REGIONE EMILIA-ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 26 aprile 2005, n. 714

Procedura di verifica (screening) relativa al progetto di un invaso uso irriguo da realizzarsi in localita' Prato, frazione S. Zeno nel comune di Galeata, provincia di Forli'-Cesena (Titolo II, L.R. 19 maggio 1999, n. 9 e successive modifiche ed integrazioni)

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA                                          
(omissis)  delibera:                                                            
a) di escludere, ai sensi dell'art. 10, comma 1 della L.R. 18 maggio            
1999, n. 9 e successive modificazioni ed integrazioni, in                       
considerazione del limitato rilievo degli interventi previsti e dei             
conseguenti impatti ambientali, il progetto relativo alla costruzione           
di un invaso ad uso irriguo in frazione S. Zeno, localita' Prato nel            
comune di Galeata, provincia di Forli'-Cesena, dalla ulteriore                  
procedura di VIA con le seguenti prescrizioni:                                  
- necessita' di ottenimento della autorizzazione relativa al vincolo            
idrogeologico di cui alla Legge 3267/23;                                        
- necessita' di autorizzazione paesaggistica ai sensi dell'art. 142             
del DLgs 22 gennaio 2004, n. 42 "Codice dei beni culturali e del                
paesaggio, ai sensi dell'articolo 10 della Legge 6 luglio 2002, n.              
137";                                                                           
- per l'attingimento di acque pubbliche superficiali e acque                    
sotterranee e la loro derivazione, deve essere acquisita                        
rispettivamente l'autorizzazione o la concessione rilasciate dalla              
Autorita' competente in materia, ai sensi del R.R. 41/01;                       
- sono necessarie verifiche geotecniche, in corso d'opera e al                  
termine dei lavori, del grado di compattazione raggiunto dal tampone            
dei terreni costituenti lo strato di rivestimento impermeabile (prove           
Proctor, prove di permeabilita' in situ e in laboratorio, etc.); la             
tenuta idraulica dell'invaso dovra' comunque essere verificata in               
fase di collaudo;                                                               
- poiche' l'area e' classificata come "Zone di particolare interesse            
paesaggistico ambientale" dal PTCP della Provincia di Forli'-Cesena,            
al fine di garantire un adeguato inserimento paesaggistico dell'opera           
ed il mantenimento del corridoio ecologico, dovra' essere realizzato            
un adeguato ripristino ambientale e vegetazionale di raccordo della             
fascia boscata ripariale provvedendo alla piantumazione di essenze              
autoctone di ripa di altezza minima 1.0 m, evitando le specie                   
riconosciute infestanti (Robinia, Ailanto, etc.) e lungo tutto il               
perimetro dell'invaso, analogamente dovra' essere previsto il                   
ripristino vegetazione della fascia boscata che verra' interessata              
dai lavori di posizionamento del tubo scolmatore;                               
- per il ripristino delle aree di cantiere si riutilizzera' il                  
terreno vegetale proveniente dallo scotico, che si avra' cura di                
accumulare separatamente dalle altre tipologie di materiale, in                 
spessori adeguati e del quale si provvedera' alla manutenzione per              
evitarne la morte biologica;                                                    
- il materiale di scavo dovra' essere accumulato al di fuori della              
"Zone di espansione inondabili", (art. 17, comma 2, lett. a), in                
quanto le norme di piano vietano interventi che comportino una                  
riduzione apprezzabile o una parzializzazione della capacita' di                
invaso;                                                                         
- il materiale di risulta limoso-argilloso proveniente dagli scavi e            
non utilizzato per la realizzazione dell'opera, dovra' essere                   
sistemato in loco o riutilizzato in modo conforme alle vigenti                  
disposizioni normative (art. 3, L.R. 17/91); a tale riguardo dovra'             
essere elaborato uno studio, da sottoporre all'approvazione della               
Amministrazione provinciale di Forli'-Cesena e al Servizio Tecnico              
Bacino Fiumi Romagnoli di Forli'-Cesena, che riporti ubicazione                 
planimetrica e spessori dei materiali accumulati e la dimostrazione             
che tali stendimenti non comportino "una riduzione apprezzabile della           
capacita' di invaso" del fiume Rabbi, in ottemperanza all'art. 17,              
comma 2, lettera a del PTCP della Provincia di Forli'-Cesena o                  
fenomeni di instabilita' sui versanti;                                          
- in base all'art. 21 del Piano Infraregionale delle Attivita'                  
Estrattive della Provincia di Forli'-Cesena approvato con delibera di           
Consiglio provinciale n. 12509/22 del 19 febbraio 2004, e' prevista             
l'estrazione per una quota pari a 10.000 mc. di materiale inerte                
ghiaioso-sabbioso, nell'ambito di interventi non finalizzati                    
all'attivita' estrattiva, dovra' quindi essere acquisita dal                    
proponente per l'utilizzo e per la commercializzazione dei materiali            
ricavati il provvedimento autorizzativo ai sensi dell'art. 14 della             
L.R. 17/91 dall'Amministrazione comunale;                                       
- la quota residua di materiale ghiaioso di risulta, corrispondente a           
circa 14.000 mc., poiche' l'area non rientra all'interno della                  
zonizzazione del PIAE, non potra' essere conferito ad una ditta                 
specializzata per la lavorazione, si prescrive inoltre che                      
l'eventuale frantumazione del materiale in oggetto sia effettuata in            
loco con un frantoio mobile, il materiale dovra' essere ricollocato             
all'interno dell'azienda ed il suo utilizzo dovra' essere comunque              
conforme alle vigenti disposizioni normative in merito;                         
- a tutela della pubblica incolumita', insieme alla recinzione                  
perimetrale metallica di altezza pari a 2.0 m., come prevista da                
progetto, venga dotato di scale di emergenza e cancello di accesso              
chiuso da lucchetto;                                                            
- resta fermo che tutte le autorizzazioni, necessarie per la                    
realizzazione delle opere in oggetto della presente valutazione,                
dovranno essere rilasciate dalle Autorita' competenti ai sensi delle            
vigenti disposizioni;                                                           
b) di trasmettere la presente delibera al proponente Zanuccoli Aldo,            
al Servizio Tecnico Bacino Fiumi Romagnoli, alla Amministrazione                
provinciale di Forli'-Cesena, al Comune di Galeata, all'Autorita' dei           
Bacini Regionali Romagnoli, alla Comunita' Montana Appennino                    
Forlivese, alla Sovrintendenza per i Beni Ambientali ed                         
Architettonici di Ravenna, all'ARPA - Sezione provinciale di Forli';            
c) di pubblicare, per estratto, ai sensi dell'art. 10, comma 3 della            
L.R. 18 maggio 1999, n. 9 e successive modificazioni ed integrazioni            
il presente partito di deliberazione, nel Bollettino Ufficiale della            
Regione.                                                                        

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it