REGIONE EMILIA-ROMAGNA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 aprile 2009, n. 462

Partecipazione diretta della Regione Emilia-Romagna ad iniziative di promozione del territorio regionale quale sede di produzioni cinetelevisive (L.R. 13/99 - art. 8). Obiettivi, azioni prioritarie, criteri di spesa e procedure

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Viste:
- la L.R. 13/99 "Norme in materia di spettacolo" ed in particolare
l'art. 8 che prevede, tra l'altro, che la Regione possa provvedere
direttamente all'organizzazione di attivita' di promozione del
territorio regionale quale sede di produzioni cinetelevisive;
- la deliberazione dell'Assemblea legislativa n. 203 del 3/12/2008
"Programma regionale in materia di spettacolo ai sensi della L.R.
13/99 - art. 5). Obiettivi, azioni prioritarie e procedure per il
triennio 2009/2011. (Proposta della Giunta regionale in data 17
novembre 2008, n. 1914)" che prevede quali azioni prioritarie nel
settore "Cinema e Audiovisivi" (punto 3 lett. D):
- "il sostegno allo sviluppo del documentario e del cinema
d'animazione, sul piano sia della produzione, sia della circuitazione,
in particolare attraverso il circuito delle sale d'essai e delle sale
nei territori meno serviti";
- "la qualificazione delle attivita' di Film Commission e delle
attivita' dell'Osservatorio dello spettacolo";
- la L.R. 40/01;
- la L.R. n. 23 del 19/12/2008 concernente il Bilancio di previsione
per l'esercizio finanziario 2009 e Bilancio pluriennale 2009-2011, che
prevede uno stanziamento di Euro 380.000,00 al Cap. 70674, per
attivita' dirette della Regione nel settore dello spettacolo (art. 8,
L.R. 13/99) UPB 1.6.5.2.27100;
- la L.R. 43/01 "Testo Unico in materia di organizzazione e di
rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna" e successive
modificazioni;
considerato:
- che l'art. 8 della L.R. 13/99 stabilisce che la Regione puo'
provvedere direttamente alla promozione del territorio regionale quale
sede di produzioni cinetelevisive attraverso il Servizio Cultura,
Sport e Progetto giovani - settore Film Commission;
- che per il raggiungimento di tale obiettivo nel "Programma regionale
in materia di spettacolo ai sensi della L.R. 13/99 - art. 5).
Obiettivi, azioni prioritarie e procedure per il triennio 2009/2011.
(Proposta della Giunta regionale in data 17 novembre 2008, n. 1914)" 
sono state individuate le seguenti azioni prioritarie al punto 3.2
lett. A):
a) la qualificazione degli interventi a sostegno delle produzioni
cinematografiche, audiovisive e televisive con particolare attenzione
al documentario ed al cinema d'animazione, attuate nel territorio
regionale, tramite la predisposizione di servizi alle imprese;
b) il sostegno all'attivita' di autori emiliano-romagnoli per la
realizzazione di progetti audiovisivi legati prevalentemente al
territorio regionale, con particolare riferimento al documentario ed
al cinema d'animazione;
c) l'attuazione di iniziative formative e di promozione culturale,
tramite seminari, partecipazione a festival, rassegne e manifestazioni
analoghe, in Italia e all'estero, anche in collaborazione con
l'industria cinematografica;
- che per l'attuazione di quanto previsto alla precedente lettera c)
verra' sottoscritta specifica convenzione fra la Regione
Emilia-Romagna e ATER, come previsto al comma 3 del citato art. 8;
rilevata la necessita', ai fini dell'attuazione degli interventi di
cui alle lettere a) e b) sopra riportate di definire le linee di
indirizzo per l'anno 2009;
visto in proposito l'Allegato A) alla presente deliberazione, recante
"Partecipazione diretta della Regione Emilia-Romagna alle iniziative
di promozione del territorio regionale quale sede di produzioni
cinetelevisive (L.R. 13/99 - art. 8). Obiettivi, azioni prioritarie,
criteri di spesa e procedure per l'anno 2009";
richiamate le proprie deliberazioni:
- n. 1057 e n. 1150 rispettivamente del 24 e 31 luglio 2006, e la n.
1663 del 27 novembre 2006;
- 2416/08 avente per oggetto "Indirizzi in ordine alle relazioni
organizzative e funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle
funzioni dirigenziali. Adempimenti conseguenti alla delibera 999/08.
Adeguamento e aggiornamento della delibera 450/07";
dato atto del parere allegato;
su proposta dell'Assessore alla Cultura, Sport, Progetto giovani;
a voti unanimi e palesi, delibera:
1) di approvare gli obiettivi, le azioni prioritarie, i criteri di
spesa e le procedure per la partecipazione diretta della Regione
Emilia-Romagna alle iniziative di promozione del territorio regionale
quale sede di produzioni cinetelevisive di cui alla L.R. 13/99, art.
8, per l'anno 2009, cosi' come indicati nell'Allegato A), parte
integrante e sostanziale della presente deliberazione;
2) di dare atto che le risorse finanziarie necessarie all'attuazione
del presente provvedimento, pari a complessivi Euro 176.000,00,
trovano copertura finanziaria sul Capitolo 70674  "Spese per attivita'
dirette della Regione nel settore dello spettacolo (art. 8, L.R.
13/99)" UPB1.6.5.2.27100 del Bilancio per l'esercizio finanziario
2009;
3) di stabilire che con proprio atto si procedera' all'individuazione
dei progetti cui la Regione intende partecipare ed alla
quantificazione di tale partecipazione, in attuazione e nel rispetto
degli obiettivi e dei criteri citati nel precedente punto 1), e piu'
dettagliatamente nell'Allegato A) alla presente deliberazione;
4) di disporre la pubblicazione integrale del presente atto nel
Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.
ALLEGATO A)
Partecipazione diretta della Regione Emilia-Romagna ad iniziative di 
promozione del territorio regionale quale sede di produzioni
cinetelevisive (L.R. 13/99 - art. 8). Obiettivi, azioni prioritarie,
criteri di spesa e procedure per l'anno 2009
Premessa
Con il presente provvedimento, che definisce le linee di indirizzo per
la partecipazione della Regione Emilia-Romagna alla realizzazione di
progetti volti alla promozione del territorio regionale quale sede di
produzioni cinetelevisive per l'anno 2009 in attuazione della L.R. 5
luglio 1999, n. 13 "Norme in materia di spettacolo", la Regione
intende continuare il percorso avviato negli ultimi anni per
perseguire gli obiettivi di qualificare ed aumentare l'attivita' di
Film Commission.
L'esperienza degli ultimi anni, grazie all'attivita' di Film
Commission, ha visto l'incremento delle produzioni audiovisive sul
territorio regionale con particolare riguardo alla realizzazione di
opere documentaristiche.
In considerazione dei risultati ottenuti si ritiene prioritario per
l'anno 2009 perseguire azioni di promozione del territorio attraverso
la partecipazione diretta della Regione Emilia-Romagna a progetti
destinati alla produzione di documentari e cinema d'animazione
realizzati sul territorio regionale.
1.1.1.1.1. Obiettivi
L'obiettivo che la Regione intende perseguire per l'anno 2009 e' il
sostegno allo sviluppo del documentario e del cinema d'animazione, sia
sul piano della produzione, sia della circuitazione, quale strumento
di promozione del territorio regionale.
1.1.1.1.2. Azioni prioritarie
A fronte dell'obiettivo sopraindicato vengono riportate di seguito le
azioni prioritarie:
a) Interventi a sostegno della produzione di documentari girati sul
territorio regionale;
b) Interventi a sostegno della produzione di cinema d'animazione
realizzati sul territorio regionale.
3. Modalita' di attuazione degli interventi
Gli interventi si concretizzano nella partecipazione diretta della
Regione Emilia-Romagna  a progetti presentatati da produttori e/o
autori e sono finalizzati alla copertura di parte delle spese
sostenute sul territorio.
4. Risorse finanziarie e loro destinazione
4.1 Risorse finanziarie
Le risorse finanziarie disponibili per l'attuazione dell'obiettivo e
delle azioni prioritarie sopra indicate ammontano a Euro 176.000,00 e
sono allocate sul Capitolo 70674  "Spese per attivita' dirette della
Regione nel settore dello spettacolo (art. 8, L.R. 13/99)" UPB
1.6.5.2.27100 del Bilancio relativo all'esercizio finanziario 2009.
4.2. Destinazione delle risorse
Al fine di offrire un quadro di riferimento finanziario sulle risorse
disponili le stesse vengono suddivise per genere, con le seguenti
modalita':
- Euro 120.000,00 a sostegno del genere documentario;
- Euro 56.000,00 a sostegno del cinema d'animazione.
5. Criteri di spesa
5.1 Criteri di spesa per il genere documentario
Il sostegno regionale non potra' superare il 50% delle spese
occorrenti all'attuazione del progetto e non coperte  da altre
entrate. I singoli finanziamenti regionali non potranno essere 
superiori a Euro 20.000,00 per un totale massimo di dieci progetti
finanziati e verranno erogate successivamente alle riprese sul
territorio che dovranno obbligatoriamente essere effettuate entro il
31 ottobre 2009. I documentari potranno riguardare qualsiasi genere,
con l'esclusione delle riprese di avvenimenti e manifestazioni.
5.2 Criteri di spesa per il cinema d'animazione
Il sostegno regionale non potra' superare il 50% delle spese
occorrenti all'attuazione del progetto e non coperte  da altre
entrate. I finanziamenti regionali saranno destinati ad un massimo di
quattro progetti.
I contenuti, la durata e il format delle opere d'animazione sono
liberi (corto, pilota, spot, ecc.) e dovranno essere di senso
compiuto. In caso di tecniche miste, la parte in animazione deve
essere preponderante.
6. Soggetti beneficiari
Possono beneficiare dei finanziamenti regionali i progetti di
documentario presentati da societa' di produzione, istituzioni e
associazioni culturali.
Possono beneficiare dei finanziamenti regionali i progetti di cinema
d'animazione  presentati da societa' di produzione e autori
emiliano-romagnoli.
I soggetti beneficiari dovranno:
- inserire nei titoli di coda (o di testa) il ringraziamento
all'Emilia-Romagna Film Commission;
- fornire due copie dell'opera finita (possibilmente in formato DVD)
di cui una rimarra' agli atti dell'ufficio e l'altra verra' depositata
presso la Videoteca regionale che ne fara' uso per i propri fini
istituzionali;
- inserire in tutti materiali di promozione e comunicazione il logo
dell'Emilia-Romagna Film Commission.
7. Procedure
7.1 Termini e modalita' per la presentazione delle domande per i
documentari
Le domande di partecipazione diretta della Regione Emilia-Romagna alla
realizzazione di documentari, sottoscritte dal legale rappresentante e
corredate dalla  relativa documentazione, dovranno essere presentate,
rispettando la normativa vigente in materia di bollo, entro il 10
settembre 2009, utilizzando l'allegato fac-simile di domanda.
Le domande dovranno essere indirizzate alla Regione Emilia-Romagna -
Emilia-Romagna Film Commission - Viale Aldo Moro n. 64 - 40127
Bologna.
Se inviate tramite posta fara' fede il timbro postale. In caso di
presentazione a mano le domande dovranno pervenire entro le ore 14.00
dello stesso giorno.
Il modello di domanda e' disponibile all'indirizzo Internet:
http://www.regione.emilia-romagna.it/cinema e puo' essere richiesto
per posta elettronica al seguente indirizzo:
filmcom@regione.emilia-romagna.it.
Per informazioni rivolgersi all'Emilia-Romagna Film Commission
(telefono 051/5273646 - 051/5273318 - fax 051/5273370) del Servizio
Cultura, Sport e Progetto giovani.
La domanda, da presentarsi ai sensi dell'art. 47 del DPR 445/00,
compilata in ogni sua parte come da fac-simile allegato, pena
l'esclusione, dovra' essere corredata da:
1) sinossi (breve riassunto della storia);
2) curriculum del produttore e del regista;
3) scheda tecnica del progetto (indicare autore, eventuale
coproduzione, durata, sistema di riprese, circuito di destinazione,
personale coinvolto e percentuale di troupe regionale);
4) piano finanziario (indicare il costo stimato del progetto diviso
per voci e le entrate certe);
5) dichiarazione, anche presunta, del periodo delle riprese (elencare
i periodi, in giornate, di riprese sia sul territorio regionale sia al
di fuori di esso).
Uno stesso soggetto puo' presentare piu' domande necessariamente
relative a progetti diversi, ma solo una potra' essere sostenuta.
La responsabilita' del procedimento amministrativo e' affidata alla
collaboratrice del Servizio Cultura, Sport e Progetto giovani: Claudia
Belluzzi - tel. 051/5273646; e.mail:
cbelluzzi@regione.emilia-romagna.it.
7.2 Termini e modalita' per la presentazione delle domande per il
cinema d'animazione
Le domande di partecipazione diretta della Regione Emilia-Romagna alla
realizzazione di opere d'animazione, sottoscritte dall'autore o dal
legale rappresentante, e corredate dalla  relativa documentazione,
dovranno essere presentate, rispettando la normativa vigente in
materia di bollo, entro il ventesimo giorno successivo alla data di
pubblicazione della delibera della Giunta regionale, utilizzando
l'allegato fac-simile di domanda.
Le domande dovranno essere indirizzate alla Regione Emilia-Romagna -
Emilia-Romagna Film Commission - Viale Aldo Moro n. 64 - 40127
Bologna.
Se inviate tramite posta fara' fede il timbro postale. In caso di
presentazione a mano le domande dovranno pervenire entro le ore 14
dello stesso giorno.
Il modello di domanda e' disponibile all'indirizzo Internet:
http://www.regione.emilia-romagna.it/cinema e puo' essere richiesto
per posta elettronica al seguente indirizzo:
filmcom@regione.emilia-romagna.it.
Per informazioni rivolgersi all'Emilia-Romagna Film Commission
(telefono 051/5273646 - 051/5273318 - fax 051/5273370) del Servizio
Cultura, Sport e Progetto giovani.
La domanda da presentarsi ai sensi dell'art. 47 del DPR 445/00,
compilata in ogni sua parte come da fac-simile allegato, pena
l'esclusione, dovra' essere corredata da:
1) descrizione del progetto;
2 sinossi (breve riassunto della storia);
3) soggetto;
4) pianificazione del budget di produzione;
5) piano di produzione;
6) curriculum del produttore, autore e del regista;
7) scheda tecnica del progetto (indicare eventuale coproduzione,
durata, circuito di destinazione).
Ogni soggetto puo' presentare una sola domanda.
Nel caso in cui siano coinvolti piu' soggetti nella realizzazione del
progetto, la domanda deve essere presentata da un soggetto capofila.
La responsabilita' del procedimento amministrativo e' affidata alla
collaboratrice del Servizio Cultura, Sport e Progetto giovani: Claudia
Belluzzi - tel. 051/5273646; e.mail:
cbelluzzi@regione.emilia-romagna.it.
8. Ammissione delle domande
L'ammissione formale delle domande all'istruttoria e' vincolata a:
- invio entro il termine perentorio stabilito con il presente atto;
- completezza delle informazioni e documenti richiesti come allegato
alla domanda;
- regolarita' della domanda in relazione alla legge sul bollo;
- coerenza dei progetti con l'obiettivo e le azioni prioritarie
indicati ai precedenti punti 1. "Obiettivi" e 2. "Azioni
prioritarie".
9. Valutazione dei progetti
9.1 Valutazione dei progetti per il genere documentario
Il Servizio Cultura, Sport e Progetti giovani - settore Film
Commission, entro 45 giorni dalla scadenza del termine di
presentazione delle domande, elaborera' una graduatoria delle domande
tenendo conto delle seguenti priorita':
1) progetti presentati da soggetti regionali;
2) progetti girati prevalentemente sul territorio regionale;
3) impiego di troupe regionale;
4) progetti che generano una significativa attivita' sul territorio
regionale.
9.2 Valutazione dei progetti per il cinema d'animazione
Il Servizio Cultura, Sport e Progetti giovani - settore Film
Commission, entro 30 giorni dalla scadenza del termine di
presentazione delle domande, elaborera' una graduatoria delle domande
ricevute tenendo conto delle seguenti priorita':
1) coinvolgimento di piu' aziende o autori all'interno di un singolo
progetto;
2) prestigio, visibilita', commerciabilita' dell'opera;
3) fattibilita' dell'opera (i soggetti devono presentare progetti
effettivamente realizzabili entro il 2009).
10. Determinazione della partecipazione diretta della Regione
Emilia-Romagna
La partecipazione diretta della Regione Emilia-Romagna sara'
determinata con atto della Giunta regionale, nei limiti delle risorse
disponibili, sulla base di una prima istruttoria dei progetti
presentati per quanto riguarda l'ammissibilita' degli stessi e di una
valutazione finale in relazione alle priorita' di cui al punto
precedente.
Con il medesimo atto si provvedera' alla definizione delle modalita'
di liquidazione.
11. Informativa per il trattamento dei dati
1 Premessa
Ai sensi dell'art. 13 del DLgs 196/03 "Codice in materia di protezione
dei dati personali" (di seguito denominato "Codice"), la Regione
Emilia-Romagna, in qualita' di "Titolare" del trattamento, e' tenuta a
fornire informazioni in merito all'utilizzo dei dati personali
richiesti con il presente avviso.
Il trattamento dei dati per lo svolgimento di funzioni istituzionali
da parte della Regione Emilia-Romagna, in quanto soggetto pubblico non
economico, non necessita del consenso degli interessati.
2 Fonte dei dati personali
La raccolta dei dati personali viene effettuata registrando i dati
forniti dagli interessati al momento della presentazione della
domanda.
3 Finalita' del trattamento
I dati personali sono trattati per le seguenti finalita':
1a) istruttoria per la partecipazione della Regione Emilia-Romagna ad
iniziative di promozione del territorio;
2b) elaborazioni statistiche.
4 Modalita' di trattamento dei dati
In relazione alle finalita' descritte, il trattamento dei dati
personali avviene mediante strumenti manuali, informatici e telematici
con logiche strettamente correlate alle finalita' sopra evidenziate e,
comunque, in modo da garantire la sicurezza e la riservatezza dei dati
stessi.
Adempiute le finalita' prefissate, i dati verranno cancellati o
trasformati in forma anonima.
5 Facoltativita' del conferimento dei dati
Il conferimento dei dati e' facoltativo, ma in mancanza non sara'
possibile adempiere alle finalita' descritte al punto 3 "Finalita' del
trattamento".
6 Categorie di soggetti ai quali i dati possono essere comunicati o
che possono venirne a conoscenza in qualita' di Responsabili o
Incaricati
I dati personali dei soggetti interessati potranno essere conosciuti
esclusivamente dagli operatori del Servizio Cultura, Sport e Progetto
giovani della Regione Emilia-Romagna, individuati quali incaricati del
trattamento.
Esclusivamente per le finalita' previste al precedente paragrafo 3
(Finalita' del trattamento) possono venire a conoscenza dei dati
personali societa' terze fornitrici di servizi per la Regione
Emilia-Romagna, previa designazione in qualita' di responsabili del
trattamento e garantendo il medesimo livello di protezione.
7 Diritti dell'Interessato
Si informa, infine, che la normativa in materia di protezione dei dati
personali conferisce agli interessati la possibilita' di esercitare
specifici diritti, in base a quanto indicato all'art. 7 del "Codice"
che qui si riporta:
1. L'interessato ha diritto di ottenere la conferma dell'esistenza o
meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora
registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L'interessato ha diritto di ottenere l'indicazione:
1a) dell'origine dei dati personali;
2b) delle finalita' e modalita' del trattamento;
3c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con
l'ausilio di strumenti elettronici;
4d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del
rappresentante designato ai sensi dell'art. 5, comma 2;
5e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati
personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza
in qualita' di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di
responsabili o incaricati.
3. L'interessato ha diritto di ottenere:
1a) l'aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse,
l'integrazione dei dati;
2b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco
dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non
e' necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i
dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
3c) l'attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono
state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro
contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi,
eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o
comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al
diritto tutelato.
4. L'interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
1a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo
riguardano, ancorche' pertinenti allo scopo della raccolta;
2b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio
di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di
ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
8 Titolare e Responsabili del trattamento
Il Titolare del trattamento dei dati personali di cui alla presente
informativa e' la Regione Emilia-Romagna, con sede in Bologna, Viale
Aldo Moro n. 52, cap. 40127.
La Regione Emilia-Romagna ha designato quale Responsabile del
trattamento, il Direttore generale Cultura, Formazione e Lavoro. Lo
stesso e' responsabile del riscontro, in caso di esercizio dei diritti
sopra descritti.
Al fine di semplificare le modalita' di inoltro e ridurre i tempi per
il riscontro, si invita a presentare le richieste, di cui al
precedente paragrafo, alla Regione Emilia-Romagna, Ufficio per le
Relazioni con il pubblico (URP), per iscritto o recandosi direttamente
presso lo sportello URP.
L'URP e' aperto dal lunedi' al venerdi' dalle 9 alle 13 in Viale Aldo
Moro n. 52, 40127 Bologna (Italia): telefono 800-662200, fax
051-5275360, e-mail: urp@regione.emilia-romagna.it.
Le richieste di cui all'art. 7 del Codice comma 1 e comma 2 possono
essere formulate anche oralmente.
(segue allegato fotografato)

Azioni sul documento

ultima modifica 2023-05-19T21:22:53+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina