REGIONE EMILIA-ROMAGNA - REGIONE EMILIA-ROMAGNA - SERVIZIO VALUTAZIONE IMPATTO E PROMOZIONE SOSTENIBILITA' AMBIENTALE

COMUNICATO

Titolo II - Procedura di verifica (screening) del progetto: SS n. 63 "Valico del Cerreto" - Completamento della variante alla statale in corrispondenza dell'abitato de Il Bocco, dal Km. 88+600 al Km. 90+104, in comune di Casina (RE)

Si avvisa che, ai sensi del Titolo II della L.R. 18 maggio 1999, n.             
9, come modificata dalla L.R. 16 novembre 2000, n. 35, sono stati               
depositati presso l'Autorita' competente Regione Emilia-Romagna -               
Servizio Valutazone impatto e Promozione sostenibilita' ambientale,             
per la libera consultazione da parte dei soggetti interessati gli               
elaborati prescritti per l'effettuazione della procedura di verifica            
(screening) relativi al                                                         
- progetto: SS n. 63 "Valico del Cerreto" - Completamento della                 
variante alla statale in corrispondenza dell'abitato de Il Bocco, dal           
Km. 88+600 al km. 90+104, in comune di Casina (RE);                             
- localizzato: in corrispondenza dell'abitato de Il Bocco, dal km               
88+600 al km 90+104, in comune di Casina (RE);                                  
- presentato da: ANAS SpA, Compartimento della Viabilita' per                   
l'Emilia- Romagna - Viale A. Masini n. 8 - Bologna.                             
Il progetto appartiene alla seguente Categoria: B.1.16).                        
Il progetto interessa il territorio del comune di Casina (RE) e della           
provincia di Reggio Emilia.                                                     
Il progeto prevede: il tracciato della SS n. 63, ed in particolare il           
tratto Aulla-Reggio Emilia, fu indicato dalla Regione Emilia-Romagna,           
nel Piano regionale dei trasporti, quale tracciato transappenninico,            
da privilegiare per la sua idoneita' ad assicurare un collegamento              
con le regioni Toscana e Liguria, alternativo agli attraversamem                
autostradali.                                                                   
A questa vocazione della SS n. 63 se ne aggiunge un altra, molto piu'           
immediata e rilevante, che e' quella di contrastare lo spopolamento             
della montagna assicurando un piu' agevole collegamento con il                  
capoluogo a quanti, studenti, impiegati, artigiani, assicurano                  
l'esistenza di piu' o meno piccole comunita' tuttora indicate nei               
vari paesi dell'Appennino Reggiano.                                             
A tal fine, nel Piano decennale dell'ANAS fu previsto l'adeguamento             
di alcuni tra i piu' disagevoli e tortuosi tratti della Statale 63 e            
diversi lavori furono avviati, in particolare nel tratto compreso tra           
Castelnovo ne' Monti e Casina e la zona pedecollinare.                          
Il progetto in questione riguarda il completamento del tratto, da               
prog. 2+418.00 a prog. 3+930.00, in variante alla statale SS 63, in             
corrispondenza dell'abitato de Il Bocco in comune di Casina (RE). Con           
l'adozione della nuova normativa stradale (DM 5/11/2001) la nuova               
infrastruttura si classifica alla Cat. C1 (strada extra-urbana                  
secondaria) con intervallo di velocita' di progetto 60/100 Km./h, la            
cui sagoma di riferimento e' costituita da due corsie della larghezza           
di 3,75 m. ciascuna e da due banchine carrabili ciascuna di 1,50 m.             
di larghezza, per una larghezza totale di 10,50 m. al netto degli               
elementi di ciglio (cfr. tipo IV delle norme CNR). La sezione                   
stradale nelle rampe di svincolo e' costituita da una carreggiata di            
9.50 m., formata da due corsie di 3,75 m. ciascuna e due banchine di            
1.00 m. per il tratto bidirezionale, e da una carreggiata di 6.50 m.,           
formata da 4 m. di corsia e banchine da 1 m. e 1,50 m.                          
rispettivamente.                                                                
La sezione stradale in galleria e' stata mantenuta identica atte                
gallerie contigue gia' realizzate (piattaforma pavimentata da 8,00              
metri); trattandosi di un completamento di un progetto gia'                     
parzialmente eseguito non si ritiene necessario aumentare la sezione            
per portare banchine all'interno detta sezione in sotterraneo. Si e'            
comunque prevista la realizzazione di piazzole di sosta e di tutti              
gli impianti tecnologici per la sicurezza delle gallerie.                       
Il tracciato planimetrico del tratto di completamento e' vincolato al           
rispetto di quanto gia' realizzato nell'ambito dei lavori                       
parzialmente ultimati.Il progetto prevede l'esecuzione di due                   
gallerie naturali sull'asse principale e di una su una rampa di                 
svincolo, gallerie artificiali, opere di sostegno ed un viadotto                
ubicato tra le due gallerie "Mulino del Vaglio" e "Il Bocco". La                
maggior parte del tracciato, quindi, e' in galleria.                            
Le gallerie dell'asse principale e la galleria di svincolo saranno              
equipaggiate con impianti di illuminazione e di sicurezza. Sara'                
prevista una segnaletica luminosa all'interno delle gallerie, ed una            
segnaletica orizzontale e verticale lungo tutto il tracciato.                   
La sede viaria sara' protetta, nei punti pericolosi (imbocchi                   
gallerie, ponte, rilevati) con guard-rail tipo H2 ed H3. E' prevista            
lungo la sede viaria ed all'interno delle gallerie la raccolta delle            
acque di piattaforma ed il loro convogliamento a vasche di di                   
disoleazione.                                                                   
L'Autorita' competente e' la Regione Emilia-Romagna - Servizio                  
Valutazione impatto e Promozione sostenibilita' ambientale.                     
I soggetti interessati possono prendere visione degli elaborati                 
prescritti per l'effettuazione della procedura di verifica                      
(screening) presso la sede dell'Autorita' competente: Regione                   
Emilia-Romagna - Servizio Valutazione impatto e Promozione                      
sostenibilita' ambientale sita in Via dei Mille n. 21 - 40121 Bologna           
e presso la sede del Comune di Casina sita in Via Marconi n. 7 -                
42034 Caasina (RE).                                                             
Gli elaborati prescritti per l'effettuazione della procedura di                 
verifica (screening) sono depositati per 30 giorni naturali                     
consecutivi dalla data di pubblicazione del presente avviso nel                 
Bollettino Ufficiale della Regione.                                             
Entro lo stesso termine di 30 giorni chiunque, ai sensi dell'art. 9,            
comma 4, puo' presentare osservazioni all'Autorita' competente:                 
Regione Emilia-Romagna - Servizio Valutazione impatto e Promozione              
sostenibilita' ambientale al seguente indirizzo: Via dei dei Mille n.           
21 - 40121 Bologna.                                                             

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it