REGIONE EMILIA-ROMAGNA - CONSIGLIO REGIONALE

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE 20 gennaio 2005, n. 647

Edilizia scolastica. Indirizzi e criteri per la formulazione del programma 2005 ai sensi della L.R. 39/80 e successive modifiche e integrazioni (proposta della Giunta regionale in data 13 dicembre 2004, n. 2637)

IL CONSIGLIO DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA                                       
Vista la deliberazione della Giunta regionale progr. n. 2637 del 13             
dicembre 2004, recante in oggetto "Edilizia scolastica - Indirizzi e            
criteri per la formulazione del Programma 2005 ai sensi della L.R.              
39/80 e successive modifiche ed integrazioni - Proposta al Consiglio"           
e che qui di seguito si trascrive integralmente:                                
"LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA                                         
Visti:                                                                          
- la L.R. 22 maggio 1980, n. 39 "Norme per l'affidamento e                      
l'esecuzione di opere urgenti di edilizia scolastica" come                      
successivamente modificata e integrata, il cui art. 3, comma 1,                 
dispone che la Giunta regionale finanzi l'esecuzione delle opere                
sulla scorta degli indirizzi definiti dal Consiglio;                            
- la L.R. 12 dicembre 1985, n. 29 "Norme generali sulle procedure di            
programmazione e di finanziamento di strutture pubbliche e di                   
interesse pubblico da realizzare da parte della Regione, di Province,           
di Comuni, Comunita' Montane, Consorzi di Enti locali";                         
- gli artt. 20 e 21 della Legge 31 gennaio 1994, n. 97 "Nuove                   
disposizioni per le zone montane";                                              
- visti gli artt. n. 45 e 46 della L.R. 12/03;                                  
visto il progetto di legge di previsione del Bilancio della Regione             
Emilia-Romagna per l'esercizio finanziario 2005 e Bilancio                      
pluriennale 2005-2007, pubblicato nel Supplemento speciale del                  
Bollettino Ufficiale regionale n. 323 del 10/11/2004, con il quale si           
prevede uno stanziamento di risorse sul Capitolo 73060 pari a Euro              
1.500.000,00 al quale, si vanno ad aggiungere le ulteriori risorse              
che si renderanno disponibili, a seguito dell'assestamento di                   
bilancio, per le economie realizzate sulle autorizzazioni di spesa              
del programma 2004 e quantificabili in Euro 953.976,59, per un totale           
complessivo di Euro 2.453.976,59;                                               
attesa la necessita' che il Consiglio regionale emani gli indirizzi e           
i criteri per la formulazione di un programma di edilizia scolastica            
per l'annualita' 2005, da realizzare con le risorse destinate dal               
bilancio regionale all'attuazione della richiamata L.R. 39/80;                  
vista la propria deliberazione n. 161 del 2 febbraio 2004, con la               
quale si approva il piano generale triennale 2003-2005 ed i relativi            
piani annuali 2003 e 2004 della Legge 11 gennaio 1996, n. 23;                   
considerato che nella precitata delibera 161/03 per l'annualita' 2005           
e' stato indicato, sulla base delle indicazioni provinciali, un                 
elevato numero di interventi per un importo lavori complessivo di               
Euro 158.731.194,47;                                                            
considerato altresi' che il Ministero dell'Istruzione,                          
dell'Universita' e della Ricerca (MIUR) non ha ancora indicato                  
l'ammontare del finanziamento previsto per l'annualita' 2005;                   
ritenuto altresi' che gli interventi programmati superano di molto le           
possibilita' di finanziamento (per l'annualita' 2004 i fondi                    
assegnati alla Regione Emilia-Romagna sono stati Euro                           
20.842.228,00);                                                                 
visto che all'atto di assegnazione del finanziamento da parte del               
MIUR, le Amministrazioni provinciali dovranno scegliere le opere da             
finanziare, all'interno degli interventi indicati nel piano per                 
l'annualita' 2005;                                                              
ritenuto pertanto opportuno, ai fini di una sinergica ed efficace               
utilizzazione delle risorse disponibili, individuare le opere urgenti           
da finanziare, su segnalazione dalle Amministrazioni provinciali                
secondo le modalita' e gli indirizzi di seguito indicati, e quindi da           
stralciare fin da subito dagli interventi compresi per l'annualita'             
2005 nella precitata delibera 161/03;                                           
preso atto del parere positivo espresso dal sistema delle Autonomie             
locali e scolastiche nella seduta del 13 dicembre 2004;                         
dato atto, in ordine al presente atto deliberativo, del parere                  
favorevole di regolarita' amministrativa espresso ai sensi dell'art             
37, IV comma della L.R. 43/01 e della deliberazione di Giunta                   
regionale 447/03, dal Direttore generale Cultura, Formazione e Lavoro           
dott.ssa Cristina Balboni;                                                      
su proposta dell'Assessore competente per materia;                              
a voti unanimi e palesi, delibera:                                              
di proporre al Consiglio regionale:                                             
a) di approvare, relativamente agli interventi di edilizia scolastica           
da finanziarsi ai sensi della L.R. 39/80, con le risorse che saranno            
stanziate dal Bilancio 2005, i seguenti criteri ed indirizzi per la             
formulazione del piano annuale 2005:                                            
1) gli interventi devono essere individuati dalle Province, sentite             
le rispettive Conferenze provinciali di Coordinamento ex art. 46 L.R.           
12/03, fra quelli dell'annualita' 2005, del piano generale triennale            
2003-2005 della Legge 11 gennaio 1996, n. 23, approvato con                     
deliberazione di Giunta regionale n. 161 del 2 febbraio 2004 e                  
pubblicato nel Bollettino Ufficiale regionale n. 47 del 14 aprile               
2004;                                                                           
2) nel rispetto delle esigenze e delle richieste formulate dagli Enti           
interessati e per garantire tempestivita' ed efficacia della spesa,             
ponendo particolare attenzione alle differenti situazioni                       
territoriali e ai conseguenti diversi livelli di difficolta'                    
organizzativa della rete scolastica e dei servizi per l'accesso,                
viene data priorita' agli interventi da realizzare nei Comuni di                
montagna e nei Comuni con popolazione inferiore ai 5.000 abitanti,              
dotati di progettazione esecutiva e immediatamente cantierabili,                
finalizzati:                                                                    
- all'adeguamento delle strutture esistenti alle vigenti normative in           
materia di agibilita', sicurezza, igiene e accessibilita';                      
- all'adeguamento degli edifici alle nuove esigenze derivanti dai               
processi di riforma degli ordinamenti e dei programmi didattici;                
- all'assolvimento del fabbisogno documentato di aule conseguente               
all'aumento della popolazione scolastica;                                       
- alla razionalizzazione distributiva della rete scolastica sul                 
territorio;                                                                     
3) relativamente agli interventi di adeguamento a norma della                   
struttura, il finanziamento e' concesso a condizione che gli                    
interventi siano terminati entro il 31/12/2005, ai sensi dell'art. 9            
del DL 266/04;                                                                  
4) le risorse disponibili, che per l'annualita' 2005 trovano                    
copertura sul Capitolo 73060 del Bilancio regionale 2005 per un                 
importo pari ad Euro 1.500.000,00 ed al quale si va ad aggiungere               
l'importo derivante dalle economie di spesa realizzate sulle                    
autorizzazioni di spesa 2004 e quantificabili in Euro 953.976,59, per           
un totale complessivo pari a Euro 2.453.976,59, saranno ripartite in            
quote provinciali secondo i criteri definiti al punto A/2 della                 
delibera di Consiglio regionale 523/03 (Bollettino Ufficiale                    
regionale n. 176 del 26 novembre 2003);                                         
5) la spesa minima ammissibile di intervento e' quantificata in Euro            
50.000,00, riducibili a 30.000,00 per gli interventi da realizzarsi             
nei Comuni fino a 5.000 abitanti o classificati montani, mentre la              
spesa massima e' quantificata in Euro 350.000,00. Detti importi -               
riferiti anche a piu' interventi purche' ricompresi in unico appalto            
- sono comprensivi delle spese per indagini e progettazione,                    
calcolate forfetariamente in misura non superiore al 15% dell'importo           
a base d'asta, nonche' dell'IVA e di ogni altra imposta e spesa                 
accessoria;                                                                     
6) l'importo dei finanziamenti non puo' essere inferiore al 30% ne'             
superiore al 50% della spesa ammessa;                                           
7) gli interventi finanziati dal piano in oggetto non potranno essere           
finanziati con i fondi destinati alla Legge 23/96 per il triennio               
2003-2005;8) entro il termine di 30 giorni dalla pubblicazione del              
presente atto nel Bollettino Ufficiale regionale, le Province                   
inoltrano al Servizio regionale competente gli atti di approvazione             
dei rispettivi piani provinciali;                                               
9) il mancato rispetto di detto termine comporta l'esclusione dal               
piano regionale d'attuazione 2005;                                              
10) entro 60 giorni dalla data di pubblicazione di cui al precedente            
punto 7), la Giunta regionale approva il piano di attuazione degli              
interventi per l'annualita' 2005 disponendone la pubblicazione nel              
Bollettino Ufficiale regionale;                                                 
b) di pubblicare l'Atto consiliare nel Bollettino Ufficiale della               
Regione.";                                                                      
dato atto che il progetto di legge di previsione del Bilancio della             
Regione Emilia-Romagna per l'esercizio finanziario 2005 e Bilancio              
pluriennale 2005-2007, pubblicato nel Supplemento speciale del                  
Bollettino Ufficiale regionale n. 323 del 10/11/2004, e' ora Legge              
regionale n. 28 del 23 dicembre 2004, pubblicata nel Bollettino                 
Ufficiale regionale n. 177 del 28 dicembre 2004 recante "Bilancio di            
previsione della Regione Emilia-Romagna per l'esercizio finanziario             
2005 e Bilancio pluriennale 2005-2007";                                         
visto il favorevole parere espresso al riguardo dalla Commissione               
referente "Turismo, Cultura, Scuola, Formazione, Lavoro" di questo              
Consiglio regionale, giusta nota prot. n. 276 del 12 gennaio 2005;              
previa votazione palese, a maggioranza dei presenti,                            
delibera:                                                                       
di approvare le proposte formulate dalla Giunta regionale con                   
deliberazione in data 13 dicembre 2004, progr. n. 2637, riportate nel           
presente atto deliberativo.                                                     

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it