REGIONE EMILIA-ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 dicembre 2004, n. 2717

Assegnazione finanziamenti a soggetti pubblici e privati per l'attivazione di iniziative promozionali rivolte a donne con figli minori in situazione di fragilita' psicosociale in attuazione della D.G. 2327/03 ed in applicazione delle delibere di Consiglio regionale 514/03 e 615/04

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA                                          
Viste:                                                                          
- la Legge 8 novembre 2000, n. 328 "Legge quadro per la realizzazione           
del sistema integrato di interventi e servizi sociali" e in                     
particolare l'art. 22, comma 2, lettera e), il quale contempla misure           
di sostegno alle donne in difficolta' per assicurare i benefici                 
disposti dal regio decreto-legge 8 maggio 1927, n. 798, convertito              
dalla Legge 6 dicembre 1928, n. 2838, e dalla Legge 10 dicembre 1925,           
n. 2277, e loro successive modificazioni, integrazioni e norme                  
attuative;                                                                      
- la L.R. 12 marzo 2003, n. 2 "Norme per la promozione della                    
cittadinanza sociale e per la realizzazione del sistema integrato di            
interventi e servizi sociali", la quale prevede che:                            
- i Comuni promuovano e garantiscano  la realizzazione del sistema              
locale dei servizi sociali in rete, al fine  di dare risposta ai                
bisogni sociali della popolazione (art. 5, comma 1);                            
- i servizi e gli interventi del sistema locale comprendono, tra                
l'altro, case e centri antiviolenza, finalizzati a fornire                      
consulenza, ascolto, sostegno ed accoglienza a donne, anche con                 
figli, minacciate o vittime di violenza fisica, sessuale, psicologica           
e di costrizione economica (art. 5, comma 4, lett. f);                          
- il Fondo sociale regionale per le spese correnti operative a                  
sostegno dei servizi e degli interventi e' destinato, tra l'altro,              
per il sostegno dei programmi e delle iniziative volte alla                     
promozione sociale (art. 47, comma 2, lettera a);                               
richiamate:                                                                     
- la L.R. 15 novembre 2001, n. 40 "Ordinamento contabile della                  
Regione Emilia-Romagna. Abrogazione delle L.R. 6/7/1977, n. 31 e                
27/3/1972, n. 4";                                                               
- la L.R. 22 dicembre 2003, n. 29 "Bilancio di previsione della                 
Regione Emilia-Romagna per l'anno finanziario 2004 e Bilancio                   
pluriennale 2004-2006, in particolare la Tabella H";                            
- la L.R. 28 luglio 2004, n. 18 "Assestamento del Bilancio di                   
previsione della Regione Emilia-Romagna per l'esercizio finanziario             
2004 e del Bilancio pluriennale 2004-2006, a norma dell'articolo 30             
della L.R. 15 novembre 2001, n. 40. Primo provvedimento generale di             
variazione";                                                                    
dato atto che con deliberazione n. 514  del 4 novembre 2003 avente              
per oggetto "Programma annuale degli interventi e dei criteri di                
ripartizione delle risorse ai sensi dell'art. 47, comma 3 della L.R.            
12 marzo 2003, n. 2. Stralcio Piano regionale degli interventi e dei            
servizi sociali ai sensi dell'art. 27, L.R. 2/03", il Consiglio                 
regionale alla lettera A) "Sostegno dei programmi e delle iniziative            
volte alla promozione sociale e alle iniziative formative", ha                  
stabilito che:                                                                  
- la Giunta regionale approvera' specifici bandi finalizzati                    
all'accesso di soggetti pubblici e/o privati ai finanziamenti ivi               
previsti;                                                                       
- nell'ambito del programma e delle iniziative sopra citate, destina            
complessivi Euro 130.000,00 del Bilancio di previsione per l'anno               
finanziario 2003 e del Bilancio pluriennale 2003-2005, per la                   
realizzazione e la qualificazione di iniziative e servizi per                   
l'accoglienza e l'autonomia delle donne in difficolta' con figli                
minori in situazione di fragilita' psicosociale come indicato nel               
punto 4 della succitata lettera A);                                             
dato atto che con propria deliberazione n. 2327 del 24 novembre 2003,           
regolarmente esecutiva, recante "Approvazione modalita' di accesso di           
soggetti pubblici e privati ai finanziamenti finalizzati                        
all'attuazione di iniziative promozionali rivolte a donne con figli             
minori in situazione di fragilita' psicosociale in attuazione della             
delibera C.R. 514/03", sono stati approvati i criteri e le modalita'            
di accesso ai finanziamenti di soggetti pubblici e privati per un               
ammontare complessivo di Euro 130.000,00;                                       
richiamata la deliberazione del Consiglio regionale n. 615 del                  
16/11/2004 recante "Programma annuale degli interventi e dei criteri            
di ripartizione delle risorse ai sensi dell'art. 47, comma 3 della              
L.R. 2/03. Stralcio Piano regionale e dei servizi sociali ai sensi              
dell'art. 27, L.R. 2/03 - Anno 2004" in cui, tra l'altro,                       
nell'allegato Programma, parte integrante dell'atto, al punto 3.1               
"Promozione sociale ed iniziative formative"  stabilisce:                       
- alla lettera b) una integrazione di Euro 250.000,00 delle risorse             
destinate a finanziare l'Azione di cui al punto 4), lett. A) del                
Programma allegato alla deliberazione del C.R. 514/03 "Realizzazione            
e qualificazione di iniziative e servizi per l'accoglienza e                    
l'autonomia delle donne in difficolta' con figli minori in situazione           
di fragilita' psicosociale";                                                    
- che la Giunta regionale provvedera' per quanto attiene alle                   
iniziative di cui dalla lettera a) lett. b) all'integrazione delle              
risorse gia' destinate ai bandi di cui, rispettivamente, alle                   
deliberazioni G.R. 2750/03 e 2327/03;                                           
dato atto che, per le iniziative oggetto del presente atto, lo                  
stanziamento complessivo risulta quindi essere di Euro 380.000,00;              
acquisite agli atti del Servizio Politiche familiari, infanzia e                
adolescenza, le domande di ammissione a finanziamento pervenute nei             
termini indicati dalla citata deliberazione 2327/03 corredate dei               
relativi progetti d'intervento;                                                 
dato atto:                                                                      
- che e' stata esperita dal competente Servizio l'istruttoria di                
valutazione dei progetti come previsto alla lettera c) del                      
dispositivo della D.G. 2327/03 contenuti nelle domande pervenute nei            
termini stabiliti;                                                              
- che sulla base della predetta istruttoria e' stato predisposto uno            
specifico piano di riparto per l'assegnazione dei finanziamenti cosi'           
come indicato nelle Tabelle 1 e 2 dell'Allegato A, parte integrante e           
sostanziale della presente deliberazione, che riportano                         
rispettivamente i progetti ammessi a finanziamento ed i progetti                
esclusi per le motivazioni indicate in tabella;                                 
- che per la predisposizione del predetto piano di riparto sono stati           
adottati i criteri di riferimento esplicitamente indicati al punto 3            
dell'Allegato, parte integrante e sostanziale della propria                     
deliberazione 2327/03;                                                          
- che in applicazione dei criteri individuati dalla citata                      
deliberazione 2327/03 l'ammontare del finanziamento concesso per ogni           
intervento ammesso e' pari al 50% della spesa ammissibile a                     
finanziamento fino ad un massimo di Euro 10.000,00 per ciascun                  
progetto e fino ad esaurimento dei fondi a disposizione;                        
ravvisata pertanto la necessita' di provvedere al riparto della somma           
di Euro 341.310,01 in favore di soggetti pubblici e privati e secondo           
gli importi indicati nella citata Tabella 1 dell'Allegato A, parte              
integrante e sostanziale della presente deliberazione, allo scopo di            
assicurare il tempestivo ed indispensabile sostegno finanziario alla            
realizzazione delle iniziative progettuali dei destinatari degli                
interventi;                                                                     
preso atto che per ragioni tecnico-contabili si ritiene di utilizzare           
con il presente provvedimento ai fini della copertura finanziaria               
degli interventi le risorse articolate come segue:                              
- quanto ad Euro 91.310,01 a valere sul Capitolo 57109;                         
- quanto ad Euro 250.000,00 a valere sul Capitolo 57150;                        
richiamate le proprie deliberazioni, esecutive ai sensi di legge:               
- n. 447 del 24 marzo 2003, concernente "Indirizzi in ordine alle               
relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e                         
sull'esercizio delle funzioni dirigenziali";                                    
- n. 1912 del 6 ottobre 2004 avente per oggetto: "DL 12/7/2004, n.              
168 come convertito nella Legge 30 luglio 2004, n.191. Direttive per            
l'applicazione";dato atto ai sensi dell'art. 37, comma 4 della L.R.             
43/01, nonche' della propria deliberazione 447/03:                              
- del parere di regolarita' amministrativa espresso dal Direttore               
generale Sanita' Politiche sociali dott. Franco Rossi;                          
- del parere di regolarita' contabile espresso dal Dirigente                    
Professional "Controllo e presidio dei processi connessi alla                   
gestione dei tributi regionali e alla gestione delle sanzioni                   
tributarie e amministrative" dott.ssa Ernestina Bonazzi in                      
sostituzione della Responsabile del Servizio Bilancio-Risorse                   
finanziarie dott.ssa Amina Curti ai sensi anche delle note del                  
Direttore generale Risorse finanziarie e strumentali prot. n.                   
ARB/DRF/02/59146 del 7/11/2002 e prot. n. ARB/ DRF/03/2445-I del 21             
gennaio 2003;                                                                   
su proposta dell'Assessore alle Politiche sociali. Immigrazione.                
Progetto giovani. Cooperazione internazionale, Gianluca Borghi;                 
a voti unanimi e palesi, delibera:                                              
1) di approvare, per quanto esposto in narrativa che qui s'intende              
integralmente riportato, in attuazione delle deliberazioni del                  
Consiglio regionale 514/03, 615/04 e della propria deliberazione                
2327/03, l'elenco dei progetti pervenuti al Servizio Politiche                  
familiari, infanzia e adolescenza, suddivisi nelle Tabelle 1 e 2 di             
cui all'Allegato A, parte integrante e sostanziale alla presente                
deliberazione, rispettivamente per progetti ammessi a finanziamento e           
di quelli esclusi per le motivazioni riportate in tabella;                      
2) di assegnare, sempre sulla base di quanto indicato in premessa, in           
attuazione delle suindicate deliberazioni, ai soggetti pubblici e               
privati di cui alla Tabella 1 dell'Allegato A al presente atto                  
deliberativo, le somme a fianco di ciascuno indicate, a titolo di               
finanziamento a copertura del 50% delle spese previste per                      
l'attivazione delle iniziative promozionali ivi singolarmente                   
descritte, a norma dell'art. 47, comma 2, lettera a della L.R. 2/03             
per un importo complessivo di Euro 341.310,01;                                  
3) di dare atto che, in attuazione dei criteri individuati dalla                
citata propria deliberazione 2327/03, l'ammontare del finanziamento             
assegnato per ogni intervento e' pari al 50% della spesa ammissibile            
a finanziamento fino ad un massimo di Euro 10.000,00 per ciascun                
progetto;                                                                       
4) di impegnare la spesa complessiva di Euro 341.310,01:                        
- quanto a Euro 250.000,00 registrati al n. 5887 di impegno sul                 
Capitolo 57150 "Fondo sociale regionale. Quota parte destinata ai               
Comuni singoli e alle forme associative, alle AUSL, alle IPAB, alle             
Aziende pubbliche di servizi alla persona e ai soggetti privati senza           
scopo di lucro, per il sostegno alle attivita' di cui all'art. 47,              
comma 2, L.R. 12 marzo 2003, n. 2" del Bilancio per l'esercizio                 
finanziario 2004 che presenta la necessaria disponibilita';                     
- quanto a Euro 91.310,01 registrata al n. 5888 di impegno sul                  
Capitolo 57109 "Fondo sociale regionale. Quota parte destinata ai               
Comuni e alle forme associative, alle AUSL alle IPAB, alle Aziende              
pubbliche di servizi alla persona e ai soggetti privati senza scopo             
di lucro, per il sostegno alla attivita' di cui all'art. 47, comma 2,           
L.R. 12 marzo 2003, n. 2 e Legge 8 marzo 2000, n. 328 - Mezzi                   
statali" UPB 1.5.2.2.20101 del Bilancio per l'esercizio finanziario             
2004 che presenta la necessaria disponibilita';                                 
5) di stabilire altresi', con riguardo alle assegnazioni finanziarie            
di cui al punto 2) del presente atto e come indicato al punto 8)                
dell'allegato, parte integrante e sostanziale della propria                     
deliberazione 2327/03:                                                          
a) che la liquidazione dei finanziamenti venga effettuata dietro                
presentazione da parte dei soggetti assegnatari, entro il termine di            
12 mesi dalla data di comunicazione dell'avvenuta assegnazione, di              
una relazione a firma del legale rappresentante da cui risultino le             
modalita' di attuazione dell'iniziativa ed i risultati quantitativi e           
qualitativi raggiunti, unitamente ad una elencazione analitica delle            
spese sostenute, che non potranno essere riferite a data antecedente            
a quella di pubblicazione della propria deliberazione 2327/03;                  
b) che in caso di inosservanza del termine di presentazione della               
sopracitata documentazione i finanziamenti saranno revocati;                    
c) che qualora dalla documentazione di spesa indicata al punto a)               
risultasse una spesa inferiore a quella approvata con la presente               
deliberazione, lo stesso sara' oggetto, in sede di liquidazione a               
saldo, di una corrispondente riduzione proporzionale al fine di                 
ricondurlo alla misura della percentuale  di finanziamento                      
stabilito;                                                                      
6) di dare atto che il Dirigente regionale competente provvedera',              
con propri atti formali, ai sensi dell'art. 51 della L.R. 40/01,                
nonche' della propria deliberazione 447/03 alla liquidazione del                
finanziamento assegnato con le modalita' di cui al precedente punto             
5);                                                                             
7) di dare atto che per tutto quanto non espressamente previsto nel             
presente provvedimento si rinvia alle disposizioni tecnico-operative            
indicate nella sopracitata propria deliberazione 2327/03;                       
8) di stabilire che la presente deliberazione venga pubblicata nel              
Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.                              
ALLEGATO A)                                                                     
In relazione alla propria deliberazione 2327/03 risultano pervenuti             
in data utile al Servizio Politiche familiari, infanzia e adolescenza           
complessivamente n. 46 progetti, di cui n. 40 ammessi a finanziamento           
per un totale di Euro 341.310,01, n. 6 non ammessi a finanziamento e            
n. 1 escluso poiche' pervenuto fuori termine.                                   
Dalla valutazione tecnica ed amministrativa, condotta dall'Ufficio              
del Servizio regionale competente tenendo conto dei criteri                     
individuati dalla succitata propria deliberazione, e' scaturita la              
proposta di ripartizione del fondo riepilogata alla Tabella n. 1,               
articolata con l'indicazione per ciascun soggetto della spesa                   
ammissibile e del corrispondente finanziamento regionale.                       
Nella Tabella 2 sono elencati i progetti esclusi dal riparto e le               
rispettive cause di esclusione.                                                 
(segue allegato fotografato)                                                    

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it