REGIONE EMILIA-ROMAGNA

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO BACINI DEGLI AFFLUENTI DEL PO 30 aprile 2008, n. 4860

Azienda agricola Allegri Natalina - Domanda 8/2/2007 di concessione di derivazione d'acqua pubblica, per uso irriguo, dalle falde sotterranee in comune di Soragna (PR), loc. Carzeto. Regolamento regionale n. 41 del 20 novembre 2001, artt. 5 e 6. Concessione di derivazione

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO
(omissis)	determina:
a) di assentire all'azienda agricola Allegri Natalina, con sede legale
in comune di Parma, Via Chiesa di Castelnuovo n. 4, e legalmente
domiciliata presso la sede del Comune di Soragna (PR), la concessione
a derivare acqua pubblica dalle falde sotterranee in comune di Soragna
(PR) loc. Carzeto, senza restituzione, da destinare ad uso irrigazione
agricola, nella quantita' stabilita fino ad un massimo e non superiore
a 0,15 mod. (15 1/s), per un volume complessivo di circa 4308 mc/anno
d'acqua;
b) di stabilire che la concessione di derivazione sia accordata a
decorrere dalla data del presente provvedimento e per un periodo
successivo e continuo fino al termine del 31 dicembre 2015, con
possibilita' di rinnovazione alle condizioni di cui all'art. 27 del
R.R. 41/01 ed esercitata nel rispetto degli obblighi e delle
condizioni contenute nel disciplinare, che costituisce parte
integrante del presente atto, mediante le opere di presa ed adduzione
descritte nei progetti di massima e definitivi indicati nel
disciplinare medesimo;
c) di fissare la quantita' massima d'acqua da derivare in 15 1/s, pari
a 0,15 moduli massimi;
(omissis)
Estratto del disciplinare di concessione, parte integrante della
determina n. 4860 in data 30/4/2008
(omissis)
Art. 4 - Condizioni particolari cui dovra' soddisfare la derivazione
E' proibito permettere ad altri l'utilizzazione dell'acqua.
E' vietato, inoltre, apportare varianti, spostamenti, trasformazioni
alle opere di derivazione e all'uso dell'acqua senza la preventiva
autorizzazione del Servizio Tecnico dei Bacini degli affluenti del Po,
che potra' concederla di volta in volta, a seconda delle necessita' e
dara' le opportune disposizioni per l'esercizio della derivazione.
L'inosservanza di tali divieti comporta la decadenza dal diritto a
derivare a norma dell'art. 32 del regolamento regionale 41/01.
(omissis)
IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO
G. Larini

Azioni sul documento

ultima modifica 2023-05-19T21:22:53+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi ?

Piè di pagina