REGIONE EMILIA-ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 23 febbraio 2004, n. 320

Procedura di verifica (screening) relativa al progetto di impianto idroelettrico per produzione energia rinnovabile nel comune di Lizzano in Belvedere (BO), in localita' Chiesina presentato dalla ditta Taglioli Eredi (Titolo II, L.R. 18 maggio 1999, n. 9 e successive modificazioni ed integrazioni)

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA                                          
(omissis)  delibera:                                                            
a) di assoggettare, ai sensi dell'art. 10, comma 1 della L.R 18                 
maggio 1999, n. 9 e successive modifiche ed integrazioni, ad                    
ulteriore procedura di VIA il progetto di impianto idroelettrico per            
la produzione di energia rinnovabile nel comune di Lizzano in                   
Belvedere (BO) in localita' Chiesina, presentato dalla ditta Taglioli           
Eredi in considerazione della incompatibilita' con la pianificazione            
territoriale e di alcune criticita' ambientali evidenziate come gia'            
evidenziate nei punti 4 e 5 e di seguito riportate:                             
1) il PTPR della Regione Emilia-Romagna individua l'area interessata            
dal progetto in esame, come zona interessata dal "Sistema forestale e           
boschivo" (art. 10) nelle quali non e' consentita la realizzazione di           
impianti idroelettrici; e' solo previsto l'attraversamento dei                  
terreni da parte di sistemi tecnologici per il trasporto dell'energia           
e delle materie prime e/o semilavorati qualora siano previsti in                
strumenti di pianificazione nazionale, regionale o provinciale o in             
assenza siano sottoposti alla valutazione di impatto ambientale                 
secondo procedure eventualmente previste dalle leggi vigenti;                   
2) anche il PTCP della Provincia di Bologna, non prevede la                     
possibilita' di costruzione di tali impianti in zone boscate e                  
normate dal punto 7.2 delle NTA;                                                
3) il PRG del Comune di Lizzano in Belvedere prevede sia possibile              
solo l'ammodernamento/ampliamento/riassetto organizzativo di                    
complessi industriali esistenti mentre l'intervento previsto riguarda           
la costruzione ex-novo in altro luogo della centrale idroelettrica;             
4) l'impatto sulla componente del sistema idrico appare significativo           
e non trascurabile, dovuto soprattutto all'elevato quantitativo di              
portata richiesto su un asta fluviale dove sono gia' presenti molte             
derivazioni idriche;                                                            
5) l'impatto sulla componente faunistica appare significativo e non             
trascurabile, dovuto soprattutto alla variazione di portata del                 
torrente con la conseguente variazione di estensione del contorno               
bagnato, variazione di temperatura e variazione di ossigeno                     
disciolto, in considerazione del fatto che il torrente oggetto                  
dell'intervento e' classificato come destinato alla vita delle specie           
salmonicole, ai sensi del DLgs 152/99, e pertanto la fauna ittica               
appare particolarmente meritevole di tutela;                                    
b) di trasmettere la presente delibera al proponente Taglioli Eredi,            
alla Provincia di Bologna, al Comune di Lizzano in Belvedere, al                
Servizio Tutela e Risanamento Risorsa acqua della Regione                       
Emilia-Romagna, al Servizio Tecnico Bacini Panaro e Destra Secchia,             
al Servizio Tecnico di Bacino Reno, all'Autorita' di Bacino del Po,             
all'ARPA Sezione provinciale di Bologna, Distretto di Porretta;                 
c) di pubblicare, per estratto, nel Bollettino Ufficiale della                  
Regione Emilia-Romagna, ai sensi dell'art. 10, comma 3 della L.R. 18            
maggio 1999, n. 9, il presente partito di deliberazione.                        

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it