologie di azione di cui alla delibera di G.R. n. 177/2003” s.m.i;
  • n.1434/2005 “Orientamenti, metodologia e struttura per la definizione del sistema regionale di formalizzazione e certificazione delle competenze” e s.m.i.;
  • n.530/2006 “Il sistema regionale di formalizzazione e certificazione delle competenze”;
  • n.1695/2010 “Approvazione del documento di correlazione del Sistema Regionale delle Qualifiche (SRQ) al Quadro Europeo delle Qualifiche (EQF)”;
  • n. 1372/2010 “Adeguamento ed integrazione degli Standard professionali del Repertorio regionale delle Qualifiche”, con la quale si intendono superate le seguenti deliberazioni di approvazione degli standard professionali delle qualifiche: nn. 2212/04, 265/05 - Allegato E, 788/05, 1476/05, 1719/06, 335/07, 1347/07, 1825/08, 141/09, 191/09 - Allegati 2) e 3),581/09 e 1010/09;
  • n. 105/2010 “Revisione alle disposizioni in merito alla programmazione, gestione e controllo delle attività formative e delle politiche attive del lavoro, di cui alla deliberazione della Giunta regionale 11/2/2008 n. 140 e aggiornamento degli standard formativi di cui alla Deliberazione della Giunta Regionale 14/2/2005, n. 265” e smi;
  • n.1134/2011 “Catalogo regionale dell'offerta a qualifica. Criteri e modalità di selezione dei soggetti attuatori e della relativa offerta formativa per l'aggiornamento del catalogo”;
  • n. 502 del 23/4/2012 “Approvazione dell'Avviso per la selezione di soggetti attuatori e delle relative azioni per l'autoimpiego e la creazione di impresa ad accesso individuale da inserire nel catalogo regionale in attuazione della DGR n. 413/2012”;
  • n.739/2013 "Modifiche e integrazioni al Sistema Regionale di Formalizzazione e Certificazione delle competenze di cui alla DGR. n. 530/2006";
  • n. 742/2013 “Associazione delle conoscenze alle unità di competenza delle qualifiche regionali”;
  • n. 1472/2013 “Approvazione di misure di agevolazione e di sostegno in favore dei beneficiari dei tirocini di cui all'articolo 25, comma 1, lett. c), della legge regionale 1 agosto 2005, n. 17, in attuazione degli art. 25, comma 4, art. 26 bis, comma 5 e art. 26 quater, comma 4 della stessa l. r. n. 17/2005, come modificata dalla legge regionale 19 luglio 2013, n. 7;
  • n. 2024/2013 “Misure di agevolazione e di sostegno in favore dei beneficiari dei tirocini di cui all'articolo 25, commi 1, lett. c), della Legge regionale 1 agosto 2005, n. 17 - modifiche ed integrazioni alla DGR n. 1472/2013;
  • n. 960/2014 Approvazione delle modalità di attuazione del servizio di formalizzazione e certificazione degli esiti del tirocinio ai sensi dell' art 26 ter comma 3 della Legge regionale n. 17 dell'1 agosto 2005 e s.m.i
  • n. 1172/2014 Modifiche e integrazioni alla propria deliberazione n 960 del 30/6/2014 "Approvazione delle modalità di attuazione del servizio di formalizzazione e certificazione degli esiti del tirocinio ai sensi dell' art 26 ter comma 3 della legge regionale n. 17 dell'1 agosto 2005 e s.m.i"
  • n. 379/2014 Misure di agevolazione e di sostegno in favore di beneficiari dei tirocini di cui all'articolo 25, comma 1 della Legge regionale 1 agosto 2005, n. 17 e s.m. ai sensi delle "Linee-guida in materia di tirocini"
  • n. 117/2015 “Primo elenco tipologie di azione. Programmazione 2014-2020”;
  • n. 972/2015 “Aggiornamento elenco degli Organismi accreditati di cui alla DGR n. 300 del 31 marzo 2015 e dell'elenco degli Organismi accreditati per l'obbligo d'istruzione ai sensi della DGR n. 2046/2010 e per l'ambito dello spettacolo”;

Visti altresì, in riferimento alle Unità di Costo standard:

  • la propria deliberazione n. 1568/2011 “Approvazione dell'integrazione allo studio approvato con DGR 1119/2010 con riferimento alla standardizzazione dei contributi finanziari per i percorsi di formazione iniziale e superiore nonché per i percorsi di formazione continua aziendale. Applicazione/sperimentazione a partire dall'anno 2012”;
  • la propria deliberazione n. 116/2015 “Approvazione dello studio per l'aggiornamento e l'estensione delle opzioni di semplificazione dei costi applicate agli interventi delle politiche della Formazione della Regione Emilia-Romagna”;
  • il Programma Operativo Nazionale “Iniziativa Occupazione Giovani” approvato con decisione della Commissione Europea C(2014)4969 del 11/7/2014;
  • la Proposta di Piano di Attuazione Regionale della Garanzia per i Giovani approvata con propria deliberazione n. 475/2014 così come modificata dalla propria deliberazione n.77/2015;
  • la “Convenzione fra Regione Emilia-Romagna - Assessorato Scuola, Formazione Professionale, Università e ricerca e Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali - Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro” relativa al Programma Operativo Nazionale per l’attuazione della Iniziativa Europea per l’occupazione dei giovani sottoscritta in data 18/4/2014 ed in particolare l’allegato H) Schede descrittive delle Misure del PON YEI e allegato D.2) “Metodologia Unità di Costo Standard”;
  • le Unità di Costo Standard stabilite dal Ministero del Lavoro nell’ambito del Programma Operativo Nazionale per l’attuazione della Iniziativa Europea per l’occupazione dei giovani, ai sensi dell’art. 67 comma 5 lett. b del Regolamento 1303/2013 la cui la metodologia a supporto è stata trasmessa alla Commissione europea per la successiva adozione con Atto delegato di cui all’articolo 14 comma 2 del regolamento 1304/2013.

Dato atto che:

  • il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Direzione Generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione, ha stabilito, con circolare attuativa del 15/1/2015, Prot. 39 I 0000871, il termine del 28 febbraio 2015, come data entro la quale le Regioni devono presentare le domande di contributo a valere sulle sopraddette risorse assegnate al Fondo Politiche attive per il lavoro;
  • con propria deliberazione n. 157 del 23/2/2015, ha approvato la presentazione a valere delle risorse appena descritte e assegnate al Fondo Politiche Attive per il Lavoro, di un progetto dal titolo “Domanda di contributo finanziario a titolo del Fondo per le Politiche Attive del Lavoro (FEP)” per un costo totale del piano di intervento pari a euro 10.458.932,00;

Considerato altresì che:

  • con decreto direttoriale n. 153/III del 15/5/2015 il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, Direzione Generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione ha adottato la graduatoria nazionale delle domande di accesso al contributo finanziario del Fondo per le Politiche attive del Lavoro per l'annualità 2014 prevedendo un contributo a valere sullo stesso Fondo, di 3.595.760,42 euro, a favore della proposta progettuale presentata dalla Regione Emilia-Romagna;
  • con propria deliberazione n. 906/2015 “Fondo Ministeriale per le Politiche Attive del Lavoro: Presa d'atto approvazione e rideterminazione Piano finanziario di intervento di cui alla D.G.R. n. 157/2015” è stata approvata la rideterminazione del piano finanziario dell’intervento in base al suddetto contributo previsto di euro 3.595.760,42 comprensiva della rideterminazione e la nuova quantificazione fisica e finanziaria per le diverse linee di intervento previste;

Ritenuto pertanto necessario al fine di dare attuazione alle misure e agli interventi previsti alla sopra citata propria deliberazione n. 157/2015, così come rideterminati dalla predetta deliberazione n. 906/2015 di procedere all’approvazione del “Piano di intervento per favorire il reinserimento lavorativo dei lavoratori fruitori di ammortizzatori sociali e dei lavoratori in stato di disoccupazione di imprese del sistema dell’edilizia e delle costruzioni - Fondo per le Politiche Attive del Lavoro”, di seguito “Piano di Intervento” di cui all’allegato 1) parte integrante e sostanziale del presente atto;

Dato atto che il Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali, con il sopra citato decreto di natura non regolamentare, adottato il 14 novembre ha disposto che:

  • i Piani di intervento finanziati a valere sul Fondo possono essere realizzati in un arco temporale di ventiquattro mesi;
  • l’allocazione delle risorse tra le azioni previste dai Piani di Intervento potrà essere variata in corso di attuazione previa acquisizione da parte della Direzione Generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione, di autorizzazione per le variazioni superiori al 20% dei costi stimati per ogni singola azione;

Dato atto altresì che, tenuto conto di quanto previsto dalla suddetta deliberazione n. 157/2015, il Piano di Intervento di cui all’allegato 1) dovrà essere attuato entro il 31 maggio 2017;

Ritenuto, per quanto sopra indicato, di approvare le procedure per dare prima e parziale attuazione a quanto previsto dal sopra citato Piano di Intervento di cui all’allegato 1) con particolare riferimento alle misure orientative, formative e di accompagnamento al lavoro al fine di permettere, in funzione delle effettive esigenze dei potenziali destinatari che richiederanno di accedere alle misure previste e delle effettive opportunità di ricollocazione che potranno determinarsi nell’arco del periodo biennale di attuazione, di valutare eventuali modificazioni dell’allocazione finanziaria sulle diverse misure;

Ritenuto altresì di approvare l’”Invito a presentare operazioni in attuazione del “Piano di intervento per il reinserimento lavorativo dei fruitori di ammortizzatori sociali e dei lavoratori in stato di disoccupazione delle imprese del sistema regionale dell’edilizia e delle costruzioni” - Fondo per le Politiche Attive del Lavoro” di seguito “Invito” di cui all’allegato 2) parte integrante e sostanziale del presente atto rimandando a successivi propri atti, in funzione dei risultati intermedi conseguiti, l’approvazione delle procedure per il finanziamento delle ulteriori opportunità anche in esito ad eventuali rimodulazioni delle misure previste;

Dato atto che le risorse disponibili a valere sul sopra citato Invito sono pari a euro 1.065.878,00 della complessiva disponibilità per le misure in oggetto previste dal Piano di Intervento di euro 1.977.413,00;

Ritenuto inoltre di procedere all’approvazione dell’”Invito rivolto ai soggetti attuatori presenti nel catalogo regionale che intendono rendere disponibile la propria offerta di “Percorsi di accompagnamento al fare impresa” in attuazione del “Piano di intervento per il reinserimento lavorativo dei fruitori di ammortizzatori sociali e dei lavoratori in stato di disoccupazione delle imprese del sistema regionale dell’edilizia e delle costruzioni” - Fondo per le Politiche Attive del Lavoro” di cui all’allegato 3) parte integrante e sostanziale del presente atto per rendere disponibili ai lavoratori le misure formative per l’accompagnamento all’avvio di lavoro autonomo o imprenditoriale;

Dato atto inoltre che con proprio successivo atto si provvederà all’approvazione dell’avviso rivolto a lavoratori per la fruizione dei "Percorsi di accompagnamento al fare impresa" così come individuati in esito all’Invito di cui all’allegato 3);

Ritenuto altresì di prevedere che con propri successivi atti si provvederà all’approvazione delle procedure necessarie per dare completa attuazione a quanto previsto dal Piano di Intervento di cui all’allegato 1) ed in particolare all’approvazione:

  • della procedura di evidenza pubblica a sportello per il finanziamento di percorsi di formazione aventi a riferimento il Sistema Regionale delle Qualifiche per la qualificazione, riqualificazione o riconversione professionale in funzione di effettive opportunità occupazionali;
  • della procedura di evidenza pubblica a sportello per il finanziamento degli incentivi alle imprese per l’assunzione dei lavoratori di età superiore ai 50 anni, che rientrano nelle previsioni del Regolamento (UE) n. 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014, nelle modalità e con le caratteristiche definite nello stesso Piano;

Dato atto che, come previsto nel sopra citato Piano di Intervento di cui all’allegato 1) al conseguimento degli obiettivi generali e specifici e alla messa in disponibilità dell’offerta di percorsi finalizzati alla ricollocazione dei lavoratori fruitori di ammortizzatori sociali e dei lavoratori in stato di disoccupazione di imprese del sistema dell’edilizia e delle costruzioni concorrono:

  • azioni di informazione e di presa in carico dei potenziali destinatari rese disponibili dai Servizi per il Lavoro territoriali anche a valere sulle risorse di cui al Fondo per le Politiche Attive del Lavoro;
  • percorsi formativi approvati e finanziati in esito alle diverse procedure di evidenza pubblica già attivate o che saranno attivate durante il periodo di attuazione del Piano, a valere sulle risorse del Programma Operativo Fondo Sociale Europeo o su altre risorse che saranno rese disponibili;

Dato atto infine che la rideterminazione del Piano di Intervento, nonché la definizione delle modalità e delle procedure di attuazione, sono stati oggetto di consultazione in occasione della seduta della Commissione Regionale Tripartita, del giorno 26 giugno 2015;

Visto il D.lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”;

Richiamato il Dlgs. 118/2011 e ss.mm.ii.;

Richiamate inoltre le Leggi Regionali:

  • n.40/2001 "Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972, n. 4" per quanto applicabile;
  • n.43/2001 "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" ss.mm;
  • n.2/2015 “Disposizioni collegate alla legge finanziaria per il 2015”;
  • n.3/2015 “Disposizioni per la formazione del bilancio annuale di previsione 2015 e del bilancio pluriennale 2015-2017 (legge finanziaria 2015)”;
  • n.4/2015 “Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per l'esercizio finanziario 2015 e bilancio pluriennale 2015-2017”;

Viste le proprie deliberazioni:

  • n.1057/2006 “Prima fase di riordino delle strutture organizzative della Giunta regionale. Indirizzi in merito alle modalità di integrazione interdirezionale e di gestione delle funzioni trasversali” e s.m.;
  • n.1663/2006 concernente "Modifiche all'assetto delle Direzioni Generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente";
  • n.2416/2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007.” e ss.mm.;
  • n.1377/2010 “Revisione dell'assetto organizzativo di alcune Direzioni Generali”, così come rettifica dalla deliberazione di G.R. n. 1950/2010;
  • n.2060/2010 “Rinnovo incarichi a Direttori Generali della Giunta regionale in scadenza al 31/12/2010;
  • n.1642/2011 “Riorganizzazione funzionale di un servizio della direzione generale cultura, formazione e lavoro e modifica all'autorizzazione sul numero di posizioni dirigenziali professional istituibili presso l'Agenzia Sanitaria e Sociale regionale”;
  • n.221/2012 “Aggiornamento alla denominazione e alla declaratoria e di un Servizio della Direzione Generale Cultura, Formazione e Lavoro”;
  • n. 258/2015 “Contratti individuali di lavoro stipulati ai sensi dell'art. 18 L.R. n. 43/2001. Proroga dei termini di scadenza”;
  • n. 335/2015 “Approvazione incarichi dirigenziali conferiti e prorogati nell'ambito delle Direzioni Generali - Agenzie – Istituto”;
  • n. 866/2015 “Autorizzazione al conferimento di un ulteriore incarico ad interim sul servizio Cultura, Sport in deroga alla deliberazione della Giunta regionale n. 660/2012 e modifica delle competenze del servizio”;

Dato atto del parere Allegato;

Su proposta dell’Assessore competente per materia;

A voti unanimi e palesi

delibera

per le motivazioni espresse in premessa e qui integralmente richiamate:

  1. 1. di approvare:
  • il “Piano di intervento per favorire il reinserimento lavorativo dei lavoratori fruitori di ammortizzatori sociali e dei lavoratori in stato di disoccupazione di imprese del sistema dell’edilizia e delle costruzioni - Fondo per le Politiche Attive del Lavoro”, di seguito “Piano di Intervento” di cui all’allegato 1) parte integrante e sostanziale del presente atto;
  • l’”Invito a presentare operazioni in attuazione del “Piano di intervento per il reinserimento lavorativo dei fruitori di ammortizzatori sociali e dei lavoratori in stato di disoccupazione delle imprese del sistema regionale dell’edilizia e delle costruzioni” - Fondo per le Politiche Attive del Lavoro” di cui all’allegato 2) parte integrante e sostanziale del presente atto;
  • l’”Invito rivolto ai soggetti attuatori presenti nel catalogo regionale che intendono rendere disponibile la propria offerta di “Percorsi di accompagnamento al fare impresa” in attuazione del “Piano di intervento per il reinserimento lavorativo dei fruitori di ammortizzatori sociali e dei lavoratori in stato di disoccupazione delle imprese del sistema regionale dell’edilizia e delle costruzioni” - Fondo per le Politiche Attive del Lavoro” di cui all’allegato 3) parte integrante e sostanziale del presente atto;

2. di dare atto che con propri successivi provvedimenti si provvederà alla piena attuazione delle misure previste dal sopra citato Piano di Intervento di cui all’allegato 1), parte integrante e sostanziale del presente atto;

3. di prevedere altresì che il suddetto Piano di Intervento di cui all’allegato 1) nell’arco del biennio di attuazione dello stesso, potrà essere oggetto di eventuali successive rideterminazioni, approvate con propri successivi atti, in funzione dei risultati intermedi conseguiti e che pertanto l'allocazione delle risorse tra le azioni previste dal Piano di Intervento potrà essere variata in corso di attuazione, ferma restando l’acquisizione della necessaria autorizzazione da parte della Direzione Generale per le politiche attive, i servizi per il lavoro e la formazione, per le variazioni superiori al 20% dei costi stimati per ogni singola azione;

4. di dare atto inoltre che per il finanziamento delle operazioni di cui all’allegato 2) sono disponibili complessivamente euro 1.065.878,00 a valere sul Fondo per le politiche attive del lavoro di cui all'articolo 1, comma 215, della legge 27 dicembre 2013, n. 147;

5. di stabilire che la valutazione delle operazioni che perverranno in risposta al sopra citato Invito di cui all’allegato 2) verrà effettuata da un Nucleo di valutazione nominato con successivo atto del Direttore Generale “Cultura, Formazione e Lavoro” con il supporto, nella fase di pre-istruttoria tecnica, di ERVET s.p.a.;

6. di prevedere che in esito alla procedura di valutazione, tenuto conto degli obiettivi generali e delle finalità, della struttura modulare dell’offerta e dell’impianto progettuale teso a permettere ai lavoratori di costruire percorsi personalizzati per la ricollocazione, nonché di assicurare una copertura regionale e rispondere adeguatamente su tutto il territorio ad una domanda che sarà quantificabile in termini territoriali solo in fase di attuazione, sarà approvata una sola operazione che preveda la realizzazione dell’intera offerta così come definita in termini quantitativi e qualitativi nel citato Invito di cui all’allegato 2);

7. di stabilire altresì che al finanziamento dell’operazione approvata sulla base dei criteri e delle modalità definite nell’Invito di cui all’allegato 2) si provvederà con successivi provvedimenti previa acquisizione:

– della certificazione attestante che i soggetti beneficiari dei contributi sono in regola con il versamento dei contributi previdenziali e assistenziali;

- della dichiarazione resa ai sensi dell’ Art.47 D.P.R. 28 dicembre 2000, n.445, che l'ente non si trova in stato di scioglimento, liquidazione o di fallimento o di altre procedure concorsuali, non ha ad oggi deliberato tali stati, ne' ha presentato domanda di concordato, ne' infine versa in stato di insolvenza, di cessazione o di cessione dell'attività o di parti di essa;

 8. di dare atto che alla validazione delle candidature ammissibili pervenute in risposta all’Invito di cui all’allegato 3) provvederà con proprio successivo atto il dirigente del Servizio “Programmazione, Valutazione e Interventi regionali nell'ambito delle politiche della formazione e del lavoro”;

 9. di dare atto infine che secondo quanto previsto dal Decreto Legislativo n. 33 del 14/3/2013 e s.m, nonché sulla base degli indirizzi interpretativi contenuti nelle proprie deliberazioni n. 1621/2013, n. 68/2014 e n. 57/2015, il presente provvedimento è soggetto agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati;

10. di pubblicare altresì la presente deliberazione, unitamente agli Allegati 1), 2) e 3), parti integrante e sostanziali della stessa, nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna Telematico e sul sito http://formazionelavoro.regione.emilia-romagna.it.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it