DIRETTORE GENERALE ORGANIZZAZIONE, SISTEMI INFORMATIVI E TELEMATICA 10 NOVEMBRE 2004, N. 16412

BANDI DI CONCORSI PUBBLICI

Procedura selettiva pubblica per la copertura di n. 1 posti vacanti nell'organico del personale della Giunta regionale di Cat. D, Posizione economica D.3, Profilo professionale DB.P, pos. lav. "Ambiente". Approvazione bando

IL DIRETTORE GENERALE                                                           
(omissis)  determina:                                                           
per le motivazioni espresse in premessa e che qui si intendono                  
integralmente richiamate:                                                       
1) di indire una procedura selettiva pubblica, per titoli ed esami,             
per la copertura - con contratto di assunzione a tempo indeterminato            
- di n. 1 posto vacante nell'organico del personale della Giunta                
regionale di Categoria D - Posizione economica iniziale D.3 - Profilo           
professionale DB.P "Funzionario direttivo in politiche regionali e              
tecniche applicative" posizione lavorativa "Ambiente";                          
2) di stabilire che la procedura selettiva venga disciplinata secondo           
la normativa regionale generale e quella specifica contenuta nel                
bando di cui all'Allegato A), parte integrante e sostanziale della              
presente determinazione;                                                        
3) di dare atto che la graduatoria finale degli idonei conserva                 
validita' per tre anni dalla data di pubblicazione nel Bollettino               
Ufficiale della Regione Emilia-Romagna;                                         
4) di stabilire che l'Amministrazione si riserva la facolta' di:                
- utilizzare la medesima graduatoria per soddisfare ulteriori                   
fabbisogni professionali relativi anche a posizioni lavorative                  
classificate come prossime a quelle oggetto del presente bando e per            
la cui copertura non sia prevista una specifica procedura selettiva             
per assunzioni a tempo indeterminato;                                           
- utilizzare la graduatoria finale degli idonei nonche' quella                  
formulata in esito all'eventuale preselezione, per assunzioni a tempo           
determinato, sia per la medesima posizione lavorativa oggetto del               
presente bando che per quelle classificate come prossime, per                   
l'organico del personale della Giunta, nel rispetto delle modalita'             
previste dalla normativa vigente all'atto della scadenza delle                  
graduatorie;                                                                    
5) di stabilire che il presente atto sia pubblicato nel Bollettino              
Ufficiale della Regione Emilia-Romagna e nel sito Internet                      
dell'Ente.                                                                      
IL DIRETTORE GENERALE                                                           
Gaudenzio Garavini                                                              
ALLEGATO A)                                                                     
Procedura selettiva pubblica, per la copertura di n. 1 posto vacante            
nell'organico del personale della Giunta regionale di Categoria D,              
Profilo professionale DB.P, Posizione lavorativa: "Ambiente"                    
E' indetta una procedura selettiva pubblica per titoli ed esami, per            
la copertura, con contratto di assunzione a tempo indeterminato, di             
n. 1  posto vacante della Categoria D, Posizione economica iniziale             
D.3 - Profilo professionale DB.P "Funzionario direttivo in politiche            
regionali e tecniche applicative" - Posizione lavorativa "Ambiente"             
dell'organico della Giunta regionale, istituita con determinazione              
del Direttore generale Organizzazione, Sistemi informativi e                    
Telematica 8998/03.                                                             
Ruolo organizzativo della Categoria D                                           
Il personale assegnato alle posizioni lavorative della Categoria D,             
il cui ruolo organizzativo e' descritto nella deliberazione di Giunta           
del 25/7/2000, n. 1254, svolge attivita' caratterizzata da:                     
- elevate conoscenze in vari campi di specializzazione, e un grado di           
esperienza pluriennale, con frequente necessita' di aggiornamento;              
- contenuto di tipo tecnico, gestionale o direttivo con                         
responsabilita' di risultati relativi ad importanti e diversificati             
processi amministrativi o produttivi;                                           
- elevata complessita' e varianza dei problemi affrontati, con                  
necessita' di adattare i modelli teorici e negoziare la definizione             
del problema;                                                                   
- relazioni organizzative interne complesse e di natura negoziale,              
anche tra unita' organizzative diverse; relazioni con altre                     
istituzioni di tipo diretto, anche con funzioni di rappresentanza               
negoziale; relazioni con gli utenti di natura diretta e negoziale.              
Posizione lavorativa  "Ambiente"                                                
Nell'ambito del Profilo professionale  DB.P "Funzionario direttivo in           
politiche regionali e tecniche applicative", il personale assegnato             
alla posizione lavorativa "Ambiente" svolgera' attivita' di esperto             
in materia ambientale ed avra', nei settori di competenza (ad es. le            
acque, l'assetto idrogeologico, la conservazione e la                           
riqualificazione ambientale, la valutazione d'impatto ambientale,               
consolidamento abitati, la gestione delle situazioni di crisi e di              
emergenza, sistemi di certificazione ambientale, gestione rifiuti;              
gestione sostenibile del patrimonio naturale, parchi) la                        
responsabilita' nelle seguenti attivita':                                       
- pianificazione ed analisi di progetti;                                        
- ideazione, presentazione e realizzazione di iniziative                        
comunitarie;                                                                    
- istruttorie tecnico-amministrative;                                           
- predisposizione dei pareri di congruita';                                     
- progettazione e gestione di studi e ricerche;                                 
- predisposizione direttive tecniche e linee guida;                             
- vigilanza e attivita' di polizia;                                             
- elaborazione e predisposizione di cartografia.                                
Requisiti per l'accesso agli organici regionali                                 
Per accedere agli organici regionali e per la copertura della                   
posizione lavorativa sopra indicata, occorre essere in possesso dei             
seguenti requisiti:                                                             
a) non avere in corso provvedimenti che comportino l'impedimento                
all'accesso al pubblico impiego;                                                
b) non essere stato licenziato per motivi disciplinari dalla Regione            
Emilia-Romagna;                                                                 
c) idoneita' fisica all'impiego;                                                
d) aver raggiunto la maggiore eta' e non aver raggiunto il limite               
massimo previsto per il collocamento a riposo d'ufficio;                        
e) (per i candidati che non hanno cittadinanza italiana) un'adeguata            
conoscenza della lingua italiana; (per i candidati degli Stati non              
appartenenti all'Unione Europea) essere in regola con le vigenti                
norme in materia di soggiorno nel territorio italiano;                          
f) aver conseguito un diploma di laurea, in (vecchio ordinamento):  -           
Ingegneria civile; - Ingegneria per l'ambiente ed il territorio;                
ovvero, un diploma riconducibile, ai sensi dell'ordinamento di cui al           
DM 28/11/2000, ad una delle seguenti classi di laurea specialistica:            
- CLS 28/S Ingegneria civile;                                                   
- CLS 38/S Ingegneria per l'ambiente ed il territorio.                          
I candidati che hanno conseguito i titoli di studio richiesti presso            
istituti esteri, devono essere in possesso del provvedimento di                 
riconoscimento o di equiparazione previsto dalla normativa vigente,             
alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda            
di ammissione.                                                                  
Tutti i requisiti devono essere posseduti alla data di scadenza del             
termine per la presentazione della domanda di ammissione alla                   
procedura selettiva e permanere al momento dell'assunzione.                     
Il possesso dell'idoneita' fisica all'impiego sara' verificato al               
momento dell'eventuale assunzione.                                              
Modalita' di svolgimento della procedura selettiva                              
La procedura selettiva si svolge per valutazione dei titoli ed                  
esami.                                                                          
Qualora il numero delle domande di ammissione valide sia pari o                 
superiore a 200 unita' potra' essere effettuata una prova                       
preselettiva. In tal caso saranno ammessi alla valutazione dei titoli           
e alle prove d'esame i candidati che nella preselezione avranno                 
ottenuto il punteggio minimo di 18/30 o equivalente e che si siano              
collocati nelle prime 150 posizioni, nonche' i candidati in posizione           
di parimerito con l'ultima.                                                     
Il punteggio massimo conseguibile nella selezione e' fissato in 90              
punti di cui 30 per la valutazione dei titoli e 60 per le prove                 
d'esame.                                                                        
La valutazione dei titoli, potra' essere effettuata dopo lo                     
svolgimento della prova scritta, riguardera' i soli candidati                   
presenti alla prova e dovra' comunque precedere la correzione degli             
elaborati. Il punteggio verra' reso noto ai candidati prima                     
dell'effettuazione del colloquio.                                               
La graduatoria finale degli idonei e' determinata dalla somma del               
punteggio attribuito ai titoli e del punteggio conseguito nelle prove           
d'esame.                                                                        
Ai candidati e' data formale comunicazione in merito allo svolgimento           
della procedura selettiva mediante pubblicazione nel Bollettino                 
Ufficiale della Regione Emilia-Romagna del 23/2/2005 e sul sito                 
Internet all'indirizzo:                                                         
www.regione.emilia-romagna.it/fr_organizazione.htm (voce                        
"Documentazione e banche dati" punto "Opportunita' di lavoro").                 
Preselezione                                                                    
La prova preselettiva verra' svolta dalla Commissione esaminatrice              
anche tramite il supporto di un soggetto esterno specializzato. La              
preselezione consistera' in una prova per test finalizzata                      
all'accertamento delle competenze e conoscenze di base indicate al              
successivo paragrafo "Prove d'esame", inerenti le competenze                    
necessarie per la copertura della posizione lavorativa oggetto del              
bando.                                                                          
Ad esito della prova preselettiva la Commissione stilera' una                   
graduatoria e con provvedimento del Responsabile del Servizio                   
Sviluppo organizzativo, Formazione e Mobilita' saranno ammessi alle             
prove d'esame i candidati idonei che, dopo l'applicazione della                 
riserva, si siano utilmente collocati nelle prime 150 posizioni                 
nonche' i candidati in posizione di pari merito con l'ultima.                   
Le modalita' di comunicazione dell'esito della preselezione saranno             
rese note il giorno della prova stessa.                                         
Titoli valutabili                                                               
Sono titoli valutabili:                                                         
A) Titoli culturali (fino ad un massimo di  10 punti) A.1) Dottorato            
di ricerca (fino ad un max di 3 punti); A.2) abilitazione                       
professionale all'esercizio dell'attivita' di ingegnere ( 2,5 punti);           
A.3) corsi universitari di perfezionamento o di specializzazione                
post-laurea  (fino ad un max di 2,5 punti); A.4) corsi di                       
formazione/aggiornamento professionale che prevedano il rilascio di             
un attestato di frequenza o un certificato di competenza della durata           
minima di 30 ore (fino ad un max di 2 punti).                                   
B) Esperienze professionali (fino ad un massimo di 20  punti) B.1)              
Esperienze lavorative con contratto di lavoro subordinato, in                   
categoria pari o superiore a quella oggetto della selezione, svolte             
alle dipendenze di una pubblica Amministrazione, fino ad un massimo             
di tre anni, avuti a riferimento gli ultimi quattro (2 punti per                
anno. Il punteggio e' raddoppiato se l'attivita' e' stata svolta                
presso l'Ente Regione Emilia Romagna); B.2) esperienze lavorative               
rese a favore dell'Ente Regione Emilia-Romagna con contratti di                 
somministrazione di lavoro a tempo determinato, nella stessa                    
categoria oggetto della selezione, fino ad un massimo di tre anni,              
avuti a riferimento gli ultimi quattro (3,5 punti per anno); B.3)               
esperienze lavorative con contratto di lavoro subordinato, nella                
categoria sottostante quella oggetto della presente selezione, svolte           
alle dipendenze di una pubblica Amministrazione, fino ad un massimo             
di tre anni, avuti a riferimento gli ultimi quattro (1,5 punti per              
anno. Il punteggio e' raddoppiato se  l'attivita' e' stata svolta               
presso l'Ente Regione Emilia Romagna); B.4) curriculum professionale            
(fino ad un massimo di 8 punti).                                                
Criteri generali per la valutazione dei titoli                                  
1. Tutti i titoli di cui il candidato richiede la valutazione devono            
essere posseduti alla data di scadenza del termine utile per la                 
presentazione della domanda di ammissione alla procedura selettiva e            
devono essere autocertificati negli appositi spazi, predisposti nel             
modulo di domanda, completi di tutte le informazioni necessarie per             
la valutazione. Qualora l'autocertificazione non contenga le                    
informazioni necessarie, la Commissione esaminatrice potra' non                 
valutare il titolo. Non potranno essere accettate integrazioni                  
successive alla scadenza del bando.                                             
2. I titoli sono valutabili solo se attinenti alla posizione                    
lavorativa oggetto del presente bando.                                          
Criteri per la valutazione dei titoli culturali                                 
Il candidato deve fornire tutte le informazioni necessarie per la               
valutazione dei titoli indicati ai punti A) ed in particolare, per la           
valutazione dei corsi di cui ai punti A.3) e A.4) il candidato deve             
dichiarare, pena l'eventuale non valutabilita': l'ente organizzatore            
dell'attivita' formativa, il titolo del  corso ed i suoi principali             
contenuti, il periodo di svolgimento (dal . . . . . al . . . . in               
gg/mm/aa), la durata e l'eventuale valutazione finale di profitto.              
Criteri per la valutazione delle esperienze professionali                       
1. Sono valutabili i periodi di servizio di durata minima uguale a              
180 giorni. I periodi valutabili, della durata minima di cui sopra,             
sono considerati, al fine dell'attribuzione del punteggio,                      
cumulativamente e rapportati a giornate. Il punteggio e' assegnato              
con riferimento al totale delle giornate risultanti, fino ad un                 
massimo di 1096 giorni.                                                         
2. Il termine dei quattro anni viene calcolato a ritroso, a partire             
dalla data di scadenza del termine utile per la presentazione della             
domanda di ammissione alla procedura selettiva.                                 
3. Per l'esperienza lavorativa svolta con contratto di lavoro a tempo           
parziale, il punteggio e' ricalcolato secondo la percentuale                    
dell'attivita' effettivamente prestata.                                         
4. Al fine della valutazione, la dichiarazione del candidato deve               
contenere le seguenti informazioni, pena l'eventuale non                        
valutabilita' dell'esperienza resa: datore di lavoro, soggetto presso           
cui e' stata svolta l'esperienza, natura del rapporto di lavoro,                
tipologia e contenuti dell'attivita' espletata, eventuale profilo               
professionale, categoria di classificazione, struttura di                       
inserimento, data di inizio e fine dell'attivita' (gg/mm/aa).                   
5. Per i candidati che hanno svolto l'attivita' lavorativa presso               
l'Ente Regione Emilia-Romagna la dichiarazione verra' verificata                
d'ufficio dall'Amministrazione.                                                 
6. Per curriculum s'intende il complesso delle esperienze, dei titoli           
acquisiti e delle attivita' svolte dal candidato ritenute                       
significative per l'apprezzamento delle competenze possedute.                   
7. Il punteggio attribuibile al curriculum di cui al punto B.4) e'              
determinato avuto a riferimento titoli che non siano gia' valutabili            
nell'ambito delle fattispecie previste ai punti A), B.1), B.2) e                
B.3). Saranno considerate particolarmente significative le esperienze           
svolte presso l'Ente Regione Emilia-Romagna. Il curriculum, per poter           
essere valutato, dev'essere datato, sottoscritto e allegato come                
parte integrante e sostanziale della domanda di partecipazione alla             
procedura.                                                                      
8. La Commissione esaminatrice valutera' l'esperienza svolta presso             
privati operando, ove possibile, una equiparazione tra categorie                
professionali, avuto a riferimento quelle previste dal CCNL del                 
Comparto Regione ed Enti locali al momento vigenti.                             
9. I periodi di servizio civile volontario e di effettivo servizio              
militare, se relativi ad attivita' attinenti alle posizioni                     
lavorative oggetto della selezione, sono valutati come servizio                 
prestato con  rapporto subordinato a tempo determinato presso                   
pubbliche Amministrazioni. Il punteggio e' incrementato di punti 0,5            
se il servizio e' svolto ai sensi della L.R. 20/03, art. 10 (Servizio           
civile regionale).                                                              
La Commissione esaminatrice                                                     
Con determinazione del Direttore generale Organizzazione, Sistemi               
informativi e Telematica, su proposta del Responsabile del Servizio             
Sviluppo organizzativo, Formazione e Mobilita', e' nominata la                  
Commissione esaminatrice composta da esperti di comprovata competenza           
nelle materie oggetto della selezione.                                          
La Commissione e' composta:                                                     
- da un dirigente della Regione, anche in quiescenza da non oltre tre           
anni, con funzioni di Presidente;                                               
- da due esperti, di cui uno esperto in tecniche di selezione e                 
valutazione del personale, scelti tra funzionari di pubbliche                   
Amministrazioni, ivi compresi i dipendenti dell'Ammini- strazione               
regionale, o esterni segnalati da Enti, Associazioni o Organismi o              
che si siano proposti per lo svolgimento della funzione.                        
La Commissione potra' essere integrata, durante lo svolgimento della            
prova orale, da un esperto in informatica e da un esperto in lingue             
straniere, scelti con le medesime modalita' previste nel precedente             
capoverso.                                                                      
La Segreteria della Commissione e' affidata ad un collaboratore                 
regionale.                                                                      
Domanda di ammissione                                                           
I candidati, consapevoli delle sanzioni penali previste dall'art.76             
del DPR 28 dicembre 2000, n. 445 in caso di dichiarazioni mendaci,              
dovranno dichiarare nella domanda di ammissione alla procedura                  
selettiva, utilizzando il modulo allegato al presente bando, sotto la           
propria responsabilita', ai sensi degli artt. 46 e 47 del predetto              
DPR:                                                                            
1) cognome, nome, data e luogo di nascita,  codice fiscale,                     
residenza,  numero telefonico e eventuale recapito presso il quale              
deve essere inviata ogni comunicazione, se diversa dalla residenza,             
impegnandosi fin d'ora a comunicare al responsabile del procedimento            
le eventuali variazioni di indirizzo;                                           
2) il possesso dei seguenti requisiti necessari per la partecipazione           
alla procedura selettiva: 2.1) non avere in corso provvedimenti che             
comportino l'impedimento all'accesso al pubblico impiego e non essere           
stati licenziati per motivi disciplinari dalla  Regione                         
Emilia-Romagna; 2.2) aver raggiunto la maggiore eta' e non aver                 
raggiunto il limite massimo previsto per il collocamento a riposo               
d'ufficio; 2.3) (per i candidati che non hanno cittadinanza                     
italiana): possedere un'adeguata conoscenza della lingua italiana;              
2.4) (per i candidati degli Stati non appartenenti all'Unione                   
Europea): essere in regola con le vigenti norme in materia di                   
soggiorno nel territorio italiano; 2.5) il titolo di studio richiesto           
dal bando, con la precisazione dell'Universita', della data di                  
conseguimento e dell'eventuale classe di laurea di riferimento; ad              
integrazione potra' essere allegata copia fotostatica del certificato           
di laurea;                                                                      
3) (per l'applicazione del diritto di preferenza, in caso di parita'            
di punteggio, come previsto al punto 4.1 della Direttiva 190/03):               
aver prestato periodi di servizio come "lavoratori socialmente                  
utili", nei limiti ed ai sensi dell'art. 12, commi 1 e 3 del DLgs               
468/97;                                                                         
4) i titoli culturali e le esperienze professionali di cui chiede la            
valutazione;                                                                    
5) la lingua straniera sulla quale effettuare l'accertamento fra le             
seguenti: inglese, francese, tedesco e spagnolo;                                
6) (per candidati portatori di handicap) la richiesta, ai sensi                 
dell'art. 20 della Legge 104/92, in relazione al proprio handicap,              
dell'ausilio necessario in sede di prove, nonche' l'eventuale                   
necessita' di tempi aggiuntivi. A tal fine, dovra' essere allegato              
alla domanda il certificato della Commissione medica che ha accertato           
l'handicap, in originale od in copia autenticata, ovvero la                     
documentazione utile a consentire la predisposizione delle                      
particolari modalita' necessarie per lo svolgimento delle prove                 
d'esame;                                                                        
7) (per i candidati che hanno conseguito titoli di studio presso                
istituti esteri) di essere in possesso del provvedimento di                     
equiparazione del titolo di studio conseguito all'estero al titolo di           
studio italiano.                                                                
L'Amministrazione non assume responsabilita' per lo smarrimento di              
comunicazioni dipendente da inesatte indicazioni del recapito da                
parte del concorrente oppure da mancata o tardiva comunicazione del             
cambiamento dell'indirizzo indicato nella domanda, ne' per eventuali            
disguidi postali o telegrafici o comunque imputabili a fatto di                 
terzi, a caso fortuito o forza maggiore.                                        
Presentazione della domanda di ammissione                                       
La domanda, firmata in originale dal candidato e completa di tutte le           
parti, dovra' pervenire tramite una delle seguenti modalita':                   
- consegna a mano all'Ufficio Protocollo della Direzione generale               
Organizzazione, Sistemi informativi e Telematica della Regione                  
Emilia-Romagna, Viale Aldo Moro n. 18, II piano, Bologna, entro le              
ore 13 del 17/12/2004 - gli orari di apertura dell'Ufficio Protocollo           
sono i seguenti: da lunedi' a venerdi' dalle ore 9 alle 13;                     
oppure                                                                          
- invio tramite raccomandata con avviso di ricevimento effettuata               
entro il 17/12/2004, al seguente indirizzo: Regione Emilia-Romagna -            
Direzione generale Organizzazione, Sistemi informativi e Telematica -           
Viale Aldo Moro n. 18, 40127 Bologna, indicando sulla busta l'oggetto           
della procedura selettiva: "Procedura selettiva per n. 1 posti di               
categoria D, posizione lavorativa: "Ambiente"                                   
Nel primo caso fa fede la data del timbro apposto sulla ricevuta                
rilasciata dal Protocollo; nel secondo caso fa fede la data del                 
timbro dell'Ufficio postale accettante. Le domande presentate oppure            
spedite oltre il termine di scadenza e le domande spedite nel termine           
ma non pervenute al Protocollo della Direzione sopra indicata entro             
il 31/12/2004  sono irricevibili.                                               
Ammissione alla procedura selettiva                                             
Con provvedimento del Responsabile del Servizio Sviluppo                        
organizzativo, Formazione e Mobilita' possono essere ammessi, con               
riserva, a sostenere la prova d'esame o l'eventuale preselezione, i             
candidati che hanno regolarmente sottoscritto e presentato domanda              
entro il termine di scadenza previsto dal bando.                                
Al termine della prima prova, compresa l'eventuale preselezione e               
relativamente ai soli candidati ammessi alla prova successiva, il               
responsabile del procedimento provvedera' a chiedere l'integrazione             
all'interessato qualora la domanda risulti  parzialmente priva di               
dati anagrafici o della dichiarazione del possesso di taluno dei                
requisiti. La richiesta sara' inviata con raccomandata con avviso di            
ricevimento fissando un termine non inferiore a 10 giorni per                   
adempiere; decorso inutilmente tale termine, il candidato verra'                
escluso dalla procedura selettiva. E' inammissibile ogni altra                  
integrazione alla domanda di ammissione.                                        
I candidati  che nella domanda di partecipazione alla procedura                 
selettiva abbiano reso dichiarazioni dalle quali risulta in modo                
evidente la mancanza di uno dei requisiti richiesti per l'accesso               
agli organici regionali, sono esclusi dalla procedura selettiva senza           
richiesta d'integrazione.                                                       
L'accertamento della conoscenza della lingua italiana verra'                    
effettuato dalla Commissione esaminatrice successivamente  alla prima           
prova, compresa l'eventuale preselezione, ai candidati che non hanno            
cittadinanza italiana, e che siano stati  ammessi alle prove                    
successive.                                                                     
La Commissione esprimera' un giudizio di idoneita' o non idoneita'.             
La non idoneita' comporta l'esclusione dalla procedura.                         
Prova d'esame                                                                   
La prova d'esame consiste in una prova scritta, predisposta anche               
sotto forma di simulazione di una situazione lavorativa ed in un                
colloquio. La prova nel suo complesso e' finalizzata ad accertare il            
possesso delle conoscenze e competenze  necessarie per la copertura             
della posizione lavorativa, di seguito specificate:                             
Conoscenze e competenze tecniche                                                
- elementi di idrologia ed idraulica;                                           
- analisi di rischio;                                                           
- cartografie di base e tematiche;                                              
- nozioni sull'ordinamento in materia di acque, difesa del suolo e              
pianificazione, in particolare: la Legge 18/5/1989, n. 183; la Legge            
3/8/1998, n. 267, la Legge 24/3/2000, n. 20;                                    
- fondamenti e linee guida della pianificazione territoriale: il                
Piano territoriale regionale; il Piano territoriale di coordinamento            
provinciale; i Piani di settore; i Piani di bacino;                             
- elementi di normativa sugli appalti di opere e servizi;                       
- nozioni normative e tecniche in materia di opere pubbliche:                   
progettazioni, direzioni lavori e collaudi;                                     
- finalita' e procedure  della valutazione d'impatto ambientale.                
Competenze generali e di ruolo                                                  
Elementi di base del procedimento amministrativo (Legge 241/90).                
Orientamento nel contesto organizzativo regionale (lo Statuto della             
Regione Emilia-Romagna; la L.R. 43/01).                                         
Conoscenze di base relativamente alle applicazioni informatiche piu'            
in uso nell'Ente (nozioni sull'uso del pacchetto Office e di                    
Internet).                                                                      
Altre competenze                                                                
Capacita' di pianificare le attivita', i modi ed i tempi di lavoro,             
di controllare in modo sistematico i risultati e di identificare le             
soluzioni innovative ai problemi.                                               
La data della prova scritta sara' comunicata ai candidati, tramite              
pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna e           
sul sito Internet all'indirizzo sopra precisato, con un preavviso di            
almeno 20 giorni.                                                               
Durante la prova scritta non e' ammessa la consultazione di alcun               
testo.                                                                          
La data del colloquio e' comunicata ai candidati tramite                        
pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna e           
sul sito Internet all'indirizzo sopra precisato, oppure con                     
raccomandata con avviso di ricevimento, almeno 20 giorni prima dello            
svolgimento dello stesso.                                                       
I candidati devono presentarsi alle prove muniti di un valido                   
documento di riconoscimento.                                                    
La prova scritta ed il colloquio sono superati se il candidato                  
ottiene il punteggio minimo di 21/30 in ciascuna prova.                         
Ai sensi dell'art. 3, comma 4 del Regolamento Regionale 35/02,                  
verranno accertate le conoscenze di base relativamente ad una lingua            
straniera scelta dai candidati.                                                 
L'accertamento della lingua straniera indicata dal candidato,                   
avverra' nel corso del colloquio e comportera'  l'attribuzione dei              
seguenti punteggi in relazione al giudizio espresso:  non idoneo =              
-1; idoneo = 0; buono = +0,5; eccellente = +1.                                  
Il punteggio massimo assegnabile per il colloquio e' pari a 29/30. A            
detto punteggio si somma  quello ottenuto per l'accertamento della              
lingua straniera.                                                               
Formazione e durata della graduatoria, verifica dei requisiti                   
Al termine dei colloqui la Commissione esaminatrice formulera' la               
graduatoria degli idonei, sommando il punteggio delle prove d'esame             
riportato da ciascun candidato con il punteggio assegnato ai titoli.            
La graduatoria finale e gli atti della procedura selettiva sono                 
trasmessi al responsabile del procedimento che verifichera' la                  
regolarita' delle operazioni espletate dalla Commissione.                       
Se vengono riscontrate irregolarita', il responsabile del                       
procedimento rinvia motivatamente gli atti alla Commissione.                    
Nel caso di candidati idonei classificatisi in graduatoria con pari             
punteggio, il responsabile del procedimento provvede a sciogliere la            
parita' applicando i seguenti titoli di preferenza:                             
- aver prestato periodi di servizio come "lavoratori socialmente                
utili" nei limiti ed ai sensi dell'art. 12, commi 1 e 3 del DLgs                
468/97;                                                                         
- minore eta' anagrafica, ai sensi dell'art.2, comma 9, della Legge             
191/98.                                                                         
Con provvedimento del Responsabile del Servizio Sviluppo                        
organizzativo, Formazione e Mobilita' verra' approvata la graduatoria           
finale e dichiarato il vincitore.                                               
La graduatoria conserva validita' per tre anni dalla data di                    
pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna e           
sara' pubblica anche sul sito Internet dell'Ente all'indirizzo sopra            
precisato.                                                                      
L'Amministrazione si riserva la facolta' di utilizzare la graduatoria           
finale degli idonei per soddisfare ulteriori fabbisogni professionali           
relativi anche a posizioni lavorative classificate come prossime a              
quelle oggetto del presente bando e per la cui copertura non sia                
prevista una specifica procedura selettiva.                                     
La graduatoria finale dei candidati idonei, nonche' quella formulata            
in esito all'eventuale preselezione, potranno essere utilizzate per             
assunzioni a tempo determinato per le medesime posizioni lavorative             
oggetto del presente bando nonche' per quelle classificate come                 
prossime.                                                                       
Controlli sui titoli dichiarati dai candidati                                   
L'Amministrazione provvedera' ad effettuare controlli sulla                     
veridicita' delle dichiarazioni rese dai candidati. Qualora dal                 
controllo dovesse emergere la non veridicita' del contenuto delle               
dichiarazioni, il candidato, posta la sua responsabilita' penale ai             
sensi dell'art. 76 del DPR 445/00, decadra' dai benefici                        
eventualmente conseguiti come previsto dall'art.75 del medesimo                 
decreto.                                                                        
Procedura di assunzione                                                         
Il candidato risultato vincitore sara' convocato per l'assunzione               
secondo l'ordine della graduatoria finale. Lo stesso sara' invitato             
nuovamente a dichiarare il possesso dei requisiti necessari per                 
l'accesso agli organici regionali - gia' dichiarati nella domanda di            
ammissione e che devono sussistere al momento dell'assunzione - a               
presentare il certificato d'idoneita' fisica all'impiego e a                    
sottoscrivere il contratto individuale nei termini stabiliti dal                
contratto collettivo vigente.                                                   
Il vincitore sara' assunto, con contratto di lavoro a tempo                     
indeterminato, per la copertura di una posizione lavorativa vacante.            
Trattamento economico                                                           
Ai sensi del CCNL al momento vigente, il trattamento economico lordo            
spettante mensilmente al personale neo assunto in posizione economica           
D.3 e' pari ad Euro 1814,42.                                                    
L'Amministrazione garantisce parita' e pari opportunita' tra uomini e           
donne per l'accesso all'impiego ai sensi della Legge del 10/4/1991,             
n. 125.                                                                         
Tutela dei dati personali                                                       
Tutti i dati personali di cui l'Amministrazione venga in possesso in            
occasione dell'espletamento delle procedure per la formazione della             
graduatoria finale verranno trattati nel rispetto del DLgs n. 196 del           
30 giugno 2003.                                                                 
Per quanto non previsto nel presente bando si applicano le                      
disposizioni vigenti per l'accesso all'impiego regionale.                       
Informazioni sul procedimento                                                   
Il termine entro il quale dovra' concludersi la procedura selettiva             
con l'adozione del provvedimento d'approvazione della graduatoria               
finale sara' reso noto ai candidati mediante pubblicazione nel                  
Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna del 23/2/2005.                
Eventuali informazioni possono essere acquisite all'Ufficio Relazioni           
con il pubblico - tel. 051/6395222, numero verde 800-662200 (dal solo           
territorio regionale) dal lunedi' al venerdi' dalle 9 alle 13 a                 
partire dalla data di pubblicazione del presente bando.                         
Il modulo da utilizzare per la presentazione della domanda e'                   
reperibile anche consultando l'indirizzo Internet:                              
www.regione.emilia-romagna.it/fr_organizazione.htm (voce                        
"Documentazione e banche dati", punto "Opportunita'  di lavoro").               
Responsabile del procedimento: Stefania Papili.                                 
Operatore del procedimento: Maria Luisa Mela.                                   
(segue allegato fotografato)                                                    
Scadenza: 17 dicembre 2004                                                      

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it