E-R | BUR

n.68 del 05.03.2014 periodico (Parte Terza)

XHTML preview

Avviso pubblico per l'instaurazione di un rapporto di lavoro autonomo in qualità di Tecnico sanitario di Laboratorio Biomedico esperto in Diagnostica di laboratorio - Centro Servizi Pievesestina - Cesena

L’Azienda USL della Romagna, ai sensi dell’art. 7, comma 6 del DLgs 165/01 e s.m.i. e degli artt. 2222 e seguenti del Codice Civile, in attuazione della deliberazione del Direttore generale n. 39 del 18/2/2014, intende procedere all’eventuale instaurazione di un rapporto di lavoro autonomo in qualità di Tecnico sanitario di Laboratorio Biomedico esperto in Diagnostica di laboratorio con particolare riferimento alle tecniche di criopreservazione/crioconservazione delle cellule staminali e dei tessuti, nell’ambito dell’Officina Trasfusionale – Centro Servizi di Pievesestina. Finanziamento fondo EUCLI – Progetto ricerca microbiologica (Micro).

Ambito di utilizzo, durata e corrispettivo

L’incarico, da svolgersi presso l’Officina Trasfusionale – Centro Servizi di Pievesestina, avrà decorrenza dalla data che sarà indicata nel relativo contratto individuale, per la durata di 12 mesi, con impegno medio di cinque accessi settimanali, a fronte del quale è previsto un compenso complessivo annuo di Euro 20.000,00 comprensivi di tutti gli oneri, imposte, contributi previdenziali, se ed in quanto dovuti, pagabili dall’Azienda dietro presentazione di apposita fattura emessa dal professionista che deve essere titolare di partita IVA.

L’incarico avrà ad oggetto l’esecuzione e sviluppo, in autonomia delle attività inerenti la criopreservazione e crioconservazione di cellule e tessuti all’interno delle Clean Room, compresa l’attività di diagnostica molecolare ad esse collegata.

Requisiti specifici di ammissione

a) Laurea in Tecniche di laboratorio biomedico (classe L/SNT/3 Decreto interministeriale 19/2/2009 - Classe 3 Decreto Interministeriale 2/4/2001), ovvero diploma universitario di Tecnico sanitario di laboratorio biomedico conseguito ai sensi dell’art. 6, comma 3, del DLgs 30/12/1992, n. 502, e successive modificazioni, ovvero i diplomi e attestati conseguiti in base al precedente ordinamento riconosciuti equipollenti, ai sensi delle vigenti disposizioni, al diploma universitario ai fini dell’esercizio dell’attività professionale e dell’accesso ai pubblici uffici (D.M. 27/7/2000);

b) esperienza lavorativa o con borsa di studio di almeno 6 mesi nell’ambito specifico delle attività oggetto del presente incarico;

c) non essere nella condizione di cui all’art. 5, comma 9, del D.L. 95 del 6/7/2012 convertito in legge 7/8/2012, n. 135 e precisamente di non essere soggetti collocati in quiescenza, che abbiano svolto, nel corso dell’ultimo anno di servizio, funzioni e attività corrispondenti a quelle oggetto del presente incarico.

Tutti i suddetti requisiti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine stabilito per la presentazione delle domande di ammissione.

Ai fini della valutazione del possesso dei requisiti di ammissione, i competenti uffici dell’U.O. Gestione risorse umane - Cesena si avvarranno della competenza tecnica del Direttore/Responsabile della struttura presso la quale il rapporto di lavoro dovrà essere espletato.

Modalità e termini per la presentazione della domanda

La domanda di partecipazione e la documentazione ad essa allegata deve pervenire, a pena di esclusione, entro il termine perentorio di giovedì 20 marzo 2014 (quindicesimo giorno successivo alla data di pubblicazione del presente bando nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna), secondo le modalità di seguito riportate:

  • consegna a mano all’ Azienda USL della Romagna - U.O. Gestione risorse umane Cesena - Attività giuridica del personale Concorsi - entro il termine di scadenza del bando, dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 12 e il martedì e il giovedì dalle ore 15 alle ore 16.30. All’atto della presentazione della domanda si richiede la fotocopia (fronte retro) di un documento di identità del candidato in corso di validità;
  • a mezzo del Servizio postale con raccomandata con avviso di ricevimento al seguente indirizzo: Azienda USL della Romagna - U.O. Gestione Risorse Umane Cesena - Attività Giuridica del personale Concorsi, Piazza Leonardo Sciascia n. 111, 47522 Cesena. La busta dovrà recare la dicitura “domanda avviso incarico autonomo tecnico laboratorio”. Alla domanda deve essere allegata la fotocopia (fronte e retro) di documento valido di identità personale. La domanda deve pervenire entro il termine di scadenza del bando. Non saranno accolte le domande pervenute oltre tale termine anche se recanti timbro postale di spedizione antecedente. L’Amministrazione non assume alcuna responsabilità per la dispersione di comunicazioni dipendente da mancata, tardiva o inesatta indicazione del recapito da parte del concorrente né per eventuali disguidi postali o telegrafici o comunque imputabili a terzi, a caso fortuito o di forza maggiore;
  • invio tramite utilizzo della posta elettronica certificata personale del candidato, entro il termine di scadenza del bando, di un unico file in formato pdf o p7m se firmato digitalmente che comprenda la domanda di partecipazione, il curriculum, eventuali allegati e copia di documento valido di identità personale, all’indirizzo di posta elettronica certificata concorsi@pec.ausl-cesena.emr.it. L’oggetto del messaggio dovrà contenere la dicitura “domanda avviso incarico autonomo tecnico laboratorio di... (indicare cognome e nome)”. Si precisa che la validità di tale invio, così come stabilito dalla normativa vigente, è subordinata all’utilizzo da parte del candidato di casella di posta elettronica certificata personale. Non sarà pertanto ritenuto valido l’invio da casella di posta elettronica semplice/ordinaria anche se indirizzata alla pec aziendale sopra indicata. Nel caso in cui il candidato invii più volte la documentazione, si terrà in considerazione solo quella trasmessa per prima.

Il mancato rispetto delle predette modalità di inoltro/sottoscrizione della domanda comporterà l’esclusione dall’avviso.

Il termine fissato per la presentazione delle domande e dei documenti è perentorio; la eventuale riserva di invio successivo di documenti è priva di effetto.

Non saranno accolte le domande inviate prima della pubblicazione del presente bando nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.

Nella domanda gli aspiranti, oltre l’indicazione delle proprie generalità (nome e cognome, data ed il luogo di nascita, residenza), dovranno dichiarare di:

  • di godere dei diritti civili e politici;
  • di non aver riportato condanne penali e di non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l’applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale;
  • di non essere sottoposto a procedimenti penali, per quanto a sua conoscenza;
  • la cittadinanza posseduta. Se cittadino di Stato non appartenente all’Unione Europea deve essere in regola con le vigenti norme in materia di soggiorno nel territorio italiano;
  • di essere in possesso dei requisiti specifici di ammissione sopra indicati, per i quali si richiede una specifica ed analitica descrizione;
  • di non essere stato destituito o dispensato dall’impiego, ovvero licenziato presso pubbliche Amministrazioni;
  • il domicilio presso il quale deve, ad ogni effetto, essere fatta ogni necessaria comunicazione, ed eventuale recapito telefonico.

La mancata sottoscrizione della domanda e/o l’omessa indicazione anche di una sola delle suddette dichiarazioni comporterà l'esclusione dal presente avviso.

Documentazione da allegare alla domanda

A decorrere dal 1 gennaio 2012 - per effetto dell’entrata in vigore delle disposizioni introdotte dall’art. 15, comma 1, della Legge 12 novembre 2011 n. 183 che prevedono la “de-certificazione” dei rapporti tra P. A. e privati - non possono essere accettate le certificazioni rilasciate dalle pubbliche Amministrazioni in ordine a stati, qualità personali e fatti elencati all’art. 46 del DPR 445/00 o di cui l’interessato abbia diretta conoscenza (art. 47 DPR 445/00). Tali certificati sono sempre sostituiti dalle dichiarazioni sostitutive di certificazione o dall'atto di notorietà:

a) dichiarazione sostitutiva di certificazione: nei casi tassativamente indicati nell’art. 46 del DPR 445/00 (ad esempio: stato di famiglia, iscrizione all’albo professionale, possesso di titolo di studio, di specializzazione di abilitazione, ecc.);

b) dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà: per tutti gli stati, fatti e qualità personali non compresi nell’elenco di cui all’art. 46 del DPR 445/00 (ad esempio: borse di studio, attività di servizio, incarichi libero professionali, attività di docenza, frequenza di corsi di formazione, di aggiornamento, partecipazione a convegni, seminari, conformità di copie agli originali, ecc.).

La dichiarazione sostitutiva di certificazione/dell’atto di notorietà deve essere sottoscritta personalmente dall’interessato dinanzi al funzionario competente a ricevere la documentazione oppure deve essere inoltrata per posta, con p.e.c. o consegnata da terzi - unitamente a fotocopia semplice di documento di identità personale del sottoscrittore.

La dichiarazione, in quanto sostitutiva a tutti gli effetti dei titoli autocertificati, deve contenere tutti gli elementi necessari alla valutazione degli stessi, l’omissione anche di un solo elemento necessario comporta la non valutazione. A titolo esemplificativo: la dichiarazione sostitutiva relativa al servizio prestato dovrà contenere l’esatta denominazione dell’Ente presso il quale è stato svolto, la qualifica, il tipo di rapporto di lavoro (tempo indeterminato/determinato, tempo pieno/part-time), le date di inizio e di conclusione del servizio nonché le eventuali interruzioni (aspettativa senza assegni, sospensione cautelare, ecc.) e quanto altro necessario per valutare il servizio stesso. Anche nel caso di autocertificazione di periodi di attività svolta in qualità di borsista, di docente, di incarichi libero-professionali, ecc. occorre indicare con precisione tutti gli elementi indispensabili alla valutazione (tipologia dell’attività, periodo e sede di svolgimento della stessa).

L’Azienda dovrà poi effettuare idonei controlli sulla veridicità del contenuto delle dichiarazioni sostitutive ricevute e, oltre alla decadenza dell’interessato dai benefici eventualmente conseguiti sulla base di dichiarazione non veritiera, sono applicabili le sanzioni penali previste per le ipotesi di falsità in atti e dichiarazioni mendaci.

Alla domanda di partecipazione all’avviso, redatta in carta semplice, i concorrenti dovranno allegare un curriculum formativo e professionale, redatto in forma di dichiarazione sostitutiva di cui al DPR 445/00, datato e firmato. Nel curriculum debbono essere dettagliatamente descritte tutte le esperienze formative e professionali utili ai fini della valutazione di merito e della formazione della graduatoria, evidenziando in particolare, le esperienze di specifico interesse rispetto alle attività oggetto dell’incarico.

Restano esclusi dalla dichiarazione sostitutiva, tra gli altri, i certificati medici e sanitari.

Le pubblicazioni dovranno essere esclusivamente edite a stampa, e dovranno essere comunque presentate; potranno tuttavia essere presentate in fotocopia semplice, accompagnata da apposita dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà, resa con le modalità sopraindicate, con la quale il candidato attesterà che le stesse sono conformi all’originale.

Alla domanda deve essere unito, in carta semplice, l’elenco datato e firmato dei documenti e dei titoli presentati, numerato progressivamente in relazione al corrispondente titolo.

Valutazione dei curricula ed espletamento colloquio

L’incarico libero professionale verrà conferito sulla base di una graduatoria predisposta a seguito di colloquio e valutazione comparata dei curricula, con riferimento a tutte le attività di studio, professionali e di ricerca idonee ad evidenziare le competenze acquisite nell’attività oggetto dell’incarico.

Alla valutazione comparata dei curricula e al colloquio, procederà il Direttore/Responsabile della struttura direttamente interessata, in relazione alle proprie competenze, eventualmente assistito da uno o più collaboratori, coadiuvato con funzioni di segretario, da una figura amministrativa.

L’elenco dei candidati ammessi alla selezione, unitamente al giorno, ora e luogo di convocazione per l’espletamento dei colloqui saranno resi noti con avviso che sarà pubblicato dal  2 aprile 2014 nel sito Internet www.ausl-cesena.emr.it alla pagina Concorsi e procedure selettive, alla voce incarichi di lavoro autonomo. Pertanto i candidati presenti nell’elenco dei candidati ammessi sono tenuti a presentarsi, senza alcun altro preavviso, nel giorno, luogo ed ora indicati, muniti di valido documento di riconoscimento provvisto di fotografia non scaduto di validità, La mancata presentazione del candidato al colloquio sarà considerata come rinuncia alla procedura, quale ne sia la causa.

Trattamento dei dati personali

Tutti i dati personali di cui l’Amministrazione sia venuta in possesso in occasione dell’espletamento dei procedimenti concorsuali verranno trattati nel rispetto del DLgs 30/6/2003, n. 196; la presentazione della domanda da parte del candidato implica il consenso al trattamento dei propri dati personali, compreso i dati sensibili, a cura del personale assegnato all’ufficio preposto alla conservazione delle domande ed all’utilizzo delle stesse per lo svolgimento delle procedure concorsuali. Gli stessi potranno essere messi a disposizione di coloro che, dimostrando un concreto interesse nei confronti della suddetta procedura, ne facciano espressa richiesta ai sensi dell’art. 22 della Legge 241/90.

Per eventuali informazioni gli aspiranti potranno rivolgersi all’ Azienda USL della Romagna - U.O. Gestione Risorse Umane Cesena - Attività giuridica del personale Concorsi - Piazza Leonardo Sciascia, 111 int. 2 - Cesena (tel. 0547/394434 dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 12 e il martedì e il giovedì dalle ore 15 alle ore 16.30).

Il bando e il fac simile di domanda sono pubblicati sul sito Internet www.ausl-cesena.emr.it - concorsi e procedure selettive - incarichi di lavoro autonomo, nonché sul sito Internet www.auslromagna.it.

Scadenza: giovedì 20 marzo 2014

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it