REGIONE EMILIA-ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 4 luglio 2005, n. 1037

Piano nazionale della Sicurezza stradale - Secondo programma di attuazione 2003. Approvazione del disciplinare concertato per l'accesso ai finanziamenti

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA                                          
Premesso:                                                                       
- che con la delibera del CIPE n. 100 del 29/11/2002 e' stato                   
approvato il Piano nazionale per la Sicurezza stradale riferito al              
biennio 2002-2003, nonche' il primo Programma annuale di attuazione             
2002";                                                                          
- che con delibera del CIPE n. 81  del 13/11/2003 e' stato  approvato           
il "Secondo Programma di attuazione 2003" allo scopo di avviare un              
processo sistematico di miglioramento della sicurezza stradale,                 
attraverso la gestione congiunta del Governo nazionale e locale                 
secondo due distinti meccanismi:                                                
a) allocazione delle risorse a scala regionale, finalizzata a                   
favorire un sistema di interventi organizzati in una strategia                  
complessiva di miglioramento della sicurezza stradale nella regione;            
b) allocazione delle risorse a scala nazionale, finalizzata a                   
favorire la costruzione di una rete di centri di monitoraggio                   
regionale, nonche' la realizzazione di azioni ed interventi esemplari           
di rilevanza strategica per il miglioramento dei livelli di sicurezza           
in tutto il Paese;                                                              
- che in tale Programma di attuazione 2003, approvato nella citata              
seduta del CIPE, sono stati destinati dei fondi per gli interventi di           
cui alle lettere a) e b) del precedente capoverso;                              
- che con DM n. 4549 del 22/12/2003, in base alle indicazioni del               
secondo Programma annuale approvato, per la parte riguardante le                
risorse a scala regionale, e' stata ripartita la somma di Euro                  
15.493.707 annua, quale limite di impegno quindicennale, tra le                 
Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano;                             
- che con decreto n. 316 del 19/2/2004 del Ministero delle                      
Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento dei Trasporti terrestri e           
per i Sistemi Informativi e Statistici, e' stato disposto l'impegno             
della suddetta somma, a favore delle Regioni e delle Province                   
autonome di Trento e Bolzano;                                                   
- che i richiamati decreti assegnano alla Regione Emilia-Romagna la             
somma di Euro 1.472.253,00, quale limite di impegno quindicennale per           
l'accensione di mutui da parte degli enti proprietari di strade, per            
il finanziamento di interventi finalizzati a migliorare la sicurezza            
stradale;                                                                       
- che l'art. 1, commi 75, 76 e 77 della Legge 311/04 (finanziaria               
2005) ha attribuito allo Stato il pagamento agli istituti                       
finanziatori delle rate di ammortamento dei mutui ad intero carico              
del bilancio dello Stato attivati dalle Regioni, dalle Province                 
autonome di Trento e Bolzano, dagli enti locali e dagli altri enti              
pubblici;                                                                       
- che e' in corso di emanazione apposito atto applicativo della norma           
su richiamata, che integrera' e modifichera' il DM 10539/TT del 30              
settembre 2003 inerente le modalita' di accensione e erogazione dei             
mutui finalizzati alla realizzazione degli interventi in materia di             
sicurezza stradale previsti ai sensi dell'art. 56 della Legge del 23            
dicembre 1999, n. 488;                                                          
premesso inoltre:                                                               
- che con delibera di Giunta regionale n. 2462 dell'1/12/2003 avente            
ad oggetto l'avvio delle procedure del secondo Programma annuale di             
attuazione del Piano nazionale della Sicurezza stradale, sono state             
definite nel modo seguente le modalita' per l'assegnazione delle                
risorse a scala regionale del citato programma:                                 
- nomina da parte del Dirigente competente di una Commissione di                
valutazione, composta da tre componenti individuati dalla Regione               
Emilia-Romagna, di cui uno con funzione di Presidente, tre componenti           
nominati dall'ANCI regionale e tre nominati dall'UPI regionale;                 
- definizione da parte della Commissione di un disciplinare generale            
concertato per l'accesso ai finanziamenti, sulla base dei documenti             
approvati con gli atti ministeriali citati in premessa e delle                  
risultanze dell'attivita' concertativa gia' avviata dal Ministero con           
le Regioni e le Province autonome e con le rappresentanze degli enti            
locali proprietari di strade;                                                   
- approvazione da parte della Giunta regionale, nell'ambito delle               
funzioni proprie di indirizzo e di definizione degli obiettivi per              
l'azione amministrativa e la gestione, del suddetto disciplinare, e             
sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione                        
Emilia-Romagna;                                                                 
- che in attuazione di quanto previsto con la citata delibera, con              
determinazione del Direttore generale della Direzione Programmazione            
territoriale e Sistemi di mobilita' n.7042 del 20/5/2005 e' stata               
nominata la Commissione di valutazione, cosi' composta:                         
per la Regione Emilia-Romagna:                                                  
- ing. Antonella Nanetti (Servizio Viabilita', P.O. Gestione                    
programmi sicurezza stradale) Presidente e referente;                           
- ing. Gustavo Minguzzi (Responsabile Servizio Mobilita' Urbana e               
Trasporto locale);                                                              
- dott.ssa Emanuela Vezzali Bergamini (Presidente Osservatorio                  
Educazione stradale e Sicurezza),                                               
per le Amministrazioni provinciali:                                             
- ing. Gabriele Andrighetti (Ingegnere capo, Provincia di Ferrara);             
- ass. Claudio Ferrari (Pianificazione territoriale e Infrastrutture,           
Provincia di Reggio Emilia);                                                    
- ass. Egidio Pagani (Viabilita', Provincia di Modena);                         
per le Amministrazioni comunali:                                                
- arch. Sandro Luccardi (Dirigente Servizio Ambiente Mobilita',                 
Comune di Rimini);                                                              
- ass. Carlo Pezzi (Mobilita', Comune di Ravenna);                              
- ass. Pietro Vignali (Ambiente Traffico Mobilita', Comune di                   
Parma);                                                                         
dato atto che con la citata determinazione 7042/05 e' stato inoltre             
stabilito che i compiti della Commissione di valutazione, da                    
svolgersi entro la fine dell'anno in corso, debbano consistere oltre            
che nella definizione di un disciplinare concertato per l'accesso ai            
finanziamenti, anche nella valutazione delle proposte di intervento             
presentate e susseguente predisposizione della graduatoria da                   
approvarsi con apposita delibera di Giunta;                                     
verificato che con la stessa determina e' stato individuato il                  
seguente gruppo di lavoro a supporto dell'attivita' della Commissione           
di valutazione:                                                                 
- per. ind. Massimo Bertuzzi,                                                   
- ing. Claudio Domenichini,                                                     
- per.ind. Paolo Dovadoli                                                       
- arch. Stefano Grandi (referente),                                             
- ing. Antonella Nanetti,                                                       
- geom. Marco Vaccari,                                                          
- dott.ssa Michela Bacchetti,                                                   
- dott.ssa Alice Davoli;                                                        
- dott. Massimiliano Gardini,                                                   
- dott.ssa Gabriella Ghiselli,                                                  
- dott.ssa Annalisa Schembri;                                                   
 verificato, inoltre, che i compiti del gruppo di lavoro, attribuiti            
con la citata determinazione consistono nella verifica                          
tecnico-amministrativa delle proposte preliminarmente alla                      
valutazione da parte della stessa Commissione, al fine                          
dell'allocazione delle risorse assegnate, nonche' nell'attivita' di             
istruttoria e di consulenza tecnico-amministrativa inerenti alle fasi           
di approvazione, realizzazione e rendicontazione degli interventi del           
"Secondo Programma di attuazione" del Piano nazionale della Sicurezza           
stradale;                                                                       
considerato che la Commissione nominata, sulla base dei documenti               
approvati con gli atti ministeriali citati e delle risultanze                   
dell'attivita' concertativa gia' avviata dal Ministero con le                   
Regioni, le Province autonome e le rappresentanze degli enti locali             
proprietari di strade, nonche' del documento elaborato del gruppo di            
lavoro e concertato con Province e Comuni Capoluogo, ha definito il             
"Disciplinare generale concertato per l'accesso ai finanziamenti",              
cosi' come risulta dal verbale della seduta del 10 giugno 2005 e                
dalla relazione ad esso allegata, concludendo cosi' la prima fase del           
suo compito;                                                                    
ritenuto di condividere le motivazioni che hanno determinato i                  
parametri ed i criteri indicati nel "Disciplinare concertato per                
l'accesso ai finanziamenti" cosi' come risultano dalla relazione                
predisposta dalla citata Commissione di valutazione ed allegata al              
verbale, e pertanto di approvarlo, ritenendolo conforme agli                    
indirizzi programmatici del PNSS e della Regione stessa;                        
evidenziato, inoltre,che:                                                       
- ai sensi delle novita' introdotte dal citato art. 1 commi 75, 76,             
77, della Legge 311/04 (finanziaria 2005), e' in corso di emanazione            
da parte dello Stato un atto applicativo dei criteri e delle                    
modalita' di finanziamento degli interventi previsti dai Programmi              
annuali di attuazione 2002-2003 del Piano nazionale della Sicurezza             
stradale;                                                                       
- a seguito di quanto sopra esposto, la disciplina della procedura di           
erogazione dei finanziamenti successiva alla assegnazione dei                   
contributi  di competenza esclusiva dello Stato e' suscettibile di              
integrazioni  o modifiche;                                                      
ritenuto, pertanto, di dover prevedere che al recepimento delle                 
disposizioni contenute negli atti in corso di emanazione, provvedera'           
il Dirigente regionale competente per materia, apportando al                    
disciplinare che si approva con il presente atto, attraverso la                 
stipula delle convenzioni il cui schema e' in esso contenuto, tutte             
le eventuali modifiche necessarie per renderlo compatibile con gli              
atti citati;                                                                    
richiamate le seguenti proprie deliberazioni, esecutive ai sensi di             
legge:                                                                          
- n. 642 del 5 aprile 2004, concernente "Approvazione degli atti di             
conferimento degli incarichi di livello dirigenziale (decorrenza                
1/4/2004);                                                                      
- n. 447 del 24 marzo 2003, concernente "Indirizzi in ordine alle               
relazioni organizzative e funzionali tra le strutture e                         
sull'esercizio delle funzioni dirigenziali";                                    
viste le proprie deliberazioni n. 291 del 23 febbraio 2004, n. 2364             
del 29 novembre 2004 e n. 19 del 27 giugno 2005, di conferimento,               
all'arch.Giovanni De Marchi, dell'incarico di Direttore generale alla           
"Programmazione territoriale e Sistemi di mobilita'";                           
dato atto del parere di regolarita' amministrativa espresso dal                 
Direttore generale alla Programmazione territoriale e Sistemi di                
mobilita', ai sensi dell'art. 37, quarto comma, della L.R. 43/01 e              
della propria deliberazione 447/03;                                             
su proposta dell'Assessore alla Mobilita' e Trasporti;                          
a voti unanimi e palesi, delibera:                                              
a) di approvare il "Disciplinare generale concertato per l'accesso ai           
finanziamenti" definito dalla Commissione di Valutazione nominata con           
determina 7042/05, allegato e parte integrante del presente atto e              
indicato con la lettera A, consultabile anche sul sito web:                     
http://www.regione.emilia-romagna.it                                            
/wcm/ERMES/Canali/trasporti/strade.htm;                                         
b) di approvare altresi' il verbale e la relazione della Commissione            
di Valutazione, nominata con la determina n. 7042 del 20/5/2005,                
allegati e parti integranti del presente atto e indicati con la                 
lettera B, conservati agli atti del Servizio Viabilita' e                       
consultabili sul sito web: http://www.regione.emilia-romagna.it                 
/wcm/ERMES/Canali/trasporti/strade.htm;                                         
c) di delegare il Dirigente regionale competente per materia alla               
firma delle convenzioni, il cui schema fa parte del disciplinare                
sopra approvato, autorizzandolo ad apportare eventuali modifiche al             
testo approvato, ivi comprese quelle necessarie al recepimento della            
normativa e degli atti che dovessero essere emanati per l'adeguamento           
delle modalita' di finanziamento alle disposizioni normative                    
contenute all'art. 1, commi 75, 76 e 77 della Legge 311/04                      
(finanziaria 2005), allo scopo di renderne piu' semplice                        
l'attuazione;                                                                   
d) di dare atto che il recepimento nelle convenzioni della normativa            
o degli atti che dovessero essere emanati per l'adeguamento delle               
modalita' di finanziamento alle disposizioni della finanziaria sopra            
citata, comportera' un'automatica variazione delle disposizioni                 
contenute nel disciplinare, che si approva con il presente atto, che            
dovessero risultare con esse incompatibili;                                     
e) di pubblicare integralmente l'Allegato A nel Bollettino Ufficiale            
della Regione Emilia-Romagna.                                                   
(segue allegato fotografato)                                                    

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it