REGIONE EMILIA-ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 20 dicembre 2004, n. 2678

Approvazione del programma "Assistenza odontoiatrica nella regione Emilia-Romagna: Programma regionale per l'attuazione dei LEA e la definizione di livelli aggiuntivi"

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA                                          
Visti:                                                                          
- la deliberazione del Consiglio regionale n. 1235 del 22/9/1999, con           
la quale veniva approvato il Piano Sanitario regionale per il                   
triennio 1999/2001;                                                             
- il DLgs 502/92 e successive modifiche che definisce i criteri per             
la determinazione dei livelli essenziali di assistenza - LEA - e                
disciplina il funzionamento dei Fondi integrativi del SSN,                      
individuando inoltre, all'art. 9 comma 5, a carico del Servizio                 
Sanitario Nazionale, i programmi di tutela della salute odontoiatrica           
nell'eta' evolutiva e dell'assistenza odontoiatrica e protesica a               
determinate categorie di soggetti in condizione di particolare                  
vulnerabilita';                                                                 
- il DPCM 29/11/2001 - Allegato 2B - che prevede, tra i livelli                 
essenziali di assistenza, l'assistenza odontoiatrica: "limitatamente            
alle fasce di utenti e alle condizioni indicate al comma 5 art. 9 del           
DLgs 30 dicembre 1992, n. 502 e successive modifiche ed                         
integrazioni", ed in particolare fa riferimento a "condizioni di                
vulnerabilita'" senza precisare se di tipo sanitario o di tipo                  
sociale;                                                                        
- la propria deliberazione n. 295 del 25 febbraio 2002, ratificata              
dal Consiglio regionale nella seduta del 27 marzo 2002 - atto n. 349            
- di recepimento del DPCM 29 novembre 2001 con cui, tra l'altro, si             
rinviava a successivo provvedimento l'individuazione dei criteri di             
erogazione delle prestazioni dagli Allegati 2B e 2C al suddetto                 
DPCM;                                                                           
- la propria deliberazione n. 1365 del 2/8/2002 di individuazione dei           
criteri di erogazione delle tipologie di prestazioni previste                   
dall'Allegato 2B del DPCM sopracitato, con la quale si stabiliva che,           
in attesa degli approfondimenti regionali nella stessa previsti,                
relativi alla ricognizione dei livelli di accesso e alle condizioni             
cliniche che richiedono una priorita' di intervento, nonche' delle              
indicazioni nazionali di definizione delle condizioni di particolare            
vulnerabilita', che l'assistenza odontoiatrica continua ad essere               
erogata secondo le modalita' in atto, tenendo conto delle cinque                
diverse priorita' di erogazione della stessa, stabilite con la                  
propria deliberazione 309/00;                                                   
richiamate inoltre:                                                             
- la propria deliberazione n. 2700 del 15 giugno del 1993 ad oggetto:           
"Attivita' ortesica e protesica: indirizzi programmatici e                      
ridefinizione dei livelli di concorso nella spesa da parte degli                
utenti" con la quale, tra l'altro, si stabilivano i livelli di                  
concorso alla spesa da richiedere agli utenti per le prestazioni                
ortodontiche, sia erogate direttamente che per il tramite di                    
istituzioni sanitarie private o professionisti operanti in regime di            
convenzione;                                                                    
- la propria deliberazione n. 410 del 25/3/1997 di individuazione               
delle prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale erogabili           
nell'ambito della regione Emilia-Romagna e relative tariffe, con                
particolare riferimento alla propria deliberazione 262/03 di modifica           
del nomenclatore tariffario delle prestazioni specialistiche                    
ambulatoriali;                                                                  
atteso che la Regione Emilia-Romagna intende garantire uniformita' ed           
omogeneita' nell'offerta dei servizi odontoiatrici su tutto il                  
territorio regionale, definendo la tipologia delle prestazioni e dei            
servizi che devono essere garantiti ai suoi cittadini, nonche' le               
forme e le modalita' di partecipazione alla spesa da parte degli                
utenti;considerato che a tal fine e' stato predisposto dal Servizio             
Assistenza distrettuale, Pianificazione e Sviluppo dei Servizi                  
sanitari il Programma regionale per l'assistenza odontoiatrica, di              
cui al documento allegato "L'assistenza odontoiatrica nella regione             
Emilia-Romagna: Programma regionale per l'attuazione dei LEA e la               
definizione di livelli aggiuntivi", quale parte integrante e                    
sostanziale del presente provvedimento;                                         
ritenuto opportuno definire, tra l'altro, le condizioni di                      
vulnerabilita' per le quali viene garantito l'accesso alle cure                 
odontoiatriche nell'ambito dei livelli di assistenza:                           
1) vulnerabilita' sanitaria: condizioni di tipo sanitario, in cui la            
patologia di base, compromettendo seriamente la funzione                        
masticatoria, impone il ricorso alle cure odontoiatriche;                       
2) vulnerabilita' sociale: condizioni di svantaggio sociale ed                  
economico, correlate di norma al basso reddito e/o a condizioni di              
marginalita' e/o esclusione sociale che, per gli elevati costi delle            
prestazioni a pagamento, limitano di fatto il ricorso alle cure                 
odontoiatriche;                                                                 
considerato, pertanto, che:                                                     
- per la definizione della vulnerabilita' sanitaria sono state                  
identificate determinate patologie, riportate nel documento                     
allegato;                                                                       
- per la definizione della vulnerabilita' sociale si ritiene di                 
utilizzare l'Indicatore della Situazione Economica Equivalente                  
(ISEE), considerato piu' perequativo rispetto al reddito lordo                  
individuale utilizzato per l'esenzione dalla compartecipazione alla             
spesa delle prestazioni specialistiche ambulatoriali;                           
tenuto conto, inoltre, che si e' ritenuto opportuno estendere                   
l'accesso alle cure odontoiatriche anche alle persone che vivono in             
nuclei familiari appartenenti a classi di reddito ISEE fino a                   
15.000,00 Euro all'anno, individuando le seguenti condizioni di                 
vulnerabilita' sociale:                                                         
a) situazioni di esclusione sociale: attualmente definite per                   
condizioni di reddito ISEE non superiore a 7.500,00 Euro all'anno;              
b) situazioni di poverta': attualmente definite per condizioni di               
reddito ISEE maggiori a 7.500,00 Euro e fino a 12.500,00 Euro                   
all'anno (c.d. soglia di poverta');                                             
c) Situazioni di reddito medio basso: attualmente definite per                  
condizioni di reddito ISEE maggiori a 12.500,00 Euro e fino a                   
15.000,00 Euro all'anno;                                                        
ritenuto necessario sviluppare le attivita' odontoiatriche nelle                
strutture sanitarie pubbliche, anche attraverso l'integrazione con il           
sistema del privato accreditato, al fine di garantire le cure                   
odontoiatriche, con l'esclusione delle prestazioni di implantologia,            
alla popolazione residente in ambito regionale, sulla base delle                
situazioni di vulnerabilita' sanitaria e di reddito di cui al punto             
precedente;                                                                     
considerato inoltre che le cure odontoiatriche sopraindicate, con               
oneri a carico del fondo sanitario regionale, prevedono una                     
compartecipazione alla spesa da parte dei cittadini, che vivono in              
nuclei familiari appartenenti alle diverse classi di reddito ISEE,              
con le seguenti modalita':                                                      
1) totalmente esenti: - soggetti rientranti nelle condizioni di                 
vulnerabilita' sanitaria di cui sopra; - soggetti appartenenti alle             
classi di reddito ISEE non superiore a 7.500,00 Euro;                           
2) partecipazione alla spesa fino a 40,00 Euro per ciascuna                     
prestazione: soggetti  appartenenti alle classi di reddito ISEE                 
maggiori a7.500,00 Euro e fino a 12.500,00 Euro;                                
3) partecipazione alla spesa fino a 80,00 Euro per ciascuna                     
prestazione: soggetti appartenenti alle classi di reddito ISEE                  
maggiori a 12.500,00 Euro e fino a 15.000,00 Euro;                              
per quanto riguarda le prestazioni "apicificazione" e "cura                     
stomatite, gengivite, alveolite" e' prevista per i soggetti non                 
totalmente esenti una compartecipazione alla spesa da parte del                 
cittadino relativa all'intero trattamento, il cui importo massimo e'            
pari a 40,00 o 80,00 Euro a seconda delle classi di reddito ISEE di             
appartenenza in quanto tali prestazioni possono richiedere una                  
molteplicita' di accessi per la conclusione del trattamento stesso;             
in questo caso, ai fini della compensazione della mobilita' sanitaria           
infraregionale, dovranno essere tariffate le singole prestazioni;               
ritenuto, inoltre, di dover procedere alla modifica del nomenclatore            
tariffario delle prestazioni specialistiche ambulatoriali afferenti             
al settore odontoiatrico e riguardanti prestazioni inserite nelle               
branche di odontostomatologia, chirurgia maxillofacciale, ortopedia e           
di diagnostica per immagini, di cui ai punti A1 e A2 dell'Allegato A            
del documento "L'assistenza odontoiatrica nella regione                         
Emilia-Romagna: Programma regionale per l'attuazione dei LEA e la               
definizione di livelli aggiuntivi", allegato parte integrante del               
presente provvedimento mediante:                                                
1) l'inserimento delle seguenti prestazioni, elencate nel documento             
allegato, con i relativi codici e tariffe, e contrassegnate con la              
lettera "I": 1.1) Incappucciamento diretto della polpa e otturazione            
provvisoria; 1.2) Ricostruzione di dente o radice con uso di perni              
endocanalari; 1.3) Inserzione di ponte fisso (escludendo la parte               
relativa a elemento di sovrastruttura per corona su impianti                    
endossei)  1.4) Apicificazione;  1.5) Trattamento immediato delle               
urgenze odontostomatologiche; 1.6) Terapia gnatologica;                         
2) l'adeguamento tariffario delle prestazioni, contrassegnate con le            
lettere "m1", inserite nel "Programma" allegato al presente                     
provvedimento. Tale adeguamento si e' reso necessario per il tempo              
trascorso dall'ultima definizione delle tariffe del settore e per il            
significativo aumento dei costi di produzione dei vari fattori                  
produttivi;                                                                     
3) l'assimilazione per 1 (una) prestazione che risulta riportata con            
il relativo codice e tariffa e contrassegnata con le lettere "as" del           
punto A2 dell'allegato A del  Programma citato;                                 
4) l'inserimento inoltre, nel punto A3 dell'allegato A del Programma            
citato, della seguente prestazione: "Inserzione di ponte fisso                  
relativamente al trattamento per applicazione di elemento di                    
sovrastruttura per corona su impianti endossei";                                
per quanto riguarda le prestazioni ortesiche e protesiche, che                  
comprendono tutti gli atti medico-specialistici preventivi                      
contestuali e successivi all'applicazione delle protesi o delle                 
ortesi presso le strutture ambulatoriali, nonche' la fornitura della            
protesi a cura dei laboratori odontotecnici, rimane di norma a carico           
del cittadino il costo del manufatto e si riconferma la validita'               
delle modalita' di pagamento, indicate nella citata delibera                    
2700/93;                                                                        
tenuto conto della necessita' di adeguare il concorso alla spesa,               
rimasto immodificato dal 1993, si precisa che:                                  
1) per l'attivita' ortesica che include l'apparecchio ortodontico e             
le relative prestazioni sanitarie, di cui al punto A1 dell'Allegato A           
del Programma citato (codici 24.70.1, 24.70.2, 24.700.3), si prevede            
che: - la prestazione sanitaria comporta un'eventuale                           
compartecipazione alla spesa annua pari a 40,00 o 80,00 Euro, a                 
seconda delle classi di reddito ISEE di appartenenza; - per                     
l'apparecchio ortodontico siano garantite dalle AUSL modalita' di               
rateizzazione della spesa totale, da un minimo di 33,00 Euro ad un              
massimo di 48,00 Euro mensili, a seconda del costo dell'apparecchio             
stesso;                                                                         
2) per l'attivita' protesica mobile la tariffa massima del manufatto            
per arcata e' di Euro 300,00 con pagamenti dilazionati secondo                  
modalita' definite dalle Aziende USL, da rendere omogenee sull'intero           
territorio regionale con successive indicazioni;                                
3) per l'attivita' protesica fissa le Aziende dovranno concordare i             
prezzi dei manufatti con i relativi fornitori, in rapporto ai diversi           
materiali utilizzati. Anche in questo caso i pagamenti saranno                  
dilazionati secondo modalita' definite dalle Aziende USL, da rendere            
omogenee sull'intero territorio regionale con successive                        
indicazioni;                                                                    
considerato inoltre che il "Piano di Azione a favore degli anziani"             
del 2002 della Regione Emilia-Romagna prevede il miglioramento delle            
condizioni di salute e della qualita' della vita delle persone                  
anziane attraverso un approccio multisettoriale, si e' ritenuto                 
opportuno avviare un progetto sperimentale che coinvolge                        
l'Assessorato regionale alle Politiche sociali, Immigrazione,                   
Progetto giovani e Cooperazione internazionale e l'Assessorato                  
regionale alla Sanita';                                                         
tenuto conto che tale specifico Progetto, di durata biennale,                   
sull'assistenza odontoiatrica e protesica, rivolto a soggetti in                
condizioni di poverta' e finalizzato a garantire loro la                        
disponibilita' di una protesi per migliorare la qualita' della vita,            
prevede un finanziamento da parte del Fondo sociale regionale e del             
Fondo Sanitario regionale, per la copertura delle spese del manufatto           
protesico alle persone con eta' superiore a 65 anni e con reddito               
ISEE fino a 7.500,00 Euro.                                                      
Inoltre per contrastare le situazioni di grave poverta', riguardanti            
anche soggetti con eta' inferiore o uguale a 65 anni, la Regione                
Emilia-Romagna ha in atto un complesso di azioni nell'ambito delle              
quali a pieno titolo va annoverata  anche la copertura delle spese              
per i manufatti di tipo odontoiatrico necessari a coloro che                    
presentano disturbi alla masticazione.                                          
Si stima che circa 10.000 persone, con eta' giovane/adulta,                     
appartenente alla fascia di reddito ISEE fino ad Euro 7.500,00,                 
ricorrano ogni anno alle cure odontoiatriche e in diversa misura                
richiedano manufatti di natura odontotecnica.                                   
Anche a queste persone il Progetto congiunto  di assistenza sociale e           
sanitaria intende garantire la copertura delle spese dei manufatti              
necessari;                                                                      
dato atto che la delibera del Consiglio regionale 615/04 prevede al             
punto 3.8.6. dell'allegato Programma la realizzazione di un                     
"programma integrato socio-sanitario per l'assistenza protesica a               
favore di soggetti in condizioni di poverta', in particolare anziani"           
rimandando a successivo atto della Giunta regionale la definizione              
dei destinatari della misura, i requisiti, le procedure per l'accesso           
e le modalita' di finanziamento e prevedendo uno stanziamento di Euro           
1.000.000,00 a valere sul Capitolo 57107" "Fondo sociale regionale.             
Quota parte destinata ai Comuni singoli e alle forme associative per            
l'attuazione dei piani di zona e per la realizzazione degli                     
interventi relativi agli assegni di cura, al sostegno economico ed              
alla mobilita' degli anziani, dei disabili o inabili (art. 47, comma            
1, lett. b), L.R. 12 marzo 2003, n. 2 e Legge 8 novembre 2000, n.               
328) - Mezzi statali" afferente all'UPB 1.5.2.2.20101;                          
considerato che l'attuazione del Programma regionale di cui al                  
presente provvedimento, relativamente al mantenimento ed allo                   
sviluppo dei servizi odontoiatrici pubblici, comporta la necessita'             
di ammodernamento della dotazione tecnologica esistente, per cui e'             
opportuno prevedere un piano di adeguamento articolato in un periodo            
di 5 anni;                                                                      
ritenuto, per quanto riguarda le modalita' di erogazione ed i livelli           
tariffari delle prestazioni destinate a soggetti non inclusi tra le             
categorie individuate nel presente provvedimento, che le stesse                 
possano derivare da apposite negoziazioni con i fornitori;                      
acquisito il parere favorevole della Commissione consiliare Sanita' e           
Politiche sociali nella seduta del 15/12/2004;                                  
dato atto, ai sensi dell'art. 37, quarto comma, della Legge regionale           
43/01 e della propria delibera n. 447 del 24 marzo 2003:                        
- del parere di regolarita' amministrativa  espresso dal Direttore              
generale Sanita' e Politiche sociali dott. Franco Rossi;                        
su proposta dell'Assessore alla Sanita'                                         
su proposta dell'Assessore alle Politiche sociali, Immigrazione,                
Progetto giovani e Cooperazione internazionale                                  
a voti unanimi e palesi, delibera:                                              
1) di approvare, per le motivazioni espresse in premessa e qui                  
integralmente riportate, il documento allegato "L'assistenza                    
odontoiatrica nella regione Emilia-Romagna: Programma regionale per             
l'attuazione dei LEA e la definizione di livelli aggiuntivi", che               
costituisce parte integrante e sostanziale della presente                       
deliberazione;2) di stabilire, come indicato in premessa, le                    
condizioni di vulnerabilita' sanitaria e sociale per le quali viene             
garantito l'accesso alle cure odontoiatriche nell'ambito dei livelli            
di assistenza;                                                                  
3) di apportare le modifiche e le integrazioni al nomenclatore                  
tariffario delle prestazioni specialistiche ambulatoriali, sulla base           
delle motivazioni espresse in premessa, secondo le denominazioni, i             
codici e le tariffe riportate nel documento allegato di cui al                  
precedente punto 1);                                                            
4) di determinare le quote di compartecipazione alla spesa come                 
indicato nelle premesse della presente deliberazione;                           
5) di stabilire che la spesa complessivamente prevista per il biennio           
2005-2006 e' pari a Euro 10.000.000,00 e che, mentre quella relativa            
all'assistenza sanitaria di natura odontoiatrica e' a carico del                
Fondo sanitario regionale per una previsione complessiva pari a                 
5.000.000,00 di Euro, quella relativa al progetto speciale per                  
l'assistenza protesica alla popolazione anziana e per la popolazione            
in condizioni di vulnerabilita' e' a carico per il 50% del Fondo                
sociale regionale e per il 50% del Fondo sanitario regionale per una            
previsione complessiva pari a 5.000.000,00 di Euro;6) di prevedere              
relativamente all'anno 2005 la seguente articolazione della spesa di            
cui al punto precedente:                                                        
- spesa assistenza sanitaria: Euro 2.500.000,00;                                
- spesa progetto speciale assistenza protesica: 1.225.000,00 a carico           
del Fondo sanitario regionale, e 1.225.000,00 a carico del Fondo                
sociale regionale, di cui una quota pari a 1.000.000,00 di Euro gia'            
programmata con delibera del Consiglio regionale 615/04;                        
7) di prevedere inoltre relativamente all'anno 2005 una spesa in                
conto capitale per l'avvio del processo di rinnovamento tecnologico,            
di cui in premessa, pari 1.000.000,00 Euro;                                     
8) di dare atto che la copertura finanziaria della spesa, per gli               
esercizi 2005 e 2006, e' a carico dei capitoli di spesa relativi al             
riparto del Fondo sanitario regionale ed al riparto del Fondo sociale           
regionale nell'ambito degli stanziamenti che saranno disposti dalle             
leggi di approvazione dei bilanci di previsione 2005 e 2006;                    
9) di stabilire che le modificazioni introdotte decorrano dalla data            
di pubblicazione del presente provvedimento nel Bollettino Ufficiale            
della Regione;                                                                  
10) di pubblicare il presente provvedimento nel Bollettino Ufficiale            
della Regione.                                                                  
(segue allegato fotografato)                                                    

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it