COMUNE DI RAVENNA

COMUNICATO

Accordo di programma tra Comune di Ravenna e Agenzia regionale prevenzione e ambiente dell'Emilia-Romagna per l'attuazione di un polo di uffici pubblici nell'ambito del progetto urbanistico esecutivo "Corso Sud" unita' minima di intervento n. 3

L'anno duemilatre il giorno 30 del mese di dicembre in Ravenna nella            
Residenza comunale, 30/12/2003:                                                 
- Vidmer Mercatali, Sindaco pro-tempore del Comune di Ravenna, in               
qualita' di soggetto promotore dell'accordo di programma                        
- Edolo Minarelli, Direttore generale dell'Agenzia regionale                    
prevenzione e ambiente dell'Emilia-Romagna, che da ora in avanti                
sara' denominata ARPA, in qualita' di soggetto proponente e                     
partecipante all'accordo di programma.                                          
Premesso che:                                                                   
- con delibera del Consiglio comunale n. 47/13951 dell'8/4/1999 si              
approvava la variante-progetto Corso Sud, composta da n. 17 unita'              
minime di intervento la cui attuazione dovra' avvenire attraverso PUE           
di iniziativa pubblica e/o privata o per intervento edilizio                    
diretto;                                                                        
- nell'ambito del suddetto progetto urbanistico l'unita' minima di              
intervento indicata col n. 3, che comprende un'area di complessivi              
mq. 46.562, e' delimitata a nord da Via Berlinguer, a sud dallo scolo           
Lama, ad est da Via Fontana ed a ovest da Via Marconi;                          
- con deliberazione di Consiglio comunale n. 113/34246 del 26/6/2001,           
esecutiva in data 17/7/2001, ai sensi e per gli effetti dell'art. 134           
del DLgs n. 267 del 18/8/2000, e' stato approvato, ai sensi dell'art.           
21 L.R. 47/78 e successive modificazioni, il Progetto urbanistico               
Corso Sud - unita' minimina di intervento n. 3 - Avente per oggetto             
aree di terreno site sul Viale E. Berlinguer, e composto dai seguenti           
elaborati tecnico progettuali tutti depositati agli atti della                  
pratica:                                                                        
  Tav. I Estratto di PRG tav. 48;                                               
  Tav. II Variante-progetto Corso sud estratto tav. V.P2a;                      
  Tav. III Rilievo dell'area di intervento e profili;                           
  Tav. IV Inquadramento generale;                                               
  Tav. V Planimetrie e profili di progetto;                                     
  Tav. VI Tipologia palazzine uffici comunali;                                  
  Tav. VII Tipologia fabbricati commerciali e direzionali;                      
  Tav. VIII Tipologia altri uffici pubblici;                                    
  Tav. IX Stralci di intervento e conteggio PK;                                 
  Tav. X Reti tecnologiche esistenti;                                           
  Tav. XI Reti tecnologiche di progetto;                                        
  Tav. XII Planivolumetrico;                                                    
  Tav. XIII " Sistemazione del verde.                                           
Relazione di progetto e norme di attuazione                                     
- L'unita' minima di intervento n. 3 e' suddivisa in tre stralci                
attuativi di cui: stralcio A da adibire a uffici comunali con                   
potenzialita' edificatoria pari a mq. 3750 di Su, stralcio B da                 
adibire a commerciale direzionale con una potenzialita' edificatoria            
pari a qm. 4700 di Su e stralcio C da adibire a uffici pubblici                 
direzionale con una potenzialita' edificatoria pari a mq. 10900 di Su           
per un totale complessivo di mq. 19350 di Su;                                   
- il Comune di Ravenna risulta proprietario dell'area identificata al           
NCT del Comune di Ravenna - Sezione Ravenna foglio 103, mappale 1637            
di mq. 47617 e 1642 di mq. 31272;                                               
- nell'ambito del progetto urbanistico Corso Sud unita' minimina di             
intervento n. 3, il Comune di Ravenna ha in corso la realizzazione di           
un complesso da destinare ad uffici comunali a seguito di gara ad               
evidenza pubblica a cui e' stata associata la vendita di un                     
appezzamento di terreno. E' in corso la realizzazione della parte               
frontistante Via Berlinguer destinata ad usi commerciali e                      
direzionali da parte della Soc. Edil Eco Srl di Ravenna in qualita'             
di proprietario del bene immobile di cui sopra;                                 
- con nota del 15/3/2002 ARPA comunica di avere predisposto un                  
programma di adeguamento delle strutture provinciali per potenziare             
le attivita' di studio e controllo ambientale secondo gli indirizzi             
formulati dalla Regione Emilia-Romagna, pertanto per assicurare il              
miglioramento dell'attivita' della Sezione provinciale di Ravenna e'            
orientata a realizzare una nuova sede nell'area individuata dal                 
progetto urbanistico Corso Sud delimitata a Nord da Via Berlinguer, a           
sud dallo Scolo Lama, a est dalla Via Fontana e a ovest dalla Via               
Marconi la cui collocazione ricade nello stralcio C;                            
- il Comune di Ravenna intende procedere alla realizzazione del                 
completamento dello stralcio C del progetto urbanistico Corso Sud               
unita' minima di intervento n. 3 unitamente ad ARPA e quindi                    
utilizzare la parte disponibile edificatoria pari a Su = 10900 mq.              
per la costruzione di un polo destinato ad uffici pubblici e per la             
costruzione di parcheggi interrati, da utilizzare ad uso esclusivo              
dei veicoli di proprieta' ARPA e Comune di Ravenna.                             
Tutto cio' premesso e considerato, ai sensi e per gli effetti                   
dell'art. 34 del DLgs 18/8/2000, n. 267 (TU sull'ordinamento degli              
enti locali), convengono quanto segue:                                          
Art. 1                                                                          
Premesse                                                                        
Le premesse formano parte integrante del presente accordo di                    
programma.                                                                      
Art. 2                                                                          
Partecipanti                                                                    
Parti sostanziali del presente accordo sono, come descritti in                  
premessa, il Comune di Ravenna e ARPA.                                          
Art. 3                                                                          
Oggetto dell'intervento                                                         
In considerazione di quanto sopra, l'intevento consiste nella:                  
a) realizzazione di un complesso di uffici pubblici per una                     
superficie complessiva di Su = 10900 mq cosi' suddivisi:                        
b) Su = 5450 mq. per la costruzione di un polo destinato ad uffici              
comunali;                                                                       
c) Su = 5450 mq. per la costruzione della nuova sede provinciale                
ARPA;                                                                           
d) realizzazione di un parcheggio interrato per 70 posti auto, di cui           
30 ad uso esclusivo di ARPA e 40 ad uso esclusivo del Comune;                   
e) sistemazione dell'area esterna di pertinenza con la costruzione di           
tutte le opere di urbanizzazione necessarie: parcheggi secondo gli              
standards previsti dal Piano urbanistico, camminamenti interni, area            
verde, piantumazioni, sottoservizi, ecc. All'interno di tale area               
dovra' essere prevista una zona riservata ad uso esclusivo di ARPA              
per posizionare i propri locali tecnici e per il parcheggio dei                 
propri mezzi operativi pesanti come evidenziato nella planimetria               
allegata (Allegato A).                                                          
Relativamente alla stima complessiva dei costi dell'intervento si               
rimanda all'Allegato QTE (Allegato B) nel quale sono presuntivamente            
indicati i costi dell'intervento dando atto che la effettiva                    
suddivisione dei costi sara' poi attestata e conguagliata al momento            
del collaudo tecnico amministrativo redatto ai sensi della normativa            
vigente.                                                                        
Data la diversa tipoligia degli interventi, le rispettive                       
suddivisioni dei costi fra Comune ed ARPA e' riportata nel Quadro               
tecnico economico.                                                              
Art. 4                                                                          
Modalita' di realizzazione dell'intervento                                      
L'intervento prevede l'articolazione delle seguenti fasi:                       
- redazione dello studio di fattibilita' e del documento preliminare            
alla progettazione ai sensi della Legge 109/94 e DPR 554/99 e                   
successive modificazioni ed integrazioni;                                       
- approvazione della studio di fattibilita' e documento preliminare             
alla progettazione;                                                             
- predisposizione ed approvazione bando e disciplinare per                      
l'affidamento dell'incarico di progettazione preliminare, definitiva,           
direzione lavori e sicurezza;                                                   
- espletamento della gara per l'affidamento dell'incarico ad un                 
organismo di controllo accreditato ai sensi delle norme europee UNI             
CEI EN 45004 per la verifica del progetto preliminare ai sensi                  
dell'art. 46 del DPR 554/99 e la validazione del progetto definitivo            
ai sensi dell'art. 47 del DPR 554/99;                                           
- espletamento della gara ed affidamento della progettazione                    
preliminare e definitiva;                                                       
- esecuzione del progetto preliminare;                                          
- verifica del progetto preliminare ai sensi dell'art. 46 del DPR               
554/99;                                                                         
- approvazione del progetto preliminare;                                        
- esecuzione del progetto definitivo;                                           
- validazione del progetto definitivo ai sensi dell'art. 47 del DPR             
554/99;                                                                         
- verifica di conformita' del progetto esecutivo di cui alla Legge              
109/94 e successive modificazioni ed integrazioni, art. 19. comma 1             
ter penultimo capoverso;                                                        
- approvazione e finanziamento del progetto definitivo;                         
- predisposizione ed approvazione bando per l'affidamento dei lavori            
da attuarsi con la modalita' di appalto integrato con permuta;                  
- espletamento della gara;                                                      
- individuazione dell'aggiudicatario;                                           
- stipula del contratto di appalto;                                             
- predisposizione progetto esecutivo da parte dell'impresa                      
aggiudicataria;                                                                 
- approvazione progetto esecutivo;                                              
- affidamento incarico direzione lavori e coordinatore per la                   
sicurezza in fase di esecuzione come previsto nel bando di gara per             
la progettazione;                                                               
- consegna lavori;                                                              
- nomina commissione di collaudo;                                               
- esecuzione dei lavori;                                                        
- collaudo opera.                                                               
Art. 5                                                                          
Immobili in permuta                                                             
Gli immobili oggetto della permuta sono:                                        
1) Uffici in Via Carducci, angolo Piazzale Farini (sede Area                    
Pianificazione territoriale); dati catastali: NCEU sez. RA fg. 76,              
mapp. 591 sub 2, sub 14, sub 70, sub 71; proprieta': Comune di                  
Ravenna;                                                                        
2) Uffici in Via Sant'Agata (sede Servizio Tributi); dati catastali:            
NCEU sez. RA fg. 78, mapp. 63 sub 7; proprieta': Comune di Ravenna;             
3) Area di mq. 1041 situata sul prolungamento di Via della Fontana;             
dati catastali: NCT sez. RA fg. 125, mappale 621; proprieta': Comune            
di Ravenna;                                                                     
4) Lotto Corso Nord mq. 4.674; dati catastali: NCT sez. RA fg. 46,              
mappali 1223 e 1379; proprieta': Comune di Ravenna;                             
5) Uffici di Via Alberoni; dati catastali: NCEU sez. RA, fg. 78,                
mappali 723 sub 2 - sub 3, 157 sub 3 graf - sub 2, 158, 163 -                   
proprieta': ARPA.                                                               
L'elenco di questi immobili oggetto di permuta potra' comunque essere           
modificato e integrato con altri immobili, in base alle necessita'              
delle parti e al programma di reperimento risorse finanziarie                   
finalizzato all'attuazione dell'intervento in oggetto.                          
Ciascun ente provvedera' alla stima del valore dei propri immobili da           
indicare nell'appalto.                                                          
Gli enti si impegnano a liberare i propri immobili attualmente                  
occupati entro 9 mesi dalla redazione del certificato di collaudo               
statico e tecnico funzionale.                                                   
Art. 6                                                                          
Oneri a carico di ARPA                                                          
Gli oneri a carico di ARPA nell'attuazione dell'intervento di cui in            
oggetto sono:                                                                   
a) collaborazione nella redazione dello studio di fattibilita' e del            
documento preliminare alla progettazione da redigere a cura del                 
Comune di Ravenna ai sensi della Legge 109/94 e DPR 554/99 e                    
successive modificazioni ed integrazioni;                                       
b) collaborazione nella redazione del bando di progettazione;                   
c) anticipazione di tutti i costi, previsti nel QTE, che occorre                
sostenere per l'espletamento delle attivita' di progettazione                   
relative a: - affidamento incarico professionale di progettazione               
preliminare e definitiva attraverso bando pubblico; - affidamento               
incarico ad un organismo di controllo accreditato ai sensi delle                
norme europee UNI CEI EN 45004 per la validazione del progetto ai               
sensi della Legge 109/94 e successive modificazioni ed integrazioni             
attraverso: - verifica del progetto preliminare ai sensi dell'art. 46           
del DPR 554/99; - validazione progetto definitivo ai sensi dell'art.            
47 del DPR 554/99; verifica di conformita' del progetto esecutivo di            
cui alla Legge 109/94 e successive modificazioni ed integrazioni,               
art. 19, comma 1 ter penultimo capoverso;                                       
d) esprimere parere sullo studio di fattibilita', sul documento                 
preliminare alla progettazione, sul progetto preliminare e sul                  
progetto definitivo, preventivamente alle rispettive approvazioni;              
e) partecipazione alla commissione di gara per l'affidamento                    
dell'incarico di progettazione con proprio personale tecnico e/o                
amministrativo;                                                                 
f) collaborare nella predisposizione del bando di gara per                      
l'affidamento dei lavori;                                                       
g) partecipazione alla commissione di gara per l'affidamento                    
dell'appalto dei lavori con proprio personale tecnico e/o                       
amministrativo;                                                                 
h) provvedere a rimborsare al Comune per la quota parte di ARPA gli             
importi degli stati di avanziamento e/o pagamenti diversi su                    
richiesta del Comune di Ravenna entro 45 giorni dalla data di                   
emissione dello stato di avanzamento; ogni eventuale onere derivante            
al Comune per effetto del ritardato rimborso delle quote spettanti ad           
ARPA, relative a pagamenti dovuti, sara' posto a carico di ARPA                 
stessa;                                                                         
i) ARPA corrispondera' al Comune di Ravenna un rimborso forfettario             
onnicomprensivo concordato fra le parti di Euro 110.000 da versare              
come segue: quanto a Euro 70.000 entro sessanta giorni alla stipula             
del contratto di aggiudicazione e quanto alla restante somma di Euro            
40.000 entro sessanta giorni dalla avvenuta approvazione collaudo               
tecnico amministrativo. Tale rimborso va a compensare gli oneri                 
derivanti dall'impegno del Comune di Ravenna per l'espletamento delle           
funzioni di stazione appaltante, per la gestione del contratto stesso           
in particolare per le attivita' di natura contabile ed amministrativa           
connesse alla titolarita' del medesimo e quindi anche le attivita'              
connesse alla eventuale gestione dei contenziosi, tenuta dei report             
informativi e dei rapporti in merito all'andamento delle attivita'              
legate alla esecuzione dell'opera pubblica;                                     
j) proporre il nominativo del collaudatore tecnico amministrativo da            
inserire nella commissione di collaudo nominata dal Comune.                     
Art. 7                                                                          
Oneri a carico del Comune                                                       
Gli oneri a carico del Comune nell'attuazione dell'intervento di cui            
in oggetto sono:                                                                
a)  espletare la funzione di stazione appaltante e individuare nel              
proprio organico il "responsabile unico del procedimento";                      
b)  predisporre ed approvare lo studio di fattibilita' e il documento           
preliminare alla progettazione;                                                 
c)  predisporre il bando e svolgere le attivita' necessarie                     
all'affidamento dell'incarico di progettazione;                                 
d) procedere all'affidamento dell'incarico di verifica e validazione            
dei progetti con le modalita' di legge;                                         
e)  approvare il progetto preliminare e definitivo;                             
f) predisporre il bando per l'affidamento dei lavori da attuarsi con            
la modalita' di appalto integrato con permuta;                                  
g) espletare la gara d'appalto e procedere alla individuazione del              
soggetto aggiudicatario;                                                        
h) stipula del contratto di appalto;                                            
i) approvare il progetto esecutivo predisposto dall'impresa;                    
j) svolgere tutte le attivita' connesse alla realizzazione dell'opera           
compreso affidamento incarico direzione lavori e coordinatore per la            
sicurezza come previsto nel bando di gara di progettazione;                     
k) procedere al pagamento degli stati d'avanzamento lavori e/o                  
pagamenti diversi;                                                              
l) nomina commissione di collaudo;                                              
m) approvazione collaudo tecnico amministrativo secondo le modalita'            
di legge.                                                                       
Art. 8                                                                          
Tempi di attuazione                                                             
Le varie fasi di intervento e i relativi tempi presunti di attuazione           
vengono meglio identificate e descritte nell'Allegato C.                        
Art. 9                                                                          
Norma di salvaguardia                                                           
In caso di eventi che precludano per una delle parti la buona                   
riuscita di questo intervento di completamento dello stralcio C, le             
parti convengono che gli interventi possano proseguire anche                    
separatamente. Ogni ente potra' quindi completare l'opera per le                
parti di propria competenza anche in tempi diversi ma nel rispetto              
del progetto generale approvato. In questo caso ogni ente eroghera'             
le quote spettanti della prestazione effettuata fino a quel momento.            
ARPA solleva sin da ora l'Amministrazione comunale da ogni onere                
derivante da eventi imprevedibili che causino ritardi dei tempi di              
attuazione previsti per le varie fasi, cosi' come ritardi derivanti             
da varianti che dovessero intervenire in corso d'opera, da riserve              
avanzate dal soggetto appaltatore e da contenziosi insorti in merito            
all'appalto.                                                                    
Art. 10                                                                         
Trasferimento proprieta' di sedime                                              
edificio di competenza ARPA                                                     
Le parti concordano che con separata convenzione specifica si                   
procedera' al trasferimento di proprieta' dell'area di sedime                   
dell'edificio ed eventuali aree di pertinenza ad uso esclusivo.                 
Art. 11                                                                         
Collegio di vigilanza ed oneri                                                  
Ai sensi dell'art. 34 del DLgs 267/00 la vigilanza ed il controllo              
sulla esecuzione del presente accordo di programma sono esercitati da           
un collegio costituito dal Sindaco del Comune di Ravenna o da un suo            
delegato, dal Direttore generale di ARPA o suo delegato. Gli enti               
sottoscrittori del presente accordo dovranno nominare di comune                 
accordo un terzo componente del collegio cui affidare le funzioni di            
presidenza del collegio.                                                        
Il collegio di vigilanza assolve ai seguenti compiti:                           
- vigila sulla tempestivita' e sulla corretta attuazione dell'accordo           
di programma;                                                                   
- individua gli ostacoli di fatto e di diritto che si frappongono               
all'attuazione dell'AdP proponendo le soluzioni idonee alla loro                
rimozione;                                                                      
- dirime le controversie che dovessero insorgere fra le parti in                
ordine alla interpretazione del presente AdP;                                   
- dispone in caso di inadempimento gli interventi sostitutivi;                  
- propone l'adozione di provvedimenti di proroga dei termini                    
stabiliti nell'AdP.                                                             
Il collegio di vigilanza e' coadiuvato da un ufficio di segreteria              
costituito da personale dipendente del Comune di Ravenna e dell'ARPA            
individuato rispettivamente dal Sindaco e dal Direttore generale di             
ARPA.                                                                           
Art. 12                                                                         
Controversie                                                                    
Ogni controversia derivante dal presente AdP che non venga definita             
bonariamente dal collegio di vigilanza di cui al precedente articolo            
sara' devoluta all'organo competente previsto dalla normativa                   
vigente.                                                                        
Art. 13                                                                         
Pubblicazione                                                                   
Il presente accordo, che riceve la sanzione del consenso unanime                
degli interventi mediante apposizione di firma in calce al medesimo,            
sara' approvato con atto formale dal Sindaco del Comune di Ravenna              
pubblicato a cura del Comune di Ravenna nel Bollettino Ufficiale                
della Regione Emilia-Romagna.                                                   
Art. 14                                                                         
Imposte di registro                                                             
Il presente accordo non e' soggetto a registrazione a termini                   
dell'art. 1 della tabella allegata al DPR 26/4/1986, n. 131.                    
COMUNE DI RAVENNA  ARPA                                                         
IL SINDACO  IL DIRETTORE GENERALE                                               

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it