COMUNE DI BELLARIA-IGEA MARINA (RIMINI)

COMUNICATO

Indennita' provvisoria d'esproprio relativa all'esecuzione dell'OO.PP. denominata "Riqualificazione dell'asta fluviale del fiume Uso tra i comuni di Bellaria-Igea Marina e San Mauro Pascoli"

Si comunica che con determina n. 1322 del 22/6/2004 del Dirigente del           
Settore LL.PP., Patrimonio, Servizi, Ambiente, Bonito ing. Michele,             
e' stata determinata l'indennita' di esproprio da corrispondere ai              
sensi dell'art. 5 bis della Legge 359/92 agli aventi diritto per                
l'espropriazione delle aree site in comune di Bellaria-Igea Marina,             
occupate per la realizzazione dell'opera pubblica denominata                    
"Riqualificazione dell'asta fluviale del fiume Uso tra i comuni di              
Bellaria-Igea Marina e San Mauro Pascoli", come di seguito indicato.            
Proprietari:                                                                    
1) Vernocchi Gino foglio 10, mappale 582, superficie mq. 755,                   
superficie di esproprio mq. 185, indennita' per manufatti impianti +            
danni indiretti Euro 3.000,00, indennita' art. 16, Legge 865/71 Euro            
1.169,94, totale Euro 4.169,94, indennita' in caso di cessione                  
volontaria Euro 4.754,91;                                                       
2) Istituto Diocesano per il sostentamento del clero - Diocesi di               
Rimini con sede in Rimini, Via IV Novembre n. 35, CF 01761050408                
foglio 10, mappale 564, superficie mq. 14.173, superficie di                    
esproprio mq. 2.986, indennita' art. 16, Legge 865/71 Euro 12.487,45,           
totale Euro 12.487,45, indennita' in caso di cessione volontaria Euro           
18.731,18;                                                                      
3) Lombardi Agostino foglio 9, mappale 123, superficie mq. 8.751,               
superficie di esproprio mq. 276, indennita' per manufatti impianti +            
danni indiretti Euro 2.640,00, indennita' art. 16, Legge 865/71 Euro            
1.636,96, totale Euro 4.276,96, indennita' in caso di cessione                  
volontaria Euro 5.095,44;                                                       
4) Crociati Lanfranco foglio 9, mappale 152, superficie mq. 1.090,              
superficie di esproprio mq. 1.090, indennita' art. 16, Legge 865/71             
Euro 4.558,38, totale Euro 4.558,38, indennita' in caso di cessione             
volontaria Euro 6.837,57;                                                       
5) Morri Emanuela e Alessandro foglio 9, mappale 125, superficie mq.            
9.570, superficie di esproprio mq. 567, indennita' art. 16, Legge               
865/71 Euro 2.371,19, totale Euro 2.371,19, indennita' in caso di               
cessione volontaria Euro 3.556,79.                                              
L'indennita' di cui all'art. 17, secondo comma della Legge 22 ottobre           
1971, n. 865 sara' corrisposta direttamente nei termini per il                  
pagamento dell'indennita' di espropriazione, al fittavolo, al colono            
o al compartecipante che coltivi il terreno espropriando da almeno un           
anno prima della data del deposito di cui al primo comma dell'art. 10           
della richiamata Legge n. 865.                                                  
Il prezzo e' fissato in misura uguale al valore agricolo medio                  
determinato dalla competente Commissione provinciale Espropri e                 
corrispondente al tipo di coltivazione effettivamente praticato.                
I proprietari espropriandi possono altresi' convenire la cessione               
volontaria degli immobili oggetto di espropriazione per un prezzo               
maggiorato fino al 50% dell'indennita' provvisoria.                             
Nel caso che l'area da espropriare sia coltivata dal proprietario               
diretto coltivatore, nell'ipotesi di cessione volontaria, il prezzo             
di cessione e' determinato in misura tripla rispetto all'indennita'             
provvisoria.                                                                    
IL DIRIGENTE DEL SETTORE                                                        
Michele Bonito                                                                  

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it