E-R | BUR

n.112 del 15.04.2014 (Parte Seconda)

XHTML preview

PSR. 2007/2013 Misura 214 - Deliberazione n. 1536/2013. Avvisi pubblici regionali 2014 per le Azioni 1-2-5-6-9 della Misura 214 - Approvazione elenchi delle domande di nuovi impegni e di adeguamento ammissibili

IL RESPONSABILE

Richiamati:

- il Regolamento (CE) n. 1698 del 20 settembre 2005 del Consiglio europeo sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo Europeo Agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e successive modifiche ed integrazioni;

- il Regolamento (CE) n. 1290 del 21 giugno 2005 del Consiglio europeo sul finanziamento della politica agricola comune e successive modifiche ed integrazioni;

- il Regolamento (CE) n. 1974 del 15 dicembre 2006 della Commissione europea che reca disposizioni di applicazione al citato Regolamento (CE) n. 1698/2005 e successive modifiche ed integrazioni;

- il Regolamento (UE) n. 65 del 27 gennaio 2011 della Commissione europea che stabilisce modalità di applicazione del Reg. (CE) n. 1698/2005 per quanto riguarda l’attuazione delle procedure di controllo e della condizionalità per le Misure di sostegno dello sviluppo rurale, abrogando il Regolamento (CE) n. 1975/2006 che già disciplinava le suddette procedure e successive modifiche ed integrazioni;

- il Regolamento (CE) n. 73 del 19 gennaio 2009 del Consiglio europeo che stabilisce norme comuni relative ai regimi di sostegno diretto agli agricoltori nell'ambito della politica agricola comune e che modifica i Regolamenti (CE) n. 1290/2005, (CE) n. 247/2006, (CE) n. 378/2007 ed abroga il Regolamento (CE) n. 1782/2003;

- il Regolamento (CE) n. 1122 del 30 novembre 2009 della Commissione europea che reca le modalità di applicazione del Regolamento (CE) n. 73/2009 del Consiglio per quanto riguarda la condizionalità, la modulazione e il sistema integrato di gestione e di controllo e successive modifiche ed integrazioni;

- il Regolamento (UE) n. 335 del 12 aprile 2013 che modifica il Regolamento (CE) n. 1974/2006 recante disposizioni di applicazione del Regolamento (CE) n. 1698/2005 del Consiglio sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR);

- il Regolamento (UE) n. 1310 del 17 dicembre 2013 che stabilisce alcune disposizioni sul sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) e che modifica alcuni Regolamenti(UE);

Visti:

- il Programma di Sviluppo Rurale della Regione Emilia-Romagna per il periodo 2007-2013 (di seguito per brevità indicato come P.S.R.) attuativo del citato Regolamento (CE) n. 1698/2005, nella formulazione allegata alla deliberazione n. 1493 del 21 ottobre 2013 (Versione 9) approvata dalla Commissione europea con Decisione ARES (2013)3202451 dell’8 ottobre 2013;

- la L.R. 23 luglio 2001, n. 21 che istituisce l’Agenzia Regionale per le Erogazioni in Agricoltura (AGREA) per l'Emilia-Romagna, formalmente riconosciuta quale Organismo pagatore regionale per le Misure del P.R.S.R. con Decreto del Ministro delle Politiche Agricole e Forestali del 13 novembre 2001;

Visto la deliberazione della Giunta regionale n. 1536 del 28 ottobre 2013 con la quale è stata approvata la versione consolidata del Programma Operativo dell'Asse 2 “Miglioramento dell’ambiente e dello spazio rurale”, e sono stati approvati i Programmi Operativi delle Misure 214 “Pagamenti Agroambientali” e 216 “Sostegno agli investimenti non produttivi” relativamente all’Azione 3 “Ripristino di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario”;

Rilevato che con riguardo alla Misura 214 la sopra citata deliberazione ha costituito avviso pubblico regionale per le seguenti domande:

- domande di nuova adesione a impegni agro ambientali della Misura 214 del P.S.R., limitatamente alle Azioni 1 “Produzione integrata”, 2 “Produzione biologica”, 5 “Agrobiodiversità: tutela del patrimonio di razze autoctone del territorio emiliano-romagnolo a rischio di abbandono”, 6 “Agrobiodiversità: tutela del patrimonio di varietà autoctone del territorio emiliano-romagnolo minacciate di erosione” e 9 “Conservazione di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario” della Misura 214 (impegni decorrenti dall’annualità 2014);

- domande di adeguamento per prolungamento di un ulteriore anno della durata di impegni per i quali nel 2013 è stata presentata ed ammessa domanda di prolungamento di una annualità sulle Azioni 1, 2, 3, 4 (escluso l’intervento 2), 5, 6 e 8;

Dato atto:

- che le domande di cui al paragrafo 6 “Domande di aiuto” per l’assunzione di impegni agro ambientali” della deliberazione n. 1536/2013 non hanno automaticamente valenza di domanda di pagamento della prima annualità dei sostegni;

- che, pertanto, i beneficiari dovranno presentare specifica successiva domanda di pagamento, con eventuale ricalcolo dei premi conseguente a variazioni del piano colturale, entro la scadenza ultima per la presentazione delle domande per aiuti connessi alla superficie di cui all'art. 11 del Reg. (CE) n. 1122/2009 (15 maggio 2014);

Rilevato inoltre che il programma operativo della Misura 214 approvato con la delibera 1536/13 prevede al paragrafo 9. “Istruttoria delle domande”:

- che Le amministrazioni provinciali territorialmente competenti ad avvenuta ricezione e protocollazione delle domande di aiuto devono provvedere all’istruttoria di ammissibilità ed ai necessari controlli, oltre che alla permanenza dei requisiti di accesso per le domande di adeguamento;

- che dette amministrazioni devono comunicare al Responsabile del Servizio Aiuti alle Imprese della Direzione Generale Agricoltura, economia ittica e attività faunistico venatoria, il nominativo del responsabile del procedimento amministrativo ed inviare entro 75 giorni di calendario dal termine fissato da AGREA per l’acquisizione della copia cartacea delle domande l’elenco delle istanze ammissibili per singola Azione, nonché delle istanze non ammissibili comprese quelle per le quali risultano pervenute rinunce, approvati con atto formale;

- che il Responsabile del procedimento debba espletare, ai sensi della normativa in materia di procedimento, gli adempimenti concernenti il contradditorio con l’interessato con riguardo alla sussistenza di motivi ostativi all’accoglimento delle domande;

- che il medesimo Servizio sulla base delle risultanze degli elenchi delle domande ammissibili, deve approvare entro 15 giorni dall’acquisizione degli atti di ammissibilità l’elenco delle domande riferite ai prolungamenti nonché la graduatoria delle domande relative a nuovi impegni;

- che qualora le risorse disponibili coprano il fabbisogno finanziario di tutte le istanze pervenute e risultate ammissibili non si procederà alla valutazione di merito e dette istanze saranno ordinate in funzione del numero di domanda dell’AGREA;

Dato atto che le amministrazioni provinciali competenti hanno indicato i nominativi dei responsabili del procedimento amministrativo come indicati nella seguente tabella,

Amministrazione

Responsabile

Recapito

Piacenza

Celeste Boselli

Provincia di Piacenza Settore Agricoltura e Politiche agro-alimentari Via Colombo 35 - Piacenza

Parma

Vittorio Romanini

Provincia di Parma Servizio Agricoltura e risorse naturali

-

P.le Barezzi 3 - Parma

Reggio Emilia

Maurizio Mercati

Provincia di Reggio Emilia Servizio Sviluppo Economico, Agricoltura e Promozione del Territorio- 

Via Gualerzi 38 - 40 - Reggio Emilia

Comunità Montana dell’Appennino Reggiano

Maria Leonarda Livierato

Comunità Montana dell’Appennino Reggiano - Via dei Partigiani 10 - Castelnuovo ne’ Monti (RE) 

Modena

Claudia Calderara)

Provincia di Modena Area Economia -

V

ia Scaglia est 15 - Modena

Bologna

Nello Fogacci

Provincia di Bologna Settore Sviluppo Economico, Servizio Produzioni Agricole e Agroambiente

-

Viale Silvani 6 - Bologna

Ferrara

Renato

Finco

Provincia di Ferrara Settore Ambiente
ed Agricoltura

-

Viale Cavour 143 - Ferrara

Ravenna

Massimo Stefanelli

Provincia di Ravenna Settore Politiche Agricole e Sviluppo Rurale

-

Viale della Lirica, 21 - Ravenna

Forlì-Cesena

Luciano Pizzigatti

Provincia di Forlì-Cesena

Servizio Agricoltura Spazio Rurale Flora e Fauna Piazza G.B. Morgagni 2 - Forlì

Rimini

Renzo Moroni

Provincia di Rimini Servizio Agricoltura, Attività Economiche e Servizi alle Imprese

-

Via D.Campana 64 - Rimini

Dato atto, inoltre:

- che le medesime amministrazioni provinciali hanno trasmesso al Servizio Aiuti alle Imprese della Direzione Generale Agricoltura, economia ittica e attività faunistico venatoria, entro i termini stabiliti l’elenco delle istanze ammissibili;

- che risultano complessivamente pervenuti gli atti riportati nella seguente tabella 

Amministrazione

Atto

Numero e data

Piacenza

Determinazione dirigenziale

n. 576 del 27/3/2014

Parma

Determinazione dirigenziale

n. 635 del 27/3/2014

n. 655 del 31/3/2014

Reggio Emilia

Determinazione dirigenziale

n. 280 del 31/3/2014

Comunità Montana

dell’Appennino Reggiano

Determinazione dirigenziale

n. 8 del 26/3/2014

Modena

Determinazione dirigenziale

n. 71 del 26/3/2014

Bologna

Determinazione dirigenziale

n. 865 del 28/3/2014

Ferrara

Determinazione dirigenziale

n.1863 del 28/3/2014

Ravenna

Determinazione dirigenziale

n.1040 del 27/3/2014

Forlì-Cesena

Determinazione dirigenziale

n. 832 del 27/3/2014

Rimini

Determinazione dirigenziale

n. 605 del 28/3/2014

- che in seguito alle istruttorie effettuate dalle amministrazioni territoriali competenti risultano esservi sia domande non ammissibili, che domande oggetto di revoca o rinuncia;

Preso atto:

- che in alcuni degli atti sopra riportati, per specifici aspetti istruttori dettagliatamente evidenziati negli stessi, talune domande sono state ammesse con riserva;

- che sono pervenute ulteriori richieste di revoca della domanda di aiuto successivamente all’adozione della determinazione da parte dell’amministrazione competente;

- che per le domande n. 2776444 e n. 2773262 si sono verificati problemi di allineamento informatico fra l’applicativo AGRIBIO inerente alle notifiche del metodo di produzione biologico e il SOP dell’AGREA, che non hanno permesso di confermare al sistema l’esito istruttorio;

- che le domande di cui ai punti precedenti sono state individuate negli allegati alla presente determinazione con specifica annotazione;

- che, infine, in altri atti è stata indicata l’ammissibilità fatte salve eventuali successive risultanze emergenti dagli adempimenti inerenti alle domande di pagamento;

Preso atto inoltre:

- che con riferimento alla deliberazione della giunta regionale n. 1536/2013, le risorse disponibili per la prima annualità delle domande di nuova adesione a impegni agro ambientali della Misura 214 del P.S.R. e per le domande di adeguamento per prolungamento di un ulteriore anno della durata degli impegni quinquennali della Misura 214 assunti con riferimento ai bandi territoriali 2008 ammontano a Euro 10.759.761,00;

- che relativamente ai nuovi impegni le richieste di adesione ammontano a Euro 6.713.321,21 e che relativamente agli adeguamenti, le richieste di adesione ammontano a Euro 3.976.169,29;

- che complessivamente le risorse richieste in riferimento all’avviso pubblico di cui alla deliberazione 1536/13, ammontano a Euro 10.689.490,5;

- che per quanto sopra le risorse disponibili risultano sufficienti a coprire l’intero fabbisogno richiesto, per cui non si rende necessario effettuare la selezione per la graduatoria;

- che le domande pervenute saranno ordinate in funzione del numero di domanda dell’AGREA e non si procederà alla valutazione di merito;

Considerato quindi che, sulla base di quanto sopra indicato, il Servizio Aiuti alle imprese della Direzione Generale Agricoltura, economia ittica e attività faunistico-venatorie della Regione Emilia–Romagna deve procedere alla redazione di:

- un elenco degli ammessi relativo alle nuove domande d’impegno, ordinato per numero di domanda AGREA, allegato 1 parte integrante e sostanziale del presente atto;

- un elenco degli ammessi suddivisi per azione relativo al prolungamento di un ulteriore annualità d’impegno, ordinato per numero di domanda AGREA, allegato 2 parte integrante e sostanziale del presente atto;

Dato atto infine:

- che dalle risultanze dell'attività svolte delle amministrazioni provinciali competenti come risultanti al Sistema Operativo delle Pratiche (SOP) dell’AGREA. risultano non ammissibili le domande riportate negli allegati n. 3 e n. 4 parte integrante e sostanziale del presente atto;

- che gli elenchi dei richiedenti ammessi, parte integrante e sostanziale del presente atto, sono da intendersi quali notifiche di concessioni degli aiuti stessi;

Ritenuto, pertanto necessario:

- recepire integralmente le risultanze dell’attività svolta dalle amministrazioni provinciali, in adempimento alla procedura prevista al punto 9 “Istruttoria delle domande” degli avvisi pubblici di cui alla deliberazione n. 1536/13;

- approvare l’elenco delle domande ammissibili suddiviso per azione relativo alle nuove domande d’impegno, riportato nell'allegato 1, parte integrante e sostanziale del presente atto;

- approvare l’elenco delle domande ammissibili suddiviso per azione relativo al prolungamento di un ulteriore annualità d’impegno riportato nell'allegato 2, parte integrante e sostanziale del presente atto;

Dato atto:

- che - ai sensi e per gli effetti dei citati art. 18 del D.L. 83/2012, convertito nella Legge 134/2012, e deliberazione n. 2056/2012 - si provvederà alla prescritta pubblicazione dei dati e documenti riferiti alla concessione/acquisizione oggetto della liquidazione di cui al presente provvedimento;

- che le amministrazioni provinciali provvederanno a dare immediata comunicazione formale delle istanze ammissibili e non ammissibili per singole azioni, tramite affissione al proprio albo pretorio;

Richiamata altresì la L.R. 30 Maggio 1997, n. 15 e successive modifiche, recante norme per l’esercizio delle funzioni in materia di agricoltura;

Richiamate:

- il D.Lgs. 14 marzo 2013, n. 33 “Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle Pubbliche Amministrazioni”;

- le deliberazioni della Giunta regionale n. 1621 in data 11 novembre 2013 recante “Indirizzi interpretativi per l'applicazione degli obblighi di pubblicazione previsti dal d.lgs. 14 marzo 2013, n. 33” e n. 68 in data 27 gennaio 2014 recante “Approvazione del programma triennale per la trasparenza e l’integrità 2014/2016”;

Richiamate altresì:

- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 “Testo unico in materia di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna” e successive modifiche ed integrazioni;

- la deliberazione di Giunta regionale n. 2416 del 29 dicembre 2008 “Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali fra le strutture e sull’esercizio delle funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/2008. Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/2007” e successive modifiche ed integrazioni;

- la deliberazione di Giunta Regionale n. 1057 del 24 luglio 2006 e s.m., con la quale è stato dato corso alla prima fase di riordino delle strutture organizzative, n. 1663 del 27 novembre 2006 e n. 1950 del 13 dicembre 2010 con le quali sono stati modificati l’assetto delle Direzioni Generali della Giunta e del Gabinetto del Presidente nonché l’assetto delle Direzioni Generali delle attività produttive, commercio e turismo e dell’Agricoltura;

- la determinazione dirigenziale n. 13076 del 24/10/2011 di conferimento incarico dirigenziale di Responsabile del Servizio Aiuti alle imprese;

Attestata la regolarità amministrativa del presente atto;

determina:

1) di richiamare integralmente le considerazioni formulate in premessa, che costituiscono parte integrante del presente atto;

2) di recepire integralmente le risultanze dell'attività svolta dalle amministrazioni provinciali ai fini della definizione della ammissibilità delle domande presentate in riferimento agli avvisi pubblici di cui alla deliberazione della Giunta regionale n. 1536 del 28 ottobre 2013, come risultanti negli atti riportati nella seguente tabella:

Amministrazione

Atto

Numero e data

Piacenza

Determinazione dirigenziale

n. 576 del 27/3/2014

Parma

Determinazione dirigenziale

n. 635 del 27/3/2014

n. 655 del 31/3/2014

Reggio Emilia

Determinazione dirigenziale

n. 280 del 31/3/2014

Comunità Montana

dell’Appennino Reggiano

Determinazione dirigenziale

n. 8 del 26/3/2014

Modena

Determinazione dirigenziale

n. 71 del 26/3/2014

Bologna

Determinazione dirigenziale

n. 865 del 28/3/2014

Ferrara

Determinazione dirigenziale

n. 1863 del 28/3/2014

Ravenna

Determinazione dirigenziale

n. 1040 del 27/3/2014

Forlì-Cesena

Determinazione dirigenziale

n. 832 del 27/3/2014

Rimini

Determinazione dirigenziale

n. 605 del 28/3/2014

3) di dare atto che a fronte di risorse disponibili, come da avviso pubblico, pari a Euro 10.759.761,00, le richieste pervenute per la prima annualità dei nuovi impegni e per l’ulteriore annualità di prolungamento degli adeguamenti risultano rispettivamente Euro 6.713.321,21 e Euro 3.976.169,29 per complessivi Euro 10.689.490,5;

4) di dare atto che le risorse risultano quindi sufficienti a coprire l’intero fabbisogno espresso e che pertanto dette domande saranno ordinate in funzione del numero di domanda dell’AGREA e non si procederà alla valutazione di merito;

5) di approvare l’elenco delle domande ammissibili, ordinate in funzione del numero dell’AGREA, relative all'avviso pubblico per nuove domande di impegni limitatamente agli interventi a valere sulle Azioni 1 “Produzione integrata”, 2 “Produzione biologica”, 5 “Agrobiodiversità: tutela del patrimonio di razze autoctone del territorio emiliano-romagnolo a rischio di abbandono”, 6 “Agrobiodiversità: tutela del patrimonio di varietà autoctone del territorio emiliano-romagnolo minacciate di erosione” e 9 “Conservazione di spazi naturali e seminaturali e del paesaggio agrario” della Misura 214 di cui all’allegato 1 parte integrante e sostanziale del presente atto;

6) di approvare l’elenco delle domande di adeguamento per prolungamento di un ulteriore anno della durata degli impegni quinquennali della Misura 214 assunti con riferimento ai bandi territoriali 2008, ordinate in funzione del numero dell’AGREA di cui all’allegato 2 parte integrante e sostanziale del presente atto;

7) di prendere atto che le domande non ammissibili, comprese quelle per le quali risultano pervenute rinunce, come risultanti dagli atti delle amministrazioni territorialmente competenti e al Sistema Operativo delle Pratiche (S.O.P.) dell’A.G.R.E.A. sono quelle riportate negli allegati n. 3 e n. 4 parte integrante e sostanziale del presente atto;

8) di prendere atto che talune domande sono state ammesse con riserva dalle amministrazioni competenti e che le stesse sono state identificate negli allegati con idonea annotazione;

9) di stabilire che gli elenchi delle domande ammissibili di cui agli allegati 1 e 2 sono da intendersi quale notifica di concessione degli aiuti stessi;

10) di stabilire che esclusivamente al presente atto è riconosciuta natura formale e sostanziale di provvedimento concessorio a favore dei soggetti beneficiari;

11) di prendere atto che le domande di cui al paragrafo 6 “Domande di aiuto” per l’assunzione di impegni agro ambientali” della deliberazione n. 1536/2013 non hanno automaticamente valenza di domanda di pagamento della prima annualità dei sostegni;

12) di dare atto che i beneficiari dovranno presentare specifica successiva domanda di pagamento, con eventuale ricalcolo dei premi conseguente a variazioni del piano colturale, entro la scadenza ultima per la presentazione delle domande per aiuti connessi alla superficie di cui all'art. 11 del Reg. (CE) n. 1122/2009 e sue successive modifiche ed integrazioni;

13) di disporre che le amministrazioni provinciali provvederanno a dare immediata comunicazione formale delle istanze ammissibili e non ammissibili per singole azioni, sia delle domande di prolungamento per una ulteriore annualità sia delle domande di nuovi impegni, tramite affissione al proprio albo pretorio;

14) di disporre la pubblicazione in forma integrale della presente determinazione nel Bollettino Ufficiale Telematico della Regione Emilia-Romagna, dando atto che il Servizio Aiuti alle imprese provvederà a darne la più ampia diffusione anche sul sito internet E-R Agricoltura.

Il Responsabile del Servizio

Marco Calmistro

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it