CONSORZIO DI BONIFICA DEL II CIRCONDARIO POLESINE DI S. GIORGIO - FERRARA

APPALTO

Bando di gara progetto lepri e fosse - Opere elettriche - cat. OG10 - Importo a base d'asta Euro 566.017,16

1) Amministrazione appaltante: Consorzio di Bonifica del II
Circondario Polesine di S. Giorgio - Via Mentana n. 7 - 44100 Ferrara
- tel. 0532.218111 - fax: 0532.218150 - e-mail:
appalti@bonifica2.fe.it.
2) Procedura di gara: asta pubblica (pubblico incanto), ai sensi della
Legge 109/94, del DPR 554/99 e, per quanto compatibile, del R.D.
827/24, con aggiudicazione in base al criterio dell'offerta
economicamente piu' vantaggiosa.
3) Descrizione, importo e categoria dei lavori - Pagamenti
3.1) L'appalto ha per oggetto il ripristino della funzionalita'
dell'impianto elettrico a servizio dell'impianto idrovoro Fosse,
mediante la fornitura e l'installazione di apparecchiature elettriche
ed elettroniche, la sostituzione dei cavi elettrici di alimentazione e
degli interruttori di macchina ed il recupero funzionale dei cunicoli
di passaggio dei cavi. I lavori hanno luogo presso l'impianto idrovoro
Fosse in comune di Comacchio - FE;
3.2) l'importo complessivo a base d'asta ammonta ad Euro 566.017,16 ed
e' cosi' composto:
- lavori a corpo soggetti a ribasso Euro 549.592,77;
- somme a disposizione non soggette a ribasso per lavori in economia
Euro 5.164,57;
- oneri per la sicurezza non soggetti a ribasso Euro 11.259,82;
- importo totale dell'appalto Euro 566.017,16;
3.3) i lavori sono interamente riconducibili alla categoria generale
OG10 di cui all'Allegato A del DPR 34/00 e sono pertanto
subappaltabili e/o subaffidabili a cottimo nel limite del 30%;
3.4) il corrispettivo d'appalto e' stabilito in parte a corpo e in
parte in economia, ai sensi degli artt. 326 e 329 della Legge
2248/1865 all. F.
Non verranno erogate anticipazioni sul prezzo del contratto. I lavori
in economia saranno valutati a consuntivo mediante liste settimanali,
in base ai prezzi e alle tariffe stabiliti dalla CCIAA di Ferrara al
momento delle prestazioni. I pagamenti all'Impresa verranno effettuati
mediante acconti in corso d'opera in base ai lavori progressivamente
eseguiti, comprese le somme relative alla sicurezza che saranno
liquidate in misura proporzionale ai lavori, ogni qual volta il
credito lordo maturato dall'Impresa raggiungera' almeno il 20%
dell'importo di contratto.
4) Termine di esecuzione: il termine per dare ultimati i lavori e' di
365 giorni naturali e consecutivi decorrenti dalla consegna.
5) Soggetti ammessi alla gara
5.1) Sono ammessi a presentare offerta esclusivamente i soggetti
previsti dall'art. 10 della Legge 109/94, alle condizioni di cui al
medesimo articolo e dei successivi artt. 11, 12 e 13, nonche' degli
artt. 93, 94, 95, 96 e 97 del DPR 554/99;
sono altresi' ammesse Imprese stabilite in altri Stati aderenti
all'Unione Europea, alle condizioni di cui all'art. 3, comma 7 del DPR
34/00.
Saranno esclusi dalla gara eventuali soggetti diversi o che non
soddisfino le sopra citate condizioni che gli consentono di
partecipare alla gara;
5.2) i consorzi di cui all'art. 10, comma 1, lettere b) e c) della
Legge 109/94 sono obbligati a indicare in sede di offerta per quale o
quali Imprese consorziate esecutrici il consorzio concorre, a pena di
esclusione dalla gara;
5.3) tenuto conto della natura dei lavori in oggetto, le ATI di cui
all'art. 10, comma 1, lettera d) della Legge 109/94 sono ammesse in
forma c.d. "orizzontale". Queste possono presentare l'offerta anche se
non ancora formalmente costituite. In tal caso, l'offerta dovra'
essere sottoscritta da tutte le Imprese componenti. In sede di offerta
dovra' inoltre essere indicata, a titolo impegnativo irrevocabile, la
composizione dell'ATI con i rispettivi ruoli di capogruppo mandataria
e mandanti. Dovranno altresi' essere indicate le iscrizioni possedute
dalle Imprese nella categoria di lavori e rispettiva classifica
inerente l'appalto in oggetto. L'offerta dovra' contenere l'impegno a
costituire formalmente l'ATI in caso di aggiudicazione. Il tutto a
pena di esclusione dalla gara;
5.4) per i consorzi e i gruppi economici di interesse europeo di cui
all'art. 10, comma 1, lettere e) ed e-bis) della Legge 109/94, vale la
medesima disciplina prevista per le ATI;
5.5) a pena di esclusione dalla gara, e' fatto divieto alle Imprese di
parteciparvi in piu' di un contesto associativo di cui all'art. 10,
comma 1, lettere b), c), d), e) ed e-bis) della Legge 109/94, ovvero
di partecipare alla gara anche in forma individuale qualora abbiano
partecipato alla stessa, direttamente o indirettamente, in qualita' di
componenti di uno di tali contesti associativi;
5.6) a pena di esclusione dalla gara, non possono parteciparvi Imprese
che si trovino fra di loro, in qualita' di controllanti o controllate,
in una delle situazioni di controllo di cui all'art. 2359 del Codice
Civile.
6) Requisiti minimi di qualificazione
6.1) Tutte le Imprese singole o componenti di ATI o di consorzi che
concorrono alla gara in forma diretta o indiretta, nonche', per quanto
di loro competenza, le persone fisiche riferite ad esse, devono
possedere i seguenti requisiti minimi di qualificazione di ordine
generale:
a) non devono incorrere od essere incorse in alcuna, delle cause di
esclusione previste dall'art. 75 del DPR 554/99 comma 1, lettere a),
b), c), d), e), f), g), h);
b) devono essere in regola con gli adempimenti in materia di
assunzioni obbligatorie di persone diversamente abili di cui alla
Legge 68/99;
c) devono essere in regola con gli adempimenti in materia di sicurezza
all'interno dell'azienda come previsti dalla vigente normativa di
settore;
d) non devono essersi avvalse di piani individuali di emersione di cui
alla Legge 383/01, oppure, qualora se ne siano avvalse, il periodo di
emersione deve essersi concluso;
e) non deve essere stata applicata nei loro confronti alcuna pena
accessoria ovvero sanzione interdittiva prevista dalle vigenti
normative, comportante l'incapacita' a contrattare con la pubblica
Amministrazione;
6.2) quale requisito minimo di qualificazione di ordine
tecnico-economico, le Imprese singole di cui all'art. 10, comma 1,
lettere a), b) e c) della Legge 109/94 devono possedere attestazione
SOA in corso di validita' con iscrizione nella categoria prevalente
OG10, classifica II;
6.3) quale requisito minimo di qualificazione di ordine
tecnico-economico, le ATI "orizzontali" di cui all'art. 10, comma 1,
lettera d) della Legge 109/94 devono essere composte da due Imprese,
entrambe in possesso di attestazione SOA in corso di validita' con
iscrizione nella categoria prevalente OG10, classifica I;
6.4) si applica altresi' l'art. 95, comma 4 del DPR 554/99 in materia
di Imprese c.d. "cooptate" in seno all'ATI, non in possesso di
qualificazione nella categoria di lavori dell'appalto;
6.5) in mancanza o in difetto di anche uno solo tra i sopra indicati
requisiti minimi di partecipazione di ordine generale e
tecnico-economico, il soggetto concorrente sara' escluso dalla gara.
7) Norme, condizioni e modalita' di partecipazione alla gara - ritiro
documentazione e sopralluogo
7.1) Le norme e condizioni di gara, che ne regolano lo svolgimento e
che integrano il presente bando, sono riportate compiutamente nel
disciplinare di gara, a cui deve tassativamente essere fatto
riferimento ai fini della partecipazione alla gara;
7.2) la documentazione di gara e di progetto, composta dal
disciplinare di gara, dai moduli per le dichiarazioni da rendersi con
l'offerta, dallo schema di contratto, dal capitolato speciale
d'appalto, dal computo metrico, dal cronoprogramma dei lavori, dal
piano di sicurezza e coordinamento e dagli ulteriori elaborati di
progetto, in parte su carta e in parte su CD, puo' essere presa in
visione e ritirata gratuitamente presso lo stesso impianto idrovoro
Fosse che e' sede dei lavori, sito in comune di Comacchio - FE, Via
Argine Agosta (strada che da Comacchio, costeggiando le valli, conduce
alla localita' Anita), esclusivamente nelle giornate del martedi' e
giovedi', dalle ore 9 alle 12 e dalle 14 alle 16, previo appuntamento
da concordare con il tecnico incaricato p.i. Bruschi (tel. 0533.313173
- cell. 348.5294932) o, in sua assenza, con l'ing. Forlani (tel.
0532.218138 - cell. 348.5294965).
In occasione del ritiro degli elaborati, le Imprese dovranno altresi'
effettuare il sopralluogo dell'impianto, che e' obbligatorio ai fini
della partecipazione alla gara.
Il ritiro della documentazione e il sopralluogo devono tassativamente
essere effettuati da un legale rappresentante dell'Impresa, ovvero da
un suo direttore tecnico, ovvero da un suo dipendente tecnico
appositamente delegato. In ogni caso, il soggetto deve presentarsi
munito di documentazione idonea al riconoscimento della sua identita'
e del suo ruolo in seno all'Impresa (documento d'identita',
attestazione SOA, lettera di delega o equipollenti).
Alle Imprese che avranno ritirato la documentazione ed effettuato il
sopralluogo verra' rilasciato un apposito attestato da allegare
all'offerta.
Il ritiro della documentazione e il sopralluogo potranno essere
effettuati fino al giorno 1 settembre 2006 e non oltre;
7.3) eventuali chiarimenti di natura tecnica potranno essere forniti
dal Capo Settore Esercizio e Manutenzione impianti ing. Forlani, di
stanza presso la sede del Consorzio a Ferrara (tel. 0532.218138 -
cell. 348.5294965);
7.4) eventuali chiarimenti di carattere istruttorio relativi alla gara
potranno essere forniti dal Capo Settore Affari generali geom.
Giacometti, di stanza presso la sede del Consorzio a Ferrara (tel.
0532.218122);
7.5) ai fini della semplificazione del procedimento di gara e ai sensi
dell'art. 48 del T.U. DPR 445/00, il Consorzio ha predisposto i moduli
"A" (dichiarazione cumulativa dell'Impresa singola o capogruppo di
ATI), "B" (dichiarazione specifica di persona fisica relativa
all'Impresa) e "C" (dichiarazione cumulativa dell'Impresa mandante di
ATI) per le dichiarazioni che i concorrenti dovranno produrre in sede
di offerta, ad effetto in parte temporaneamente sostitutivo della
documentazione atta a dimostrare ai sensi di legge il possesso dei
requisiti minimi di qualificazione sopra indicati da parte
dell'Impresa e delle persone fisiche che la rappresentano legalmente e
che ne hanno la direzione tecnica, compresi i soggetti eventualmente
cessati dalla carica nel triennio antecedente alla data di
pubblicazione del bando. Il modulo "A" prevede la possibilita' del
rilascio da parte di un legale rappresentante dell'Impresa o di un suo
procuratore legale, sotto la sua responsabilita', anche di
dichiarazioni che riguardano circostanze personali e dati sensibili di
cui il dichiarante sia a conoscenza diretta, riferiti a soggetti
dell'Impresa cessati dalla carica nel triennio antecedente alla data
di pubblicazione del bando, ai sensi dell'art. 47, comma 2 del T.U.
DPR 445/00.
L'utilizzo dei moduli e' obbligatorio, a pena di esclusione dalla
gara.
Eventuali dichiarazioni integrative potranno essere rilasciate ai
sensi degli artt. 46 e 47 del T.U. DPR 445/00;
7.6) le offerte devono pervenire presso la sopra intestata sede del
Consorzio entro le ore 12 del giorno 25 settembre 2006, secondo le
modalita' indicate nel disciplinare di gara.
8) Cauzioni e garanzie - Spese vive di gara e di contratto
8.1) All'atto dell'offerta, le Imprese concorrenti devono provvedere
al pagamento del contributo pari ad Euro 50,00 a favore dell'Autorita'
per la Vigilanza sui LL.PP., secondo le modalita' indicate nel
disciplinare di gara;
8.2) all'atto dell'offerta, le Imprese concorrenti devono altresi'
rilasciare una cauzione provvisoria pari al 2% dell'importo a base
d'asta, e quindi dell'importo di Euro 11.320,34, fatta salva
l'applicabilita' della riduzione del 50% prevista dall'art. 8, comma
11-quater della Legge 109/94, secondo le modalita' indicate nel
disciplinare di gara;
8.3) prima della stipulazione del contratto d'appalto, l'Impresa
aggiudicataria dovra' rilasciare una cauzione definitiva pari al 10%
dell'importo di aggiudicazione, eventualmente maggiorata in relazione
al ribasso offerto, fatta salva l'applicabilita' della riduzione del
50% prevista dall'art. 8, comma 11-quater della Legge 109/94;
8.4) prima della stipulazione del contratto d'appalto, l'Impresa
aggiudicataria dovra' inoltre stipulare una polizza assicurativa a
copertura di eventuali danni alle opere e della, responsabilita'
civile dell'Impresa verso terzi, con massimali non inferiori
all'importo di contratto per le opere da realizzare, Euro 100.000,00
per le opere preesistenti, Euro 25.000,00 per costi di demolizione e
sgombero ed Euro 500.000,00 per RCT;
8.5) prima della stipulazione del contratto d'appalto, l'Impresa
aggiudicataria dovra' altresi' versare la somma di Euro 1.500,00 a
titolo di fondo per le spese vive di contratto relative alle imposte
di registro e di bollo che sono a carico dell'Impresa;
8.6) all'atto della liquidazione finale dei lavori, l'Impresa
appaltatrice dovra' rilasciare una polizza fidejussoria a garanzia
della rata di saldo;
8.7) su tutti i componenti dell'impianto e sull'impianto nel suo
insieme e' richiesta direttamente all'Impresa appaltatrice una
garanzia di perfetta efficienza e funzionalita' di 3 anni.
9) Criterio di aggiudicazione - Svolgimento della gara
9.1) Ai sensi della determinazione dell'Autorita' per la Vigilanza sui
LL.PP. n. 6 del 22 giugno 2005 e dell'art. 21, comma 1-ter della Legge
109/94, l'aggiudicazione sara' effettuata con il criterio dell'offerta
economicamente piu' vantaggiosa, determinata mediante la valutazione
congiunta dei seguenti elementi;
1) prezzo, indicato mediante ribasso sull'importo a base d'asta di
Euro 549.592,77, a cui e' assegnata l'incidenza del 50%;
2) valore tecnico-funzionale dell'impianto, a cui e' assegnata
l'incidenza del 40%;
3) elementi di garanzia dell'impianto, a cui e' assegnata l'incidenza
del 10%.
Ai fini dell'attribuzione del giudizio di merito tecnico, le Imprese
devono presentare una relazione tecnica che illustri, anche con
specifici calcoli, i piu' significativi aspetti esecutivi di dettaglio
dei componenti d'impianto e dei lavori proposti. Il tutto secondo le
piu' precise indicazioni contenute nel disciplinare di gara.
Le condizioni e i criteri di valutazione dei suddetti elementi e le
conseguenti modalita' di assegnazione dei punteggi, espressi in
centesimi, sono dettagliati nel disciplinare di gara;
9.2) la gara sara' condotta da un'apposita Commissione interna
nominata dal Consorzio.
Le sedute pubbliche di gara si svolgeranno alla presenza di un notaio
che ne estendera' i relativi verbali. Sono ammessi a presenziare alle
sedute pubbliche i legali rappresentanti delle Imprese offerenti, i
loro procuratori legali muniti di procura o i loro delegati muniti di
delega. La prima seduta pubblica gara, durante la quale verranno
valutati i requisiti di qualificazione delle Imprese concorrenti ed
espletate le formalita' di rito, si svolgera' presso la sopra
intestata sede del Consorzio il giorno 26 settembre 2006 con inizio
alle ore 9. Le valutazioni di ordine tecnico saranno effettuate dalla
Commissione in sedute di gara riservate, ad esito delle quali la
Commissione produrra' una relazione contenente i punteggi assegnati
agli elementi tecnici delle offerte. La seconda seduta pubblica di
gara, durante la quale verranno aperte le buste contenenti le offerte
di ribasso sul prezzo a base d'asta e stilata la graduatoria, sara'
convocata mediante telegramma con anticipo non inferiore a 5 giorni;
9.3) qualora ne ravveda l'opportunita', e' facolta' della Commissione
richiedere chiarimenti di natura tecnica alle Imprese concorrenti in
fase di valutazione delle relazioni tecniche che fanno parte delle
offerte.
Qualora giudichi non idonei, eccessivamente carenti od obiettivamente
non valutabili gli elementi tecnici illustrati e proposti, e' facolta'
della Commissione non accettarli ed escludere le relative offerte,
senza conoscere i ribassi proposti. Qualora rilevi ribassi che
presentino un carattere anormalmente basso rispetto alle prestazioni,
e' facolta' della Commissione procedere alla valutazione di congruita'
dei prezzi e all'eventuale esclusione delle offerte giudicate
anormalmente basse, analogamente a quanto previsto per gli appalti di
importo superiore alla soglia comunitaria. In caso di punteggi
complessivi uguali si procedera' a sorteggio.
L'appalto potra' essere aggiudicato anche in presenza di una sola
offerta valida, purche' ritenuta congrua, conveniente e tecnicamente
accettabile dalla Commissione;
9.4) il regolare svolgimento della gara produce l'effetto di
aggiudicazione provvisoria dell'appalto all'Impresa prima
classificata. L'aggiudicazione definitiva sara' disposta
dall'Amministrazione subordinatamente all'accertamento del possesso
dei requisiti di ordine generale per l'esecuzione dei lavori.
Le Imprese concorrenti sono vincolate alla loro offerta per 180 giorni
consecutivi decorrenti dalla data di scadenza per la sua
presentazione.
Il vincolo contrattuale dell'Impresa aggiudicataria nei confronti del
Consorzio sorge quando questa viene a conoscenza dell'aggiudicazione
provvisoria nei suoi confronti. Il vincolo contrattuale del Consorzio
nei confronti dell'Impresa aggiudicataria sorge solo con la
stipulazione del contratto, che fara' seguito all'aggiudicazione
definitiva.
10) Finanziamento: i lavori in oggetto sono di competenza della
Regione Emilia-Romagna e vedono il Consorzio nel ruolo di ente
attuatore e amministrazione appaltante. In particolare, i lavori
costituiscono lo stralcio di opere elettriche facenti parte del
progetto di "adeguamento tecnologico con ripristino delle originarie
condizioni di affidabilita' dei complessi idrovori Lepri e Fosse",
approvato e finanziato dalla Regione con determinazione del
Responsabile Difesa Suolo e Bonifica n. 14645 del 14 ottobre 2004.
11) Altre informazioni
11.1) Non sono ammesse varianti in sede di offerta;
11.2) nei casi previsti dall'art. 10, comma 1-ter della Legge 109/94,
il Consorzio avra' la facolta' di interpellare il secondo
classificato;
11.3) in quanto applicabile, e' ammesso il ricorso a subappalti,
cottimi e subcontratti per attivita' similari nei limiti e ai sensi
dell'art. 18 della Legge 55/90 e dell'art. 141 del DPR 554/99, secondo
le indicazioni e condizioni espresse in materia dall'Autorita' per la
Vigilanza sui LL.PP., con particolare riferimento alla determinazione
n. 6 del 27 febbraio 2003.
E' fatto obbligo all'Impresa di indicare in sede di offerta i lavori
che intende subappaltare o affidare a cottimo.
I pagamenti ai subappaltatori e cottimisti dovranno essere corrisposti
dall'Impresa appaltatrice;
11.4) tutte le eventuali controversie derivanti dal contratto, non
risolte in via amministrativa, saranno deferibili alla competenza
arbitrale ai sensi dell'art. 32 della Legge 109/94 e dell'art. 150 del
DPR 554/99, restando espressamente esclusa, a titolo di clausola
compromissoria tra le parti, la competenza della giustizia ordinaria;
11.5) ai sensi dell'art. 80; comma 4 del DPR 554/99, il presente bando
viene pubblicato in versione integrale nel Bollettino Ufficiale della
Regione Emilia-Romagna e per estratto su due principali quotidiani
aventi particolare diffusione nella provincia di Ferrara.
Il presente bando integrale e' altresi' pubblicato in Internet,
nell'apposito sito della Regione Emilia-Romagna, all'indirizzo web:
www.sitar-er.it.
Copia del presente bando sara' altresi' inoltrata via fax o e-mail a
tutte le Imprese che ne faranno richiesta all'Ufficio Appalti;
11.6) responsabile unico del procedimento e' il Direttore Tecnico del
Consorzio: ing. Gianni Tebaldi.
IL PRESIDENTE
Franco Dalle Vacche
Scadenza: 25 settembre 2006

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it