REGIONE EMILIA-ROMAGNA - RESPONSABILE DEL SERVIZIO AIUTI ALLE IMPRESE

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AIUTI ALLE IMPRESE 28 gennaio 2005, n. 811

Reg. CE 951/97. Determinazione del Direttore generale Agricoltura 18025/04. Ottemperanza alla sentenza del TAR Emilia-Romagna - Sede di Bologna n. 2692/03

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO                                                    
Richiamati:                                                                     
- il Reg. (CEE) 866/90 cosi' come rifuso nel Reg. CE 951/97, relativo           
al miglioramento delle condizioni di trasformazione e                           
commercializzazione dei prodotti agricoli, ed in particolare l'art.             
21;                                                                             
- il Programma Operativo 1997/1999, predisposto in attuazione del               
suddetto Regolamento, approvato con atto della Giunta regionale n.              
108 del 4 febbraio 1997, ratificato dal Consiglio regionale con atto            
n. 577 del 5 marzo 1997;                                                        
- la deliberazione della Giunta regionale n. 2067 in data 11 novembre           
1997, ratificata dal Consiglio regionale con atto n. 782 del 10                 
dicembre 1997, che approva i criteri di presentazione, istruttoria,             
selezione, approvazione e finanziamento dei progetti;                           
- l'avviso pubblico, riportato nel Bollettino Ufficiale della Regione           
Emilia-Romagna n. 120 in data 9 dicembre 1997 che ha aperto i termini           
per la presentazione delle domande da parte dei potenziali                      
beneficiari;                                                                    
- la Decisione della Commissione Europea n. C(98)12 del 29 gennaio              
1998 che approva il Programma Operativo della Regione Emilia-Romagna            
per il periodo 1997/1999;                                                       
- la deliberazione della Giunta regionale n. 66 in data 25 gennaio              
1999, ratificata dal Consiglio regionale con atto n. 1099 del 18                
marzo 1999, che approva le graduatorie delle domande presentate a               
valere sulla deliberazione 2067/97;                                             
- la determinazione del Direttore generale Agricoltura n. 18025 del 6           
dicembre 2004 recante "Reg. CE 951/97. Deliberazione della Giunta               
regionale 66/99. Ottemperanza alla sentenza del TAR Emilia-Romagna,             
sede di Bologna  n. 2692/03";                                                   
premesso:                                                                       
- che IN.AL.CA Industria Alimentare Carni SpA ha presentato ricorso             
al Tribunale Amministrativo regionale, sede di Bologna, di seguito              
TAR, per l'annullamento della deliberazione della Giunta regionale              
66/99 e degli atti ad essa preliminari, nella parte riguardante il              
punteggio finale attribuito al progetto denominato "Razionalizzazione           
di strutture per lo sfruttamento del quinto quarto derivante da                 
macellazione bovina e realizzazione nuovo impianto per la                       
trasformazione del sangue in Comune di Castelvetro (MO)" -                      
contraddistinto dalla Sigla 951-MO/0026 - presentato dalla Societa'             
medesima ai sensi dell'avviso pubblico approvato con deliberazione              
2067/97;                                                                        
- che il TAR per l'Emilia-Romagna con Sentenza n. 2692/03, depositata           
in data 15 dicembre 2003, ha accolto le censure sollevate dalla                 
Societa' ricorrente con riferimento al punteggio afferente ai                   
parametri "Tutela per l'ambiente" e "Vantaggio per i produttori" -              
imponendo una rinnovata valutazione del progetto per quanto attiene i           
predetti criteri - ritenendo di contro infondate le censure nei                 
confronti del punteggio "Priorita' territoriale";                               
rilevato che con determinazione del Direttore generale Agricoltura              
18025/04, in ottemperanza a detta sentenza, si e' provveduto in                 
particolare:                                                                    
- a disporre la valutazione ex novo, limitatamente ai criteri "Tutela           
per l'ambiente" e "Vantaggio per i produttori", del progetto                    
denominato "Razionalizzazione di strutture per lo sfruttamento del              
quinto quarto derivante da macellazione bovina e realizzazione nuovo            
impianto per la trasformazione del sangue in comune di Castelvetro              
(MO)" presentato da IN.AL.CA Industria Alimentare Carni SpA - ai                
sensi della deliberazione della Giunta regionale n. 2067 in data 11             
novembre 1997, ratificata dal Consiglio regionale con atto n. 782 del           
10 dicembre 1997;                                                               
- a istituire un Gruppo di valutazione interdisciplinare incaricato             
di svolgere la suddetta attivita' di valutazione;                               
preso atto che il Gruppo di valutazione precedentemente richiamato ha           
assolto l'incarico affidatogli attribuendo al criterio "Tutela per              
l'ambiente" una ponderazione pari a 6 ed al criterio "Vantaggio per i           
produttori" una ponderazione pari a 7;                                          
dato atto che quanto sopra riportato trova riscontro e motivazione              
nel verbale redatto dal Gruppo stesso in data 14 gennaio 2005,                  
trattenuto in originale agli atti del Servizio Aiuti alle imprese;              
considerato che, in conseguenza delle suddette valutazioni e delle              
valutazioni gia' espresse e recepite dal Gruppo di lavoro istituito             
con determinazione del Direttore generale Agricoltura n. 5576 dell'11           
giugno 1998 riferite ai parametri: "Sviluppo della domanda, prodotti            
nuovi e processi innovativi", "Certificazione dei bilanci",                     
"Priorita' delle Misure ammesse", "Priorita' territoriale", il                  
punteggio complessivo da attribuire al progetto in esame risulta                
essere di 23 punti;                                                             
dato atto che, in applicazione dei criteri utilizzati nel caso di               
progetti a pari merito in sede di predisposizione delle graduatorie             
approvate con deliberazione 66/99, come espressamente esplicitati               
nell'Allegato D parte integrante e sostanziale della deliberazione              
medesima, il suddetto punteggio comporta un riposizionamento del                
Progetto 951-MO/0026 nella posizione 37 della graduatoria del settore           
"Carni";                                                                        
viste:                                                                          
- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 "Testo Unico in materia di                    
organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna"            
ed in particolare l'articolo 40;                                                
- la deliberazione della Giunta regionale n. 447 del 24 marzo 2003              
recante "Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e                     
funzionali fra le strutture sull'esercizio delle funzioni                       
dirigenziali";                                                                  
richiamate le seguenti determinazioni del Direttore generale                    
Agricoltura:                                                                    
- n. 1289 del 22 febbraio 2002, con la quale sono stati specificati             
gli ambiti di competenza assegnati ai Servizi istituiti nell'ambito             
della Direzione con deliberazione della Giunta regionale n. 2832 del            
17 dicembre 2001;                                                               
- n. 4244 del 31 marzo 2004 con la quale sono stati conferiti                   
incarichi dirigenziali di Struttura e Professional nell'ambito della            
Direzione, cui la Giunta regionale ha conferito efficacia giuridica             
con deliberazione n. 642 del 5 aprile 2004;                                     
attestata la regolarita' amministrativa del presente provvedimento ai           
sensi della deliberazione 447/03;                                               
determina:                                                                      
1) di approvare integralmente le risultanze dell'attivita' svolta dal           
Gruppo di valutazione incaricato, con determinazione del Direttore              
generale Agricoltura n. 18025 del 6 dicembre 2004, della valutazione            
ex novo, limitatamente ai criteri "Tutela per l'ambiente" e                     
"Vantaggio per i produttori", del progetto denominato                           
"Razionalizzazione di strutture per lo sfruttamento del quinto quarto           
derivante da macellazione bovina e realizzazione nuovo impianto per             
la trasformazione del sangue in Comune di Castelvetro (MO)"                     
presentato da IN.AL.CA Industria Alimentare Carni SpA - ai sensi                
della deliberazione della Giunta regionale n. 2067 in data 11                   
novembre 1997, ratificata dal Consiglio regionale con atto n. 782 del           
10 dicembre 1997;                                                               
2) di dare atto che il Gruppo di valutazione precedentemente                    
richiamato ha assolto l'incarico affidatogli attribuendo al criterio            
"Tutela per l'ambiente" una ponderazione pari a 6 ed al criterio                
"Vantaggio per i produttori" una ponderazione pari a 7;                         
3) di dare atto che in conseguenza delle suddette valutazioni e delle           
valutazioni espresse e recepite dal Gruppo di lavoro istituito con              
determinazione del Direttore generale Agricoltura n. 5576 dell'11               
giugno 1998 riferite ai parametri: "Sviluppo della domanda, prodotti            
nuovi e processi innovativi", "Certificazione dei bilanci",                     
"Priorita' delle Misure ammesse", "Priorita' territoriale", il                  
punteggio complessivo da attribuire al progetto in esame risulta                
essere di 23 punti;                                                             
4) di stabilire che, in applicazione dei criteri utilizzati nel caso            
di progetti a pari merito in sede di predisposizione delle                      
graduatorie approvate con deliberazione 66/99 - come espressamente              
esplicitato nell'Allegato D parte integrante e sostanziale della                
deliberazione medesima - il suddetto punteggio comporta il                      
riposizionamento del progetto denominato "Razionalizzazione di                  
strutture per lo sfruttamento del quinto quarto derivante da                    
macellazione bovina e realizzazione nuovo impianto per la                       
trasformazione del sangue in Comune di Castelvetro (MO)", presentato            
da IN.AL.CA Industria Alimentare Carni SpA e contraddistinto dalla              
sigla 951-MO/0026, nella posizione 37 nell'ambito della graduatoria             
del settore "Carni";                                                            
5) di dare atto che con la presente determinazione si intende                   
concluso il procedimento finalizzato a dare ottemperanza alla                   
sentenza del Tribunale Amministrativo regionale - sede di Bologna -             
n. 2692/03, depositata in data 15 dicembre 2003;                                
6) di stabilire che il presente atto sia notificato a IN.AL.CA                  
Industria Alimentare Carni SpA con sede in Castelvetro (MO);                    
7) di disporre la pubblicazione in forma integrale del presente atto            
nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.                          
LA RESPONSABILE DEL SERVIZIO                                                    
Teresita Pergolotti                                                             

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it