PROVINCIA DI PARMA

COMUNICATO

Titolo II - Decisione relativa alla procedura di verifica (screening) inerente il progetto di realizzazione di un nuovo impianto di decapaggio

L'Autorita' competente Provincia di Parma comunica la decisione                 
relativa alla procedura di verifica (screening) inerente il progetto            
di realizzazione di un nuovo impianto di decapaggio.                            
Il progetto e' presentato da ditta Gonvarri Italia SpA.                         
Il progetto interessa il territorio del comune di Fontanellato e                
della provincia di Parma.                                                       
Ai sensi del Titolo II della L.R. 18 maggio 1999, n. 9 come                     
modificata dalla L.R. 16 novembre 2000, n. 35, l'Autorita' competente           
Provincia di Parma con determinazione del Dirigente del Servizio                
Ambiente e Difesa del suolo n. 2987 del 7/7/2005 ha assunto la                  
seguente decisione:                                                             
a) per quanto di competenza e salvo diritti di terzi, di non                    
assoggettare alla ulteriore procedura di VIA, ai sensi dell'art. 10,            
comma 1, lettera b) della L.R. 9/99 e successive modificazioni ed               
integrazioni, il progetto di realizzazione di un nuovo impianto di              
decapaggio, ubicato nel comune di Fontanellato e presentato dalla               
ditta Gonvarri Italia SpA, a condizione e nel rispetto di quanto                
contenuto negli elaborati presentati, cosi' come integrati, e che               
siano ottemperate le seguenti prescrizioni:                                     
- dovranno essere tempestivamente inoltrate, agli Enti competenti, le           
istanze necessarie per ottenere il rilascio dell'autorizzazione alla            
realizzazione di un nuovo accesso sulla Via Emilia, posto piu' ad               
Ovest verso Fidenza rispetto all'attuale, cosi' come evidenziato nel            
punto 1 della documentazione integrativa trasmessa dalla ditta                  
Gonvarri Italia in data 28/6/2005 (acquisita agli atti dalla                    
Provincia di Parma in data 28/6/2005 n. prot. 64209);                           
- dovranno essere puntualmente rispettate tutte le misure preventive            
e le azioni correttive proposte, nel caso in cui si verifichino,                
all'interno dello stabilimento, gli scenari incidentali indicati al             
punto 2 delle integrazioni trasmesse dalla ditta Gonvarri Italia in             
data 28/6/2005 (acquisite agli atti dalla Provincia di Parma in data            
28/6/2005 n. prot. 64209);                                                      
- al fine di rispettare quanto previsto dall'art. 6 del DLgs 22/97 e            
successive modificazioni ed integrazioni relativamente al deposito              
temporaneo di rifiuti, si precisa che:                                          
- i "Fanghi e residui di filtrazione contenenti sostanze pericolose"            
(Codice CER 11.01.09) dovranno essere raccolti ed avviati alle                  
operazioni di smaltimento o recupero con cadenza almeno bimestrale;             
- per le altre tipologie di rifiuto elencate al punto 9 delle                   
integrazioni trasmesse dalla ditta Gonvarri Italia in data 28/6/2005            
(acquisite agli atti dalla Provincia di Parma in data 28/6/2005 n.              
prot. 64209), dovranno essere rigorosamente rispettati i tempi di               
permanenza all'interno dello stabilimento riportati in tale                     
documentazione.                                                                 
Si puntualizza inoltre che, nell'eventualita' in cui i tempi di                 
permanenza dei rifiuti stoccati temporaneamente all'interno dello               
stabilimento dovessero superare quelli sopraindicati, si verrebbe a             
configurare una delle operazioni di smaltimento o recupero di cui               
agli Allegati B e C del DLgs 22/97 e successive modificazioni ed                
integrazioni ("D15 - Deposito preliminare prima di una delle                    
operazioni di cui ai punti da D1 a D14" o "R13 - Messa in riserva di            
rifiuti per sottoporli a una delle operazioni indicate nei punti da             
Rl a R12"), da autorizzare, da parte della Provincia di Parma, ai               
sensi degli artt. 27 e 28 dello stesso decreto legislativo;                     
- tutte le operazioni di carico e scarico dei materiali effettuate              
all'interno dello stabilimento dovranno essere eseguite in modo tale            
da impedire sversamenti accidentali o inconvenienti ambientali di               
altro genere.                                                                   
Tali operazioni dovranno comunque essere sempre presidiate da                   
personale qualificato. Eventuali emergenze e/o anomalie andranno                
comunicate alla Provincia di Parma - Servizio Ambiente e Difesa del             
suolo e ad ARPA - Distretto Territoriale di Fidenza;                            
- dovranno essere tenuti i registri di carico/scarico ed i formulari            
di trasporto di tutti i rifiuti gestiti presso l'impianto in oggetto,           
allo scopo di soddisfare i requisiti richiesti dal DLgs 22/97 e                 
successive modificazioni ed integrazioni;                                       
- relativamente al rifiuto identificato con il codice CER 08 03 18              
"Toner per stampa esauriti, diversi da quelli di cui alla voce 08 03            
17" la non pericolosita' dovra' essere dimostrata attraverso                    
l'acquisizione delle relative Schede di sicurezza e la loro attenta             
valutazione;                                                                    
- I contenitori ed i serbatoi utilizzati per il deposito temporaneo             
dei rifiuti dovranno riservare un volume residuo di sicurezza pari al           
10%, ed essere dotati di:                                                       
- dispositivi antitraboccamento o tubazioni di troppo pieno;                    
- indicatori ed allarmi di livello;                                             
- sistemi di chiusura, accessori e dispositivi atti ad effettuare, in           
condizioni di sicurezza, le operazioni di riempimento, travaso e                
svuotamento.                                                                    
Le manichette ed i raccordi dei tubi utilizzati per il carico e lo              
scarico dei rifiuti liquidi contenuti nelle cisterne dovranno essere            
mantenuti in perfetta efficienza, al fine di evitare dispersioni                
nell'ambiente;                                                                  
- dovranno essere ottenute, da Enti accreditati italiani, le                    
certificazioni relative alla perfetta tenuta sia dei serbatoi                   
utilizzati per lo stoccaggio degli acidi esausti che di quelli                  
contenenti la soluzione esausta dello sgrassaggio;                              
- nella documentazione relativa all'istanza da trasmettere alla                 
Provincia di Parma - Servizio Ambiente e Difesa del suolo per il                
rilascio dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), dovranno               
essere riportate le seguenti indicazioni:                                       
- estremi identificativi (numero e data di emissione) degli atti                
autorizzativi in possesso delle Ditte presso le quali verrano                   
trasportati i rifiuti depositati temporaneamente all'interno dello              
stabilimento;                                                                   
- presentazione di elaborati che prevedano sia l'aspirazione della              
vasca di sgrassaggio chimico statico, con espulsione diretta in                 
atmosfera, che l'aspirazione e l'abbattimento dei fluidi gassosi                
provenienti dalle vasche di decapaggio;                                         
- previsione di interventi orientati ad un maggiore riutilizzo delle            
acque reflue di processo, al fine di contenere ulteriormente il                 
prelievo a fini produttivi di acqua dalla rete acquedottistica;                 
- relativamente alle operazioni di saldatura MIG, maggiori                      
approfondimenti sulle motivazioni per le quali non e' stata ravvisata           
la necessita' di impiego di impianti di aspirazione e/o                         
abbattimento;                                                                   
- ulteriori precisazioni in merito ai flussi di traffico interni                
all'azienda.                                                                    
- Predisposizione, nel progetto definitivo, di elaborati che                    
prevedano:                                                                      
- definizione delle caratteristiche tecniche del serbatoio contenente           
la soluzione esausta dello sgrassaggio;                                         
- realizzazione, in corrispondenza delle aree di stoccaggio (mediante           
contenitori e/o serbatoi fuori terra) dei rifiuti, di sistemi di                
contenimento di capacita' pari al serbatoio stesso oppure, se nello             
stesso bacino di contenimento vi sono piu' serbatoi, di bacini la cui           
capacita' dovra' essere pari ad almeno il 30% del volume totale dei             
serbatoi, ed in ogni caso non inferiore al volume del serbatoio di              
maggiore capacita', aumentato del 10 %;                                         
- realizzazione, nella zona Nord-Est dello stabilimento, cosi' come             
riportato al punto 10 della documentazione integrativa trasmessa                
dalla Ditta Gonvarri Italia in data 28/6/2005 (acquisita agli atti              
dalla Provincia di Parma in data 28/6/2005 n. prot. 64209), di un               
adeguato sistema di trattamento delle acque meteoriche di prima                 
pioggia provenienti dal dilavamento dei piazzali pertinenti                     
all'insediamento produttivo, secondo quanto previsto dall'Allegato 4            
alle NTA del PTCP per le aree a "Vulnerabilita' a sensibilita'                  
attenuata".                                                                     
- Relativamente agli scarichi idrici in pubblica fognatura, si                  
precisa che il relativo atto autorizzativo sara' sostituito ad ogni             
effetto (cosi' come per quanto riguarda le autorizzazioni che la                
ditta Gonvarri Italia SpA dovra' ottenere relativamente agli scarichi           
idrici in acque superficiali ed alle emissioni in atmosfera)                    
dall'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA), che dovra' essere               
rilasciata dalla Provincia di Parma - Servizio Ambiente e Difesa del            
suolo ai sensi della L.R. 21/04 e del DLgs 59/05. A tale proposito,             
si rammenta che dovra' comunque essere rispettato tutto quanto                  
previsto dal Regolamento di pubblica fognatura vigente nel comune di            
Fontanellato;                                                                   
b) di subordinare, ai sensi dell'art. 10, comma 4 della L.R. 9/99 e             
successive modificazioni ed integrazioni, il successivo rilascio                
delle autorizzazioni necessarie alla realizzazione (permesso di                 
costruire, certificato di conformita' edilizia ed agibilita',                   
autorizzazione integrata ambientale, parere di conformita' e                    
certificato di prevenzione incendi, autorizzazione dell'Ispettorato             
del lavoro) degli interventi in progetto alla verifica ed                       
all'ottemperanza delle prescrizioni contenute nella precedente                  
lettera a). A tale scopo, si trasmette la presente determinazione               
allo Sportello Unico per le Imprese del Comune di Fontanellato, il              
quale a sua volta provvedera' a trasmetterla al proponente (ditta               
Gonvarri Italia SpA) ed a tutte le Amministrazioni competenti al                
rilascio di intese, concessioni, autorizzazioni, licenze, pareri,               
nulla osta, assensi comunque denominati necessari per la                        
realizzazione del progetto in base alla vigente normativa, nonche'              
agli Enti e agli organi competenti in materia di controllo nelle                
materie ambientali, ed in particolare ad ARPA.                                  
Si rammenta inoltre che il proponente dovra' acquisire anche tutte le           
eventuali autorizzazioni relative alla fase di cantierizzazione                 
(scarichi idrici, gestione rifiuti, emissioni in atmosfera, ecc...);            
c) di quantificare le spese istruttorie, ai sensi dell'art. 28 della            
L.R. 9/99 e successive modificazioni ed integrazioni, applicando la             
percentuale del 0,02% al valore totale dell'opera, dichiarato dal               
proponente essere pari a Euro 6750000. La cifra che la ditta Gonvarri           
Italia SpA dovra' corrispondere allo Sportello Unico per le Imprese             
del Comune di Fontanellato, che successivamente la riversera'                   
all'Autorita' competente Provincia di Parma - Servizio Ambiente e               
Difesa del suolo, entro e non oltre 30 giorni dal ricevimento della             
presente determinazione, e' pertanto di Euro 1350,00;                           
d) di pubblicare la presente determinazione nel Bollettino Ufficiale            
della Regione Emilia-Romagna, ai sensi dell'art. 10, comma 3 della              
L.R. 9/99 e sucessive modificazioni ed integrazioni.                            

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it