REGIONE EMILIA-ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 dicembre 2003, n. 2783

Attuazione della Mis. 5.2, Az. C del Programma triennale dello sviluppo delle attivita' produttive 2003-2005 "Sostegno ad iniziative di cooperazione produttiva commerciale e tecnologica e permanenti in forma aggregata (Legge 83/89)"

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA                                          
Richiamati:                                                                     
a) la L.R. 3/99 che all'art. 61 stabilisce di dare attuazione alle              
funzioni delegate per il sostegno delle esportazioni e                          
dell'internazionalizzazione delle imprese di cui agli artt. 19 e 48             
del DLgs 112/98;                                                                
b) il Programma triennale per lo sviluppo delle attivita' produttive            
2003-2005, approvato con deliberazione consiliare  n.526 del 5                  
novembre 2003, previsto dalla stessa L.R. 3/99, che, alla Misura 5.2            
Azione C "Sostegno a iniziative di cooperazione produttiva,                     
commerciale e tecnologica permanenti in forma aggregata (Legge                  
83/89)", prevede che l'intervento regionale, sotto forma di                     
contributi ai consorzi export, si realizzi tramite bando di gara                
annuale;                                                                        
c) il DLgs 112/98 "Conferimento di funzioni e compiti amministrativi            
dello Stato alle Regioni ed agli Enti locali, in attuazione del Capo            
I della Legge 15 marzo 1997, n. 59" che, all'art. 48, prevede che i             
trasferimenti e le deleghe di funzioni alle Regioni comprendano, tra            
l'altro, le funzioni relative alla promozione ed al sostegno alla               
costituzione di consorzi tra piccole e medie imprese industriali,               
commerciali e artigiane previste dalla Legge 21 febbraio 1989, n.               
83;                                                                             
d) la Legge 21 febbraio 1989, n. 83 "Interventi di sostegno per i               
consorzi tra piccole e medie imprese industriali, commerciali ed                
artigiane";                                                                     
e) il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 26 maggio           
2000 "Individuazione dei beni e delle risorse umane, finanziarie,               
strumentali ed organizzative da trasferire alle Regioni per                     
l'esercizio delle funzioni in materia di incentivi alle imprese di              
cui agli artt. 19, 30, 34, 41 e 48 del DLgs 112/98" che, all'art. 3,            
stabilisce che l'esercizio delle funzioni e dei compiti conferiti               
alle Regioni, escluse le funzioni relative ai consorzi                          
multiregionali, decorra dall'1 luglio 2000;                                     
f) la circolare n. 328 del 7 agosto 2003 del Ministero delle                    
Attivita' produttive avente oggetto "Modalita' per l'applicazione nel           
2003 della Legge 21 febbraio 1989, n. 83", che alla Sezione 1, punto            
4 fornisce la definizione di consorzio multiregionale;                          
ritenuto:                                                                       
- di approvare, in considerazione delle deleghe sopraesposte,                   
limitatamente ai consorzi export monoregionali, come definiti al                
punto 3 dell'Allegato A, le disposizioni operative della Misura 5.2             
Azione C che definiscono modalita' e criteri di accesso ai benefici             
previsti dalla Legge 83/89 e dalla L.R. 3/99;                                   
dato atto:                                                                      
- che il Dirigente competente provvedera' all'approvazione degli                
interventi previsti dalla presente deliberazione e al contestuale               
impegno delle risorse con propri atti formali, ai sensi della                   
deliberazione della Giunta regionale 447/03, e, previa verifica della           
documentazione di spesa presentata dai richiedenti, ricorrendo le               
condizioni di cui all'art. 51 della L.R. 40/01, a programma                     
promozionale terminato, alla liquidazione dei contributi previsti;              
- che l'onere finanziario afferente l'attuazione del presente                   
provvedimento trova la necessaria copertura nell'ambito del Capitolo            
23022 "Fondo unico regionale per le attivita' produttive industriali.           
Contributi a favore di consorzi e societa' consortili per il                    
commercio estero per la realizzazione delle attivita' consortili per            
la promozione commerciale all'estero delle PMI (art. 53 in attuazione           
dell'art. 54, comma 5, lett. c) della L.R. 21 aprile 1999, n. 3; art.           
10, Legge 21 febbraio 1989,  n.83; PTAPI 1999-2001, Misura 4.3 e                
PTAPI 2003-2005, Misura 5.2 Azione c) - Mezzi statali", afferente               
alla UPB 1.3.2.3.8301 "Programma per lo sviluppo delle attivita'                
produttive ed industriali (PTAPI) - Risorse statali";                           
dato atto del parere di regolarita' amministrativa espresso dal                 
Direttore generale alle Attivita' produttive, Commercio, Turismo, dr.           
Uber Fontanesi, ai sensi dell'art. 37, quarto comma della L.R. 43/01            
e della deliberazione della Giunta regionale 447/03;                            
su proposta dell'Assessore alle Attivita' produttive, Sviluppo                  
economico e Piano telematico;                                                   
a voti unanimi e palesi, delibera:                                              
1) di approvare, a seguito di quanto esposto in premessa e qui                  
integralmente riportato, i criteri e le modalita' per l'applicazione            
della Legge 21 febbraio 1989, n. 83 recante "Interventi di sostegno             
per i consorzi tra piccole e medie imprese industriali, commerciali             
ed artigiane" e della L.R. 3/99, in attuazione della Misura 5.2                 
Azione C del Programma triennale per lo sviluppo delle attivita'                
produttive 2003-2005, contenuti nell'Allegato A parte integrante e              
sostanziale della presente deliberazione, in applicazione di quanto             
previsto dalla deliberazione consiliare 526/03;                                 
2) di dare atto che il Dirigente competente provvedera'                         
all'approvazione degli interventi previsti dalla presente                       
deliberazione e al contestuale impegno delle risorse con propri atti            
formali, ai sensi della deliberazione della Giunta regionale 447/03,            
e, previa verifica della documentazione di spesa presentata dai                 
richiedenti, ricorrendo le condizioni di cui all'art. 51 della L.R.             
40/01, a programma promozionale terminato, alla liquidazione dei                
contributi previsti;                                                            
3) che l'onere finanziario afferente l'attuazione del presente                  
provvedimento trova la necessaria copertura nell'ambito del Capitolo            
23022 "Fondo unico regionale per le attivita' produttive industriali.           
Contributi a favore di consorzi e societa' consortili per il                    
commercio estero per la realizzazione delle attivita' consortili per            
la promozione commerciale all'estero delle PMI (art. 53 in attuazione           
dell'art. 54, comma 5, lett. c) della L.R. 21 aprile 1999, n. 3; art.           
10, Legge 21 febbraio 1989, n. 83; PTAPI 1999-2001, Misura 4.3 e                
PTAPI 2003-2005, Misura 5.2 Azione c) - Mezzi statali", afferente               
alla UPB 1.3.2.3.8301 "Programma per lo sviluppo delle attivita'                
produttive ed industriali (PTAPI) - Risorse statali";                           
4) di pubblicare, integralmente, la presente deliberazione nel                  
Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna e di disporre che             
la stessa deliberazione sia diffusa tramite i siti Internet                     
www.ermesimprese.it e www.intersportello.com                                    
ALLEGATO A                                                                      
Bando per l'applicazione della Legge 21 febbraio 1989, n. 83 recante            
"Interventi di sostegno per i consorzi tra piccole e medie imprese              
industriali, commerciali ed artigiane" e della L.R. 3/99, in                    
attuazione della Misura 5.2 - Azione C "Sostegno a iniziative di                
cooperazione produttiva, commerciale e tecnologica permanenti in                
forma aggregata (Legge 83/89)" del Programma triennale per lo                   
sviluppo delle attivita' produttive 2003-2005                                   
1) Obiettivo della Misura 5.2 - Azione C                                        
L'obiettivo della Misura 5.2 - Azione C e' il sostegno alle attivita'           
permanenti di cooperazione produttiva, commerciale e tecnologica di             
imprese consorziate in un'ottica di medio e lungo periodo.                      
2) Tipologia di programmi finanziabili                                          
Sono ammissibili unicamente i programmi strettamente promozionali.              
Ciascun consorzio o societa' consortile deve presentare domanda di              
contributo per un solo programma promozionale. Il programma                     
promozionale puo' essere formato da uno o piu' progetti. Ogni                   
progetto deve preferibilmente riguardare un solo Paese o una sola               
area geografica.                                                                
Sono escluse le azioni dirette a sostenere le vendite o la rete di              
distribuzione e in generale tutte le azioni aventi natura                       
commerciale.                                                                    
3) Chi puo' fare domanda                                                        
a) Sono ammessi a godere dei benefici contenuti nelle disposizioni              
del presente bando i consorzi e le societa' consortili monoregionali,           
anche in forma cooperativa, per il commercio estero. Si considerano             
consorzi per il commercio estero i consorzi e le societa' consortili            
che abbiano come scopi sociali esclusivi, anche disgiuntamente,                 
l'esportazione dei prodotti delle imprese consorziate e l'attivita'             
promozionale necessaria per realizzarla; a tali specifici scopi puo'            
aggiungersi l'importazione delle materie prime e dei semilavorati da            
utilizzarsi da parte delle imprese stesse;                                      
b) i consorzi e le societa' consortili di cui sopra devono essere               
costituiti da piccole e medie imprese che esercitano le attivita' di            
cui al primo comma numeri 1), 2), 3) e 5), dell'articolo 2195 del               
Codice civile o dalle imprese artigiane di cui alla Legge 8 agosto              
1985, n. 443 e successive modifiche e integrazioni; possono altresi'            
essere costituiti congiuntamente dalle piccole e medie imprese che              
esercitano le attivita' sopra indicate e dalle imprese artigiane                
suddette;                                                                       
c) si considerano piccole e medie imprese quelle aventi i requisiti             
dimensionali determinati ai sensi dell'allegato al decreto del                  
Ministro dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato del 18                
settembre 1997 "Adeguamento alla disciplina comunitaria dei criteri             
di individuazione di piccole e medie imprese", pubblicato nella                 
Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana - Serie generale - n.              
229 dell'1 ottobre 1997;                                                        
d) e' esclusa la partecipazione di societa' che, per collegamenti               
tecnico finanziari, si configurano come appartenenti a un gruppo                
imprenditoriale. Si considerano appartenenti a un gruppo                        
imprenditoriale le societa' controllate o controllanti ai sensi                 
dell'articolo 2359 del codice civile, ad eccezione di quelle che,               
considerate come un'unica impresa, non superino i limiti dimensionali           
richiamati dal punto c);                                                        
e) i consorzi e le societa' consortili monoregionali devono essere              
costituiti da almeno otto imprese. Fermi restando per le societa'               
consortili gli ammontari minimi del capitale previsti dal codice                
civile per le societa' per azioni, in accomandita per azioni e a                
responsabilita' limitata, ciascuna impresa non potra' comunque                  
sottoscrivere un fondo capitale inferiore a 1291,14 Euro;                       
f) la quota di partecipazione sottoscritta da ciascuna impresa non              
puo' superare il 20 per cento del fondo o del capitale;                         
g) i consorzi e le societa' consortili monoregionali possono essere             
costituiti da non meno di cinque imprese qualora operino in settori             
merceologici specializzati, individuati con decreto della Giunta; la            
stessa riduzione si applica ai consorzi e alle societa' consortili              
monoregionali tra imprese artigiane iscritte nella separata sezione             
dell'Albo delle imprese artigiane;                                              
h) i consorzi e le societa' consortili monoregionali non possono                
distribuire avanzi di esercizio di ogni genere e sotto qualsiasi                
forma alle imprese consorziate o socie, neppure in caso di                      
scioglimento del consorzio o della societa' consortile. Tale divieto            
deve risultare da espressa disposizione dello Statuto;                          
i) la perdita dei requisiti indicati per i consorzi e le societa'               
consortili monoregionali per il commercio estero determina la revoca            
dei benefici previsti dalla L.R. 3/99, previa assegnazione di un                
termine di un anno per uniformarsi nuovamente alle condizioni                   
stabilite; e' fatta salva, fino alla scadenza dei termini di                    
adeguamento, l'applicabilita' delle norme relative ai requisiti dei             
soggetti beneficiari di cui alla Legge 21 maggio 1981, n. 240;                  
j) sono considerati monoregionali i consorzi aventi sede legale in              
Emilia-Romagna che, per l'intera durata del progetto, mantengano i              
seguenti requisiti: annoverino meno del 25% delle imprese associate             
con sede legale al di fuori dall'Emilia-Romagna e in ogni caso                  
associno meno di 15 imprese con sede legale diversa                             
dall'Emilia-Romagna;                                                            
k) le imprese partecipanti al progetto devono aderire al consorzio              
anteriormente alla data di presentazione della domanda;                         
l) sono esclusi dai benefici previsti dal presente provvedimento: - i           
consorzi multiregionali come definiti dalla circolare  n.328 del 7              
agosto 2003 del Ministero delle Attivita' produttive, Sezione I,                
punto 4; - i consorzi monoregionali che abbiano ottenuto contributi             
sulla generalita' delle spese consortili da parte di altri Enti                 
pubblici; - i consorzi monoregionali che in maggioranza associno                
imprese agricole le quali beneficiano dei contributi previsti della             
Legge 394/81, art. 10; - i consorzi monoregionali che associno in               
maggioranza imprese aderenti a consorzi multiregionali i quali                  
beneficiano dei contributi statali.                                             
4) Spese ammissibili                                                            
Le spese ammissibili, che dovranno essere coerenti e finalizzate al             
raggiungimento degli obiettivi specifici indicati nel programma                 
promozionale, potranno riguardare:                                              
a) partecipazione a fiere estere;                                               
b) partecipazione a fiere in Italia riconosciute internazionali dalle           
Regioni;                                                                        
c)  realizzazione, stampa e distribuzione di cataloghi, repertori,              
depliant, materiale informativo redatti in lingua estera;                       
d) pubblicita' effettuata all'estero su giornali, riviste                       
specializzate, radio e televisione;                                             
e) workshop, conferenze e incontri promozionali con operatori                   
esteri;                                                                         
f) missioni di operatori italiani all'estero ed esteri in Italia;               
g) azioni dimostrative, degustazioni;                                           
h) ricerche di mercato;                                                         
i) corsi professionali ed educational per operatori esteri;                     
j) apertura e aggiornamento siti internet predisposti in lingua                 
straniera;                                                                      
k) consulenze esterne finalizzate alla realizzazione del programma              
promozionale (non sono ammesse le consulenze a carattere ordinario di           
tipo fiscale, legale, amministrativo e contabile); tali spese sono              
ammissibili nel limite del 20% della somma delle precedenti voci di             
spesa a + b + c + d + e + f + g + h + i + j ammesse;                            
l) attivita' professionali realizzate da personale dipendente del               
consorzio o della societa' consortile e/o delle imprese partecipanti            
al programma promozionale (incluso personale co.co.co. iscritto a               
libro matricola), nel limite del tempo specificamente dedicato alla             
realizzazione del programma promozionale. Tali spese sono ammissibili           
nel limite del 20% della somma delle precedenti voci di spesa a + b +           
c + d + e + f + g + h + i + j ammesse; non sono ammesse spese di                
personale dipendente per attivita' di ordinaria gestione.                       
Per le azioni previste dal presente provvedimento il contributo                 
potra' essere concesso per interventi iniziati dopo l'1 maggio 2003             
(di conseguenza la data di emissione della prima fattura non potra'             
essere anteriore a tale termine).                                               
L'intervento dovra' comunque concludersi dopo la data di                        
comunicazione dell'approvazione del programma promozionale.                     
Saranno ritenute valide solamente le fatture emesse a carico del                
consorzio o societa' consortile che presenta la domanda.                        
I costi indicati nell'intervento e ammissibili al contributo si                 
intendono al netto di IVA, bolli, spese bancarie, interessi e ogni              
altra imposta e/o onere accessorio. Sono in ogni caso escluse le                
spese amministrative e di gestione.                                             
5) Presentazione delle domande                                                  
Le domande di contributo, in bollo da Euro 10,33, devono essere                 
redatte secondo lo schema riportato nell'Allegato 1 e corredate dai             
documenti obbligatori ivi indicati, oltre che da una o piu'                     
schede-progetto (in numero pari ai progetti che compongono il                   
programma promozionale), redatte in conformita' dello schema                    
riportato nell'Allegato 2, accompagnate da un documento strategico              
riepilogativo.                                                                  
Le domande, complete dei relativi allegati, dovranno essere inviate,            
in duplice copia, entro il termine perentorio di 60 giorni decorrenti           
dalla data di pubblicazione del bando nel Bollettino Ufficiale della            
Regione Emilia-Romagna, esclusivamente a mezzo raccomandata postale             
con ricevuta di ritorno, facendo fede la data del timbro apposto                
sulla busta dall'Ufficio postale accettante. Sulla busta dovra'                 
essere apposta la dicitura "Misura 5.2 Azione C".                               
Le domande dovranno essere spedite a: Regione Emilia-Romagna -                  
Direzione generale Attivita' produttive Commercio, Turismo - Servizio           
Sportello regionale per l'internazionalizzazione delle imprese -                
Viale Aldo Moro n. 44 - 40127 Bologna - dott.ssa Alessia Cavallari.             
Non saranno ammesse le domande:                                                 
- in caso di utilizzo di modalita' di trasmissione diverse dalla                
raccomandata postale con ricevuta di ritorno;                                   
- in caso di mancato rispetto dei termini perentori precedentemente             
indicati per l'invio a mezzo raccomandata postale con ricevuta di               
ritorno;                                                                        
- in caso di mancanza di informazioni o documenti obbligatori                   
richiesti dal presente bando;                                                   
- in caso di programmi promozionali non coerenti con gli obiettivi e            
le finalita' della presente Misura o che non rispettino taluna delle            
prescrizioni previste dal presente bando;                                       
- presentate da consorzi o societa' consortili privi di taluno dei              
requisiti soggettivi e oggettivi richiesti dal presente bando.                  
6) Istruttoria delle domande                                                    
All'istruttoria delle domande provvedera' un Nucleo di valutazione              
nominato dal Dirigente competente ai sensi della deliberazione della            
Giunta regionale 447/03. L'istruttoria si concludera' entro 90 giorni           
dalla scadenza del termine di presentazione delle domande. Detto                
termine si intende sospeso nel caso di richieste di chiarimenti da              
parte della Regione.                                                            
Il Nucleo di valutazione effettua l'istruttoria di tipo valutativo              
delle domande in particolare verificando:                                       
- la completezza, i contenuti, la regolarita' formale e sostanziale             
della documentazione prodotta, nonche' la sua conformita' a quanto              
richiesto dalla normativa di riferimento e dal presente bando;                  
- la sussistenza dei requisiti soggettivi e oggettivi previsti dalla            
normativa di riferimento e dal presente bando;                                  
- la validita' tecnico economica del programma promozionale in                  
termini di promozione delle esportazioni.                                       
Il Nucleo di valutazione provvedera' a determinare l'entita' della              
spesa ammissibile e l'ordine di graduatoria attenendosi ai criteri e            
alle priorita' sottoindicate:                                                   
- sede stabile in Italia: punti 2;                                              
- sede stabile all'estero: punti 3;                                             
- realizzazione di programmi promozionali contenenti progetti rivolti           
a Federazione russa, Repubblica Popolare di Cina (compresa Hong                 
Kong), Balcani (Bulgaria, Romania, Serbia, Bosnia, Croazia), Mercosur           
(Argentina, Brasile, Paraguay, Uruguay) e Cile, Mediterraneo                    
(Marocco, Tunisia, Turchia): fino ad un massimo di punti 5.                     
A parita' di punteggio, verra' data priorita' all'intervento del                
consorzio con il maggior numero di aziende associate.                           
In caso di ulteriore parita' di punteggio, i programmi promozionali             
interessati saranno ordinati secondo il numero di protocollo di                 
arrivo.                                                                         
7) Determinazione del contributo                                                
IL contributo e' quantificabile fino alla percentuale massima del 50%           
della spesa ammissibile per il programma promozionale presentato, nei           
limiti di:                                                                      
- Euro 80.000 per i consorzi fino a 24 imprese associate;                       
- Euro 104.000 per i consorzi da 25 a 74 imprese associate;                     
- Euro 154.900 per i consorzi con piu' di 74 imprese associate.                 
Per le iniziative di cui al presente provvedimento, la spesa                    
ammissibile non puo' essere inferiore ad Euro 30.000.                           
L'importo del contributo dipendera' dalle risorse finanziarie                   
assegnate, dal numero dei programmi promozionali presentati, e le               
risorse verranno assegnate seguendo la graduatoria di cui al punto 6)           
fino ad esaurimento delle risorse.                                              
I contributi previsti dal presente bando non sono cumulabili per le             
stesse spese con altri contributi pubblici di qualsiasi natura.                 
8) Concessione del contributo                                                   
La Regione, sulla base dell'istruttoria e della graduatoria                     
predisposta dal predetto Nucleo di valutazione, con atto del                    
Dirigente competente, provvede all'approvazione della graduatoria,              
alla concessione dei contributi e all'impegno della spesa nei limiti            
delle risorse previste per la presente Misura. Con lo stesso                    
provvedimento sara' approvato l'elenco dei programmi promozionali non           
ammessi comprensivo delle motivazioni di esclusione.                            
Ad ogni consorzio o societa' consortile sara' individualmente                   
comunicato l'esito dell'istruttoria.                                            
9) Quando terminare il programma promozionale                                   
Il programma promozionale dovra' essere concluso e rendicontato entro           
18 mesi decorrenti dalla data di esecutivita' dell'atto di                      
concessione dei contributi. La conclusione del programma promozionale           
coincide con la data di emissione dell'ultima fattura di spesa                  
ammissibile. Le fatture dovranno essere debitamente quietanzate entro           
il predetto termine perentorio.                                                 
Non saranno ammesse richieste di proroga dei termini per la                     
conclusione del programma promozionale.                                         
Eventuali variazioni del consorzio, successive alla data di inoltro             
della domanda, dovranno essere comunicate al competente Servizio                
regionale entro 30 giorni dalle modifiche stesse, mediante lettera              
raccomandata con ricevuta di ritorno sottoscritta dal legale                    
rappresentante.                                                                 
Eventuali variazioni al programma promozionale potranno essere                  
inoltrate, rispettando il limite di spesa ammessa, presentando al               
competente Servizio regionale apposita richiesta di variante in carta           
semplice, sottoscritta dal legale rappresentante. La richiesta di               
variante dovra' essere accompagnata da una relazione tecnica che                
dovra' evidenziare e motivare gli scostamenti previsti rispetto al              
programma promozionale originario. La relazione tecnica dovra' essere           
sottoscritta dal legale rappresentante.                                         
In ogni caso dovranno essere mantenuti inalterati gli obiettivi                 
originari e l'impianto complessivo dell'intervento ammesso a                    
finanziamento. Ne consegue che non saranno ammesse varianti al                  
programma promozionale (ad esempio la variazione del Paese estero               
obiettivo), nel caso questo possa determinare una modifica della                
graduatoria gia' approvata.                                                     
La richiesta di variante e' approvata se entro 60 giorni dal                    
ricevimento della stessa il Servizio regionale non risponde motivando           
l'eventuale diniego.                                                            
10) Liquidazione del contributo                                                 
Il contributo sara' liquidato agli aventi diritto in un'unica                   
soluzione, ad ultimazione del programma promozionale e dietro                   
presentazione di apposita documentazione di rendicontazione.                    
Ai fini della liquidazione del contributo il consorzio o societa'               
consortile dovra' presentare la documentazione indicata al paragrafo            
11.                                                                             
Qualora la spesa effettiva documentata risultasse inferiore                     
all'importo ammesso a contributo, si provvedera' ad una proporzionale           
riduzione del contributo concesso, mentre una spesa effettiva                   
documentata superiore all'importo ammesso non comportera' aumento del           
contributo concesso.                                                            
11) Documentazione necessaria per la liquidazione del contributo                
Ai fini della liquidazione del contributo il beneficiario, previo               
appuntamento, dovra' presentare presso gli uffici competenti i                  
seguenti documenti:                                                             
a) relazione tecnica finale, a firma del legale rappresentante, che             
illustri gli obiettivi e i risultati conseguiti e la loro coerenza e            
correlazione con le finalita' del presente bando;                               
b) dichiarazione sostitutiva di atto di notorieta', a firma del                 
legale rappresentante, corredata della fotocopia della carta                    
d'identita' o del passaporto non scaduti del sottoscrittore,                    
attestante: - che il consorzio mantiene i requisiti previsti dal                
bando per l'ammissibilita' ai contributi; - che le spese indicate nel           
rendiconto analitico riguardano effettivamente ed unicamente le spese           
previste dal programma promozionale ammesso ad agevolazione; - che i            
titoli di spesa indicati nel rendiconto sono fiscalmente regolari ed            
integralmente pagati; - che per la realizzazione del programma                  
promozionale sono state sostenute le spese dettagliate nel rendiconto           
analitico parte integrante della dichiarazione sostitutiva dell'atto            
di notorieta'; tale rendiconto comprende la lista delle fatture                 
pagate con numero, data di emissione, causale, ragione sociale del              
fornitore, importo escluso IVA, data di quietanza di ciascuna fattura           
e totale delle spese sostenute (ai fini della loro validita' le                 
fatture dovranno essere debitamente quietanzate entro 18 mesi                   
decorrenti dalla data di esecutivita' dell'atto di concessione dei              
contributi; saranno ritenute valide solamente fatture emesse a carico           
del consorzio o della societa' consortile cui sono state concesse le            
agevolazioni). Per il costo del personale dipendente adibito alla               
realizzazione del programma promozionale vanno indicati la ragione              
sociale del datore di lavoro, il nominativo, il periodo in cui sono             
state realizzate le attivita', il totale delle ore lavorate, il costo           
unitario orario e il totale delle spese sostenute per ciascun                   
dipendente; si precisa che deve trattarsi esclusivamente di personale           
dipendente del consorzio o della societa' consortile e/o delle                  
imprese consorziate; e contenente l'impegno a: - restituire i                   
contributi erogati, in caso di inadempienza rispetto agli impegni               
assunti, maggiorati degli interessi legali; - consentire gli                    
opportuni controlli e ispezioni ai funzionari della Regione; -                  
fornire, nel rispetto delle vigenti norme di legge, ogni informazione           
ritenuta necessaria dalla Regione per il corretto ed efficace                   
svolgimento dell'attivita' di monitoraggio e valutazione;                       
c) certificazione rilasciata da una societa' di revisione, relativa             
alle spese indicate nel rendiconto analitico, se il totale delle                
stesse supera Euro 250.000,00;                                                  
d) copia semplice delle fatture elencate nel predetto rendiconto                
analitico, che rimarranno agli atti presso il Servizio regionale                
competente, che verifichera' altresi' conformita', regolarita' e                
completezza della documentazione presentata;                                    
e) certificazione sottoscritta dal Presidente del Collegio sindacale            
attestante l'effettivita' delle spese sostenute, la regolarita'                 
documentale delle stesse e la loro conformita' alle tipologie                   
previste dal bando approvato dalla Regione Emilia-Romagna. Solamente            
in caso di assenza tra gli organi sociali del Collegio sindacale, la            
certificazione dovra' essere sottoscritta da un revisore dei conti o            
professionista iscritto all'albo dei dottori commercialisti o in                
quello dei ragionieri e periti commerciali;                                     
f) richiesta di commutazione dei titoli di spesa indicante la                   
modalita' di riscossione prescelta.                                             
Tale modalita' di rendicontazione implica il rispetto di tutti gli              
obblighi di legge.                                                              
Per la rendicontazione dei progetti sara' predisposta apposita                  
modulistica.                                                                    
12) Controlli e revoche                                                         
La Regione potra' svolgere tutti i controlli necessari e si riserva             
la facolta' di effettuare sopralluoghi ispettivi, anche nei cinque              
anni successivi alla concessione del contributo, al fine di                     
controllare il rispetto delle condizioni previste per la fruizione              
delle agevolazioni e la conformita' degli interventi realizzati                 
rispetto al programma promozionale ammesso a contributo e a                     
verificare il possesso e il mantenimento dei requisiti richiesti per            
la concessione del contributo e la corretta destinazione del                    
medesimo.                                                                       
In caso di esito negativo dei controlli il contributo sara' revocato            
d'ufficio e verra' attivata la procedura per il recupero delle somme            
eventualmente gia' erogate.                                                     
Oltre che nel caso di esito negativo dei controlli effettuati, si               
procedera' alla revoca dei contributi e al recupero delle somme                 
eventualmente gia' erogate nel caso in cui:                                     
- il beneficiario non rispetti i tempi previsti per la conclusione e            
la rendicontazione del programma promozionale;                                  
- il beneficiario perda i requisiti richiesti dal presente bando per            
l'ammissibilita' alle agevolazioni;                                             
- il programma promozionale venga realizzato in misura inferiore al             
70% del totale approvato;                                                       
- la realizzazione degli interventi non sia conforme, nel contenuto e           
nei risultati conseguiti, al programma promozionale presentato;                 
- il beneficiario comunichi con raccomandata a.r. la rinuncia al                
contributo.                                                                     
In caso di revoca del contributo, il consorzio dovra' restituire le             
somme eventualmente gia' erogate, aumentate degli interessi legali              
maturati.                                                                       
13) Tutela della privacy                                                        
Tutti i dati personali di cui l'Amministrazione regionale venga in              
possesso in occasione dell'espletamento del procedimento saranno                
trattati esclusivamente per le finalita' del presente bando e nel               
rispetto del DLgs 30 giugno 2003, n. 196 "Codice in materia di                  
protezione dei dati personali".                                                 
14) Informazioni                                                                
Per informazioni e' possibile contattare dal lunedi' al venerdi'                
dalle 9 alle 13: dott.ssa Alessia Cavallari - tel. 051/6396206 -                
e-mail acavallariĀ¹regione.emilia-romagna.it.                                    
Il bando e la relativa modulistica sono disponibili anche sui siti              
Internet www.ermesimprese.it e www.intersportello.com.                          
Seguono:                                                                        
- Allegato 1 "Schema di domanda";                                               
- Allegato 2 "Scheda-progetto".                                                 
ALLEGATO 1                                                                      
Schema di domanda                                                               
(in bollo da Euro 10,33)                                                        
Alla Regione Emilia-Romagna                                                     
Assessorato Attivita' produttive,                                               
Sviluppo economico, Piano telematico                                            
Servizio Sportello regionale                                                    
per l'internazionalizzazione                                                    
delle imprese                                                                   
Viale Aldo Moro n. 44                                                           
40127 Bologna                                                                   
c.a. dott.ssa Alessia Cavallari                                                 
Oggetto: Misura 5.2 Azione C                                                    
Il sottoscritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .           
. . . . . . . . nato a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .            
. . . . . . . . il . . . . . . . . . . . . residente in Via . . . . .           
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . n. . . . . . . . . .              
cap . . . . . . . . Comune . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .            
. . . . . . . . . . Provincia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .           
. . . . nella qualita' di legale rappresentante del consorzio o della           
societa' consortile (denominazione come da anagrafe tributaria) . . .           
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .             
con sede legale in . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e sede             
amministrativa in . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .           
. . . . (indirizzo completo di entrambe le sedi) iscritto alla CCIAA            
di . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .            
. . al n. . . . . . . . . . . . . . . telefono . . . . . . . . . . .            
. . . . . . . . . . fax  . . . . . . . . . . . . . . . . . . . e-mail           
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .           
. . . . . . . . . . codice fiscale . . . . . . . . . . . . . . . . .            
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . partita IVA  . . . . . .            
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .           
chiede:                                                                         
l'approvazione del programma promozionale, come specificato nella               
scheda allegata (Allegato 2) e comunica di avere incaricato il/la               
sig./sig.ra . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .                 
telefono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .            
. . , quale referente per i rapporti con la Regione.                            
Ai fini della Legge 21 febbraio 1989, n. 83 e della L.R. 3/99, sotto            
la sua personale responsabilita' e consapevole delle conseguenze                
previste agli artt. 75 e 76 del DPR 28 dicembre 2000, n. 445 per chi            
attesta il falso                                                                
dichiara:                                                                       
1) di essere un consorzio export monoregionale come specificato                 
all'Allegato A, punto 3 del bando;                                              
2) di non avere usufruito di contributi sulla generalita' delle spese           
consortili, erogati da altri Enti pubblici, cioe' non finalizzati a             
singole iniziative;                                                             
3) di avere/non avere usufruito di contributi erogati da Ministeri,             
Enti pubblici, Regioni, finanziarie regionali od organismi con                  
partecipazione maggioritaria delle Regioni, Provincie, Comuni, Camere           
di Commercio, Centri esteri regionali, a fronte di specifiche                   
attivita' promozionali verso l'estero (in caso positivo, indicare:              
ente erogatore, norma in base alla quale e' stato disposto il                   
contributo, relativo importo, iniziative per le quali lo stesso e'              
stato erogato, nonche' il riferimento alla voce di bilancio in cui              
l'importo e' stato registrato);                                                 
4) che il consorzio e' stato costituito in data . . . . . . . . . . .           
. . ed e' regolato dallo Statuto del . . . . . . . . . . . . . . . .            
. . . (se ricorre: modificato con successivi atti del . . . . . . . .           
. . . . . . . . . . . . ), dal quale risulta espressamente di avere             
come scopi sociali esclusivi quelli previsti dall'Allegato A, punto 3           
del bando e di non poter distribuire avanzi di esercizio di ogni                
genere e sotto qualsiasi forma alle imprese consorziate o socie,                
neppure in caso di scioglimento;                                                
5) che il consorzio e' un consorzio di promozione oppure di                     
promozione e vendita, oppure costituito con lo scopo esclusivo di               
gestire una struttura all'estero;                                               
6) che il consorzio, alla data di presentazione della domanda di                
approvazione del programma promozionale, risulta costituito da n. . .           
. . . . . imprese, di cui n. . . . . . . . . industriali, n. . . . .            
. . . . . commerciali, n. . . . . . . . . . artigiane, n. . . . . . .           
. di servizi (ovvero, se trattasi di consorzio artigiano, il                    
consorzio e' costituito da n. . . . . . . . . imprese artigiane, come           
individuate dalla Legge 8 agosto 1985, n. 443 e successive modifiche            
e integrazioni); di esse viene indicato nell'allegato elenco il                 
numero di iscrizione alla Camera di Commercio ed il settore di                  
attivita' e la regione in cui sono ubicate;                                     
7) che le imprese consorziate sono "piccole e medie", aventi i                  
requisiti conformi ai decreti del Ministero dell'Industria, del                 
Commercio e dell'Artigianato del 18 settembre 1997 e del 23 dicembre            
1997;                                                                           
8) che le imprese partecipanti all'attivita' consortile non sono                
contemporaneamente associate ad altri consorzi che usufruiscono dei             
contributi finanziari annuali di cui alle Leggi 21 febbraio 1989, n.            
83 e 29 luglio 1981, n. 394, art. 10 (se le imprese consorziate                 
partecipano ad altro consorzio export, indicare la ragione sociale              
delle imprese stesse e quella dell'altro consorzio);                            
9) che il consorzio dispone/non dispone di una struttura operativa              
stabile in Italia, come definita dall'art. 3 lettera e) del DM 25               
marzo 1992, con propria sede e proprio personale (al riguardo si fa             
presente che il lavoro prestato a titolo gratuito e/o il contratto di           
comodato non danno titolo al riconoscimento della struttura stabile);           
oppure il consorzio dispone di una struttura operativa stabile in               
Italia, con personale e sede messi a disposizione, gratuitamente o a            
titolo oneroso, da Regione, Provincia autonoma, associazione                    
imprenditoriale, Camera di Commercio o societa' di servizi emanazione           
dei predetti enti (inviare dichiarazione dell'ente ospitante; se                
trattasi di societa' di servizi, inviare, oltre alla dichiarazione              
della stessa, una dichiarazione dell'ente attestante che la societa'            
rappresenta una propria emanazione);                                            
10) che il consorzio dispone/non dispone di stabili strutture                   
all'estero per la commercializzazione dei prodotti delle imprese                
consorziate (in caso positivo, fornire i dati identificativi e                  
l'indirizzo della struttura estera, inviando eventuale contratto                
d'affitto o di comodato);                                                       
11) che il fondo consortile, alla data di presentazione della                   
domanda, ammonta a Euro . . . . . . . . . . . . . . . . , e'                    
interamente sottoscritto e nessuna impresa detiene una quota                    
inferiore a Euro 1.291,14 o superiore al 20% del fondo stesso;                  
12) che se intervenissero variazioni successive a quanto sopra                  
indicato, codesta Amministrazione ne sara' tempestivamente                      
informata.                                                                      
Si allega la seguente documentazione:                                           
1) documento strategico riepilogativo;                                          
2) scheda/schede con il progetto promozionale, denominato . . . . . .           
. . . . . . . . . . . . . . . , per la spesa totale di Euro . . . . .           
. . . . . . . . . . . . . . , firmata dal legale rappresentante;                
3) fotocopia dell'atto costitutivo e dello statuto vigente al momento           
della domanda; nel caso in cui gli stessi siano gia' stati presentati           
alla Regione in precedenza, copia delle eventuali modifiche                     
intervenute o dichiarazione del legale rappresentante attestante che            
nel frattempo non sono intervenute modifiche;                                   
4) certificato camerale riferito al consorzio, rilasciato in data non           
anteriore a sei mesi rispetto a quella di presentazione della domanda           
di contributo alla Regione, attestante che il consorzio risulta                 
svolgere attivita' e non e' soggetto a procedure concorsuali; tale              
certificazione puo' essere sostituita da una dichiarazione di                   
responsabilita';                                                                
5) certificato di attribuzione del codice fiscale rilasciato                    
dall'anagrafe tributaria del Ministero delle Finanze - Dipartimento             
delle Entrate;                                                                  
6) elenco delle imprese consorziate redatto secondo lo schema                   
sottoindicato;                                                                  
Denominazione e  n.  Settore di attivita'  Regione     sede imprese             
iscrizione  (specificare se  consorziate  CCIAA  industriale              
  commerciale      artiginale      di servizi)                            
. . . . . . . . . . . .  . . . . . . . . . . . .   . . . . . . . . .            
. . .   . . . . . . . . .                                                       
. . . . . . . . . . . .   . . . . . . . . . . . .   . . . . . . . . .           
. . .   . . . . . . . . .                                                       
. . . . . . . . . . . .  . . . . . . . . . . . .   . . . . . . . . .            
. . .   . . . . . . . . .                                                       
. . . . . . . . . . . .  . . . . . . . . . . . .   . . . . . . . . .            
. . .   . . . . . . . . .                                                       
. . . . . . . . . . . .  . . . . . . . . . . . .   . . . . . . . . .            
. . .   . . . . . . . . .                                                       
luogo e data                                                                    
IL LEGALE RAPPRESENTANTE                                                        
firma . . . . . . . . . . . . . . . .                                           
La dichiarazione-domanda dovra' essere corredata della fotocopia di             
un documento di identita' (carta di identita' o passaporto) non                 
scaduto del sottoscrittore.                                                     
(segue allegato fotografato)                                                    

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it