REGIONE EMILIA-ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 dicembre 2004, n. 2653

Interventi a sostegno delle iniziative di comunicazione interculturale: modalita' di accesso ai finanziamenti ed invito alla presentazione dei progetti in attuazione della delibera C.R. 615/04

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA                                          
Viste:                                                                          
- la Legge 8 novembre 2000, n. 328 "Legge quadro per la realizzazione           
del sistema integrato di interventi e servizi sociali";                         
- la L.R. 12 marzo 2003, n. 2 "Norme per la promozione della                    
cittadinanza sociale e per la realizzazione del sistema integrato di            
interventi e servizi sociali";                                                  
- la L.R. 24 marzo 2004, n. 5 "Norme per l'integrazione sociale dei             
cittadini stranieri immigrati. Modifiche alle LL.RR. 21 febbraio                
1990, n. 14 e 12 marzo 2003 n. 2" che ha introdotto sensibili                   
innovazioni in materia di politiche di accoglienza e integrazione               
sociale rivolte ai cittadini stranieri, ed in particolare l'art. 17             
comma 1;                                                                        
richiamati:                                                                     
- il DLgs 25 luglio 1998, n. 286 "Testo Unico delle disposizioni                
concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione            
dello straniero";                                                               
- la Legge 30 luglio 2002, n. 189 "Modifica alla normativa in materia           
di immigrazione e asilo";                                                       
premesso che:                                                                   
- la deliberazione del Consiglio regionale n. 615 del 16 novembre               
2004 regolarmente esecutiva, avente per oggetto "Programma annuale              
degli interventi e dei criteri di ripartizione delle risorse ai sensi           
dell'art. 47, comma 3 della L.R. 2/03. Stralcio piano regionale dei             
servizi  sociali ai sensi dell'art. 27, L.R. 2/03" nell'allegato                
"Programma annuale degli interventi e di ripartizione delle risorse             
ai sensi dell'art. 47 comma 3, della L.R. 2/03", parte integrante e             
sostanziale della stessa deliberazione,  stabilisce al punto 3.5.3              
"Interventi a sostegno delle iniziative di comunicazione                        
interculturale":                                                                
- di destinare complessivi Euro 130.000,00 alla realizzazione di                
interventi a sostegno di iniziative di comunicazione interculturale;            
- di attribuire a tale iniziativa l'obiettivo di promuovere una                 
maggiore consapevolezza delle opportunita' e dell'arricchimento                 
complessivo che il fenomeno migratorio conferisce alla societa' e di            
evitare nel contempo che nel tessuto sociale possano innescarsi                 
processi di isolamento e chiusura comunicativa tra i cittadini                  
stranieri ed i soggetti autoctoni individuali e collettivi della                
nostra regione;                                                                 
- di provvedere con successivi atti della Giunta regionale  alla                
individuazione delle modalita' di accesso ai contributi, alla                   
assegnazione dei finanziamenti, all'impegno delle risorse suindicate,           
nonche' alla definizione delle modalita' di erogazione della spesa;             
richiamato il punto 3.5.3 del Programma allegato alla delibera di               
G.R. 615/04, nel quale vengono individuati quali destinatari dei                
finanziamenti in oggetto i Comuni singoli o associati a norma della             
L.R. 11/01, le Amministrazioni provinciali, le Aziende Unita'                   
sanitarie locali ed Ospedaliere, i soggetti iscritti all'Albo                   
regionale delle Cooperative sociali di cui alla L.R. 7/94 e                     
successive modificazioni, le Associazioni sociali, operanti nel                 
settore socio-assistenziale e culturale, di cui alla L.R. 34/02 e               
successive modificazioni, le Organizzazioni di volontariato di cui              
alla L.R. 37/96 e successive modificazioni, ambito                              
socio-assistenziale e culturale, i soggetti privati senza scopo di              
lucro che abbiano tra le finalita' statutarie uno degli obiettivi               
indicati nella sopra citata delibera di Giunta regionale 615/04;                
considerato pertanto opportuno procedere con il presente atto                   
all'individuazione delle modalita' di accesso ai finanziamenti di cui           
sopra;                                                                          
viste:                                                                          
- la L.R. 22 dicembre 2003, n. 29 "Bilancio di previsione della                 
Regione Emilia-Romagna per l'esercizio finanziario 2004 e Bilancio              
pluriennale 2004-2006";                                                         
- la L.R. 28 luglio 2004, n.18 "Assestamento del Bilancio di                    
previsione della Regione Emilia-Romagna per l'esercizio finanziario             
2004 e del Bilancio pluriennale 2004-2006 a norma dell'art. 30 della            
L.R. 15 novembre 2001, n. 40. Primo provvedimento generale di                   
variazione";                                                                    
- la L.R. 15 novembre 2001, n. 40 "Ordinamento contabile della                  
Regione Emilia-Romagna. Abrogazione delle LL.RR. 6/7/1977, n. 31 e              
27/3/1972, n. 4";                                                               
dato atto:                                                                      
- del parere di regolarita' amministrativa espresso dal Direttore               
generale Sanita' e Politiche sociali dott. Franco Rossi ai sensi                
dell'art. 37, comma 4 della L.R. 43/01 nonche' della propria                    
deliberazione 447/03;                                                           
su proposta dell'Assessore alle Politiche sociali. Immigrazione.                
Progetto Giovani. Cooperazione internazionale, Gianluca Borghi;                 
a voti unanimi e palesi, delibera:                                              
a) di approvare l'Allegato A), parte integrante della presente                  
deliberazione, avente per oggetto "Interventi a sostegno delle                  
iniziative di comunicazione interculturale: Modalita' di accesso ai             
finanziamenti e invito alla presentazione dei progetti" in attuazione           
del punto 3.5.3 del Programma di cui alla deliberazione di Consiglio            
regionale n. 615 del 16 novembre 2004;                                          
b) di destinare alla suddetta iniziativa, finalizzata agli obiettivi            
di cui al punto 1 dell'Allegato A) della presente deliberazione                 
risorse per complessivi Euro 130.000,00;                                        
c) di dare atto che con successiva propria deliberazione si                     
provvedera', previa istruttoria condotta dal Servizio Politiche per             
l'accoglienza e l'integrazione sociale sulla base delle modalita'               
indicate nell'Allegato A) al presente atto:                                     
- all'individuazione dei progetti ammessi a finanziamento;                      
- alla quantificazione, all'assegnazione ed alla concessione dei                
finanziamenti fino alla concorrenza massima del 65% della spesa                 
ammissibile, con variazioni connesse ad arrotondamenti, nonche' al              
contestuale impegno di spesa qualora ricorrano le condizioni previste           
dalla L.R. 40/01, con imputazione al Cap. 68317 "Contributi a                   
Province, Comuni e soggetti senza scopo di lucro per l'integrazione             
dei cittadini stranieri immigrati, secondo le finalita' di cui agli             
artt. 5, 8, 9, 10 comma 1, 11, 12, 16 comma 3, 17, 18 della L.R. 24             
marzo 2004, n. 5 - Mezzi statali" afferente all'UPB 1.5.2.2.20281;              
d) di stabilire che il contributo regionale non potra' comunque                 
eccedere per ciascun progetto finanziato l'importo di Euro 32.500,00            
fino ad esaurimento dei fondi a disposizione;                                   
e) di dare atto altresi' che alla liquidazione dei finanziamenti                
concessi a favore dei beneficiari, provvedera' ai sensi della L.R.              
40/01, nonche' della propria deliberazione 447/03, il Dirigente                 
competente per materia, secondo le modalita' indicate al punto 8.               
dell'allegato alla presente deliberazione;                                      
f) di pubblicare il presente atto deliberativo nel Bollettino                   
Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.                                         
ALLEGATO A)                                                                     
Modalita' di accesso ai finanziamenti per la realizzazione di                   
interventi a sostegno delle iniziative di comunicazione                         
interculturale. Invito alla presentazione dei progetti                          
1. Contesto e obiettivi                                                         
Il costante incremento della presenza di cittadini stranieri                    
immigrati in Emilia-Romagna rende necessario favorire e promuovere              
processi di integrazione sociale anche nel settore strategico della             
comunicazione interculturale allo scopo di rimuovere i pregiudizi e             
gli stereotipi che sono alla base delle discriminazioni e che                   
ostacolano il dialogo e la conoscenza reciproca fra i popoli.Inoltre,           
in uno scenario mediatico nel quale spesso la rappresentazione del              
fenomeno migratorio viene prevalentemente correlata alle sole                   
problematiche di ordine pubblico, marginalita' e disagio sociale, si            
conferma la necessita' di consolidare una specifica iniziativa nel              
settore della comunicazione.                                                    
Tale iniziativa si pone l'obiettivo di promuovere una maggiore                  
consapevolezza delle opportunita' e dell'arricchimento complessivo              
che il fenomeno migratorio conferisce alla societa' e di evitare nel            
contempo che nel tessuto sociale possano innescarsi processi di                 
isolamento e chiusura comunicativa tra i cittadini stranieri ed i               
soggetti autoctoni individuali e collettivi della nostra regione.               
Come previsto dalla deliberazione di Consiglio regionale 615/04,                
punto 3.5.3 del Programma allegato, con la presente iniziativa si               
intende perseguire i seguenti obiettivi:                                        
- favorire una corretta conoscenza delle cause e degli aspetti reali            
del fenomeno migratorio;                                                        
- valorizzare e diffondere le espressioni culturali, ricreative,                
sociali e religiose delle varie comunita' straniere;                            
- garantire ai cittadini immigrati stranieri pari opportunita' di               
accesso all'informazione;                                                       
- prevenire fenomeni e comportamenti improntati all'intolleranza e              
alla discriminazione per motivi razziali, etnici, nazionali e                   
religiosi.                                                                      
2. Oggetto dei finanziamenti                                                    
Nell'ambito del presente avviso, costituiscono oggetto di                       
finanziamento i progetti che prevedono la realizzazione di interventi           
a sostegno delle iniziative di comunicazione interculturale                     
finalizzati al raggiungimento degli obiettivi indicati al punto 1.              
In particolare sara' privilegiata, nell'ambito del presente                     
programma, la realizzazione di attivita' ed iniziative mediatiche               
(programmi televisivi e radiofonici, giornali o inserti di                      
comunicazione interculturale multilingue, siti o portali internet,              
ecc.) che intendano perseguire tutte o almeno parte delle seguenti              
azioni:                                                                         
a) accrescere la partecipazione ed il protagonismo dei cittadini                
stranieri, facilitandone l'inserimento anche nel circuito informativo           
generale;                                                                       
b) costruire ed incentivare un approccio sinergico alle reti                    
informative esistenti finalizzato alla qualificazione dell'offerta              
informativa rivolta ai cittadini stranieri;                                     
c) promuovere e consolidare strumenti innovativi volti alla                     
diffusione di una informazione multiculturale e multilingue,                    
favorendo il confronto tra punti di vista e culture presenti nella              
societa' regionale;                                                             
d) favorire la formazione specifica e l'inserimento in campo                    
giornalistico di operatori dell'informazione (stranieri  e                      
italiani);                                                                      
e) favorire la conoscenza, il confronto ed il collegamento con                  
analoghe iniziative in Italia ed in Europa e con mezzi di                       
informazione dei Paesi d'origine.                                               
3. Soggetti ammessi a presentare domanda                                        
Sono ammessi a presentare domanda di contributo i seguenti soggetti             
aventi sede nel territorio della regione:                                       
a) i Comuni singoli o associati a norma della L.R. 11/01;                       
b) le Amministrazioni provinciali;                                              
c) le Aziende Unita' sanitarie locali ed Ospedaliere;                           
d) i soggetti iscritti all'Albo regionale delle cooperative sociali             
di cui alla L.R. 7/94 e successive modificazioni;                               
f) le Associazioni sociali, operanti nel settore socio-assistenziale            
e culturale, di cui alla L.R. 34/02 e successive modificazioni;                 
e) le Organizzazioni di volontariato di cui alla L.R. 37/96 e                   
successive modificazioni, ambito socio-assistenziale e culturale;               
f) i soggetti privati senza scopo di lucro che abbiano fra le                   
finalita' statutarie uno degli obiettivi indicati al punto 1. del               
presente bando.                                                                 
4. Requisiti e criteri per l'individuazione dei progetti ammessi a              
finanziamento                                                                   
Costituisce criterio essenziale, pena l'esclusione, per                         
l'approvazione dei progetti, la dimensione interregionale, regionale            
o interprovinciale (almeno tre territori provinciali direttamente               
coinvolti mediante azioni ed iniziative).                                       
L'individuazione dei progetti da ammettere a finanziamento avverra'             
sulla base della valutazione dei seguenti criteri:                              
a) pertinenza agli obiettivi indicati nel presente bando;                       
b) il numero dei potenziali destinatari diretti ed indiretti dei                
progetti;                                                                       
c) il coinvolgimento tra piu' esperienze di comunicazione                       
interculturale gia' in essere;                                                  
d) la collaborazione tra Istituzioni, Enti e Soggetti, pubblici e               
privati;                                                                        
e) l'utilizzo sinergico di diversi media (giornali, radio, Internet,            
televisione, ecc.);                                                             
f) dimensione temporale dei progetti non superiore ai 12 mesi;                  
g) il coinvolgimento di soggetti con comprovata professionalita' ed             
esperienza nel settore della comunicazione, la strutturazione in                
ambiti operativi e gestionali tale da assicurare continuita' ed                 
implementazione ai progetti;                                                    
h) la promozione della partecipazione e del protagonismo dei                    
cittadini stranieri mediante la valorizzazione di specifiche                    
competenze professionali e di apporti culturali;                                
i) la capacita' di valorizzare nella sua modalita' operativa e nei              
contenuti affrontati il tema della identita' di genere e delle pari             
opportunita' tra sessi.                                                         
5. Entita' del finanziamento e spese ammissibili                                
L'entita' del finanziamento e' determinata, in misura percentuale,              
fino alla concorrenza massima del 65% della spesa ammissibile, con              
variazioni connesse ad arrotondamenti. Il contributo regionale non              
potra' comunque eccedere per ciascun progetto finanziato l'importo di           
Euro 32.500,00 fino ad esaurimento dei fondi a disposizione.                    
I soggetti richiedenti dovranno altresi' indicare la percentuale                
minima di finanziamento regionale al di sotto della quale rinunciano            
all'attuazione del progetto.                                                    
Sono considerate ammissibili le seguenti voci di spesa:                         
- spese generali di progettazione ed avvio fino ad un massimo del 5%            
del costo totale del progetto;                                                  
- spese generali di documentazione, laddove esse assumano particolare           
rilievo rispetto alla costruzione e alla qualita' del progetto, fino            
ad un massimo del 5%;                                                           
- personale espressamente adibito alla realizzazione del progetto;              
- attrezzature tecniche per l'avvio delle nuove attivita' fino ad un            
massimo del 40%;                                                                
- affitto nuovi locali, utenze relative e materiale di consumo in               
generale fino a un massimo del 30% del costo totale del progetto;               
- spese di trasporto e di residenzialita', se previste dalla                    
specificita' del progetto;                                                      
- spese per la formazione degli operatori.                                      
Non sono ammissibili le voci di spesa per la costruzione, la                    
ristrutturazione e l'acquisto di immobili nonche' le spese gia'                 
finanziate con altre leggi regionali.                                           
Relativamente a progetti gia' avviati, il contributo regionale sara'            
calcolato sulle spese maturate a partire dall'1 gennaio 2005.                   
6. Procedura per la presentazione delle domande                                 
Le domande di ammissione al finanziamento dovranno essere redatte,              
pena l'esclusione, esclusivamente utilizzando il modulo di                      
presentazione previsto all'Allegato B) della presente delibera e                
scaricabile dal sito: www.emiliaromagnasociale.it.                              
Le domande di ammissione al finanziamento dovranno essere indirizzate           
alla Regione Emilia-Romagna, Servizio "Politiche per l'accoglienza e            
l'integrazione sociale" Viale Aldo Moro n. 21 - 40127 Bologna, recare           
sulla busta la dicitura "Domanda per l'ammissione al finanziamento di           
interventi a sostegno delle iniziative di comunicazione                         
interculturale, ai sensi della delibera C.R. 615/04" e  pervenire,              
pena l'esclusione, entro e non oltre 45 giorni dalla data di                    
pubblicazione del presente bando nel Bollettino Ufficiale della                 
Regione Emilia-Romagna. Nel caso in cui la scadenza coincida con                
giornata non lavorativa il termine viene prorogato al primo giorno              
successivo non festivo.                                                         
Le domande dovranno pervenire esclusivamente con una delle seguenti             
modalita':                                                                      
- consegnata direttamente al Servizio Affari generali - Ufficio                 
Protocollo, Via A. Moro n. 21 - Bologna; orario per il pubblico dalle           
ore 9,00 alle ore 13,30 tutti i giorni escluso il sabato; a tal fine            
fara' fede il timbro di arrivo;                                                 
- spedita a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento; a tal fine            
fara' fede il timbro di spedizione.                                             
7. Concessione dei finanziamenti                                                
La concessione dei finanziamenti sara' determinata in base ad una               
graduatoria formulata a seguito della valutazione dei progetti sulla            
base dei criteri previsti al precedente punto 4., per un ammontare              
massimo complessivo pari ad Euro 130.000,00.                                    
8. Erogazione dei finanziamenti                                                 
La liquidazione dei finanziamenti concessi verra' effettuata secondo            
le seguenti modalita':                                                          
- 70% dietro presentazione, entro 45 giorni dalla data di avviso                
della avvenuta assegnazione del contributo, di una comunicazione di             
formale avvio del progetto da parte del Dirigente competente o del              
legale rappresentante dei soggetti assegnatari;                                 
- 30% ad avvenuta conclusione dei progetti e comunque entro e non               
oltre il 30/9/2006 sulla base di una relazione conclusiva                       
dell'attivita' svolta corredata di una apposita rendicontazione delle           
spese sostenute.                                                                
Si ricorda infine che in caso di stampa e di diffusione di materiale            
documentale, informativo e/o mediatico (CD, videocassette, CD-rom,              
giornali), esso dovra' riportare il logo della Regione Emilia-Romagna           
- Assessorato alle Politiche sociali. Immigrazione. Progetto Giovani.           
Cooperazione internazionale - e la dicitura "Realizzato con il                  
contributo della Regione Emilia-Romagna".                                       
I Funzionari regionali referenti per il presente bando sono Barbara             
Burgalassi (tel 051/6397489 - e-mail:                                           
bburgalassi@regione.emilia-romagna.it) e Andrea Facchini (051/6397490           
- e-mail: afacchini@regione.emilia-romagna.it).                                 
(segue allegato fotografato)                                                    

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it