REGIONE EMILIA-ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 26 gennaio 2004, n. 109

Decisione in merito alla procedura di verifica (screening) relativa al progetto di un invaso ad uso irriguo in loc. Selbagnone nel comune di Forlimpopoli - Provincia di Forli'-Cesena (Titolo II, L.R. 9/99 e successive modifiche ed integrazioni)

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA                                          
(omissis)  delibera:                                                            
a) di escludere dalla ulteriore procedura di VIA, ai sensi dell'art.            
10, comma 1 della L.R. 18 maggio 1999, n. 9 e successive                        
modificazioni ed integrazioni, in considerazione dei modesti impatti            
attesi, il progetto relativo alla costruzione di un bacino                      
artificiale ad uso irriguo in localita' Selbagnone, comune di                   
Forlimpopoli (FC), con le seguenti prescrizioni gia' riportate al               
punto 7:                                                                        
1) data la presenza di terreni permeabili, devono essere rese                   
ottimali le condizioni di ammorsamento del rivestimento in                      
geomembrana impermeabile del tipo EPDM da 1,4 mm con l'arginatura               
perimetrale, mediante lo scavo di una trincea successivamente                   
riempita di terreno dopo avervi posizionato il telo sintetico onde              
evitare possibili fenomeni di infiltrazione e/o interferenze con le             
acque di falda;                                                                 
2) la tenuta idraulica dell'invaso e l'efficienza del rivestimento              
sintetico andra' comunque verificata in fase di collaudo;                       
3) in fase di progetto esecutivo dovranno essere realizzati gli                 
opportuni calcoli idraulici per il dimensionamento dello scolmatore,            
da sottoporre all'approvazione del competente Servizio Tecnico Bacino           
Fiumi Romagnoli;                                                                
4) per l'attingimento di acqua dal fiume Ronco e la successiva                  
derivazione di acqua, deve essere acquisita rispettivamente                     
l'autorizzazione o la concessione rilasciata dall'autorita'                     
competente;                                                                     
5) al fine di garantire il deflusso minimo vitale del fiume Ronco,              
dovra' essere programmata la temporizzazione dei prelievi in modo da            
evitare gli attingimenti durante i periodi siccitosi, tale programma            
sara' predisposto in base alla regolamentazione dei prelievi dai                
corsi d'acqua superficiali redatto dal Servizio Tecnico Bacino Fiumi            
Romagnoli e dovra' essere approvato dallo stesso Servizio;                      
6) a tutela della pubblica incolumita', insieme alla recinzione                 
perimetrale metallica di altezza pari a 2 m., come prevista da                  
progetto, venga installato un salvagente collegato ad una sagola di             
lunghezza pari ad almeno la meta' della distanza maggiore tra le due            
sponde dell'invaso, l'accesso dovra' essere garantito da un cancello            
chiuso con lucchetto per le periodiche operazioni di manutenzione ed            
installata apposita segnaletica di pericolo;                                    
7) l'impatto paesaggistico dell'opera sara' contenuto in quanto                 
l'invaso sara' realizzato prevalentemente in scavo con un rilevato              
arginale di modeste dimensioni, cio' nonostante dato che e' previsto            
l'utilizzo di geomembrana impermeabilizzante e dato che l'area di               
realizzazione viene classificata come "Zona di particolare interesse            
paesaggistico-ambientale" dal PTCP di Forli'-Cesena, dovra' essere              
realizzato un adeguato ripristino vegetazionale dell'area allo scopo            
di ottenere un sufficiente effetto di mascheramento del corpo                   
arginale e della membrana plastica del rivestimento; nella scelta               
delle essenze da impiantare dovranno essere escluse le specie                   
riconosciute infestanti quali Robinia, Alianto, etc.;                           
8) resta fermo che tutte le autorizzazioni, necessarie per la                   
realizzazione dell'opera oggetto della presente valutazione, dovranno           
essere rilasciate dalle autorita' competenti ai sensi delle vigenti             
disposizioni, con particolare riguardo alla richiesta di concessione            
per quanto riguarda le opere di captazione delle acque dal fiume                
Ronco;                                                                          
b) di trasmettere la presente delibera al proponente Mambelli                   
Massimo, alla Amministrazione provinciale di Forli'-Cesena, al Comune           
di Forlimpopoli, all'ARPA Sezione provinciale di Forli', al Servizio            
Tecnico Bacino Fiumi Romagnoli di Forli'-Cesena e all'Autorita' dei             
Bacini Regionali Romagnoli;                                                     
c) di pubblicare, per estratto, ai sensi dell'art. 10, comma 3 della            
L.R. 18 maggio 1999, n. 9 e successive modificazioni ed integrazioni            
il presente partito di deliberazione, nel Bollettino Ufficiale della            
Regione.                                                                        

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it