REGIONE EMILIA-ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 4 luglio 2005, n. 1064

Approvazione dei progetti di mobilita' transnazionale di cui alla propria deliberazione 288/05

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA                                          
Visti:                                                                          
- la L.R. 30 giugno 2003, n. 12 "Norme per l'uguaglianza delle                  
opportunita' di accesso al sapere, per ognuno e per tutto l'arco                
della vita, attraverso il rafforzamento dell'istruzione e della                 
formazione professionale, anche in integrazione tra loro" ed in                 
particolare l'art.25 "Arricchimento dell'offerta formativa", lett. C)           
laddove si promuove l'estensione della cultura europea anche                    
attraverso il sostegno alla realizzazione di scambi transnazionali,             
predisposizione di materiali didattici, formazione dei docenti;                 
- la decisione della Commissione Europea C/1120 del 18/7/2000 che               
approva il Quadro Comunitario di Sostegno (in seguito denominato QCS)           
Ob. 3 regioni centro nord per il periodo 2000/2006;                             
- la decisione della Commissione Europea C/1963 del 25/5/2004 che               
modifica la decisione C/2066 del 21/9/2000 recante approvazione del             
Programma Operativo Regione Emilia-Romagna per gli interventi                   
strutturali comunitari previsti dall'Ob. 3 in Italia;                           
- il regolamento CE n. 1159/00 della Commissione Europea relativo               
alle azioni informative e pubblicitarie a cura degli Stati membri               
sugli interventi dei Fondi strutturali;                                         
- la deliberazione del C.I.P.E. del 5/11/1999 n. 174 con la quale si            
approva il quadro finanziario programmatico 2000-2006 per quanto                
riguarda il contributo nazionale;                                               
- la delibera del Consiglio regionale 612/04 recante "Linee di                  
programmazione e indirizzi per il sistema formativo e per il lavoro -           
Biennio 2005/06" (proposta della Giunta regionale con delibera                  
1948/04);                                                                       
richiamata la propria deliberazione n. 288 del 14/2/2005, "Invito a             
presentare progetti a sostegno della mobilita' transnazionale degli             
studenti da realizzare con il contributo del FSE - Ob. 3 per il                 
periodo 2005/06" ed in particolare l'Allegato A, parte integrante,              
nel quale e' stabilito tra l'altro che:                                         
a) le istituzioni scolastiche secondarie di II grado presenti in                
Emilia-Romagna possono presentare progetti di mobilita'                         
transnazionale da realizzare nel prossimo anno scolastico 2005/2006             
per le classi 3,4,5. I progetti possono prevedere azioni diverse con            
il coinvolgimento di una classe o piu' classi;                                  
b) il finanziamento e' finalizzato prioritariamente alla copertura              
delle spese di vitto, alloggio e trasporto dei partecipanti e di                
eventuali materiali didattici per un max di 10.000,00 Euro per                  
istituzione scolastica rapportato al numero di studenti coinvolti e             
alla durata dell'azione di mobilita' europea;                                   
c) l'istruttoria di ammissibilita' dei progetti e' realizzata dal               
Servizio Politiche per l'istruzione e l'integrazione dei sistemi                
formativi e riguarda la coerenza con la finalita' del bando, la                 
presentazione del progetto sul formulario regionale completo delle              
informazioni richieste , la richiesta di finanziamento firmata dal              
dirigente scolastico nonche' il rispetto dei termini di scadenza e la           
presentazione da parte di un soggetto ammissibile;                              
d) la procedura valutativa e' realizzata dal nucleo di valutazione              
interno all'Assessorato nominato con determinazione del Direttore               
generale dell'area Cultura, Formazione e Lavoro n. 2630 del 4/3/2005            
e supportato dalla valutazione ex ante curata da Ervet SpA di Bologna           
in attuazione della determinazione dirigenziale 7576/03;                        
e) la valutazione e' basata su criteri e punteggi graduati inerenti             
la chiarezza nell'esplicitazione degli obiettivi, la coerenza della             
struttura progettuale, la qualita' delle attivita' proposte, la                 
presenza di relazioni o intese con il partner europeo e                         
l'individuazione di risorse strumentali ed umane a supporto del                 
progetto;                                                                       
rilevato che:                                                                   
- sono pervenuti alla Segreteria del Servizio Politiche per                     
l'istruzione e per l'integrazione dei sistemi formativi - Assessorato           
alla Scuola, Formazione professionale, Universita', Lavoro e Pari               
opportunita' della Regione, entro le ore 13 del 11 aprile 2005,                 
termine di scadenza, n. 66 progetti da parte di istituzioni                     
scolastiche secondarie di II grado;                                             
- ai progetti presentati dall'istituzione scolastica e' stato                   
assegnato un unico identificativo (Rif. PA) ;                                   
- il nucleo di valutazione si e' riunito nelle giornate dell'11, 16,            
23, 27 maggio 2005 e del 6 giugno 2005 ed ha rassegnato l'esito della           
valutazione dei progetti e la proposta di finanziabilita' degli                 
stessi espressa sulla base del numero degli studenti coinvolti e la             
durata dello scambio;                                                           
- tutti i progetti sono risultati ammissibili a finanziamento per               
aver ottenuto un punteggio non inferiore a 70 punti, cosi' come                 
previsto nell'Invito, di cui alla propria deliberazione 288/05, gia'            
citata;                                                                         
- l'esito dell'istruttoria di ammissibilita' e della valutazione e'             
riportato nelle schede agli atti del Servizio competente e                      
disponibili per la consultazione degli aventi diritto;                          
- l'Istituto Professionale statale per l'Industria, Artigianato,                
Servizi commerciali, Turistici, Odontotecnico "Marcello Malpighi" di            
Crevalcore (BO),ha inviato rinuncia scritta alla realizzazione del              
progetto in data 26 maggio 2005, prot. 18980/UNR;                               
rilevato che tutti i progetti prevedono una durata per il soggiorno             
nel Paese europeo individuato non inferiore ad una settimana, un                
periodo di realizzazione da settembre 2005 ad agosto 2006 e                     
coinvolgono almeno una classe;                                                  
ritenuto con il presente atto, in attuazione dell'Allegato A della              
propria deliberazione 288/05 di:                                                
- approvare i 65 progetti di mobilita' transnazionale presentati                
dalle istituzioni scolastiche di cui all'Allegato 1), parte                     
integrante della presente deliberazione;                                        
- finanziare i progetti per gli importi assegnati ad ogni istituzione           
scolastica, cosi' come dettagliatamente indicato nell'Allegato 1,               
parte integrante del presente deliberazione e sulla base delle                  
specificazioni riportate;                                                       
considerato che:                                                                
- l'organizzazione di un progetto di mobilita' transnazionale                   
necessita di essere pianificato con largo anticipo rispetto al                  
periodo di realizzazione, tenuto conto delle attivita' didattiche               
proprie dell'istituzione scolastica interessata e dell'esigenza di              
coinvolgere per tempo gli studenti e le loro famiglie, anche al fine            
di elaborare un'azione di elevata qualita' formativa ed educativa;              
rilevato pertanto opportuno, anche al fine di agevolare le famiglie             
che sono chiamate a contribuire anticipatamente alla copertura delle            
spese di vitto, alloggio e trasporto inerenti l'azione di mobilita'             
transnazionale, concedere alle istituzioni scolastiche una quota pari           
al 70% dell'importo finanziato, previa presentazione della seguente             
documentazione:                                                                 
a) intesa sottoscritta da entrambi i partners o nota comprovante                
l'assenso all'iniziativa di entrambi i partners;                                
b) programma da svolgere nella localita' ospitante;                             
c) preventivo di dettaglio sottoscritto dal dirigente scolastico;               
e la restante quota del 30% a saldo sulla base della rendicontazione            
finale. Nel caso che l'importo erogato a titolo di primo acconto non            
sia totalmente utilizzato, le istituzioni scolastiche dovranno                  
provvedere alla restituzione della relativa quota;                              
richiamate le leggi regionali:                                                  
- n. 40/2001 "Ordinamento contabile della Regione Emilia-Romagna,               
abrogazione delle L.R.  6 luglio 1977, n. 31 e 27 marzo 1972 n. 4";             
- n. 43/2001 "Testo unico in materia di organizzazione e di rapporto            
di lavoro nella Regione Emilia-Romagna";                                        
- n. 28/2004 "Bilancio di previsione della Regione Emilia-Romagna per           
l'esercizio finanziario 2005 e del Bilancio pluriennale 2005-2007"              
pubblicata nel Bollettino Ufficiale della Regione n. 177 del                    
28/12/2004;ritenuto che ricorrano gli elementi di cui all'art. 47, II           
comma della L.R. 40/01 e che pertanto gli impegni di spesa possano              
essere assunti con il presente atto per l'ammontare complessivo del             
finanziamento concesso pari a Euro 632.000,00;                                  
dato atto dei pareri in ordine al presente provvedimento, ai sensi              
dell'art. 37, comma 4, della L.R. 26 novembre 2001 n. 43 e della                
propria deliberazione 447/03:                                                   
- di regolarita' amministrativa espesso dal Direttore generale                  
Cultura Formazione Lavoro, dott.ssa Cristina Balboni;                           
- di regolarita' contabile espresso dal Dirigente Professional                  
"Controllo e presidio dei processi connessi alla predisposizione del            
Bilancio e del Rendiconto generale" dott.ssa Maria Grazia Gaspari in            
sostituzione della Responsabile del Servizio Bilancio-Risorse                   
Finanziarie dott.ssa Amina Curti ai sensi delle note del Direttore              
generale Risorse Finanziarie e Strumentali prot. n. ARB/DRF/02/59146            
del 7/11/2002 e prot. n. ARB/03/DRF/2445-I del 21 gennaio 2003,                 
su proposta dell'Assessore regionale competente per materia;                    
a voti unanimi e palesi, delibera:                                              
1) di prendere atto, in attuazione dell'Allegato A della propria                
deliberazione 288/05 e per le motivazioni espresse in premessa e che            
qui si intendono integralmente richiamate, che:                                 
- sono pervenuti alla Segreteria del Servizio Politiche per                     
l'istruzione e per l'integrazione dei sistemi formativi - Assessorato           
alla Scuola, Formazione professionale, Universita', Lavoro e Pari               
Opportunita' della Regione, entro le ore 13 del 11 aprile 2005,                 
termine di scadenza, n. 66 progetti da parte di istituzioni sc;                 
- l'Istituto Professionale statale per l'Industria, Artigianato,                
Servizi commerciali, Turistici, Odontotecnico "Marcello Malpighi" di            
Crevalcore (BO), ha fatto pervenire, in data 26 maggio 2005 prot.               
18980/UNR, la propria rinuncia all'attivazione del progetto                     
presentato;                                                                     
- sulla base dell'istruttoria svolta dal Servizio regionale                     
competente e a seguito della valutazione dei progetti effettuata dal            
nucleo di valutazione, di cui alla determinazione 2630/05, risultano            
ammissibili a finanziamento n. 65 progetti per aver ottenuto, secondo           
quanto previsto dal bando, di cui alla propria deliberazione 288/05             
sopra citata, un punteggio non inferiore a 70 punti;                            
2) di finanziare i progetti sopra richiamati alle istituzioni                   
scolastiche superiori di II grado con risorse dell'Obiettivo 3                  
-Misura C1 -P.O.R. 2000-2006 per una spesa complessiva di 632.000,00            
Euro cosi' come indicato dettagliatamente nell'Allegato 1, parte                
integrante della presente deliberazione;                                        
3) di impegnare la somma complessiva di Euro 632.000,00 a carico del            
Bilancio per l'esercizio finanziario 2005 che presenta la necessaria            
disponibilita' come segue:                                                      
- quanto a Euro 284.400,00 registrata al n. 2908 di impegno sul                 
Capitolo n. 75555 "Interventi per accrescere l'occupabilita' e la               
qualificazione delle risorse umane, anche attraverso lo sviluppo                
dell'imprenditorialita', dell'adattabilita' delle imprese e dei                 
lavoratori e delle pari opportunita'. Obiettivo 3 (REG.CE n.                    
1260/99)-Programma operativo regionale 2000-2006 - Contributo CE sul            
FSE" - UPB 1. 6. 4. 2.25261;                                                    
- quanto a Euro 278.080,00. registrata al n. 2909 di impegno sul                
Capitolo n. 75553 "Interventi per accrescere l'occupabilita' e la               
qualificazione delle risorse umane, anche attraverso lo sviluppo                
dell'imprenditorialita', dell'adattabilita' delle imprese e dei                 
lavoratori e delle pari opportunita'. Obiettivo 3 Fondo di Rotazione            
nazionale (Legge 21 dicembre 1978,n. 845, Legge 16 aprile 1987, n.              
183, art. 9 Legge 19 luglio 1993, n. 236 e REG. CE n. 1260/99 -                 
Programma operativo regionale 2000-2006 - Mezzi Statali" - UPB 1. 6.            
4. 2.25262;                                                                     
- quanto a Euro 69.520,00 registrata al n. 2910 di impegno sul                  
Capitolo n. 75557 "Interventi per accrescere l'occupabilita' e la               
qualificazione delle risorse umane, anche attraverso lo sviluppo                
dell'imprenditorialita', dell'adattabilita' delle imprese e dei                 
lavoratori e delle pari opportunita'. Obiettivo 3 (L.R. 24 luglio               
1979,n. 19 e successive modifiche abrogata; L.R. 25 novembre 1996, n.           
45; L.R. 27 luglio 1998, n. 25 L.R. 30 giugno 2003, n. 12, REG.CE n.            
1260/99)-Programma operativo regionale 2000-2006 - Quota Regione" -             
UPB 1. 6. 4. 2.25260;                                                           
4) di stabilire che i progetti che con il presente atto si finanziano           
dovranno concludersi, di norma, entro il 31 agosto 2006 e che le                
istituzioni scolastiche dovranno attenersi alle modalita' di                    
informazione, gestione, controllo e rendicontazione previste dalla              
Regione Emilia-Romagna per i beneficiari di finanziamenti del Fondo             
sociale europeo ;                                                               
5) di dare atto che alla liquidazione del finanziamento provvedera'             
ai sensi della LR 40/01 ed in attuazione della delibera di Giunta               
regionale 447/03 con propri atti la Responsabile del Servizio                   
Politiche per l'istruzione e l'integrazione dei sistemi formativi,              
previa acquisizione del parere della Responsabile del Servizio                  
Gestione, Controllo, Rendicontazione delle attivita' finanziate con             
fondi comunitari ed altri fondi inerente il rispetto delle norme di             
cui al precedente punto 4), e con le modalita' sottoelencate:                   
- una quota pari al 70% dell'importo di cui all'Allegato 1, parte               
integrante e sostanziale del presente atto, previa presentazione                
della seguente documentazione al Servizio Gestione, Controllo e                 
Rendicontazione delle attivita' finanziate con Fondi comunitari ed              
altri Fondi:                                                                    
a)intesa sottoscritta da entrambi i partners o nota comprovante                 
l'assenso all'iniziativa di entrambi i partners;                                
b) programma da svolgere nella localita' ospitante;                             
c) preventivo di dettaglio sottoscritto dal dirigente scolastico;               
- la restante quota del 30% a saldo sulla base della rendicontazione            
finale. Nel caso che l'importo erogato a titolo di primo acconto non            
sia totalmente utilizzato, le istituzioni scolastiche dovranno                  
provvedere alla restituzione della relativa quota;                              
6) di disporre la pubblicazione integrale del presente atto nel                 
Bollettino ufficiale della Regione Emilia-Romagna.                              
(segue allegato fotografato)                                                    

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it