REGIONE EMILIA-ROMAGNA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 16 luglio 2008, n. 1098

Asse III del POR 2007-2013: approv.ne modalita' e dei criteri concessione contrib. concedibili in attuazione Attivita' III 1.2 sostegno a progetti innovativi nel campo delle tecnologie energetico-ambientali. I bando

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA
Visti:
- la Decisione C(2007) n. 3875 del 7 agosto 2007, con la quale la
Commissione Europea ha approvato il Programma Operativo regionale (in
seguito POR) FESR 2007-2013 dell'Emilia-Romagna nel suo testo
definitivo;
- la deliberazione di Giunta n. 1343 del 10 settembre 2007, con la
quale si e' preso atto della sopra citata decisione della Commissione
Europea;
- il Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio dell'11 luglio 2006,
recante disposizioni generali sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di
coesione e che abroga il Regolamento (CE) n. 1260/1999 ed in
particolare l'art. 32;
- il Regolamento (CE) n. 1080/2006 del Parlamento Europeo e del
Consiglio, del 2 luglio 2006 relativo al Fondo europeo di sviluppo
regionale e recante abrogazione del Regolamento (CE) n. 1783/1999;
- il Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione dell'8 dicembre
2006 che stabilisce modalita' di applicazione, fra gli altri, del
Regolamento (CE) n. 1083/2006;
- i criteri di selezione delle operazioni del Programma Operativo
Regionale (POR), approvati il 5 dicembre 2007 dal Comitato di
Sorveglianza del POR FESR istituito con delibera della Giunta
regionale 1656/07;
viste inoltre:
- la L.R. 23 dicembre 2004, n. 26, recante "Disciplina della
programmazione energetica territoriale ed altre disposizioni in
materia di energia";
- la deliberazione dell'Assemblea Legislativa 14 novembre 2007, n.
141, recante "Approvazione del Piano Energetico regionale. (Proposta
della Giunta regionale in data 10 gennaio 2007, n. 6)";
- la deliberazione dell'Assemblea legislativa 4 marzo 2008, n. 156,
recante "Approvazione dell'atto di indirizzo e coordinamento sui
requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione
energetica degli edifici. (Proposta della Giunta regionale in data 16
novembre 2007, n. 1730)";
premesso:
- che il POR 2007-2013 contiene l'Asse 3 recante "Qualificazione
energetico-ambientale e sviluppo sostenibile", il cui obiettivo
specifico e' quello di promuovere la competitivita' energetica e la
riqualificazione energetico-ambientale del sistema produttivo;
- che il suddetto obiettivo viene perseguito attraverso tre specifiche
attivita' tra le quali l'Attivita' III.1.2, avente come finalita'
quella del sostegno a progetti innovativi nel campo delle tecnologie
energetico-ambientali volti al risparmio energetico e all'utilizzo di
fonti rinnovabili;
- che, in particolare, la suddetta attivita':
- e' finalizzata al sostegno della qualificazione del sistema
produttivo regionale attraverso interventi puntuali, nelle PMI, che
promuovano il risparmio e l'autoproduzione energetica e l'utilizzo di
energia da fonti rinnovabili, anche nell'ottica della riduzione delle
emissioni inquinanti;
- mira a promuovere la realizzazione e trasformazione di impianti e
dotazioni tecnologiche nelle PMI funzionali all'uso efficiente
dell'energia, al risparmio energetico nei sistemi illuminanti, alla
valorizzazione delle fonti rinnovabili, alla diffusione della
cogenerazione, della trigenerazione e quadrigenerazione in auto
produzione, della telegestione e telecontrollo delle utenze termiche
ed elettriche, anche sulla base di diagnosi energetiche e attraverso
l'applicazione di tecniche di certificazione energetica degli
insediamenti produttivi;
ritenuto opportuno, al fine di dare attuazione alla suddetta
attivita', approvare l'Allegato 1 - parte integrante e sostanziale del
presente provvedimento - recante le modalita' e i criteri per la
concessione del contributo erogabile in attuazione della suddetta
Attivita' III.1.2;
preso atto:
- che il Comitato di sorveglianza del POR FESR 2007-2013, istituito
con delibera di Giunta 1656/07, nella riunione del 5 dicembre 2007 ha
approvato, con riferimento agli interventi finanziati nell'ambito
dell'Attivita' III. 1. 2, i seguenti criteri di ammissibilita',
valutazione e priorita':
1. criteri di ammissibilita':
a) coerenza degli interventi proposti nella domanda con l'obiettivo
specifico ed il contenuto del POR;
b)  rispetto degli interventi proposti nella domanda con quanto
stabilito nella normativa comunitaria, nazionale e regionale in tema
di ambiente, energia e fonti rinnovabili;
c) coerenza degli interventi proposti nella domanda con le strategie
regionali in materia di politica energetica (Piano Energetico
Regionale e relativo piano triennale di attuazione adottato
dall'Assemblea legislativa con delibera n. 2130 del 14/11/2007);
2. criteri di valutazione:
a) Qualita' tecnica del progetto in termini di:
- massimizzazione del contributo degli interventi proposti alla
riduzione dell'emissione di gas serra;
- minimizzazione degli impatti ambientali correlati alla realizzazione
degli interventi proposti e all'adeguamento di impianti di produzione
e distribuzione di energia;
- contributo degli interventi proposti all'utilizzo di fonti
rinnovabili, alla riduzione dei consumi energetici ed
all'autosufficienza energetica dell'impresa ed all' uso efficiente
delle fonti di energia;
b) Qualita' economico finanziaria del progetto in termini di:
- congruenza tra il piano finanziario per la realizzazione degli
interventi proposti e gli obiettivi del progetto;
- capacita' di cofinanziamento dei proponenti;
3. criteri di priorita':
a) progetti presentati da imprese localizzate nelle aree produttive
ecologicamente attrezzate;
b) rilevanza della componente femminile/giovanile in termini di
partecipazione societaria e/o finanziaria al capitale sociale;
c) eventuale applicazione delle BAT (Best Avalilable Techniques)
previste dalla Direttiva 9661/CE (IPPC - Integrated Pollution
Prevention and Control);
- che, non potendo ancora - in questa fase di primo avvio degli
interventi a valere sul POR FESR 2007/2013 e nell'attesa della
imminente attivazione dell'Attivita' III.1.1 del POR medesimo - essere
individuate specifiche aree produttive industriali e artigianali
aventi le caratteristiche di aree ecologicamente attrezzate ai sensi
di quanto disposto nell'atto di indirizzo e coordinamento approvato
con delibera dell'Assemblea legislativa 118/07, il criterio di
priorita' di cui alla lettera a) del precedente punto 3 non puo',
nell'ambito del primo bando di attuazione dell'attivita' III.1.2,
essere utilizzato;
dato atto che alla valutazione tecnica delle domande di contributo
provvedera', secondo i criteri sopra definiti, un nucleo di
valutazione nominato con provvedimento del Direttore generale alle
Attivita' produttive, Commercio, Turismo;
dato, inoltre, atto che l'onere finanziario complessivo afferente
l'attuazione del presente provvedimento trovera' copertura finanziaria
nei seguenti capitoli del bilancio regionale per l'esercizio
finanziario 2008:
- Capitolo 23636 "Contributi a imprese per la realizzazione di
interventi per la qualificazione energetico-ambientale e lo sviluppo
sostenibile - Asse 3 - Programma Operativo 2007/2013 - Contributo CE
sul FESR (Reg. 1083 dell'11 luglio 2006; Dec. C (2007) 3875 del 7
agosto 2007)" - Mezzi U.E. - UPB 1.3.2.3.8365;
- Capitolo 23652 "Contributi a imprese per la realizzazione di
interventi per la qualificazione energetico-ambientale e lo sviluppo
sostenibile - Asse 3 - Programma Operativo 2007/2013 (Legge 16 aprile
1987, n. 183; Delibera CIPE 15 giugno 2007, n. 36; Dec. C (2007) 3875
del 7 agosto 2007)" - Mezzi Statali - UPB 1.3.2.3.8366;
- Capitolo 21071 "Contributi a imprese e loro forme associate per la
realizzazione di sistemi tecnologici che utilizzano fonti rinnovabili
o assimilate di energia o sistemi a basso consumo energetico nonche'
per interventi rivolti all'adozione di misure di risparmio ed
efficienza energetica (art. 2, comma 2, lett. A,  L.R. 23 dicembre
2004, n. 26)" - Mezzi statali - UPB 1.3.2.3.8001;
ritenuto opportuno demandare al dirigente competente per materia:
- l'individuazione, sulla base dei risultati della valutazione tecnica
espletata dal nucleo di valutazione indicato nel paragrafo 11
dell'Allegato 1, dei beneficiari del contributo;
- la quantificazione e la concessione dei contributi secondo i
massimali e i regimi di aiuto applicati;
- l'impegno delle risorse finanziarie sui pertinenti capitoli di
bilancio nonche' la liquidazione dei contributi e la richiesta di
emissione dei relativi titoli di pagamento;
vista la L.R. 26 novembre 2001, n. 43, recante "Testo unico in materia
di organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione
Emilia-Romagna";
richiamate:
- la deliberazione di Giunta regionale 450/07, concernente
"Adempimenti conseguenti alle delibere 1057/06 e 1663/06. Modifiche
agli indirizzi approvati con delibera 447/03 e successive modifiche",
esecutiva ai sensi di legge;
- le deliberazioni di Giunta regionale n. 1057 del 24 luglio 2006, n.
1150 del 31 luglio 2006 e 1663 del 27 novembre 2006;
dato atto del parere di regolarita' amministrativa del presente atto
espresso dal Direttore generale Attivita' produttive, Commercio,
Turismo, dott.ssa Morena Diazzi, ai sensi delle citate L.R. 43/01 e
della deliberazione di Giunta  450/07;
su proposta dell'Assessore alle Attivita' produttive, Sviluppo
economico, Piano Telematico
a voti unanimi e palesi, delibera:
1) di approvare, per le ragioni esposte in premessa e che qui si
intendono integralmente richiamate, l'Allegato 1, parte integrante e
sostanziale del presente provvedimento, recante le modalita' e i
criteri per la concessione del contributo regionale erogabile in
attuazione della suddetta Attivita' III.1.2;
2) di dare atto che alla valutazione tecnica delle domande di
contributo provvedera' un nucleo di valutazione nominato con
provvedimento del Direttore generale alle Attivita' produttive,
Commercio, Turismo;
3) di prendere atto dei criteri di ammissibilita', valutazione e
priorita' indicati in premessa e stabiliti, nella riunione del 5
dicembre 2007, dal Comitato di sorveglianza del POR FESR 2007-2013,
istituito con delibera di Giunta 1656/07;
4) di dare atto che, non potendo ancora - in questa fase di primo
avvio degli interventi a valere sul POR FESR 2007/2013 e nell'attesa
della imminente attivazione dell'Attivita' III.1.1 del POR medesimo -
essere individuate specifiche aree produttive industriali e
artigianali aventi le caratteristiche di aree ecologicamente
attrezzate ai sensi di quanto disposto nell'atto di indirizzo e
coordinamento approvato con delibera dell'Assemblea legislativa
118/07, il criterio di priorita' di cui alla lettera a) del punto 3 di
cui alla premessa non puo', nell'ambito del primo bando di attuazione
dell'Attivita' III.1.2, essere utilizzato;
5) di dare atto che l'onere finanziario complessivo afferente
l'attuazione del presente provvedimento trovera' copertura finanziaria
nei seguenti capitoli del bilancio regionale per l'esercizio
finanziario 2008:
- Capitolo 23636 "Contributi a imprese per la realizzazione di
interventi per la qualificazione energetico-ambientale e lo sviluppo
sostenibile - Asse 3 - Programma Operativo 2007/2013 -  Contributo CE
sul FESR (Reg. 1083 dell'11 luglio 2006; Dec. C (2007) 3875 del 7
agosto 2007)" - Mezzi U.E. - UPB 1.3.2.3.8365;
- Capitolo 23652 "Contributi a imprese per la realizzazione di
interventi per la qualificazione energetico-ambientale e lo sviluppo
sostenibile - Asse 3 - Programma Operativo 2007/2013 (Legge 16 aprile
1987, n. 183; delibera CIPE 15 giugno 2007, n. 36; Dec. C (2007) 3875
del 7 agosto 2007)" - Mezzi Statali - UPB 1.3.2.3.8366;
- Capitolo 21071 "Contributi a imprese e loro forme associate per la
realizzazione di sistemi tecnologici che utilizzano fonti rinnovabili
o assimilate di energia o sistemi a basso consumo energetico nonche'
per interventi rivolti all'adozione di misure di risparmio ed
efficienza energetica (art. 2, comma 2, lett. A, L.R 23 dicembre 2004,
n. 26)" - Mezzi statali - UPB 1.3.2.3.8001;
6) di demandare al dirigente regionale competente per materia:
- l'individuazione, sulla base dei risultati della valutazione tecnica
espletata dal nucleo di valutazione indicato nel paragrafo 10
dell'Allegato 1, dei beneficiari del contributo;
- la quantificazione e la concessione dei contributi secondo i
massimali e i regimi di aiuto applicati;
- l'impegno delle risorse finanziarie sui pertinenti capitoli di
bilancio nonche' la liquidazione dei contributi e la richiesta di
emissione dei relativi titoli di pagamento;
- la successiva approvazione, con proprio provvedimento, della
modulistica relativa alla rendicontazione delle spese;
- l'eventuale modifica della modulistica approvata con il presente
provvedimento e con il provvedimento di cui all'alinea precedente del
presente dispositivo;
7) di pubblicare il testo integrale della presente deliberazione, con
i relativi allegati, nel Bollettino Ufficiale della Regione
Emilia-Romagna (B.U.R.E.R.);
8) di richiamare, per tutto quanto non espressamente indicato nel
presente dispositivo, quanto contenuto nelle premesse sopra
riportate.
(segue allegato fotografato)

Azioni sul documento

ultima modifica 2023-05-19T21:22:53+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina