E-R | BUR

n.182 del 28.06.2017 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Variazione accreditamento della struttura privata accreditata "Casa di Cura Salus S.R.L." di Ferrara

IL DIRETTORE

Visto l’art. 8 quater del D.Lgs. 502/1992 e successive modificazioni, ai sensi del quale l’accreditamento istituzionale è rilasciato dalla Regione alle Strutture autorizzate, Pubbliche o Private e ai professionisti che ne facciano richiesta, subordinatamente alla loro rispondenza ai requisiti ulteriori di qualificazione, alla loro funzionalità rispetto agli indirizzi di programmazione regionale e alla verifica positiva dell’attività svolta e dei risultati raggiunti;

Richiamati:

la legge regionale n. 34 del 12 ottobre 1998: “Norme in materia di autorizzazione e accreditamento delle Strutture Sanitarie Pubbliche e Private, in attuazione del DPR 14 gennaio 1997” e successive modificazioni, da ultima l.r. n. 4/2008, che all’art.9 e all’art. 10:

pone in capo al Direttore Generale competente in materia di Sanità la competenza di concedere l’accreditamento con propria determinazione;

stabilisce che l’accreditamento è valido per quattro anni decorrenti dalla data di concessione e può essere rinnovato, in presenza del mantenimento dei requisiti necessari anche per l’autorizzazione, su richiesta dell’interessato, presentata alla Regione Emilia-Romagna;

la deliberazione n. 327 del 23 febbraio 2004, e successive modificazioni e integrazioni, con la quale la Giunta regionale ha tra l’altro approvato i requisiti generali per l’accreditamento delle Strutture Sanitarie dell’Emilia-Romagna ed i requisiti specifici per alcune tipologie di strutture;

Richiamate altresì le deliberazioni di Giunta regionale:

- n. 53/2013 “Indicazioni operative per la gestione dei rapporti con le strutture sanitarie in materia di accreditamento”;

- n. 624/2013 “Indirizzi di programmazione regionale per il biennio 2013-2014 in attuazione della DGR 53/2013 in materia di accreditamento delle strutture sanitarie”; 

- n. 865/2014 “Modifica deliberazioni 53/13 e 624/13 e ulteriori precisazioni in materia di accreditamento delle strutture sanitarie”;

- n. 1311/2014 recante "Indicazioni in materia di accreditamento delle strutture sanitarie pubbliche e private";

- n. 1314/2015 “Indirizzi di programmazione regionale in attuazione della DGR 53/2013 in materia di accreditamento delle strutture sanitarie”;

- n. 1604/2015 “Recepimento Intesa, ai sensi dell’articolo 8, comma 6, della legge 5 giugno 2003, n. 131, tra Governo, le Regioni e le Province Autonome in materia di adempimenti relativi all’accreditamento delle strutture sanitarie. Indicazioni operative alle strutture sanitarie accreditate.”;

Viste:

le note pervenute a questa Amministrazione, PG n. 627896 del 23/9/2016, PG n. 188592 del 21/3/2017 conservate agli atti del Servizio Assistenza Ospedaliera, con le quali il Legale Rappresentante della Struttura Privata Accreditata Salus Hospital di Ferrara, con sede legale in Via Arianuova n. 38, chiede l’ampliamento dell’accreditamento per attività di ricovero di Ortopedia e le seguenti attività ambulatoriali: dermatologia, pneumologia, urologia, ginecologia, psichiatria, chirurgia plastica ricostruttiva, malattie infettive, otorinolaringoiatria, anestesia e fisiatria;

Preso atto delle autorizzazioni al funzionamento del Comune di Ferrara prot. n.98257 del 27/9/2015, n.43365 del 15/4/2016, n.147311 del 27/12/2016 e n. 30435 del 15/3/2017;

Preso atto delle determinazioni n. 15416/2010, n. 1771/2011 con le quali era stato concesso l’accreditamento;

Tenuto conto delle risultanze delle verifiche effettuate dall'Agenzia Sanitaria e Sociale regionale sulla sussistenza dei requisiti generali e specifici posseduti;

Vista la relazione motivata realizzata dall'Agenzia Sanitaria e Sociale regionale, protocollo della Direzione Generale Cura della Persona, Salute e Welfare NP/2017/9005 del 3/5/2017, conservata agli atti del Servizio Assistenza Ospedaliera in cui viene evidenziato, tra l’altro, che presso il laboratorio analisi della Struttura vengono effettuati meno di 100.000 esami/anno, come richiesto dai requisiti specifici;

Richiamati inoltre:

- il D.Lgs. n. 159/2011 ed in particolare il libro II recante “Nuove disposizioni in materia di documentazione antimafia”, e ss.mm.ii;

- il D.Lgs. n. 33/2013 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”;

- la DGR n. 89/2017 “Approvazione del piano triennale di prevenzione della corruzione 2017-2019”;

- la DGR n. 486/2017 “Direttiva di indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.lgs n. 33 del 2013, attuazione del piano triennale di prevenzione della corruzione 2017-2019”.

Dato atto del parere allegato;

Su proposta del Responsabile del Servizio Assistenza Ospedaliera

determina: 

1) di concedere la variazione dell’accreditamento della Struttura Privata Accreditata “Casa di Cura Salus S.R.L. con sede legale in Via Arianuova, n. 38 (Ferrara) per le seguenti attività:

Ortopedia (trasformazione di n. 5 p.l. di day surgery) (cod. 36) per attività chirurgica, di ricovero ed ambulatoriale;

e per le seguenti attività ambulatoriali: dermatologia, pneumologia, urologia, ginecologia, psichiatria, chirurgia plastica ricostruttiva, malattie infettive, otorinolaringoiatria, anestesia e fisiatria;

2) di confermare l’accreditamento con prescrizione per attività di Laboratorio analisi, con l’indicazione di adottare le idonee misure organizzative che consentano di adeguare i volumi richiesti, entro il 31 luglio 2018;

3) l’ampliamento dell’accreditamento concesso decorre dalla data di adozione del presente provvedimento e, ai sensi dell’art. 9 della l.r. 34/1998 e successive modifiche, ha validità fino al 31 luglio 2018, ai sensi della DGR 1604/2015;

4) è fatto obbligo ai Legali rappresentanti di comunicare tempestivamente a questa Direzione ogni variazione eventualmente intervenuta ad esempio rispetto alla denominazione, alla sede di erogazione, alla titolarità, all’assetto proprietario, a quello strutturale, tecnologico ed organizzativo, nonché alla tipologia di attività e di prestazioni erogate;

5) di dare atto che, ai sensi del D.Lgs. n. 33/2013, si provvederà agli obblighi di pubblicazione ivi contemplati;

6) di pubblicare la presente determinazione sul Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it