E-R | BUR

n.40 del 16.02.2022 periodico (Parte Seconda)

XHTML preview

Procedure in materia di Valutazione di Impatto Ambientale ai sensi della L.R. 4/2018 Procedimento di autorizzazione unica di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) ai sensi del Capo III della L.R. 4/2018 relativo al progetto denominato: “Piano di Coltivazione e Sistemazione Finale dell’Unità di cava M1 dello Stralcio attuativo M1 del Polo G6 -Enza Sud loc. Scornavacca in Comune di Montechiarugolo (PR) e del guado sul t. Enza in loc. Barcaccia nel Comune di San Polo d’Enza (RE)” comprendente la Concessione di occupazione Aree del demanio idrico, la variante al PTCP della Provincia di Parma, la variante al PIAE della Provincia di Parma e la variante al PAE del Comune di Montechiarugolo e la cui autorità competente per il PAUR è definita dall’art. 7, comma 1, della L.R. 4/2018

La Regione Emilia-Romagna, Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale, avvisa che il proponente Emiliana Conglomerati S.p.A. ha presentato istanza per l’avvio del procedimento unico di VIA per il progetto denominato “Piano di Coltivazione e Sistemazione Finale dell’Unità di cava M1 dello Stralcio attuativo M1 del Polo G6 -Enza Sud loc. Scornavacca in Comune di Montechiarugolo (PR) e del guado sul t. Enza in loc. Barcaccia nel Comune di San Polo d’Enza (RE)” in data 29 ottobre 2021.

Il progetto è:

• localizzato nelle Provincie di Parma e Reggio Emilia

• localizzato nei Comuni di Montechiarugolo (PR) e San Polo d’Enza (RE).

Il progetto appartiene alla seguente tipologia progettuale di cui agli allegati B.3.2 Cave e torbiere.

È stata richiesta la VIA su base volontaria ai sensi del’art.4 c.2 L.R.4/18 di competenza della regione Emilia – Romagna in quanto il progetto ricade su due province.

Il progetto prevede la realizzazione della cava denominata M1 (fase di coltivazione e sistemazione finale) ubicata in località Scornavacca nel Comune di Montechiarugolo (PR), in sponda sinistra del t. Enza, di fronte all’impianto di lavorazione inerti di proprietà della Ditta Emiliana Conglomerati S.p.A. (sponda destra del T. Enza in località Barcaccia nel Comune di San Polo d’Enza).

L’Unità di cava M1 ricade all’interno dello Stralcio attuativo M1 del Polo estrattivo G6 “Enza Sud” in Comune di Montechiarugolo (PR).

Il Polo estrattivo G6 “Enza Sud” è previsto sia nel Piano Infraregionale delle attività estrattive (PIAE) approvato con delibera del Consiglio Provinciale n. 117 del 22/12/2008 e Variante specifica 2015 approvata con delibera del Consiglio Provinciale n. 13 del 07/04/2017 che nel Piano comunale delle attività estrattive (PAE) approvato con Delibera di Consiglio Comunale n. 6 del 28/01/2015, che ne delineano le caratteristiche principali, definendo le modalità di intervento e di sistemazione finale.

L’area estrattiva presenta un’estensione complessiva di circa 114.000 m2, di cui solo 60.500 m2 verranno interessati da attività di escavazione, per un volume complessivo di ghiaie pregiate estraibili pari a 225.000 m3. In caso di futura attuazione dello Stralcio Attuativo M2 del Polo G6 “Enza Sud”, ai volumi utili di ghiaie pregiate indicati sopra dovranno essere aggiunti ulteriori 15.000 m3 circa (Volume utile totale 240.000 m3) derivanti dallo scavo del setto di separazione tra gli Stralci attuativi M1 e M2, in modo da consentire il raccordo morfologico delle due aree del polo G6 “Enza Sud” in Comune di Montechiarugolo.

La risorsa ghiaiosa estratta verrà trasportata mediante autocarri presso l’impianto di lavorazione inerti ubicato in località Barcaccia nel Comune di San Polo d’Enza di proprietà della Ditta esercente gli scavi (Emiliana Conglomerati S.p.A.). Il transito dei mezzi avverrà sfruttando un guado sul torrente Enza della lunghezza di circa 400 m.

La sistemazione finale dell’area prevista dal progetto prevede la realizzazione di una zona umida differenziata, alimentata dalla falda, in grado di garantire un recupero naturalistico e la laminazione in caso di piene del t. Enza.

Ai sensi dell’art. 16 della L.R. 4/2018, la documentazione è resa disponibile per la pubblica consultazione sul sito web delle valutazioni ambientali della Regione Emilia-Romagna (https://serviziambiente.regione.emilia-romagna.it/viavasweb/).

Entro il termine di 30 (trenta) giorni dalla data di pubblicazione sul web della Regione Emilia-Romagna del presente avviso, chiunque abbia interesse può prendere visione del progetto e del relativo studio ambientale, presentare in forma scritta proprie osservazioni, anche fornendo nuovi o ulteriori elementi conoscitivi e valutativi, inviandoli via pec all’indirizzo vipsa@postacert.regione.emilia-romagna.it o presentandoli alla Regione Emilia-Romagna, Servizio Valutazione Impatto e Promozione Sostenibilità Ambientale, Viale della Fiera n. 8 – 40127 Bologna.

Il modulo per l’inoltro delle osservazioni è scaricabile al seguente link: https://ambiente.regione.emilia-romagna.it/it/sviluppo-sostenibile/temi-1/via/osservazioni_via

Le osservazioni saranno integralmente pubblicate sul sito della Regione Emilia-Romagna ( https://serviziambiente.regione.emilia-romagna.it/viavasweb/).

Ai sensi dell’art. 16 della L.R. 4/2018, il presente avviso al pubblico tiene luogo delle comunicazioni di cui agli articoli 7 e 8, commi 3 e 4, della L. 241/90, in particolare gli atti che prevedono la pubblicazione nel BURERT sono la Concessione di occupazione Aree del demanio idrico, la variante al PTCP della Provincia di Parma, la variante al PIAE della Provincia di Parma e la variante al PAE del Comune di Montechiarugolo.

Ai sensi dell’art. 20 della L.R. 4/2018, secondo quanto richiesto dal proponente, l’eventuale emanazione del Provvedimento Autorizzatorio Unico Regionale comprende e sostituisce le seguenti autorizzazioni, intese, concessioni, licenze, pareri, concerti, nulla osta e assensi comunque denominati, necessari alla realizzazione ed esercizio del progetto e indicati ai seguenti punti:

• Provvedimento di VIA (D. Lgs. 152/06 e L.R. n. 4/2018);

• Autorizzazione per l’attività estrattiva ai sensi della L.R. 17/91;

• Autorizzazione Unica Ambientale (A.U.A.);

• Autorizzazione Paesaggistica (art.146 del d.lgs. 42/2004);

• Concessione di occupazione Aree del demanio idrico (L.R. 7/2004);

• Valutazione di Incidenza (DPR 357/1997, D.Lgs. 152/06, D.G.R. 1191/2007);

• Nulla osta idraulico;

Ai sensi dell’articolo 21, comma 2, della LR 4/2018, il Provvedimento Autorizzatorio Unico di VIA positivo per le opere in argomento, costituisce variante al PTCP della Provincia di Parma,
al Piano Infraregionale delle Attività Estrattive (PIAE) della Provincia di Parma e al Piano delle Attività estrattive (PAE) del Comune di Montechiarugolo (PR).

I soggetti interessati possono prendere visione degli elaborati relativi alle varianti ai piani e loro valutazione ambientale depositati presso le seguenti sedi:

  • Comune di Montechiarugolo: Piazza Rivasi n.3 – 43022 – Montechiarugolo (PR)
  • Provincia di Parma: Viale Martiri della Libertà n.15 – 43123 – Parma
  • Regione Emilia-Romagna: Servizio VIPSA, Viale della Fiera n.8 – 40127 - Bologna

Tali elaborati sono altresì pubblicati sul sito web del Comune di Montechiarugolo all’indirizzo (https://montechiarugolo.trasparenza-valutazione-merito.it/web/trasparenza/), della Provincia di Parma all’indirizzo ( https://www.provincia.parma.it/servizi-online/) e della Regione Emilia-Romagna all’indirizzo della Regione Emilia-Romagna ( https://serviziambiente.regione.emilia-romagna.it/viavasweb/).

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it