COMUNE DI RICCIONE (RIMINI)

COMUNICATO

Accordo di programma promosso dal Comune di Riccione per la realizzazione della strada intercomunale di Viale Aosta (Riccione ) - Viale Roma (Rimini)

L'anno 2005 il giorno quattro del mese di febbraio nella Residenza              
comunale di Riccione                                                            
tra                                                                             
- il Comune di Rimini, codice fiscale n. 00304260409, rappresentata             
dal Sindaco pro-tempore Alberto Ravaioli;                                       
- il Comune di Riccione, codice fiscale n. 003234360403,                        
rappresentata dal Sindaco pro-tempore Daniele Imola;                            
premesso che:                                                                   
- i Comuni di Rimini e Riccione sono intenzionati a realizzare un               
asse di collegamento viabile tra i rispettivi territori che consenta            
una migliore e razionale distribuzione del carico veicolare                     
(carrabile e ciclabile) tra i tessuti urbani delle due citta';                  
- la realizzazione della strada intercomunale di collegamento di cui            
sopra implica la necessita' di un'azione integrata e coordinata dei             
Comuni di Rimini e Riccione per quanto attiene alla progettazione,              
direzione dei lavori, responsabilita' del procedimento ed affidamento           
dei lavori nonche' alla loro collaudazione;                                     
- il Comune di Rimini, alla voce "Viabilita' e parcheggi" del                   
Programma Triennale dei Lavori pubblici 2005-2007, adottato con                 
deliberazione di Giunta comunale n. 395 in data 28 settembre 2004               
esecutiva, ha previsto l'intervento denominato "Costruzione strada di           
quartiere in proseguimento di Via Roma - Tratto da Via Cavalieri di             
Vittorio Veneto al confine con Riccione, per un importo di Euro                 
1.800.000,00 nell'anno 2005 quale sesto lotto funzionale della                  
complessiva progettazione preliminare della strada di quartiere in              
Prolungamento di Via Roma, approvata con deliberazione di Consiglio             
comunale n. 30 del 15 febbraio 2001;                                            
- il Comune di Riccione ha previsto alla voce 23 delle "Opere                   
stradali" del Programma Triennale dei Lavori pubblici 2005-2007                 
adottato con atto n. 80 del Consiglio comunale del 14 ottobre 2004,             
esecutivo, il progetto del "prolungamento di Viale Aosta" per un                
importo di Euro 900.000 nell'anno 2005;                                         
- nella Conferenza di Servizi promossa dal Comune di Riccione si e'             
constatata la possibilita' di realizzare congiuntamente la succitata            
viabilita' ed e' stato percio' concordato di addivenire alla stipula            
del presente accordo di programma per la definizione del progetto,              
delle competenze e della realizzazione dell'intervento in conformita'           
ai seguenti elaborati allegati al presente accordo:                             
A) Progetto preliminare approvato dal Comune di Rimini con                      
deliberazione di Consiglio comunale n. 30 del 15/2/2001;                        
B) Planimetria di progetto su CTR Tav. 3C;                                      
- la destinazione delle aree interessate alla realizzazione delle               
opere suindicate e' conforme ai vigenti strumenti urbanistici per               
quanto attiene al territorio del comune di Rimini mentre, per il                
comune di Riccione si rende necessario procedere alla riapposizione             
dei vincoli decaduti;                                                           
- il presente accordo e' stipulato ai sensi dell'art. 34 del DLgs               
267/00 e successive modificazioni ed integrazioni;                              
si conviene quanto segue:                                                       
Art. 1                                                                          
Richiamo alle premesse                                                          
Le premesse e gli allegati fanno parte integrante e sostanziale del             
presente Accordo di programma.                                                  
Art. 2                                                                          
Oggetto                                                                         
Il presente accordo disciplina i rapporti fra le parti per la                   
responsabilita' unica del procedimento, progettazione, direzione                
lavori, finanziamento e quant' altro occorra alla realizzazione                 
dell'opera consistente nella costruzione della nuova strada di                  
collegamento tra il Comune di Riccione ed il Comune di Rimini                   
denominata "Viale Aosta -Via Roma" che si intende completa di tutti             
gli impianti ed i sottoservizi necessari a garantire la sua piena               
fruibilita'.                                                                    
Il progetto, l'affidamento dell'appalto e le modalita' esecutive                
dovranno considerarsi riferite ad un complesso infrastrutturale                 
unitario indipendentemente dalla sua localizzazione sul territorio              
nel comune di Riccione e/o nel comune di Rimini. Dal principio di cui           
sopra resteranno esclusi unicamente i sub-procedimenti espropriativi,           
le eventuali varianti urbanistiche, l'acquisizione di pareri interni            
la liquidazione dei crediti della ditta appaltatrice e a terzi che,             
per efficacia organizzativa e/o competenza istituzionale, saranno               
seguiti e curati dagli uffici (ovvero dai responsabili di                       
sub-procedimento) appartenenti ed individuati da ciascun Comune.                
Art. 3                                                                          
Responsabilita' del procedimento                                                
Il Comune di Riccione provvedera' con proprio atto alla nomina del              
responsabuile unico del procedimento dandone formale comunicazione al           
Comune di Rimini.La funzione di RUP sara' pertanto unitaria per                 
l'intero progetto e dovra' essere affidata ad un dirigente o                    
funzionario del Comune di Riccione eventualmente supportato da suoi             
collaboratori.                                                                  
Art. 4                                                                          
Tempi di attuazione                                                             
Con il presente accordo, posto in essere sulla base degli elaborati             
costituenti progettazione preliminare dell'opera insistente nel                 
territorio dei comuni di Rimini e Riccione, vengono fissati i                   
seguenti tempi massimi:                                                         
a) approvazione nuovo progetto preliminare unitario (da parte del               
Comune di Riccione): 31/12/2004;                                                
b) approvazione varianti propedeutiche all'intervento: 28/2/2005;               
c) deposito presso l'Ufficio per le Espropriazione dei Comuni di                
Rimini e Riccione degli elaborati del progetto definitivo ed                    
attivazione della procedura espropriativa: 28/2/2005;                           
d) approvazione progetto definitivo: 30/7/2005;                                 
e) approvazione progetto esecutivo: 30/11/2005;                                 
f) conclusione procedura di scelta del contraente: 30/4/2006;                   
g) conclusione procedure espropriative ed esecutivita' esproprio con            
lo stato di consistenza: 30/6/2006;                                             
h) inizio lavori: 1/7/2006;                                                     
i) fine lavori: 30/6/2007;                                                      
l) collaudo: 30/12/2007.                                                        
Art. 5                                                                          
Impegni delle parti                                                             
Al fine dei rispetto dei tempi e delle modalita' di esecuzione del              
programma oggetto del presente accordo le parti si assumono i                   
seguenti impegni:                                                               
A) Comune di Riccione                                                           
1) cofinanziamento dell'opera e dei costi accessori per la parte di             
competenza;                                                                     
2) responsabilita' del procedimento e dei lavori (ed espletamento di            
tutte le competenze ad esso relative);                                          
3) progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva e resp. per la            
sicurezza in fase di progettazione;                                             
4) direzione lavori e responsabilita' della sicurezza in fase                   
esecutiva;                                                                      
5) attivazione dei propri uffici per l'approvazione della variante              
urbanistica propedeutica ai lavori;                                             
6) attivazione dei propri uffici per l'esproprio delle aree                     
occorrenti per l'esecuzione dei lavori;                                         
7) svolgimento delle operazioni di gara;                                        
8) ulteriori funzioni di supporto tecnico-amministrativo che si                 
dovessero rendere necessarie.                                                   
B) Comune di Rimini:                                                            
1) cofinanziamento dell'opera e dei costi accessori per la parte di             
competenza;                                                                     
2) attivazione dei propri uffici per l'esproprio delle aree                     
occorrenti per l'esecuzione dei lavori;                                         
3) ulteriori funzioni di supporto tecnico-amministrativo che si                 
dovessero rendere neccessarie.                                                  
In ogni caso le parti si impegnano ad espletare ciascuno le proprie             
competenze istituzionali nonche' quelle scaturenti dal presente                 
accordo, nel rispetto dei tempi di cui all'art. 4.                              
Eventuali decisioni di ordine tecnico-amministrativo propedeutiche              
alla realizzazione dell'opera come l'attribuzione di incarichi                  
accessori, conferenze di servizio ecc, spettano a norma di legge, al            
RUP o, se questi non e' un Dirigente, al Dirigente del Settore Lavori           
pubblici e Q.U. del Comune di Riccione.                                         
Art. 6                                                                          
Collegio di vigilanza                                                           
Il Collegio di vigilanza e' costituito dai due Sindaci dei Comuni di            
Rimini e Riccione, o loro delegati e dal Presidente della Provincia,            
o suo delegato, con funzioni di Presidente. Il Collegio assume le               
proprie determinazioni a maggioranza semplice con la presenza di                
almeno due componenti. In caso di parita' prevale la decisione del              
Presidente.                                                                     
L'onere economico per il funzionamento ad ogni effetto del Collegio             
e' a carico dei due Comuni in ragione dei criteri di ripartizione               
delle spese di cui all'art. 8 del presente Accordo di programma.                
Al Collegio di vigilanza vengono attribuite le seguenti competenze:             
1) vigilare sulla tempestiva e corretta attuazione dell'Accordo di              
programma;                                                                      
2) risolvere, secondo diritto, tutte le controversie che dovessero              
insorgere fra le parti in ordine all'interpretazione ed esecuzione              
dei presente accordo comprese le problematiche di ordine economico;             
3) disporre, previa diffida da notificare al soggetto obbligato cui             
sara' assegnato un congruo termine per adempiere, gli interventi                
sostitutivi che risulteranno necessari;                                         
4) approvare le modifiche ai termini di cui all'art. 4 se ed in                 
quanto supportate da fondate giustificazioni ed in ogni caso non                
relativamente ai termini inerenti alla procedura espropriativi in               
ordine ai quali le parti si obbligano a non richiedere modificazioni            
limitatamente ad atti inerenti alla propria volonta';                           
5) stabilire la quota di ripartizione (tra i due Comuni) delle spese            
ai sensi del successivo art. 8 nonche' alla sua eventuale revisione             
nel caso in cui si proceda all'approvazione di perizie di variante              
dei lavori.                                                                     
All'atto del proprio insediamento, che avviene su iniziativa del                
responsabile del procedimento entro 45 giorni dall'approvazione                 
dell'Accordo di programma, il Collegio definisce le proprie modalita'           
operative.                                                                      
La disciplina dell'attivita' del Collegio dovra' comunque prevedere             
che ciascun componente possa chiedere la convocazione del Collegio              
stesso e che la conseguente riunione debba tenersi non oltre i venti            
giorni dalla presentazione della richiesta.                                     
Art. 7                                                                          
Collaudo                                                                        
L'individuazione del collaudatore sara' espletata dal Collegio di               
vigilanza, il Collegio valutera' l'opportunita' di affidare il                  
collaudo in corso d'opera cosi' come previsto dall'art. 28 della                
Legge 109/94 e successive modifiche.                                            
Il costo del collaudo, qualora svolto da professionisti esterni alle            
Amministrazioni che partecipano all'attuazione del Programma, sara'             
sostenuto dalle Amministrazioni comunali partecipanti in ragione                
della percentuale di ripartizione delle spese dell'opera stabilita              
dal Collegio di vigilanza.                                                      
Art. 8                                                                          
Principi economico-finanziari                                                   
e modalita' di ripartizione delle spese                                         
Ciascun Comune finanziera' la realizzazione dell'intervento in                  
maniera direttamente proporzionale alla consistenza delle opere                 
insistenti sul proprio territorio.                                              
Il Collegio di vigilanza, prima dell'approvazione del progetto                  
esecutivo, determinera' in maniera percentuale, sulla base                      
dell'importo complessivo posto a base d'asta la quota di competenza             
di ciascun Ente in proporzione alla consistenza delle opere da                  
realizzarsi sul territorio di pertinenza di ciascun comune parte del            
presente accordo.                                                               
Ciascun Comune sosterra' direttamente ed autonomamente le seguenti              
spese:                                                                          
a) indennizzi per espropri e servitu';                                          
b) opere di arredo e rifinitura aggiuntive (arredo rotatorie, verde             
di arredo, ecc.) che il Collegio di vigilanza ritenga porre a carico            
di uno specifico Ente;                                                          
c) altre spese ritenute di pertinenza esclusiva ad uno od entrambi i            
Comuni da parte del Collegio di vigilanza.                                      
Tutte le altre spese saranno considerate comuni e suddivise secondo             
una percentuale di ripartizione stabilita dal Collegio di vigilanza             
dopo l'approvazione del progetto esecutivo e prima dell'affidamento             
dell'appalto.                                                                   
Detta percentuale sara' computata sulla base del rapporto (relativo)            
tra i costi desunti dal computo metrico estimativo, delle porzioni              
dell'opera insistenti nel territorio di ciascun comune.                         
Le parti danno atto che verra' redatto un unico quadro economico                
dell'intervento con l'individuazione e/o indicazione delle somme                
assoggettate alla ripartizione pro-quota (lavori, IVA, collaudo,                
pubblicazioni, incentivi ecc.) e quelle assoggettate alla                       
ripartizione di competenza esclusiva (indennizzi, opere accessorie              
esclusive ecc.).                                                                
Il regolamento di riferimento per l'erogazione dell'incentivo ex art.           
18, Legge 109/94 e successive modificazioni ed integrazioni  per la             
progettazione, D.L., RUP, Sicurezza e Collaudazione sara' quello                
dell'Amministrazione a cui appartengono i dipendenti a cui e' diretto           
l'incentivo.                                                                    
L'entita' complessiva dell'incentivo dovra' essere contenuto nel                
limite previsto dalla norma richiamata e sara' ripartito tra le due             
Amministrazioni in base alla percentuale stabilita dalla Commissione            
di vigilanza.                                                                   
Il responsabile del procedimento della stazione appaltante                      
comunichera' al Comune di Rimini il quadro economico dell'opera                 
rideterminato in seguito all'intervenuta aggiudicazione con                     
evidenziazione del ribasso ottenuto.                                            
Art. 9                                                                          
Erogazione del contributo                                                       
Il Comune di Rimini si impegna ad erogare al Comune di Riccione le              
somme di propria competenza dietro presentazione di specifica                   
richiesta avanzata sulla base dei SAL e dei relativi certificati di             
pagamento che verranno liquidati entro quaranta giorni dal                      
ricevimento.                                                                    
All'atto della richiesta di erogazione della rata a saldo dovra'                
essere prodotto il certificato di collaudo tecnico-amministrativo e             
statico unitamente a tutte le dichiarazioni di conformita' degli                
impianti realizzati, le tavole "as built", sia su supporto cartaceo             
che informatico, delle opere realizzate.                                        
Art. 10                                                                         
Approvazione Accordo                                                            
Il presente atto, attesta il consenso unanime di tutti gli                      
intervenuti ed e' approvato ai sensi dell'art. 34, comma 4 del DLgs             
267/00 e successive modificazioni ed integrazioni.                              
Le attivita' programmate sono vincolanti per i soggetti attuatori che           
si assumono l'impegno di realizzarle nei tempi indicati; pertanto il            
presente accordo restera' efficace fino al completo adempimento delle           
obbligazioni previste.                                                          
per IL SINDACO DEL  per IL SINDACO DEL                                          
COMUNE DI RICCIONE  DI RIMINI                                                   
Alessandro Casadei  Tiziano Arlotti                                             

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it