PROVINCIA DI FERRARA

COMUNICATO

Modifiche statutarie ex art. 6, DLgs 267/00

Si comunica che il Consiglio provinciale di Ferrara, con                        
deliberazione n. 129/114117 del 16/12/2004 avente ad oggetto                    
"Modifiche allo Statuto provinciale" pubblicata all'Albo pretorio per           
30 giorni dal 10/1/2005, ha approvato le seguenti modifiche al                  
vigente Statuto provinciale:                                                    
Art. 12                                                                         
- il comma 5 e' soppresso e sostituito dal seguente:                            
"5 - Alle Commissioni consiliari sono attribuiti i poteri necessari             
all'esercizio del mandato loro affidato. Oltre all'esercizio delle              
prerogative riconosciute ai singoli Consiglieri, previste al                    
precedente articolo 9, le Commissioni possono chiedere l'esibizione             
di atti e documenti, con l'unico limite del rispetto della normativa            
vigente in materia di trattamento dei dati personali e con il vincolo           
del segreto per i componenti, nei casi determinati dalla legge.                 
Possono convocare dipendenti dell'Ente per l'audizione ed avvalersi             
di esperti, previa deliberazione autorizzativa di spesa da parte                
dell'Organo competente."                                                        
Art. 13                                                                         
Al comma 7 l'espressione "dei lavori" e' soppressa e sostituita dalla           
seguente: "delle sedute";                                                       
il comma 8 e' soppresso e sostituito dal seguente:                              
"8 - Il Vicepresidente del Consiglio:                                           
- in caso di assenza o impedimento del Presidente, lo sostituisce               
nello svolgimento delle funzioni attribuitegli dalla legge, in                  
particolare dall'articolo 39 del DLgs 18/8/2000, n. 267, dallo                  
Statuto e dal Regolamento per il funzionamento del Consiglio,                   
assumendone le relative responsabilita';                                        
- partecipa alle sedute della Conferenza dei Capigruppo al fine di              
concorrere al coordinamento ed alla preparazione dei lavori del                 
Consiglio ed alle altre competenze attribuite alla Conferenza                   
stessa;                                                                         
- e' informato tempestivamente dal Presidente del Consiglio in merito           
all'elenco degli oggetti da trattare nelle riunioni del Consiglio e             
della Conferenza dei Capigruppo;                                                
- partecipa, su delega del Presidente del Consiglio, a convegni,                
seminari e simili in materia di competenza istituzionale del                    
Consiglio, rappresentando il Consiglio medesimo.                                
Dopo il comma 8 e' aggiunto il seguente comma:                                  
"8 bis - Nel caso di contemporanea assenza o impedimento del                    
Presidente e del Vicepresidente del Consiglio, le relative funzioni             
sono svolte, nell'ordine, dal Consigliere anziano individuato ai                
sensi dell'articolo 75, comma 12 del DLgs 18/8/2000, n. 267 e dal               
Consigliere che segue quest'ultimo in ordine di anzianita'."                    
Al comma 13 l'ultimo periodo "In caso di inerzia provvede alla                  
convocazione il Presidente" e' soppresso e sostituito dal seguente:             
"In caso di inerzia, previa diffida, provvede il Prefetto".                     
Il comma 14 e' soppresso e sostituito dal seguente:                             
"14 - Il Presidente del Consiglio ed il Vicepresidente restano in               
carica quanto il Consiglio che li ha eletti. Gli stessi possono                 
essere singolarmente revocati, per grave e reiterata violazione dei             
propri obblighi statutari, su mozione di sfiducia presentata da un              
quarto dei componenti il Consiglio ed approvata con voto palese a               
maggioranza assoluta dei componenti il Consiglio medesimo. La mozione           
deve essere motivata e viene messa in discussione non prima di dieci            
giorni e non oltre trenta giorni dalla sua presentazione.                       
Dopo il comma 14 e' inserito il seguente:                                       
"15 - Il Presidente ed il Vicepresidente, in caso di morte,                     
dimissioni o revoca, vengono surrogati nella prima seduta del                   
Consiglio provinciale successiva all'evento, con le stesse modalita'            
di elezione previste nel presente articolo".                                    
Il comma 15 assume la numerazione di comma 16.                                  
Art. 23                                                                         
Al comma 1:                                                                     
- punto a): dopo "del DLgs" e' soppresso il numero "267";                       
- punto f) : l'espressione "lettera f)" e' soppressa e sostituita               
dalla seguente: "lettera e)";                                                   
- punto n): le parole " . . . .Legge 8/6/1990, n. 142 (Ordinamento              
delle Autonomie locali)" sono soppresse e sostituite dalle seguenti :           
". . . .DLgs 18/8/2000, n. 267";                                                
le parole: ". . . . nonche' dal DLgs 31 marzo 1998, n. 80, articolo             
45" sono soppresse e sostituite dalle seguenti: ". . . . nonche' dal            
DLgs 30/3/2001, n. 165 "Norme generali sull'ordinamento del lavoro              
alle dipendenze delle Amministrazioni pubbliche"".                              
Art. 32                                                                         
Al comma 4 dopo le parole: ". . . . fissato dal DLgs 18/8/2000" e'              
aggiunto "n. 267";                                                              
le parole: ". . . . e gia' contenuto nel DLgs 31/3/1998, n. 80, art.            
45" sono soppresse e sostituite dalle seguenti: ". . . . . e dal DLgs           
30/3/2001, n. 165 "Norme generali sull'ordinamento del lavoro alle              
dipendenze delle Amministrazioni pubbliche."".                                  
IL SEGRETARIO GENERALE                                                          
Angelo Nardella                                                                 

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it