E-R | BUR

n.58 del 28.02.2019 (Parte Seconda)

XHTML preview

2825 BO Reg. (UE) 1308/2013 e Regolamenti della Commissione (UE) n. 2016/1149 e n. 2016/1150 - D.G.R. n. 770/2018 Approvazione disposizioni applicative della misura di ristrutturazione e riconversione vigneti per la campagna 2018/2019. Concessione dei contributi ai beneficiari

IL DIRIGENTE FIRMATARIO

VISTI:

- il Regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio del 17 dicembre 2013, recante Organizzazioni comune dei mercati dei prodotti agricoli ed in particolare l’art. 46 che regola la Misura della ristrutturazione e riconversione dei vigneti;

- il Regolamento delegato (UE) n. 2016/1149 della Commissione del 15 aprile 2016, che integra il Regolamento (UE) n. 1308/2013 anzi citato per quanto riguarda i programmi nazionali di sostegno al settore vitivinicolo e che modifica il Regolamento (CE) n. 555/2008 della Commissione;

- il Regolamento di esecuzione (UE) n. 2016/1150 della Commissione del 15 aprile 2016 recante modalità di applicazione del Regolamento (UE) n. 1308/2013 anzi citato per quanto riguarda i programmi nazionali di sostegno al settore vitivinicolo;

- il Programma nazionale di sostegno nel settore del vino 2019-2023, predisposto dal Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali (MIPAAF) e pubblicato sul sito internet MIPAAF, notificato alla Commissione europea in data 1 marzo 2018;

- il Decreto del Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali n. 1411 del 3 marzo 2017 recante “Disposizioni nazionali di attuazione del Regolamento (UE) n. 1308/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, dei Regolamenti delegato (UE) n. 2016/1149 e di esecuzione (UE) n. 2016/1150 della Commissione, per quanto riguarda l’applicazione della misura della riconversione ristrutturazione dei vigneti” modificato, da ultimo, dal Decreto del Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali n. 1431 del 7 marzo 2018;

- la Circolare AGEA coordinamento del 7 aprile 2017 protocollo n. 31081, modificata e integrata dalla circolare AGEA coordinamento protocollo del 30 marzo 2018, n. 28280;

- la Deliberazione di Giunta regionale n. 770 del 21 maggio 2018 con la quale si approva l'avviso pubblico per la presentazione delle domande di contributo a valere sulla Misura di ristrutturazione e riconversione dei vigneti per la campagna 2018/
2019;

- la determinazione della Responsabile del Servizio Organizzazioni di mercato e sinergie di filiera n. 10163 del 29/6/2018 concernente la modifica del termine per la presentazione delle domande di aiuto;

- la determinazione della Responsabile del Servizio Organizzazioni di mercato e sinergie di filiera n. 1572 del 29/1/2019 concernente la proroga dei termini fissati con la D.G.R.
n. 770/2018;

- la propria determinazione n. 2036 del 5/2/2019 concernente l’approvazione dell’elenco delle domande di aiuto ammissibili per l’annualità 2018/2019;

- la determinazione n. 2754 del 14/2/2019 della Responsabile del Servizio Organizzazioni di Mercato e Sinergie di Filiera relativa all’approvazione dell’elenco unico regionale per l’annualità 2018-2019;

DATO ATTO che in base alla suddetta determinazione di approvazione dell’elenco unico regionale risultano finanziabili interamente tutte le domande di aiuto dichiarate ammissibili di competenza dei Servizi Territoriali Agricoltura, Caccia e Pesca;

PRESO ATTO della relazione finale della responsabile del procedimento, agli atti con NP/2019/5263 del 15/2/2019, nell’ambito della quale si evidenzia che:

- è stata verificata la sussistenza del requisito della regolarità contributiva, con riferimento all’impresa Agriturismo Cà Nuova di Moscato Angelo per la quale la domanda di aiuto n. 5101743 era stata dichiarata ammissibile con riserva, in considerazione del fatto che la posizione contributiva nel DURC on line risultava in verifica alla data di adozione dell’atto n. 2036 del 5/2/2019;

- è stato verificato il requisito della regolarità contributiva, tramite banca dati dell’INPS DURC on line, con riferimento alle posizioni la cui certificazione risultava scaduta successivamente alla data di adozione dell’atto di ammissibilità n. 2036 del 5/2/2019; in esito a tali controlli risultano ancora in stato di verifica le posizioni relative alle seguenti imprese:

Ragione sociale

Id Domanda

AGRIVAR SOCIETàAGRICOLA S.R.L.

5101992

AZIENDA AGRICOLA LA FRANZONA DI ALESSANDRO MONTANARI

5101621

SOCIETà AGRICOLA SPADONI SOCIETà SEMPLICE

5101970

- ai sensi dell'art. 11 della Legge n. 3/2003, è stato assegnato a ciascun beneficiario il Codice Unico di Progetto (CUP);

RITENUTO pertanto:

  • di poter sciogliere la riserva circa l’ammissibilità della domanda di aiuto n. 5101743 dell’impresa Agriturismo Cà Nuova di Moscato Angelo;
  • di poter procedere alla concessione degli aiuti, in relazione all’importo spettante a ciascuno dei 96 beneficiari compresi nell’ALLEGATO 1 al presente atto, che sommano complessivamente ad Euro 1.379.235,86 (unmilionetrecentosettantanovemiladuecentotrentacinque/86);
  • opportuno rinviare ad un successivo atto la concessione degli aiuti a favore delle imprese titolari delle domande di aiuto n. 5101992, n. 5101621 e n. 5101970 per le quali le posizioni contributive sul DURC Online risultano in stato di verifica;

RICHIAMATI:

- il D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni” e ss.mm.;

- la deliberazione della Giunta regionale n. 122 del 28 gennaio 2018 recante “Approvazione del Piano triennale di prevenzione della corruzione aggiornato 2019-2021” che approva inoltre la “Direttiva di indirizzi interpretativi per l’applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal D.lgs. n. 33/2013. Attuazione del Piano triennale di prevenzione della corruzione 2019-2021”;

- l’art. 14 del regolamento regionale n. 2/2007 “Regolamento per le operazioni di comunicazione e diffusione di dati personali diversi da quelli sensibili e giudiziari di titolarità della Giunta Regionale e dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia-Romagna, dell’AGREA, dell’Agenzia Regionale per la Sicurezza territoriale e la protezione civile, dell’Agenzia Regionale Intercent-er, dell’IBACN e dei commissari delegati alla gestione delle emergenze nel territorio regionale”;

RICHIAMATE inoltre:

- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e successive modifiche;

- le deliberazioni della Giunta regionale:

  • n. 2416 del 29 dicembre 2008 recante “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e successive modifiche;
  • n. 1057 del 24 luglio 2006 e s.m., con la quale è stato dato corso alla prima fase di riordino delle strutture organizzative, n. 1663 del 27 novembre 2006 e n. 1950 del 13 dicembre 2010 con le quali sono stati modificati l'assetto delle Direzioni Generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente nonché l’assetto delle Direzioni Generali delle Attività produttive, commercio e turismo e dell’Agricoltura;

VISTE:

- la L.R. 30 luglio 2015, n. 13 “Riforma del sistema di governo regionale e locale e disposizioni su Città metropolitana di Bologna, Province, Comuni e loro unioni” e ss.mm.ii;

- le deliberazioni della Giunta regionale:

  • n. 2185 del 21 dicembre 2015 recante “Riorganizzazione in seguito della riforma del sistema di governo regionale e locale”;
  • n. 2230 del 28 dicembre 2015 recante “Misure organizzative e procedurali per l'attuazione della legge regionale n. 13 del 2015 e acquisizione delle risultanze istruttorie delle unità tecniche di missione (UTM). Decorrenza delle funzioni oggetto di riordino. Conclusione del processo di riallocazione del personale delle Province e della Città metropolitana”;
  • n. 48 del 25 gennaio 2016 recante “Approvazione incarichi dirigenziali conferiti nell'ambito di alcune Direzioni generali e nell'ambito dell'Agenzia regionale di protezione civile a seguito del processo di riordino funzionale di cui alla L.R. n. 13/2015”;
  • n. 270 del 29 febbraio 2016 recante “Attuazione prima fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;
  • n. 622 del 28 aprile 2016 recante “Attuazione seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;
  • n. 702 del 16 maggio 2016, recante “Approvazione incarichi dirigenziali conferiti nell’ambito delle direzioni generali – agenzie – istituto, e nomina dei responsabili della prevenzione della corruzione, della trasparenza e accesso civico, della sicurezza del trattamento dei dati personali, e dell’anagrafe per la stazione appaltante”;
  • n. 1107 dell'11 luglio 2016 recante “Integrazione delle declaratorie delle strutture organizzative della Giunta regionale a seguito dell'implementazione della seconda fase della riorganizzazione avviata con delibera 2189/2015”;
  • n. 468 del 10 aprile 2017 recante “Il sistema dei controlli interni nella Regione Emilia-Romagna”;

- la determinazione del Direttore generale Agricoltura, Economia Ittica, Attività Faunistico-venatorie n. 18900 del 30 dicembre 2015 di conferimento dell'incarico di responsabilità dirigenziale per lo STACP di Bologna, incarico da ultimo prorogato sino al 31 ottobre 2020 con determinazione n.9908 del 26/6/2018;

- la determinazione del Direttore Generale Agricoltura, Caccia e Pesca n. 10576 del 28/6/2017 di conferimento degli incarichi di posizione organizzativa presso la Direzione Generale Agricoltura, caccia e pesca;

- la determinazione n 10737 del 30/6/2017 del Responsabile del Servizio Territoriale Agricoltura Caccia e Pesca di Bologna, avente per oggetto “Conferimento dei nuovi incarichi di posizione organizzativa decorrenti dall’1/7/2017 – Assegnazione delle responsabilità procedimentali e primi accorgimenti riorganizzativi”.

VISTA infine la presente proposta di determinazione formulata ex art. 6 L. n. 241/90 e presentata dalla Responsabile della PO Politiche del primo pilastro dello STACP di Bologna, Anna Loreti, alla luce degli esiti istruttori rispetto ai quali la stessa attesta la correttezza in qualità di responsabile del procedimento;

DATO ATTO che la responsabile del procedimento ha dichiarato di non trovarsi in situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi;

ATTESTATO che il sottoscritto dirigente non si trova in situazione di conflitto, anche potenziale, di interessi;

ATTESTATA, ai sensi della deliberazione della Giunta regionale n. 2416/2008 e ss.mm.ii., la regolarità amministrativa del presente atto;

determina

  1. di richiamare le considerazioni formulate in premessa, che costituiscono parte integrante e sostanziale del presente dispositivo;
  2. di sciogliere la riserva in ordine all’ammissibilità della domanda di aiuto n. 5101743 dell’impresa Agriturismo Cà Nuova di Moscato Angelo a seguito dell’accertamento circa la sussistenza del requisito della regolarità contributiva;
  3. di concedere gli aiuti, in relazione all’importo spettante a ciascuno dei 96 (novantasei) beneficiari compresi nell’ALLEGATO 1 parte integrante e sostanziale del presente atto, che sommano complessivamente ad Euro 1.379.235,86 (unmilionetrecentosettantanovemiladuecentotrentacinque/86);
  4. di dare atto che il Codice Unico di Progetto (CUP), assegnato a ciascuno dei 96 beneficiari, è decritto nell’ALLEGATO 2 parte integrante e sostanziale del presente atto;
  5. di rinviare ad un successivo atto la concessione degli aiuti a favore delle imprese titolari delle domande di aiuto n. 5101992, n. 5101621 e n. 5101970 per le quali le posizioni contributive sul DURC Online risultano in stato di verifica;
  6. di dare atto che, per quanto previsto in materia di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni, si provvederà ai sensi delle disposizioni normative e amministrative richiamate in parte narrativa;
  7. di provvedere in particolare agli obblighi di pubblicazione previsti nell’art. 26 comma 2 del D.lgs. n. 33/2013 e alle ulteriori pubblicazioni previste dal Piano triennale di prevenzione della corruzione ai sensi dell’art. 7 bis comma 3 del D.lgs. n. 33/2013;
  8. di dare atto che con la pubblicazione nel BUR si intendono assolti gli obblighi di comunicazione ai beneficiari.

Il Responsabile del Servizio

Valter Gherardi

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it