AIPO - AGENZIA INTERREGIONALE PER IL FIUME PO - PARMA

DELIBERAZIONE DEL COMITATO DI INDIRIZZO 21 dicembre 2004, n. 19

Modifica ed integrazione alla delibera del Comitato di Indirizzo n. 14 del 16 giugno 2004 relativamente alla dotazione organica ed ai profili professionali

IL COMITATO DI INDIRIZZO                                                        
Premesso:                                                                       
- che con deliberazione del Comitato di Indirizzo n. 12 del 17                  
dicembre 2002 e' stato adottato il regolamento sull'Ordinamento degli           
Uffici e dei Servizi dell'Agenzia;                                              
- che con deliberazione del Comitato di Indirizzo n. 14 del 16 giugno           
2004 e' stata approvata, in via di prima applicazione, l'organigramma           
la relativa dotazione organica ed i profili professionali                       
dell'Agenzia fissando la dotazione organica in 360 posti complessivi            
di cui 342 posti per il personale dei livelli e 18 posti per l'area             
della Dirigenza;                                                                
atteso che con la delibera teste' citata si dava incarico al                    
Direttore di procedere alla riqualificazione del personale idraulico,           
al superamento della Categoria A ed alla variazione del profilo                 
professionale dei dipendenti che ne avevano fatto richiesta sulla               
scorta delle reali mansioni effettivamente svolte e delle competenze            
professionali possedute;                                                        
dato atto che per quest'ultimo punto e' stato sottoscritto un accordo           
sindacale in data 9 luglio 2004;ricordato:                                      
- che e' stata introdotta, per la prima volta nell'Agenzia, l'area              
delle posizioni organizzative (artt. 8, 9, 10 e 11, CCNL 31/3/1999)             
con l'attribuzione di incarichi di responsabilita' a figure                     
professionali chiave nell'assetto organizzativo dell'Ente, ferma                
restando la necessita' di un successivo momento globale di                      
rivalutazione di tale assetto stante, il numero limitato di                     
dipendenti incaricati;                                                          
- che con concertazione sindacale del 9 luglio 2004 (ex art. 16,                
comma 2, lettera f del CCNL 31/3/1999) sono stati ridefiniti i                  
profili professionali ritenuti necessari in relazione alle esigenze             
organizzative e funzionali dell'Agenzia, andando, altresi', ad                  
integrare le declaratorie di cui all'Allegato A all'Ordinamento                 
professionale del 31/3/1999;                                                    
- che tale circostanza impone la modificazione degli allegati alla              
delibera 14/04, in particolare, l'Allegato D) che verra' sostituito             
con gli Allegati A) e B) uniti al presente provvedimento di cui fanno           
parte integrante e sostanziale;                                                 
preso atto:                                                                     
- che molti dei dipendenti transitati nei ruoli dell'Agenzia erano              
stati inseriti nelle graduatorie di riqualificazione approvate con DD           
n. 4216 del 20 novembre 2002 ed agli stessi era stata riconosciuta              
dal Ministero delle Infrastnitture e Trasporti, con nota prot. 775/p            
del 4/2/2004, alla luce dell'Accordo integrativo del 4/6/2003, una              
posizione economica Super a decorrere dall'1 gennaio 2003;                      
- che con successiva nota lo stesso Ministero delle Infrastrutture e            
Trasporti revocava tale posizione Super "trattandosi di personale che           
e' transitato all'AIPO con decorrenza giuridica dall'1/1/2003";                 
ravvisata la necessita', in ordine alle considerazioni esposte nei              
due precedenti capoversi, di restituire ai dipendenti, se si vuole un           
reale coinvolgimento degli stessi nel processo di riorganizzazione              
del lavoro, cio' che non e' stato riconosciuto loro con il                      
trasferimento all'AIPO, andando ad attivare le procedure di                     
avanzamento di carriera previste dal Contratto nazionale di lavoro,             
fermo restando che questi lavoratori hanno gia' manifestato un                  
potenziale professionale in grado di assolvere ai contenuti della               
declaratoria della Categoria immediatamente superiore (Super);                  
ritenuto che quanto sopra e' coerente con le previsioni contrattuali            
previste al comma 2 dell'art. 2 dell'Ordinamento professionale dove             
la crescita lavorativa dei dipendenti e' strettamente legata ai                 
bisogni organizzativi, gestionali ed erogativi dell'Amministrazione             
"necessita' di valorizzare le capacita' professionali dei                       
lavoratori...in linea con le esigenze di efficienza degli Enti";                
tenuto conto del comunicato del 19 ottobre 2004 a firma del                     
Presidente e del Direttore dell'Ente con il quale si dettano gli                
intenti programmatici dell'Amministrazione che richiedono una                   
modifica alla Dotazione organica "che permettera' all'Ente di                   
dotarsi, finalmente, di figure professionali piu' consone ai compiti            
e ai bisogni dell'Agenzia, figure che saranno collocate nella attuale           
fascia di Categoria C" ed ancora "Cio' permettera' a tutto il                   
personale interessato di Categoria B di poter accedere, previo                  
superamento di apposita selezione, ad una professionalita' gia'                 
espressa, ma non ancora riconosciuta formalmente";                              
tenuto altresi' conto dell'accordo raggiunto in tal senso in data 12            
ottobre 2004 tra l'Amministrazione e le Organizzazioni sindacali che            
si recepisce integralmente;                                                     
atteso che nel piano annuale delle assunzioni per l'anno 2005 si                
definiranno i posti e le percentuali di ripartizione tra le procedure           
di accesso e di progressione interna, determinando, di conseguenza,             
anche la programmazione economica e finanziaria dell'Agenzia, visto             
che la spesa per le progressioni verticali, ai sensi dell'art. 14,              
comma 1 del CCNL 31/3/1999, e' a totale carico del bilancio                     
dell'Ente;                                                                      
considerato che con l'aggiornamento dei profili professionali l'Ente            
ha provveduto alla definizione qualitativa del fabbisogno mentre la             
precisazione del fabbisogno quantitativo e' legata alla dimensione ed           
alla complessita' della Struttura ed alle linee complessive di                  
sviluppo dell'Ente oltre che ai programmi da realizzare;                        
ritenuto quindi:                                                                
- che sia possibile recepire e dare attuazione sia al Comunicato del            
19 ottobre 2004 sia all'accordo stipulato il 12 ottobre 2004 con le             
Organizzazioni sindacali, andando ad integrare la dotazione organica            
dell'Ente con n. 30 unita' di Categoria C profilo professionale di              
"Istruttore amministrativo" da utilizzarsi per i passaggi interni               
tramite procedura verticale con prova selettiva per il personale di             
Categoria B, mentre i corrispondenti posti di categoria B che                   
andranno a svuotarsi potranno essere utilizzati:                                
- per il superamento della Categoria A;                                         
- in applicazione del comma 2 dell'art. 35 del DLgs 165/01 che                  
richiama lo strumento della chiamata numerica degli iscritti nelle              
liste di collocamento dei soggetti di cui alla Legge 12/3/1999, n.              
68;                                                                             
- per l'applicazione delle forme di lavoro flessibile, contratti di             
formazione lavoro e contratti a tempo determinato;                              
- per assunzioni dall'esterno;                                                  
che, pertanto, la dotazione organica teorica e' pari a 372 unita'               
(342 piu' 30),                                                                  
ma che, con la clausola di dissolvenza della Categoria A (vedasi                
propria delibera 14/04) i dipendenti li' inquadrati potranno                    
accedere, previa procedura concorsuale interna, alla categoria                  
immediatamente superiore andando ad occupare i posti lasciati liberi            
al termine delle procedure verticali dalla Categoria B in Categoria             
C;                                                                              
- che, alla luce di quanto sopra, la reale dotazione organica                   
complessiva, al termine di tutte le procedure di riorganizzazione, e'           
pari a 368 unita' (342 piu' 30 meno quattro, di cui complessivamente            
coperti n. 274 per il personale dei livelli) oltre ai 20 posti                  
previsti con la precedente delibera n. 18 del 21/12/2004 per l'area             
della dirigenza;                                                                
richiamato il combinato disposto dai commi 1, 3 e 4 dell'art. 6 del             
DLgs 165/01 laddove si stabilisce che nelle Amministrazioni pubbliche           
l'organizzazione e la disciplina degli uffici devono essere adattati            
alle reali esigenze dell'Ente "previa verifica degli effettivi                  
fabbisogni" (comma 1), e l'adeguamento delle dotazioni organiche deve           
essere correlato all'assunzione di nuove funzioni o all'attivazione             
di nuovi servizi "Per la ridefinizione degli Uffici e delle dotazioni           
organiche si procede periodicamente e comunque a scadenza triennale,            
nonche' ove risulti necessario a seguito di riordino, fusione,                  
trasformazione o trasferimento di funzioni." (comma 3), mentre il               
comma 4 recita "Le variazioni delle dotazioni organiche gia'                    
determinate sono approvate dall'organo di vertice delle                         
amministrazioni in coerenza con la programmazione triennale del                 
fabbisogno del personale. . . .";                                               
dato atto che sul presente provvedimento e' stata effettuata                    
l'informazione alle Organizzazioni sindacali come previsto dai                  
Contratti collettivi nazionali di lavoro del Comparto Regioni ed                
Autonomie locali;                                                               
visto il Regolamento sull'ordinamento degli uffici e dei Servizi e              
l'Accordo costitutivo dell'Agenzia;                                             
tutto cio' premesso e per quanto sopra esposto, il Comitato di                  
Indirizzo dell'AIPO, all'unanimita' dei componenti,                             
delibera:                                                                       
1) di approvare la rideterminazione della dotazione organica                    
complessiva dell'Agenzia Interregionale del fiume Po costruita sulla            
base del fabbisogno di personale necessario all'attivazione dei                 
percorsi di cui in premessa e ribadita nella comunicazione del 19               
ottobre 2004 a firma del Presidente e del Direttore dell'Ente e                 
nell'accordo sindacale del 12 ottobre 2004 nel modo sottoindicato:              
- la dotazione organica teorica e' pari a 372 unita' (342 piu' 30               
unita' di Categoria C profilo professionale "Istruttore                         
amministrativo");                                                               
- la dotazione organica effettiva risultera' pari a 368 unita' per il           
personale dei livelli (342 piu' 30 meno quattro) dopo aver garantito            
la clausola di dissolvenza della Categoria A prevista con propria               
delibera 14/04, per cui alla fine della riorganizzazione interna la             
dotazione organica risultera' ridotta dei quattro posti oggi ascritti           
in Categoria A;                                                                 
- la reale dotazione organica complessiva sara' di 368 posti per il             
personale dei livelli e 20 posti per l'area della Dirigenza;                    
2) di dare atto che e' stata istituita l'area delle posizioni                   
organizzative e che ne sono stati individuati i titolari;                       
3) di dare atto che quanto sopra e' solo un momento di prima                    
applicazione e che tale istituto contrattuale dovra' essere                     
perfezionato alla luce di uno studio di fattibilita' da predisporsi             
fra il Direttore ed i Dirigenti dell'Ente;                                      
4) di dare atto che gli Allegati A) e B), facenti parte integrante e            
sostanziale della presente delibera, che riformulano, come da accordo           
sindacale sottoscritto in data 9 luglio 2004, i profili professionali           
necessari all'Agenzia, sostituiscono il precedente Allegato D)                  
approvato con delibera del Comitato di Indirizzo n. 14 del 16 giugno            
2004;                                                                           
5) di prendere atto dell'accordo raggiunto in data 12 ottobre 2004              
con le Organizzazioni sindacali che si recepisce integralmente;                 
6) di incaricare il Direttore di procedere all'attuazione del piano             
assunzionale per l'anno 2005 definendone i posti e le percentuali di            
ripartizione tra le procedure di accesso dall'esterno e di                      
progressione interna prevedendo, altresi', le assunzioni delle                  
categorie protette ed il ricorso alle forme di lavoro flessibile, ai            
contratti a tempo determinato ed ai contratti di formazione lavoro              
indicandone anche il relativo fabbisogno finanziario.                           
La presente deliberazione sara' pubblicata nei Bollettini Ufficiali             
regionali delle Regioni Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte e                   
Veneto.                                                                         

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it