REGIONE EMILIA-ROMAGNA

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO FITOSANITARIO 19 dicembre 2006, n. 17936

L.R. 15/99. Approvazione graduatoria domande contributo per abbattimento di drupacee colpite da Sharka nel 2006 - Assunzione impegno e liquidazione 80%

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO
Premesso:
- che con la Legge 1 luglio 1997, n. 206 "Norme in favore delle
produzioni agricole danneggiate da organismi nocivi", e' stato
introdotto un intervento contributivo in favore delle aziende tenute
all'estirpazione di piante infette, tra l'altro, da Sharka e situate
in zone soggette alla lotta obbligatoria ai sensi del D.M. 29 novembre
1996;
- che, al fine di dare attuazione a tale legge, con deliberazione n.
1782 del 12 ottobre 1998, ratificata dal Consiglio regionale con atto
n. 1021 del 23 novembre 1998, la Giunta regionale ha provveduto a
definire specifici criteri;
- che con la L.R. 27 luglio 1999, n. 15 "Interventi urgenti per la
prevenzione dei danni alla frutticoltura prodotti da Sharka" la
Regione e' stata autorizzata ad intervenire con proprie risorse nei
confronti esclusivamente delle aziende tenute all'abbattimento di
piante di drupacee infette da Sharka utilizzando, come previsto al
comma 2 dell'art. 1 della medesima L.R. 15/99, i criteri gia'
stabiliti per l'attuazione della Legge 206/97;
- che con la Legge 17 agosto 1999, n. 307 "Disposizioni in materia di
interventi del Fondo di solidarieta' nazionale in favore delle aziende
agricole danneggiate da fitopatologie di eccezionale gravita'" e'
stato disposto il rifinanziamento della sopra citata Legge 206/97;
dato atto che le risorse assegnate alla Regione in base alle citate
norme nazionali sono state integralmente utilizzate nel rispetto dei
criteri definiti con la richiamata deliberazione 1782/98;
richiamati:
- l'art. 129, comma 1, lettera f) della Legge 23 dicembre 2000, n. 388
(Legge finanziaria 2001) con il quale sono stati disposti
finanziamenti per interventi strutturali negli impianti frutticoli
colpiti da Sharka;
- il Decreto del Ministero delle Politiche Agricole e Forestali n.
100.522 del 9 aprile 2001 con il quale sono stati stabiliti i limiti
massimi di intervento;
dato atto che con deliberazione n. 1775 del 30 settembre 2002,
ratificata dal Consiglio regionale con atto n. 413 del 29 ottobre 2002
- al fine di consentire la corretta attivazione della linea di
finanziamento rappresentata dalla Legge 388/00 e la prosecuzione degli
interventi finanziari previsti dalla L.R. 15/99 - la Giunta regionale
ha provveduto ad apportare le necessarie modifiche ai criteri gia'
stabiliti con la citata deliberazione 1782/98;
preso atto, pertanto:
- che le attuali linee di finanziamento per interventi in favore delle
produzioni agricole frutticole danneggiate da organismi nocivi sono
riferite agli interventi in favore delle aziende colpite da Sharka;
- che dette linee sono rappresentate dalla L.R. 15/99 e dalla Legge
388/00;
vista la L.R. 22 dicembre 2005, n. 21 di approvazione del Bilancio di
previsione per l'esercizio finanziario 2006 e pluriennale 2006-2008,
nonche' la L.R. 28 luglio 2006, n. 14 di assestamento ai medesimi
bilanci;
dato atto che le predette linee di finanziamento sono attive nel
bilancio regionale per l'esercizio in corso sui seguenti capitoli di
spesa:
- Capitolo 12027 "Contributi a favore di aziende tenute
all'abbattimento di piante di drupacee infette da Sharka (L.R. 27
luglio 1999, n. 15)", compreso nell'Unita' Previsionale di Base
1.3.1.2.5300 "Prevenzione danni alla frutticoltura";
- Capitolo 12025 "Contributi alle aziende per l'estirpazione ed il
reimpianto di drupacee e rosacee colpite rispettivamente dalle
infezioni di Sharka e di Erwinia amylovora (Legge 1 luglio 1997, n.
206) - Mezzi statali", compreso nell'Unita' Previsionale di Base
1.3.1.3.6100 "Sussidi alle aziende per la distruzione ed il reimpianto
di piante inidonee - Risorse statali";
dato atto del proprio comunicato, pubblicato nel Bollettino Ufficiale
della Regione Emilia-Romagna n. 126 - parte seconda del 30 agosto
2006, con il quale si e' provveduto ad aprire i termini per la
presentazione delle domande per l'accesso ai contributi per gli
abbattimenti di piante di drupacee infette da Sharka imposti nel corso
del 2006;
preso atto:
- che i contributi concedibili devono essere calcolati secondo i
parametri di contributo per l'estirpazione, il mancato reddito ed il
reimpianto di coltivazioni frutticole indicati al punto 3) del
dispositivo della citata deliberazione 1782/98 e al relativo punto 5
dell'Allegato parte integrante e sostanziale della medesima
deliberazione, cosi' come modificata dalla deliberazione 1775/02,
secondo quanto di seguito riportato:
Eta' dell'impianto	Euro per pianta	Euro per ettaro
I anno di impianto	23,24	fino ad un massimo di  6.972,17
II anno di impianto	29,05	fino ad un massimo di  8.521,54
III anno di impianto	34,86	fino ad un massimo di 10.458,25
dal IV anno al IX anno di impianto	36,80	fino ad un massimo di
13.944,34
X anno di impianto	29,05	fino ad un massimo di 11.620,28
XI anno di impianto	23,24	fino ad un massimo di  9.296,22
dal XII anno di impianto	 7,75	fino ad un massimo di  6.972,17
vivai		 1,03/astone
- che sono ammissibili all'aiuto soltanto le aziende agricole e
vivaistiche che rispondono ai seguenti due requisiti:
- abbiano provveduto all'estirpazione di piante di drupacee in
ottemperanza a quanto disposto dalle specifiche prescrizioni
fitosanitarie emanate dal Servizio Fitosanitario regionale;
- si impegnino al reimpianto anche su altre particelle dell'impresa,
entro le tre annate agrarie successive all'abbattimento delle piante,
fatte salve le limitazioni previste per i beneficiari degli aiuti di
cui ai Regg. CE n. 2200/97 e n. 2467/97 concernenti la concessione di
premi per il risanamento della produzione comunitaria di mele, pere,
pesche e pesche-noci e 1'eventuale divieto al reimpianto stesso
disposto per motivi sanitari dal Servizio Fitosanitario regionale;
- che il punto 4 dell'Allegato della deliberazione 1782/98, cosi' come
modificata dalla deliberazione 1775/02, prevede che nella definizione
della graduatoria siano applicati per le piante di drupacee i seguenti
criteri di priorita':
a) estirpazione di piante in frutteti secondo il seguente ordine:
- pesco
- susino
- albicocco
- ciliegio,
definendo, nell'ambito della stessa specie, le seguenti priorita':
1) abbattimenti su superfici superiori ad 1 (uno) ettaro: la priorita'
e' attribuita alla azienda per la quale risulta piu' elevato il
rapporto tra l'entita' del contributo concedibile e la SAU aziendale
complessivamente investita a rosacee e drupacee al momento degli
abbattimenti;
2) abbattimenti su superfici uguali o inferiori ad 1 (uno) ettaro: la
priorita' e' attribuita all'azienda che ha diritto al contributo di
maggiore entita';
b) estirpazione di astoni in vivaio di:
- pesco
- susino
- albicocco
- ciliegio;
preso atto del verbale relativo all'istruttoria delle domande di
contributo presentate in esito al predetto comunicato - registrato al
protocollo n. AAG/OMP/06/1048227 di questo Servizio in data 17
novembre 2006 e conservato agli atti - dal quale risulta:
- che sono pervenute n. 73 domande relative ad abbattimenti di
drupacee effettuati nel corso del 2006 nel territorio regionale
(Allegato A - parte integrante e sostanziale del presente atto);
- che n. 1 domanda non e' stata ritenuta ammissibile in quanto
l'azienda ha richiesto il contributo per abbattimenti prescritti ed
accertati nell'anno 2005 (Allegato B - parte integrante e sostanziale
del presente atto);
- che l'istruttoria tecnica ha tenuto conto del danno complessivamente
subito dalle aziende ai fini della formulazione di una proposta di
graduatoria e della conseguente quantificazione del contributo
concedibile rispondenti ai criteri stabiliti nella piu' volte citata
deliberazione 1782/98 e successive modifiche sopra riportate;
- che per n. 11 aziende non vi era corrispondenza tra i dati relativi
agli abbattimenti (numero delle piante e superfici interessate)
riportati nella domanda presentata ed i dati riportati nei verbali
redatti dagli Ispettori fitosanitari e che, per questi casi, si e'
provveduto ad effettuare verifiche che hanno permesso di individuare
l'esatto numero delle piante abbattute e le superfici interessate;
- che per n. 40 aziende, gia' interessate da abbattimenti effettuati
precedentemente ed oggetto di precedenti contributi - concessi in
applicazione della Legge 206/97, della L.R. 15/99 e della Legge
388/00, di cui alle deliberazioni 2746/99, 2747/99, 2584/00, 2756/01,
2438/02 ed alle determinazioni 16851/03, 18256/04, 7421/05 e 18659/05
- l'istruttoria ha proceduto alla valutazione complessiva del danno
subito ed alla relativa determinazione del contributo concedibile, con
conseguente calcolo del contributo pari a zero per n. 3 aziende
(Allegato C - parte integrante e sostanziale del presente atto);
- che per tutte le aziende il contributo concedibile e' stato
calcolato pari al 100% del contributo spettante;
- che n. 69 domande sono state ritenute ammissibili e si concretizzano
in n. 94 posizioni di graduatoria, in relazione alle diverse specie
abbattute per le quali il richiedente ha presentato la domanda di
contributo (Allegato D - parte integrante e sostanziale del presente
atto);
- che i criteri di priorita' stabiliti dalla citata deliberazione
regionale 1782/98, cosi' come modificata dalla deliberazione 1775/02,
sono stati applicati, ai fini della formulazione della graduatoria,
come segue:
- priorita' 01: abbattimento di piante di pesco in seguito ad attacchi
di Sharka per superfici superiori ad un ettaro; inserimento in
graduatoria in ordine decrescente in base al rapporto calcolato tra
entita' del contributo e superficie complessivamente investita a
pomacee e drupacee;
- priorita' 02: abbattimento di piante di pesco in seguito ad attacchi
di Sharka per superfici uguali o inferiori ad un ettaro; inserimento
in graduatoria in ordine decrescente in base all'entita' del
contributo;
- priorita' 03: abbattimento di piante di susino in seguito ad
attacchi di Sharka per superfici superiori ad un ettaro; inserimento
in graduatoria in ordine decrescente in base al rapporto calcolato tra
entita' del contributo e superficie complessivamente investita a
pomacee e drupacee;
- priorita' 04: abbattimento di piante di susino in seguito ad
attacchi di Sharka per superfici uguali o inferiori ad un ettaro;
inserimento in graduatoria in ordine decrescente in base all'entita'
del contributo;
- priorita' 05: abbattimento di piante di albicocco in seguito ad
attacchi di Sharka per superfici superiori ad un ettaro; inserimento
in graduatoria in ordine decrescente in base al rapporto calcolato tra
entita' del contributo e superficie complessivamente investita a
pomacee e drupacee;
- priorita' 06: abbattimento di piante di albicocco in seguito ad
attacchi di Sharka per superfici uguali o inferiori ad un ettaro;
inserimento in graduatoria in ordine decrescente in base all'entita'
del contributo;
- per abbattimenti su superfici complessivamente uguali o inferiori ad
un ettaro, a parita' di contributo, la priorita' in graduatoria e'
stata attribuita all'azienda che ha abbattuto il maggior numero di
piante;
dato atto che presso questo Servizio e' conservata tutta la
documentazione inerente le singole domande pervenute;
visto il D.P.R. 3 giugno 1998 n. 252 "Regolamento recante norme per la
semplificazione dei procedimenti relativi al rilascio delle
comunicazioni e delle informazioni antimafia", ed in particolare
l'art. 1, comma 2, lett. e);
vista la L.R. 15 novembre 2001, n. 40 "Ordinamento contabile della
Regione Emilia-Romagna, abrogazione delle L.R. 6 luglio 1977, n. 31 e
27 marzo 1972, n. 4";
verificata la necessaria disponibilita' di cassa nel pertinente
capitolo di bilancio;
ritenuto, pertanto, di dover provvedere con il presente atto:
- a recepire integralmente le risultanze dell'istruttoria compiuta;
- ad approvare la conseguente proposta di graduatoria, dando atto che
il contributo concesso con il presente atto e' pari al 100% di quanto
spettante a ciascuna azienda sulla base dei criteri stabiliti;
- a concedere alle aziende collocate nell'Allegato D il contributo
calcolato in sede di istruttoria tecnica ed a fianco di ciascuna
indicato, per un onere complessivo a carico del bilancio regionale di
Euro 195.505,01;
- ad assumere - ricorrendo le condizioni di cui all'art. 47, comma 2,
della predetta L.R. 40/01 - il relativo impegno di spesa con
imputazione prioritariamente sul citato Capitolo 12027 del bilancio
per l'esercizio finanziario 2006;
- a liquidare, ricorrendo le condizioni di cui all'art. 51, comma 3
della citata L.R. 40/01, come previsto al punto 7) della citata
deliberazione 1782/98, un anticipo pari all'80% del contributo
concesso, a tutte le aziende come riportato nell'Allegato E (parte
integrante e sostanziale del presente atto);
dato atto che, ai sensi di quanto stabilito ai punti 4) e 7) del
dispositivo della deliberazione 1782/98 si provvedera' alla
liquidazione del saldo ad avvenuto accertamento della realizzazione
del reimpianto, fatta eccezione per le aziende per le quali il
reimpianto sia comunque vietato;
viste:
- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 "Testo unico in materia di
organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emi1ia-Romagna";
- la deliberazione della Giunta regionale n. 447, in data 24 marzo
2003, recante "Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e
funzionali fra le strutture e sull'esercizio delle funzioni
dirigenziali" e successive modifiche;
- la deliberazione n. 1057 del 24 luglio 2006, con la quale la Giunta
regionale ha dato corso alla prima fase di riordino delle proprie
strutture organizzative nonche' la successiva deliberazione n. 1150
del 31 luglio 2006 con la quale e' stata conferita efficacia giuridica
agli atti dirigenziali di conferimento degli incarichi di
responsabilita' di struttura e professional;
attestata la regolarita' amministrativa del presente atto ai sensi
della deliberazione 447/03 e successive modifiche;
dato atto del parere di regolarita' contabile espresso dal
Responsabile del Servizio Gestione della spesa regionale dr. Marcello
Bonaccurso, ai sensi della medesima deliberazione 447/03 e successive
modifiche;
determina:
1) di dare attuazione agli interventi contributivi previsti dalla L.R.
15/99 secondo i criteri stabiliti con deliberazione della Giunta
regionale 1782/98, ratificata con atto consiliare 1021/1998 - cosi'
come modificati con deliberazione 1775/02, ratificata con atto
consiliare 413/2002 - con riferimento alle domande pervenute in esito
al proprio comunicato pubblicato nel Bollettino Ufficiale della
Regione Emilia-Romagna n. 126/2006 per gli abbattimenti effettuati nel
corso del 2006;
2) di recepire integralmente le risultanze dell'istruttoria compiuta
sulle domande pervenute sulla base dei predetti criteri e sintetizzate
nel verbale acquisito agli atti di questo Servizio al n. 1048227 di
protocollo in data 17 novembre 2006, nel quale sono indicate:
a) le domande pervenute (Allegato A - parte integrante e sostanziale
del presente atto);
b) la domanda non ammissibile al contributo (Allegato B - parte
integrante e sostanziale del presente atto);
c) le aziende per le quali il contributo e' stato calcolato pari a
zero (Allegato C - parte integrante e sostanziale del presente atto);
d) la proposta di graduatoria delle domande ammissibili costituita da
n. 94 posizioni in relazione alle diverse specie abbattute per le
quali il richiedente ha presentato la domanda di contributo e come
tali collocate in graduatoria in conseguenza delle diverse priorita'
previste (Allegato D - parte integrante e sostanziale del presente
atto);
3) di approvare, pertanto, la graduatoria cosi' come riportata
nell'Allegato D al presente atto dalla quale risulta che l'importo
complessivo del contributo concedibile agli aventi titolo ammonta ad
Euro 195.505,01;
4) di dare atto che le disponibilita' utilizzabili per il
finanziamento della graduatoria qui approvata consentono la
concessione del contributo, nella misura massima dell'importo indicato
in graduatoria, a tutte le aziende presenti nella graduatoria stessa;
5) di concedere, conseguentemente, ai soggetti collocati nella
graduatoria di cui all'Allegato D il contributo a fianco di ciascuno
indicato, fatta salva l'eventuale riduzione all'80% di detto
contributo in presenza del divieto al reimpianto formalmente disposto
per motivi fitosanitari con proprio atto formale;
6) di imputare la somma complessiva di Euro 195.505,01 registrati al
n. 4875 di impegno sul Capitolo 12027 "Contributi a favore di aziende
tenute all'abbattimento di piante di drupacee infette da Sharka (L.R.
27 luglio 1999, n. 15)", compreso nell'Unita' previsionale di base
1.3.1.2.5300 "Prevenzione danni alla frutticoltura" del Bilancio per
l'esercizio finanziario 2006, che presenta la necessaria
disponibilita';
7) di liquidare, ai sensi degli artt. 51 e 52 della L.R. 40/01 e della
deliberazione 447/03, un anticipo di Euro 156.404,03 pari all'80% del
contributo concesso a tutti i soggetti beneficiari come riportato
nell'Allegato E, parte integrante e sostanziale del presente atto
ferme restando le valutazioni in itinere eseguite dall'Ente Regione
sulla base dell'effettivo andamento della spesa interna (liquidita' di
cassa e rispetto dei vincoli dettati dal patto di stabilita');
8) di dare atto che si provvedera' al saldo ad avvenuto accertamento
della realizzazione dei reimpianti previsti entro le tre annate
agrarie successive all'abbattimento delle piante infette, fatta
eccezione per le posizioni in graduatoria nei confronti delle quali,
successivamente all'erogazione dell'acconto, sia stato emesso l'atto
dirigenziale di divieto al reimpianto;
9) di stabilire che, nei confronti delle aziende che non hanno
realizzato il reimpianto entro i termini prescritti, si provvedera'
alla revoca del contributo concesso e all'applicazione di quanto
previsto dall'art. 18, terzo comma della L.R. 15/97;
10) di trasmettere il presente atto a tutti i soggetti in
graduatoria;
11) di pubblicare il presente atto nel Bollettino Ufficiale della
Regione Emilia-Romagna.
IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO
Alberto Contessi
(segue allegato fotografato)

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it