TERNA SPA - AREA OPERATIVA TRASMISSIONE DI FIRENZE

COMUNICATO

Elettrodotto 380 kV "Caorso-San Damaso" n. 395. Variante tra i sostegni 264-267 nel comune di Modena, per interferenze con linea FS "Alta velocita'" e con due elettrodotti a 132 kV FS. Decreto Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio n. DEC/DDS/04/00326 del 5/8/2004 di autorizzazione alla costruzione e all'esercizio

La TERNA SpA - Area Operativa di Firenze - con sede in Lungarno                 
Colombo n. 54 - 50136 Firenze - avvisa che, con nota 6379 del                   
5/8/2004 del Ministero dell'Ambiente e della Tutela del territorio -            
Direzione generale per la Difesa e' stato rilasciato dallo stesso               
Ministero decreto n. DEC/DDS/04/00326 del 5/8/2004 di autorizzazione            
alla costruzione ed esercizio delle opere con efficacia di                      
dichiarazione di pubblica utilita', indifferibilita' e urgenza,                 
nonche' inamovibilita', come da allegato documento.                             
IL RESPONSABILE                                                                 
A. Giorgi                                                                       
MINISTERO DELL'AMBIENTE                                                         
E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO                                                   
DIREZIONE GENERALE PER LA DIFESA DEL SUOLO                                      
(omissis)  decreta:                                                             
Art. 1                                                                          
La TERNA SpA - Gruppo ENEL - Area Operativa Trasmissione di Firenze,            
con sede in Lungarno Colombo n. 54, (FI); C.F. 05779661007, e'                  
autorizzata a costruire ed esercire, il collegamento elettrico a 380            
kV in variante tra l'esistente picchetto n. 265 e quello n. 266 in              
comune di Modena, facente parte dell'elettrodotto denominato                    
"Caorso-San Damaso" di cui alle premesse.                                       
Art. 2                                                                          
Ai sensi dell'art. 9 del DPR 18/3/1965, n. 342 il presente decreto di           
autorizzazione alla costruzione ed all'esercizio del collegamento               
elettrico in variante ha efficacia di dichiarazione di pubblica                 
utilita' nonche' di indifferibilita' ed urgenza ai sensi e per gli              
effetti dell'art. 71 della Legge 25/6/1868, n. 2359. Le opere                   
autorizzate con il presente decreto sono inamovibili ai sensi                   
dell'art. 9 del DPR 18/3/1965, n. 342 e ad esse non si applicano le             
disposizioni del quarto, quinto e sesto comma dell'art. 122 del TU              
11/12/1933, n. 1775.                                                            
Art. 3                                                                          
I lavori e le espropriazioni dovranno essere iniziati entro 12 mesi             
dalla data del presente decreto e condotti a termine entro 36 mesi              
dalla medesima data. Entro lo stesso termine di 12 mesi la TERNA SpA            
dovra' presentare al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti -           
Provveditorato regionale alle OO.PP. per l'Emilia-Romagna - Nucleo              
Operativo di Modena, a norma dell'art. 116 del RD 1775/33, i Piani              
particolareggiati di esecuzione, descrittivi di ciascuno dei beni               
rispetto ai quali e' necessario procedere nella costruzione delle               
opere in questione, a termini della Legge 25/6/1865, n. 2359 e                  
successive modificazioni.                                                       
Art. 4                                                                          
Tutte le opere dovranno essere realizzate in conformita' alle norme             
tecniche di cui al DI 21/3/1988, n. 449 e successive modificazioni ed           
integrazioni, alle prescrizioni tecnico-costruttive specificate nel             
voto n. 457/98 in data 17/12/1998 di cui alle premesse, alle                    
osservazioni formulate dal Consiglio Superiore dei LL.PP. con il                
citato voto 188/04, alle prescrizioni e osservazioni imposte dalle              
Amministrazioni, Enti o Autorita' interessate, nonche' secondo le               
modalita' costruttive previste nel progetto allegato all'istanza del            
30/6/2003, e in osservanza delle disposizioni di cui al DPCM 8/7/2003           
e delle norme vigenti in materia di elettrodotti.                               
Dei suddetti adempimenti la TERNA SpA dovra' fornire apposita                   
dettagliata relazione ai fini del collaudo.                                     
Le opere oggetto del presente decreto dovranno essere collaudate da             
apposita Commissione ministeriale.                                              
Art. 5                                                                          
L'autorizzazione s'intende accordata con salvezza dei diritti dei               
terzi e sotto l'osservanza di tutte le disposizioni vigenti in                  
materia di linee di trasmissione e distribuzione di energia                     
elettrica, nonche' delle speciali prescrizioni delle singole                    
Amministrazioni, Enti o Autorita' interessate, ai sensi dell'art. 120           
del citato TU 11/12/1933, n. 1775.                                              
In conseguenza la Societa' viene ad assumere la piena responsabilita'           
per quanto riguarda i diritti dei terzi e gli eventuali danni                   
comunque causati dalla costruzione delle opere di cui trattasi,                 
sollevando l'Amministrazione da qualsiasi pretesa o molestia da parte           
di terzi che si ritenessero danneggiati.                                        
Art. 6                                                                          
La Societa' resta obbligata ad eseguire, durante la costruzione e               
l'esercizio degli impianti, tutte quelle opere nuove o modifiche che,           
a norma di legge, venissero prescritte per la tutela dei pubblici e             
privati interessi, entro i termini che saranno all'uopo stabiliti,              
con le comminatorie di legge in caso d'inadempimento.                           
Art. 7                                                                          
Tutte le spese inerenti alla presente autorizzazione sono a carico              
della TERNA SpA a norma della Legge 15/11/1973, n.765.                          
Il Prefetto della Provincia di Modena e l'Ingegnere del                         
Provveditorato regionale alle OO.PP. per l'Emilia-Romagna - Dirigente           
il Nucleo Operativo di Modena, curano, sulla base delle competenze              
attribuite dalla normativa vigente, l'esecuzione del presente                   
decreto.                                                                        
Avverso la presente autorizzazione e' ammesso ricorso giurisdizionale           
al TAR competente o, in alternativa, ricorso straordinario al Capo              
dello Stato, nel termine, rispettivamente, di sessanta e centoventi             
giorni dalla data di pubblicazione del presente decreto nel                     
Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.                              
IL DIRETTORE GENERALE                                                           
Mauro Luciani                                                                   

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it