REGIONE EMILIA-ROMAGNA - COMUNE DI GUASTALLA (REGGIO EMILIA)

COMUNICATO

Decisione in merito alla procedura di verifica (screening) relativamente al Piano di coltivazione e progetto di recupero ambientale della cava di sabbia ed argilla denominata Baitina - Polo di PIAE n. 14

L'Autorita' competente: Comune di Guastalla - Servizio Tecnico di               
Supporto agli organi di direzione politica - Piazza Mazzini n. 1 -              
42016 Guastalla, comunica la decisione in merito alla procedura di              
verifica (screening) relativamente al                                           
- Piano di coltivazione e progetto di recupero ambientale della cava            
di sabbia ed argilla denominata Baitina - Polo di PIAE n. 14,                   
ricadente al punto B.3.4 - cave e torbiere della L.R. 18/5/1999, n. 9           
e succesive modificazioni ed integrazioni;                                      
- localizzato: in golena aperta del Po, in localita' Baitina, a nord            
della SP n. 35 nel comune di Guastalla (RE);                                    
- presentato da: ditta CCPL - Via Gandhi - 42100 Reggio Emilia.                 
Il progetto interessa il comune di Guastalla - provincia di Reggio              
Emilia.                                                                         
Ai sensi del Titolo II della L.R. 9/99, come modificata dalla L.R.              
35/00, l'Autorita' competente con delibera di Giunta comunale n. 36             
del 3/3/2004 a seguito di valutazione, ha assunto la seguente                   
decisione:                                                                      
verifica positiva ed esclusione del progetto dalle ulteriori                    
procedure di VIA con prescrizioni per la mitigazione degli impatti e            
il monitoraggio nel tempo, lett. b), comma 1, art. 10, L.R. 9/99, con           
le seguenti prescrizioni:                                                       
- gli interventi preventivi di sistemazione vegetazionale dovranno              
essere obbligatoriamente eseguiti prima dell'inizio dei lavori di               
scavo pertanto la "Tavola E.1.A Integr", che riporta le opere di                
vegetazione preventiva ai sensi dell'art. 17 delle NTA del PAE, va              
intesa come parte integrante della "Tavola E.1. Rev" (opere di                  
accantieramento);                                                               
- la scelta del gruppo elettrogeno previsto per la alimentazione                
della draga dovra' essere concordata con l'Amministrazione comunale,            
la ditta comunque dovra' ricorrere alle migliori tecnologie                     
disponibili sul mercato (BAT) in termini di compatibilita ambientale,           
con particolare riferimento ad emissioni di gas in atmosfera e                  
rumorosita'; prima della messa in esercizio del gruppo elettrogeno              
dovra' essere ottenuta e trasmessa opportuna certificazione che                 
attesti il rispetto della normativa vigente in termini di emissione             
di rumore;                                                                      
- la stazione di rilancio intermedia, tenuto conto anche della                  
presenza della ZPS nel caso dell'ipotesi 1 di ubicazione (Tavola E.7            
Integr), dovra' essere adeguatamente insonorizzata, cosi' come                  
descritto negli elaborati di progetto;                                          
- nel caso in cui gli edifici identificati in cartografia con la                
simbologia A1 e A2 (Ca' Bosco Vela e Ca' Negri) tornassero ad essere            
abitati, il Proponente dovra' procedere all'innalzamento dell'Argine            
consorziale intercomunale nel tratto prossimo a tali ricettori, cosi'           
come previsto negli elaborati di progetto, al fine di garantire il              
rispetto dei limiti previsti in materia di rumore;                              
- i contenitori delle sostanze potenzialmente inquinanti presenti in            
cantiere (idrocarburi, rifiuti, ecc.), dovranno essere collocati su             
mezzi in efficienza per essere effettivamente trasportabili in modo             
da essere rapidamente allontanati in caso di necessita';                        
- per limitare le emissioni di polveri derivanti dal transito dei               
mezzi di trasporto dei materiali estratti, unitamente alla                      
sistematica bagnatura, della viabilita' interessata dalla                       
circolazione di tali mezzi, si prescrive di adottare tutti quegli               
accorgimenti che si rendessero necessari al fine di ridurre tale                
impatto, quali ad es. l'asfaltatura e la periodica pulizia dei tratti           
di viabilita' eventualmente asfaltati;                                          
- sia realizzata la viabilita' interna alla cava non come da                    
progetto, ma come segue: trattamento con una percentuale di calce del           
sottofondo in argilla che consenta al fondo stradale di resistere ai            
lunghi periodi di esondazione per una larghezza di ml. 4, sovrastante           
stesa di almeno 15 cm. di compattato debitamente rullato per una                
larghezza di ml. 3;                                                             
- sia integrata la dotazione prevista di arredi, posizionati come               
indicato nella Tav. F.5.A modificata dall'UT, come segue:                       
- n. 4 cartelli;                                                                
- n. 2 capanni;                                                                 
- n. 6 cestini;                                                                 
- sia rivista la quota prevista per i ripristini ambientali alle sole           
lavorazioni e alle sole opere effettivamente pertinenti come segue:             
- sistemazione vegetazionale - miglioramento del suolo: Euro                    
4.851,00;                                                                       
- sistemazione vegetazionale - opere di sistemazione: Euro                      
113.038,26;                                                                     
- arredo urbano: Euro 33.698,50;                                                
- viabilita' ciclopedonale all'interno della cava: Euro 65.000,00;              
Totale: Euro 216.587,76.                                                        

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it