REGIONE EMILIA-ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 30 luglio 2004, n. 1577

PRSR Misura 2.h - Deliberazioni 303/02 e 815/03. Ulteriore assegnazione risorse

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA                                          
Visti:                                                                          
- il Regolamento (CE) n. 1257/1999 del Consiglio, relativo al                   
sostegno allo sviluppo rurale da parte del Fondo europeo agricolo di            
orientamento e garanzia (FEAOG);                                                
- il Regolamento (CE) n. 445/2002 della Commissione del 26 febbraio             
2002, recante disposizioni di applicazione del Regolamento (CE) n.              
1257/1999, e le sue successive modificazioni ed integrazioni;                   
- la decisione della Commissione Europea n. C(2000) 2153 in data 20             
luglio 2000, che approva il Piano regionale di sviluppo rurale                  
dell'Emilia-Romagna (di seguito PRSR);                                          
- la L.R. 30 gennaio 2001, n. 2 con la quale il predetto PRSR viene             
posto in attuazione;                                                            
- la decisione della Commissione Europea n. C(2003) 2697 del 17                 
luglio 2003, che approva le modifiche apportate al documento di                 
programmazione in materia di sviluppo rurale della Regione                      
Emilia-Romagna per il periodo di programmazione 2000-2006 e che                 
modifica la precedente decisione C(2000) 2153 del 20 luglio 2000                
sopra citata;                                                                   
richiamati:                                                                     
- l'art. 3, comma 1 della L.R. 30 maggio 1997, n. 15, che attribuisce           
alle Province e Comunita' Montane funzioni amministrative, in materia           
di agricoltura, rientranti nella sfera di competenza regionale sulla            
base della normativa comunitaria, statale e regionale;                          
- l'art. 4, comma 2 della medesima L.R. 15/97, che prevede che le               
Province e Comunita' Montane debbano attenersi alle direttive emanate           
dalla Giunta regionale per quanto attiene allo svolgimento delle                
funzioni inerenti agli interventi affidati dallo Stato e dall'Unione            
Europea alle Regioni;                                                           
- la L.R. 23 luglio 2001, n. 21 che istituisce l'Agenzia regionale              
per le erogazioni in agricoltura (AGREA) per l'Emilia-Romagna e che             
all'art. 3, comma 2 prevede che i rapporti con gli Enti delegati alla           
gestione delle funzioni di autorizzazione dei pagamenti degli aiuti             
comunitari, per quanto riguarda la procedura di liquidazione dei                
conti del FEAOG, Sezione Garanzia siano regolati da apposita                    
convenzione, approvata dalla Giunta regionale con specifico atto;               
richiamate, altresi':                                                           
- la propria deliberazione n. 303 del 25 febbraio 2002 che ha                   
approvato il Programma operativo della Misura 2.h "Imboschimento dei            
terreni agricoli" compresa nel PRSR, allegato quale parte integrante            
della deliberazione medesima, nel quale sono state definite le                  
procedure di attuazione di tale Misura ed il riparto delle risorse              
disponibili per un importo complessivo di Euro 3.590.000,00;                    
- la propria deliberazione n. 815 del 5 maggio 2003, concernente la             
riallocazione delle risorse gia' ripartite alle Amministrazioni                 
competenti in riferimento alla deliberazione di cui al punto                    
precedente;                                                                     
rilevato:                                                                       
- che, come previsto al punto 2) della citata deliberazione 303/02,             
le risorse attribuite alle Amministrazioni competenti erano destinate           
alla concessione di contributi  per le spese di impianto, per la                
prima annualita' dei premi per la manutenzione e per la perdita di              
reddito;                                                                        
- che il Programma operativo della Misura prevedeva che le                      
Amministrazioni competenti formulassero le graduatorie delle domande            
a loro pervenute secondo le modalita' prescritte al punto 10.2 dello            
stesso Programma, e che le stesse mantenessero validita' per anni due           
dalla data della loro approvazione;                                             
preso atto che - sulla base del monitoraggio dello stato di                     
utilizzazione delle risorse complessivamente mobilitate nel PRSR,               
effettuato dal Servizio Programmi, Monitoraggio e Valutazione della             
Direzione generale Agricoltura - risultano complessivamente                     
disponibili 7 milioni di Euro per gli interventi attivati ai sensi              
della citata deliberazione 303/02;                                              
rilevato:                                                                       
- che gli importi necessari a coprire fino al 2006 gli aiuti e i                
premi per le domande attualmente finanziate sono ad oggi stimati in 5           
milioni di Euro;                                                                
- che il fabbisogno occorrente per soddisfare le domande gia'                   
presentate ed inserite nelle graduatorie predisposte dagli Enti                 
competenti, ma non finanziate per limitata disponibilita' di risorse            
attribuita agli Enti medesimi, ammonta a Euro 970.173,98, come                  
indicato nella Tabella 1 allegata alla deliberazione n. 815 del 5               
maggio 2003;                                                                    
- che, per quanto concerne alcune delle predette graduatorie, sono              
decorsi da pochi giorni i due anni di validita' previsti dalla piu'             
volte citata deliberazione 303/02;                                              
constatato:                                                                     
- che la disponibilita' delle ulteriori risorse sopra indicate                  
consentirebbe il finanziamento integrale delle citate graduatorie;              
- che, come risulta dalla Tabella 1 allegata alla deliberazione                 
815/03 di riallocazione di risorse, soltanto le Province di Piacenza            
e di Parma e le Comunita' Montane Valle del Tidone, Appennino                   
Piacentino, Valli del Taro e del Ceno, Valle del Santerno, Cinque               
Valli Bolognesi, Appennino Faentino e Appennino Cesenate presentano             
un fabbisogno superiore alle risorse complessivamente attribuite a              
seguito della predetta riallocazione;                                           
- che appare opportuno non penalizzare gli Enti che a suo tempo hanno           
tempestivamente adottato gli atti di approvazione delle graduatorie             
per la Misura 2.h, garantendo a tutti i richiedenti inseriti nelle              
predette graduatorie, ancorche' approvate da piu' di due anni,                  
l'accesso all'aiuto in questione;                                               
ritenuto pertanto necessario disporre l'attribuzione delle ulteriori            
risorse disponibili a favore di tutti gli Enti che hanno                        
rappresentato un fabbisogno superiore all'assegnazione di cui alla              
deliberazione 815/03;                                                           
dato atto del parere favorevole espresso dal Responsabile del                   
Servizio Programmi, Monitoraggio e Valutazione, dott. Giorgio                   
Poggioli, in ordine alla compatibilita' del presente atto con i                 
contenuti del PRSR;                                                             
viste:                                                                          
- la L.R. 26 novembre 2001, n. 43 "Testo Unico in materia di                    
organizzazione e di rapporti di lavoro nella Regione Emilia-Romagna",           
ed in particolare l'art. 37, comma 4;                                           
- la deliberazione della Giunta regionale n. 447 in data 24 marzo               
2003, recante "Indirizzi in ordine alle relazioni organizzative e               
funzionali tra le strutture e sull'esercizio delle funzioni                     
dirigenziali";dato atto, pertanto, del parere di regolarita'                    
amministrativa espresso dal Direttore generale Agricoltura, dott.               
Dario Manghi, in merito alla presente deliberazione, ai sensi dei               
predetti articoli di legge e deliberazione;                                     
su proposta dell'Assessore all'Agricoltura, Ambiente e Sviluppo                 
sostenibile;                                                                    
a voti unanimi e palesi, delibera:                                              
1) di attribuire, sulla base di quanto dettagliatamente esposto in              
premessa e qui richiamato, alle Amministrazioni di seguito elencate             
le ulteriori risorse a fianco di ciascuna indicate, per complessivi             
Euro 970.173,98, per il finanziamento integrale delle graduatorie               
dalle stesse approvate concernenti il pagamento di aiuti per                    
l'impianto, comprensivi della prima annualita' dei premi per                    
manutenzioni e perdite di reddito:                                              
- Provincia di Piacenza  Euro 302.959,27                                        
- Provincia di Parma  Euro 335.577,50                                           
- C.M. Valle del Tidone  Euro  13.014,49                                        
- C.M Appennino Piacentino  Euro  22.896,80                                     
- C.M. Valli del Taro e del Ceno  Euro  88.380,87                               
- C.M. Valle del Santerno   Euro  46.865,04                                     
- C.M. Cinque Valli Bolognesi  Euro  15.605,16                                  
- C.M. Appennino Faentino   Euro 130.047,13                                     
- C.M. Appennino Cesenate   Euro  14.827,72                                     
2) di disporre che possano essere ammesse a finanziamento dalle                 
Amministrazioni competenti tutte le domande per azioni della Misura             
2.h inserite nelle graduatorie approvate con riferimento alla                   
deliberazione della Giunta regionale n. 303 del 25 febbraio 2002 e ad           
oggi non finanziate per insufficienza di risorse;                               
3) di disporre che possano essere ammessi all'aiuto gli interventi              
dei richiedenti che entro e non oltre il giorno 15 ottobre 2004                 
presentino la documentazione integrativa di cui al paragrafo 10 del             
Programma operativo della Misura 2.h;                                           
4) di stabilire, in deroga a quanto previsto al punto 7.3.5 del                 
Programma operativo approvato con la deliberazione 303/02, che non              
potranno essere concesse proroghe per gli imboschimenti che verranno            
autorizzati in conseguenza della presente deliberazione;                        
5) di pubblicare integralmente la presente deliberazione nel                    
Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.                              

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it