REGIONE EMILIA-ROMAGNA - DIRETTORE GENERALE ATTIVITA' PRODUTTIVE, COMMERCIO, TURISMO

DETERMINAZIONE DEL DIRETTORE GENERALE ATTIVITA' PRODUTTIVE, COMMERCIO, TURISMO 31 dicembre 2003, n. 17630

Credito peschereccio. Approvazione graduatoria, concessione contributi e assunzione impegno di spesa in attuazione della delibera di Giunta regionale 1882/03

IL DIRETTORE GENERALE                                                           
Vista la L.R. 15 novembre 2001, n. 40, ed in particolare l'art. 49;             
richiamata la deliberazione di Giunta regionale n. 447 del 24/3/2003            
"Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e funzionali tra le           
strutture e sull'esercizio delle funzioni dirigenziali", esecutiva ai           
sensi di legge;                                                                 
vista la deliberazione di Giunta regionale n. 1882 del 7/10/2003,               
esecutiva ai sensi di legge, ad oggetto: "Credito peschereccio.                 
Approvazione dei criteri per la concessione dei benefici di cui alla            
Legge 302/89 e al decreto MiPAF 25 maggio 2000: "VI Piano triennale             
della pesca e dell'acquacoltura";                                               
richiamati:                                                                     
- il DLgs 4 giugno 1997, n. 143 relativo al conferimento di funzioni            
amministrative alle Regioni in materia di agricoltura e pesca;                  
- la L.R. del 21 aprile 1999, n. 3 "Riforma del sistema regionale e             
locale" ed in particolare l'art. 79 che nell'ambito della definizione           
delle funzioni regionali in materia di pesca marittima e maricoltura,           
al comma 1 recita: "Sono riservate alla Regione le funzioni di                  
programmazione degli interventi in materia di pesca marittima,                  
maricoltura e attivita' connesse" e al comma 2 "Sono altresi'                   
riservate alla Regione le funzioni amministrative relative alla lett.           
f) del primo comma dell'art. 2 della L.R. 14 febbraio 1979, n. 3";              
- la Legge del 17 febbraio 1982, n. 41 e successive modificazioni,              
concernente il "Piano per la razionalizzazione e lo sviluppo della              
pesca marittima" che tra gli obiettivi prevede, tra l'altro, il                 
concorso pubblico nel pagamento degli interessi su prestiti a favore            
degli operatori del settore della pesca;                                        
- la Legge del 28 agosto 1989, n. 302 e successive modificazioni, che           
disciplinano il Credito peschereccio di esercizio tramite il concorso           
pubblico nel pagamento degli interessi su prestiti a favore delle               
imprese singole e associate, cooperative e loro consorzi, che                   
esplicano l'attivita' di pesca e allevamento, lavorazione,                      
trasformazione e commercializzazione dei prodotti ittici o di                   
acquacoltura, nonche' le attivita' connesse e collaterali;                      
- il DLgs 1 settembre 1993, n. 385 "Testo Unico delle leggi in                  
materia bancaria e creditizia";                                                 
- la circolare 11 febbraio 1998, n. 6232786 del Ministero delle                 
Politiche agricole e forestali che disciplina le modalita' di accesso           
al credito peschereccio di esercizio agevolato;                                 
visto il decreto del Ministero delle Politiche agricole e forestali             
del 25/5/2000, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 121 del 27                
luglio 2000, avente ad oggetto "Adozione del VI Piano triennale della           
pesca e dell'acquacoltura" che al Titolo III della Parte Seconda,               
punto 2.10 prevede agevolazioni per le operazioni di credito                    
peschereccio d'esercizio;                                                       
vista la nota ministeriale n. 240249 del 30/03/2001 con cui la                  
Direzione generale della Pesca ed Acquacoltura del Ministero delle              
Politiche agricole e forestali trasmette alla Regione Emilia-Romagna            
le domande afferenti il credito di esercizio a partire dall'1 gennaio           
2000;                                                                           
preso atto che tra le domande trasmesse alla Regione Emilia-Romagna             
vi erano quelle presentate da Maestri Violindo di Goro (FE),                    
Mantovani Vincenzino di Goro (FE) e Milani Antonino di Goro (FE),               
tutte presentate alla Cassa di Risparmio di Ferrara, con nostra nota            
prot. SEI/03/27459 del 17/9/2003 sono state rinviate alla Direzione             
generale della Pesca ed Acquacoltura del Ministero delle Politiche              
agricole e forestali in quanto relative all'anno 1999 e pertanto di             
competenza del Ministero medesimo;                                              
preso atto che il Ministero delle Politiche agricole e forestali                
aveva stipulato delle convenzioni con, fra gli altri, i seguenti                
Istituti di credito che ai sensi della Legge 302/89 e del decreto del           
Ministero delle Politiche agricole e forestali del 25/5/2000                    
risultano titolari della fase istruttoria relativamente alle domande            
di credito peschereccio di competenza della Regione Emilia-Romagna:             
1) Cassa di Risparmio di Ferrara;                                               
2) Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo;                                       
3) Banca di Credito Cooperativo di S. Vito e S. Giustina di Rimini;             
4) Banca di Roma;                                                               
preso atto che, con scrittura del notaio dott. Pietro Bernardi                  
Fabbrani del 23/9/2002 rep. 15611, raccolta n. 5245, acquisita agli             
atti del Servizio Economia ittica regionale, si e' proceduto alla               
fusione della Banca di Credito Cooperativo di S. Vito e S. Giustina             
di Rimini con la Banca di Credito Cooperativo Ospedaletto di Coriano            
(RN) e che pertanto ha assunto la denominazione: "Banca                         
Malatestiana";                                                                  
dato atto che poiche' le pratiche trasmesse dal Ministero risultavano           
per la maggior parte incomplete e' stata richiesta la documentazione            
mancante, con nostre note prot. SEI/03/26915, SEI/03/26918,                     
SEI/03/26919 e SEI/03/26921 dell'11/9/2003, alle banche che                     
risultavano titolari dell'istruttoria ai sensi della Legge 302/89;              
preso atto dell'avvenuta trasmissione della richiesta documentazione            
da parte delle banche convenzionate, conservata agli atti del                   
Servizio Economia ittica regionale, che conclude di fatto l'iter                
istruttorio necessario per liquidare gli aventi diritto che hanno               
presentato domanda nel periodo dall'1 gennaio 2000 al 31 dicembre               
2000 ai succitati Istituti di credito;                                          
preso inoltre atto che la Cassa di Risparmio di Ferrara, oltre ad               
inviare la documentazione mancante richiesta ha inoltrato al Servizio           
Economia ittica regionale ulteriori domande con prot. SEI/03/31960,             
SEI/03/31961, SEI/03/31962, SEI/03/31963 e SEI/03/31964 del                     
3/11/2003, che pur facendo riferimento all'anno 2000 erano state                
erroneamente inviate dal Ministero delle Politiche agricole e                   
forestali allo stesso Istituto di credito anziche' essere trasmesse             
alla Regione Emilia-Romagna;                                                    
ritenuto di poter accogliere le domande trasmesse agli uffici                   
regionali sia dal Ministero delle Politiche agricole e forestali sia            
dagli Istituti di credito convenzionati, ai sensi della predetta                
circolare MIPA n. 6232786 dell'11/2/1998;                                       
ritenuto di non poter accogliere le istanze presentate dalla ditta              
Morri William & C. Snc di Rimini, presentata alla Banca di Credito              
Cooperativo Ospedaletto di Coriano e dalla Soc. Amati Riccione SpA di           
Coriano (RN) presentata alla Banca di Roma di Roseto degli Abruzzi              
(TE), in quanto sottoposte a procedure fallimentari;                            
dato atto che i soggetti destinatari dei finanziamenti, indicati                
nell'Allegato A) parte integrante del presente atto, si sono attenuti           
alle disposizioni previste nella delibera sopra citata e che la                 
relativa documentazione e' conservata agli atti del competente                  
Servizio;                                                                       
dato atto che per il calcolo dell'agevolazione e' stato utilizzato,             
ai sensi dell'art. 6 della circolare 11 febbraio 1998, n. 6232786,              
del Ministero delle Politiche agricole e forestali, il tasso di                 
riferimento medio individuato nella media dei tassi relativi ai primi           
venti giorni del mese che precede il semestre di intervento, con                
l'arrotondamento della seconda cifra decimale allo zero o al cinque             
superiori, e che pertanto tale tasso risulta per l'anno 2000 cosi'              
determinato:                                                                    
a) 1-20 dicembre 1999, TRM (4.70%) per il semestre gennaio/giugno               
2000;                                                                           
b) 1-20 giugno 2000, TRM (5.60%) per il semestre luglio/dicembre                
2000;                                                                           
considerato inoltre che e' stato calcolato l'importo                            
dell'agevolazione di cui alla predetta legge come da procedura                  
informatica fornita dalla Direzione generale Pesca ed Acquicoltura              
del Ministero delle Politiche agricole e forestali;                             
rilevato che la documentazione inoltrata dalle banche convenzionate             
risulta condizione necessaria e sufficiente per poter procedere                 
all'impegno dell'importo totale dei contributi a favore dei soggetti            
richiedenti ricorrendo gli elementi di cui all'art. 47, comma 2 della           
L.R. 40/01;                                                                     
ritenuto di dover procedere con il presente atto ad assumere                    
l'impegno di spesa ai sensi del decreto del Ministero delle Politiche           
agricole e forestali del 25 maggio 2000, a seguito di quanto previsto           
dalla citata delibera n. 1882 del 7/10/2003, per un importo                     
complessivo di Euro 159.003,63 sul pertinente capitolo di Bilancio              
per l'esercizio finanziario 2003 che risulta dotato della necessaria            
disponibilita';                                                                 
viste:                                                                          
- la L.R. n. 38 del 23 dicembre 2002;                                           
- la L.R. n. 39 del 23 dicembre 2002 "Bilancio di previsione della              
Regione Emilia-Romagna per l'anno finanziario 2003 e Bilancio                   
pluriennale 2003-2005";                                                         
- le LL.RR. n. 15 e n. 16 del 26 luglio 2003;                                   
- il DPR 3/6/1998, n. 252;                                                      
richiamate la deliberazione della Giunta n. 1750 del 30 settembre               
2002, nonche' le determinazioni del Direttore generale Risorse                  
finanziarie e strumentali n. 10039 del 2 ottobre 2002 e n. 16832 del            
12 dicembre 2003, esecutive ai sensi di legge e relative al                     
conferimento dell'incarico di responsabilita' della Posizione                   
dirigenziale Professional "Controllo e Presidio dei processi connessi           
alla gestione delle spese del bilancio regionale";                              
attestata la regolarita' amministrativa ai sensi della deliberazione            
della Giunta regionale n. 447 del 24/3/2003;                                    
dato atto del parere di regolarita' contabile espresso dal Dirigente            
Professional "Controllo e Presidio dei processi connessi alla                   
gestione delle spese del bilancio regionale" dott. Marcello                     
Bonaccurso, ai sensi della deliberazione della Giunta regionale                 
447/03;                                                                         
determina:                                                                      
1) di approvare la graduatoria di cui all'Allegato A) parte                     
integrante del presente atto, che elenca le domande pervenute in                
ordine cronologico per l'anno 2000 e ammesse alle agevolazioni di cui           
alla Legge 302/89, in attuazione della deliberazione di Giunta                  
regionale 1882/03;                                                              
2) di concedere, ai soggetti dettagliatamente indicati nell'Allegato            
A) parte integrante del presente atto e per gli importi a fianco di             
ciascuno indicati, i contributi di cui alla Legge 302/89;                       
3) di rigettare, per le motivazioni espresse in premessa e che qui si           
intendono integralmente riportate, le istanze presentate dalla ditta            
Morri William & C. Snc di Rimini, presentata alla Banca di Credito              
Cooperativo Ospedaletto di Coriano e dalla Soc. Amati Riccione SpA di           
Coriano (RN) presentata alla Banca di Roma di Roseto degli Abruzzi              
(TE);                                                                           
4) di impegnare sulla base di quanto indicato in premessa, la somma             
di Euro 159.003,63, quale contributo relativo alle richieste di                 
prestiti agevolati per le finalita' elencate nell'articolo 3 della              
Legge 28 agosto 1989, n. 302 registrata al n. 6218 di impegno sul               
Cap. 78567 "Interventi a favore di soggetti pubblici e privati di cui           
al VI Piano triennale della pesca e dell'acquacoltura (art. 1, Legge            
17 febbraio 1982, n. 41; decreti MiPAF del 25/5/2000 e dell'1/8/2002)           
- Mezzi statali" UPB 1.4.2.2.13752 del Bilancio per l'esercizio                 
finanziario 2003 che e' stato dotato della necessaria                           
disponibilita';                                                                 
5) di dare atto che alla liquidazione delle somme spettanti si                  
procedera' con successivi atti del Dirigente regionale competente               
nonche', ad esecutivita' del presente provvedimento ed ai sensi                 
dell'art. 52 della L.R. 40/01 e della deliberazione di Giunta                   
regionale 447/03, alla richiesta di emissione del titolo di                     
pagamento;                                                                      
6) di riservarsi di destinare alle altre finalita' individuate dal VI           
Piano triennale della pesca e dell'acquacoltura (decreto MiPAF del              
25/5/2000) le eventuali economie di spesa per qualsiasi motivo resesi           
disponibili dandone atto nei successivi singoli provvedimenti di                
liquidazione;                                                                   
7) di pubblicare la presente determinazione in forma integrale nel              
Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.                              
IL DIRETTORE GENERALE                                                           
Uber Fontanesi                                                                  
(segue allegato fotografato)                                                    

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it