REGIONE EMILIA-ROMAGNA - COMUNE DI FORLI'

COMUNICATO

Titolo II - Decisione relativa alla procedura di verifica (screening) concernente il progetto di completamento estrattivo margine sud orientale cava di ghiaia "Perlina", da realizzare in Forli' - localita' Magliano

L'Autorita' competente Comune di Forli' - Servizio Ambiente - Unita'            
Risorse idriche e suolo - Via Filopanti n. 4 - 47100 Forli' comunuica           
la decisione relativa alla procedura di verifica (screening)                    
concernente il progetto di completamento sud orientale cava di ghiaia           
"Perlina", da realizzare in Forli' - localita' Magliano.                        
Il progetto e' presentato da: Soc. Cilotti Srl, Via Castel Latino n.            
1/D - 47100 Forli'.                                                             
Il progetto e' localizzato in: localita' "Magliano" strada                      
provinciale Meldola - Forlimpopoli, al foglio di mappa 289,                     
particelle nn. 18 e 19.                                                         
Il progetto interessa il territorio del comune di Forli' e della                
provincia di Forli'-Cesena.                                                     
Ai sensi del Titolo II della L.R. 18 maggio 1999, n. 9, come                    
modificata dalla L.R. 16 novembre 2000, n. 35, l'Autorita'                      
competente: Comune di Forli' - Servizio Ambiente - Unita' risorse               
idriche e suolo - Via Filopanti n. 4 con deliberazione di Giunta                
comunale n. 450 del 20 luglio 2004, ha assunto la seguente                      
decisione:                                                                      
1) escludere, ai sensi dell'art. 10, comma 1 della L.R. 18 maggio               
1999, n. 9 e successive modifiche ed integrazioni, dall'ulteriore               
procedura di VIA il progetto di coltivazione della cava di ghiaia e             
sabbia ubicata in localita' Magliano, posta all'interno dell'ambito             
estrattivo comunale n. 1 "Perlina";                                             
2) stabilire che il piano di coltivazione da presentare                         
successivamente, ai sensi della L.R. 17/91 e successive modifiche, ai           
fini dell'ottenimento dell'autorizzazione all'attivita' estrattiva,             
dovra' essere redatto secondo le norme tecniche di attuazione vigenti           
del piano comunale delle attivita' estrattive e dovra' ottemperare le           
seguenti prescrizioni: a) l'altezza degli scavi dovra' essere                   
contenuta entro 3 m. dal piano campagna; b) gli scavi dovranno                  
avvenire almeno un metro sopra il livello della falda freatica nel              
periodo di massimo ravvenamento; c) dovranno essere adottati tutti              
gli accorgimenti utili per limitare le emissioni diffuse e puntuali             
di polveri derivanti dalla movimentazione dei materiali e dalla                 
movimentazione dei mezzi, in particolar modo le piste di accesso e i            
cumuli di materiale estratto prima delle fasi di scarico negli                  
automezzi; d) nelle giornate particolarmente ventose, ridurre al                
minimo le operazioni che possono dare origine a sollevamento di                 
polveri per proteggere gli edifici di civile abitazione siti nelle              
vicinanze; e) la durata complessiva dell'intervento, visto l'esiguo             
quantitativo di materiali comprendente la fase di ripristino, dovra'            
essere contenuta entro anni 2; f) durante la redazione del progetto             
definitivo porre particolare attenzione alle quote di sistemazione ai           
fini di un miglior inserimento dell'area sistemata nel paesaggio                
circostante evitando, se possibile, dislivelli e prendendo in                   
considerazione anche l'ipotesi di un parziale ritombamento                      
utilizzando terreno vegetale di provenienza esterna; g) prevedere la            
manutenzione delle strade esistenti a carico della ditta durante                
l'esercizio di cava con effettuazione a fine estrazione, del                    
rifacimento del manto di usura stradale su tutto il tratto della                
viabilita' di cava; h) la redazione del progetto definitivo viste le            
immediate vicinanze dell'alveo fluviale, deve essere concordata                 
preventivamente con la Regione Emilia-Romagna - Servizio Tecnico di             
Bacino;                                                                         
3) disporre il versamento a favore di questo Comune della somma di              
Euro 11,50 quale rimborso delle spese istruttorie per la procedura di           
verifica (screening) determinate secondo i criteri stabiliti dalla              
delibera di Giunta comunale n. 340 del 20/8/2002;                               
4) trasmettere, ai sensi dell'art. 9 della L.R. 18 maggio 1999, n. 9            
e successive modifiche ed integrazioni, copia della presente delibera           
alla ditta proponente e, per essa, al sig. Riccardo Cilotti in                  
qualita' di titolare della ditta Cilotti Srl con sede a Forli' in Via           
Castel Latino n. 1/D, attraverso lo Sportello Unico delle attivita'             
produttive di questo Comune;                                                    
5) pubblicare, per estratto la presente deliberazione nel Bollettino            
Ufficiale della Regione Emilia-Romagna, ai sensi dell'art. 10, comma            
3 della L.R. 18 maggio 1999, n. 9 e successive modifiche ed                     
integrazioni.                                                                   

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it