AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE DI PIACENZA

CONCORSO

Concorso pubblico, per titoli ed esami, per la copertura di n. 1 posto di Collaboratore professionale sanitario Educatore - Cat. D

In esecuzione della decisione 30/5/2006, n. 671 del Direttore
dell'U.O. Risorse umane e' indetto pubblico concorso, per titoli ed
esami, per la copertura dei posti di
Ruolo: Sanitario - Profilo professionale: Collaboratore professionale
sanitario - Categoria D - Qualifica: Educatore
(con aspirante dell'uno o dell'altro sesso) presso l'Azienda Unita'
sanitaria locale di Piacenza.
Il relativo trattamento economico e' quello previsto dal Contratto
collettivo nazionale di lavoro del personale del Comparto Sanita' per
il "Collaboratore professionale sanitario - Educatore - Categoria D".
In applicazione dell'art. 7, comma 1 del DLgs 3/2/1993, n. 29 e'
garantita parita' e pari opportunita' tra uomini e donne per l'accesso
al lavoro ed il trattamento sul lavoro.
Ai sensi dell'art. 3, comma 6 della Legge 15/5/1997, n. 127, la
partecipazione ai concorsi indetti da pubbliche Amministrazioni non e'
soggetta a limiti di eta'.
Non possono accedere all'impiego coloro che siano esclusi
dall'elettorato attivo, nonche' coloro che siano stati dispensati
dall'impiego presso una pubblica Amministrazione per aver conseguito
l'impiego stesso mediante la produzione di documenti falsi o viziati
da invalidita' non sanabile.
Il pubblico concorso potra' essere revocato in conseguenza delle
mutate esigenze dei servizi presidi o altre strutture dell'Azienda
Unita' sanitaria locale, nonche' in conseguenza di norme che
stabiliscano il blocco delle assunzioni.
I requisiti di ammissione al pubblico concorso e le modalita' di
espletamento sono quelli stabiliti dal DPR 27/3/2001, n. 220.
1) Requisiti specifici di ammissione
- Diploma universitario di "Educatore professionale di cui al decreto
8/10/1998, n. 520 o titolo equipollente ai sensi del DM 27/7/2000";
Non sono ammessi al procedimento gli aspiranti in possesso del diploma
di laurea in Scienze dell'Educazione e della Formazione (classe di
laurea 18) - Facolta' di Scienze della Formazione o di Lettere e
Filosofia.
2) Domanda di ammissione al concorso
Le domande di partecipazione al concorso, datate e firmate, redatte in
carta libera ed indirizzate al Direttore generale con la precisa
indicazione del concorso cui l'aspirante intende partecipare, devono
essere inoltrate a mezzo Servizio postale al seguente indirizzo:
Amministrazione dell'Azienda Unita' sanitaria locale di Piacenza -
Corso Vittorio Emanuele n. 169 - (29100) Piacenza, ovvero devono
essere presentate direttamente all'Area Risorse umane. I servizi di
sportello Area Risorse umane sono aperti al pubblico nei seguenti
orari: nei giorni da lunedi' a sabato dalle ore 11 alle ore 13 e il
giovedi' dalle 15 alle 18. All'atto della presentazione della domanda
sara' rilasciata apposita ricevuta.
La domanda deve pervenire, a pena di esclusione dal concorso, entro le
ore 12 del trentesimo giorno non festivo dalla data di pubblicazione
dell'estratto del presente bando nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica. Qualora detto giorno sia festivo, il termine e' prorogato
alla stessa ora del giorno successivo non festivo. Le domande si
considerano prodotte in tempo utile anche se spedite a mezzo di
raccomandata con avviso di ricevimento entro il termine indicato. A
tal fine fa fede il timbro a data dell'Ufficio postale accettante. Il
termine fissato per la presentazione delle domande e dei documenti e'
perentorio; l'eventuale riserva di invio successivo di documenti e'
priva di effetto.
L'Amministrazione non assume responsabilita' per la dispersione di
comunicazioni derivante da inesatta indicazione del recapito da parte
del concorrente oppure di mancata o tardiva comunicazione del
cambiamento di indirizzo indicato nella domanda, ne' per eventuali
disguidi postali o telegrafici o comunque imputabili a terzi, a caso
fortuito o forza maggiore.
Per l'ammissione alla selezione gli aspiranti devono indicare nella
domanda:
a) cognome e nome, la data ed il luogo di nascita, la residenza;
b) il possesso della cittadinanza italiana, salve le equiparazioni
stabilite dalle leggi vigenti, o cittadinanza di uno dei Paesi
dell'Unione Europea;
c) il Comune di iscrizione nelle liste elettorali, ovvero i motivi
della non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;
d) le eventuali condanne penali riportate, ovvero di non aver
riportato condanne penali;
e) i titoli di studio posseduti e gli altri requisiti specifici di
ammissione richiesti;
f) la posizione nei riguardi degli obblighi militari;
g) i servizi prestati come dipendente presso pubbliche Amministrazioni
e le cause di risoluzione di precedenti rapporti di pubblico impiego,
ovvero di non aver mai prestato servizio presso pubbliche
Amministrazioni;
h) il domicilio ed eventualmente il recapito telefonico presso il
quale deve essere fatta all'aspirante, ad ogni effetto, ogni
necessaria comunicazione;
i) le condizioni che danno diritto alla riserva di posti ovvero alla
precedenza e/o preferenza in caso di parita' di punteggio (DPR 487/94,
art. 5).
La domanda che il candidato presenta va firmata in calce senza
necessita' di alcuna autentica (art. 39, DPR 28/12/2000, n. 445).
La mancata sottoscrizione della domanda o l'omessa indicazione anche
di una sola delle sopraindicate dichiarazioni o dei requisiti
richiesti per l'ammissione determina l'esclusione dal concorso.
I beneficiari della Legge 5/2/1992, n. 104, relativa alle integrazioni
sociali ed ai diritti delle persone portatrici di handicap, sono
tenuti ad indicare nella domanda di ammissione le specificazioni
richieste dal comma 2 dell'art. 20 della predetta legge riguardanti
l'ausilio necessario per sostenere le prove d'esame in relazione al
proprio handicap, nonche' l'eventuale necessita' di tempi aggiuntivi
per l'espletamento delle prove previste dal presente bando.
Tutti i dati personali di cui l'Amministrazione sia venuta in possesso
in occasione dell'espletamento dei procedimenti concorsuali verranno
trattati nel rispetto della Legge 675/96; la presentazione della
domanda da parte del candidato implica il consenso al trattamento dei
propri dati personali, compresi i dati sensibili, a cura del personale
assegnato all'ufficio preposto alla conservazione delle domande ed
all'utilizzo delle stesse per lo svolgimento delle procedure
concorsuali.
3) Documentazione da allegare alla domanda
Alla domanda di partecipazione al concorso i candidati devono allegare
tutte le certificazioni relative ai titoli che ritengano opportuno
presentare agli effetti della valutazione di merito e della formazione
della graduatoria, ivi compreso un curriculum formativo e
professionale redatto in carta libera, datato e firmato e debitamente
documentato. I candidati, per quanto attiene il servizio prestato
presso l'Azienda Unita' sanitaria locale di Piacenza od enti confluiti
e per quanto attiene i titoli accademici e di studio, possono fare
riferimento ai documenti contenuti nel proprio fascicolo personale,
precisando gli estremi del servizio ed i singoli titoli accademici e
di studio di cui si chiede la valutazione ai fini dell'ammissione e/o
della valutazione di merito. Alla domanda devono essere uniti i titoli
che conferiscono diritti a precedenza o preferenza nella nomina. I
titoli devono essere prodotti in originale o in copia legale o
autenticata ai sensi di legge o autocertificati nei limiti e con le
modalita' di cui al DPR 445/00. Le pubblicazioni devono essere edite a
stampa. Alla domanda deve essere unito in triplice copia, in carta
semplice, l'elenco dei documenti e dei titoli presentati.
Per l'applicazione delle preferenze di cui al punto 2), lettera i)
previste dalle vigenti disposizioni, devono essere allegate alla
domanda i relativi documenti probatori. Non e' ammessa
l'autocertificazione in materia sanitaria. La documentazione
presentata potra' essere ritirata personalmente o da un incaricato
munito di delega, previo riconoscimento tramite documento d'identita'
valido, solo decorsi 120 giorni dalla data di pubblicazione dalla
graduatoria nel Bollettino Ufficiale della Regione. Trascorso tale
termine la documentazione in argomento sara' rispedita all'aspirante
al recapito indicato nella domanda. La restituzione dei documenti
presentati potra' avvenire anche prima della scadenza del suddetto
termine, per il candidato non presentatosi alle prove d'esame ovvero
per chi, prima dell'insediamento della Commissione esaminatrice,
dichiari espressamente di rinunciare alla partecipazione al concorso.
4) Commissione esaminatrice
La Commissione esaminatrice sara' nominata secondo le modalita'
previste dall'art. 44 del DPR 27/3/2001, n. 220.
5) Prove
Le prove d'esame sono le seguenti:
- prova scritta: vertente su argomento scelto dalla Commissione
attinente alla materia oggetto del concorso;
- prova pratica: consistente nella esecuzione di tecniche specifiche
relative alla materia oggetto del concorso;
- prova orale: vertente sulla materia oggetto del concorso, su
elementi di informatica e sulla verifica delle conoscenze a livello
iniziale di una lingua straniera, a scelta del candidato tra inglese,
francese e spagnolo da precisare nella domanda di partecipazione al
concorso.
Il mancato raggiungimento della valutazione di sufficienza in una
prova comporta l'esclusione dalle prove successive e quindi dal
concorso.
6) Convocazione dei candidati ammessi al concorso e alle prove
d'esame
I candidati ammessi saranno avvisati, con lettera raccomandata con
avviso di ricevimento, del luogo e della data della prova scritta,
almeno 15 giorni prima della data della prova stessa. Il calendario
delle successive prove sara' comunicato nel rispetto dei termini
previsti dal DPR 220/01.
Qualora le prove previste dal bando si svolgano tutte nella stessa
giornata ai candidati sara' trasmesso un unico avviso almeno 20 giorni
prima della data fissata per le prove stesse. Alle prove d'esame i
candidati dovranno presentarsi muniti di documento valido d'identita'
personale, a norma di legge.
7) Approvazione e utilizzazione della graduatoria
La graduatoria dei candidati idonei, formulata dalla Commissione
esaminatrice, previo riconoscimento della sua regolarita', sara'
approvata dal Direttore generale dell'Azienda Unita' sanitaria
locale/Ospedaliera che procedera' altresi' alla nomina dei vincitori.
Tutte le preferenze e le precedenze stabilite dalle vigenti
disposizioni di legge saranno osservate purche' alla domanda di
ammissione al concorso siano uniti i necessari documenti probatori. La
graduatoria di merito del concorso e' pubblicata nel Bollettino
Ufficiale della Regione. La graduatoria rimane efficace per un termine
di ventiquattro mesi dalla data della pubblicazione per eventuali
coperture di posti per i quali il concorso e' stato bandito e che
successivamente ed entro tale data dovessero rendersi disponibili. La
graduatoria, entro il periodo di validita', sara' utilizzata altresi'
per il conferimento secondo l'ordine della stessa, di incarichi per la
copertura di posti della medesima categoria e qualifica, disponibili
per assenze o impedimento del titolare.
8) Adempimenti del vincitore
Il concorrente dichiarato vincitore sara' invitato a stipulare
apposito contratto individuale di lavoro, ex art. 14 del Contratto
collettivo nazionale del lavoro del personale del Comparto Sanita'
(autorizzato con provvedimento del PCM 4/8/1995) subordinatamente alla
presentazione, nel termine di trenta giorni dalla richiesta
dell'Azienda Unita' sanitaria locale dei documenti elencati nella
richiesta stessa, sotto pena di mancata stipulazione del contratto
medesimo.
Il numero dei posti a concorso potra' essere variato in relazione
all'esito della mobilita' di esubero e volontaria indetta da questa
Amministrazione. L'assunzione in servizio potra' essere sospesa, o
comunque ritardata, in relazione alla presenza di norme che
stabiliscono il blocco delle assunzioni.
L'Amministrazione si riserva la facolta', qualora ricorrano motivi di
pubblico interesse, di prorogare, sospendere, revocare il presente
bando di concorso.
Al dipendente assunto a seguito dell'espletamento del presente
concorso si applicheranno le disposizioni di cui all'art. 21, comma 1
del CCNL Comparto 19/4/2004, ai sensi del quale: "il personale ammesso
a particolari corsi di formazione o di aggiornamento (quali ad esempio
corsi post-universitari, di specializzazione, di manegement e master)
a seguito dei relativi piani di investimento dell'azienda o ente, deve
impegnarsi a non accedere alla mobilita' volontaria di cui all'art. 19
del CCNL integrativo del 20 settembre 2001 se non siano trascorsi due
anni dal termine della formazione".
Inoltre, poiche' sussistono le condizioni della perdurante situazione
di carenza d'organico, il personale neo-assunto non potra' accedere
alla mobilita' se non siano trascorsi due anni dall'assunzione,
comprensivi del preavviso previsto dall'art. 19, comma 3 del CCNL
integrativo del 20/9/2001 (art. 21, comma 2 CCNL Comparto 19/4/2004).
Per eventuali chiarimenti, gli aspiranti potranno rivolgersi all'Area
Risorse umane dell'Azienda Unita' sanitaria locale di Piacenza - Corso
Vittorio Emanuele II n. 169 - tel. 0523/301111.".
IL DIRETTORE
Luigi Bassi

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it