REGIONE EMILIA-ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 29 maggio 2001, n. 907

Estensione del progetto regionale denominato STIMER

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA                                          
Premesso che la L.R. 30/98 promuove:                                            
- all'art. 1, "un sistema integrato di mobilita' tra i diversi                  
operatori in cui il trasporto pubblico assolva ad un ruolo centrale             
nella regione";                                                                 
- all'art. 2 "integrazione dei diversi operatori sia pubblici che               
privati";                                                                       
- all'art. 39, comma 2 "attua la riforma del sistema tariffario                 
caratterizzato dalla zonizzazione del territorio regionale e                    
dall'applicazione di sistemi tecnologici gestionali flessibili e                
integrati";                                                                     
premesso altresi' che la stessa legge con tali disposizioni ha                  
confermato gli obiettivi e le azioni in materia di riforma tariffaria           
gia' contenuti nella L.R. 15/94;                                                
atteso che l'"Atto di indirizzo generale in materia di programmazione           
e amministrazione del TPL regionale per il triennio 2001-2003. Art.             
8, L.R. 30/98" (delibera del Consiglio regionale 127 del 20 dicembre            
2000) ha previsto l'entrata in vigore del titolo di viaggio integrato           
STIMER entro e non oltre il 31 dicembre 2002, nonche' la definizione,           
nei singoli accordi di programma 2001-2003 fra la Regione                       
Emilia-Romagna e gli Enti locali, dei passaggi, specifici per ciascun           
bacino, dedicati all'entrata in vigore del titolo suddetto al fine              
del raggiungimento dell'integrazione tariffaria su larga scala;                 
richiamati i procedimenti in corso relativi:                                    
- alla delibera della Giunta regionale n. 539 del 15 aprile 1997                
"Estensione del sistema per la tariffazione integrata                           
magnetico-zonale ai servizi di trasporto pubblico della Regione                 
Emilia-Romagna: approvazione dei criteri per la ripartizione dei                
contributi" con la quale sono stati individuati indirizzi, criteri e            
contenuti minimi del progetto per l'estensione dello STIMER e la sua            
integrazione con sistemi di pagamento multiservizio, nel principio di           
uniformazione tariffaria dei servizi di trasporto pubblico locale               
automobilistici e ferroviari;                                                   
- alla convenzione rep. n. 2213 del 18 dicembre 1997, sottoscritta              
dalle Province e dai Comuni capoluogo dei bacini di Bologna, Modena e           
Ferrara e dalle Aziende di trasporto ATC - Bologna, ATCM - Modena e             
ACFT - Ferrara nonche' da FS SpA, dalla Gestione Commissariale                  
Governativa Ferrovia Bologna-Portomaggiore, Gestione Governativa                
Ferrovie Padane, Gestione Commissariale Governativa Ferrovia                    
Suzzara-Ferrara, con la quale sono stati fissati gli impegni per                
l'estensione dello STIMER ai bacini di Bologna, Modena e Ferrara;               
- all'accordo "Progetto qualita' Regione Emilia-Romagna", approvato             
con delibera di Giunta regionale 2563/99, sottoscritto il 20 ottobre            
2000 fra Regione Emilia-Romagna e FS SpA, che ha impegnato FS SpA ad            
attivare entro il 2001 gli interventi tecnologici nei propri impianti           
finalizzati all'integrazione tariffaria STIMER e la Regione a                   
concorrere al loro finanziamento;                                               
considerato che per la completa realizzazione della riforma del                 
sistema tariffario gli elementi necessari sono individuati:                     
- nella zonizzazione del territorio attraverso l'individuazione di              
zone definite che tengano conto sia delle specificita' territoriali             
dell'area, sia degli spostamenti dei passeggeri;                                
- nella scelta della tecnologia di base per la realizzazione del                
sistema al fine di garantire la flessibilita', la compatibilita' e              
l'integrazione tra tutte le Aziende di trasporto della regione;                 
preso atto:                                                                     
- che con la sopracitata convenzione, la progettazione dello STIMER             
e' stata affidata per i bacini di Bologna, Modena e Ferrara all'ATC             
di Bologna, e che e' stato individuato, quale organismo strumentale             
per l'approvazione del capitolato e dei prodotti intermedi della                
progettazione, un Comitato di coordinamento tecnico;                            
- che l'ATC di Bologna, in data 24 luglio 2000, ha ufficialmente                
consegnato al Comitato di cui sopra la versione finale dei documenti            
progettuali consistenti essenzialmente in un modello di zonizzazione            
informaticamente assistito e un capitolato tecnico per l'acquisizione           
della tecnologia e del software;                                                
premesso che il Comitato di coordinamento tecnico ha espresso                   
valutazione positiva con verbale consegnano agli alti della                     
competente struttura regionale (prot. n. 5509/IV.5 dell'11 settembre            
2000):                                                                          
- sulla flessibilita' del modello, realizzato informaticamente, che             
e' risultato applicabile e rappresentativo alle diverse ipotesi                 
zonali dei bacini oggetto di studio, rappresentativo di soluzioni               
qualitative e quantitative attraverso differenti variabili che                  
intervengono nel sistema e consentono, in tal modo, di verificare gli           
impatti sia sui passeggeri sia sulle Aziende, e percio' estendibile a           
tutto il territorio regionale e ai diversi tipi di gestori ivi                  
compresi quelli ferroviari;                                                     
- sul capitolato tecnico in cui l'aspetto saliente riguarda                     
principalmente la configurazione minima del sistema sviluppata a                
partire dalla carta valore per abbonati e la scelta della tecnologia            
di base, titoli a scalare su tessera di prossimita' plastica                    
(contactless) a microprocessore ricaricabile ISO 14443 Tipo B, con              
mappatura CD97, per la realizzazione del sistema, allo scopo di                 
garantire la compatibilita' fra tutte le Aziende di trasporto della             
regione;                                                                        
premesso altresi':                                                              
- che dalle principali Aziende di trasporto, compresi tutti gli                 
esercenti ferroviari operanti in Emilia-Romagna, sono pervenute                 
considerazioni concordi a seguito di approfondimenti sui diversi                
aspetti organizzativi ed economici (costi-benefici) legati alla                 
implementazione e alla gestione del sistema (lettera conservata agli            
atti dell'Agenzia Trasporti pubblici con prot. ATA/2844/2.5 del 18              
aprile 2001);                                                                   
- che da tali approfondimenti e' emersa la necessita' e la volonta'             
di procedere all'acquisto delle tecnologie e del software mediante              
una forma associata unica, quanto meno relativamente alla tessera a             
microprocessore sopra descritta, in  grado di garantire l'effettiva             
interoperabilita' dei sistemi aziendali;                                        
- che e' emersa anche dagli stessi approfondimenti la necessita' di             
concorrere ai maggiori oneri di investimento, relativi al bacino di             
Modena per l'integrazione delle tecnologie gia' esistenti, in                   
particolare aumentando di Lire 800.000.000 - pari a Euro 413.165,52             
il contributo a favore di ATCM - Modena e riducendo                             
contemporaneamente di Lire 100.000.000 - pari a Euro 57.645,69 il               
contributo a favore rispettivamente di ciascuna delle seguenti                  
Aziende: ACAP - Piacenza, TEP - Parma, ACT - Reggio Emilia, ATC -               
Bologna, ACFT - Ferrara, ATM - Ravenna, ATR - Forli'-Cesena, TRAM -             
Rimini;                                                                         
ritenuto:                                                                       
- di dover rimandare a separato atto, per le considerazioni sopra               
evidenziate, l'esecuzione di uno studio che, recependo integralmente            
il metodo sopra richiamato, provveda a definire la zonizzazione                 
definitiva dei territorio regionale relativa all'applicazione dello             
STIMER, al fine di garantire l'integrazione fra i sistemi zonali dei            
diversi bacini e fra i vettori, ivi compresi quelli del trasporto               
ferroviario;                                                                    
- di dover condizionare l'approvazione dei risultati dello studio               
sopracitato al parere della Conferenza Regione Autonomie locali;                
ritenuto  inoltre necessario confermare quanto stabilito dalla                  
delibera di Giunta regionale 539/97 in merito:                                  
- all'impegno delle parti a dar corso alle fasi successive alla                 
progettazione e precisamente alla realizzazione e installazione dei             
sistemi nonche' avviamento delle funzioni, quale condizione                     
necessaria per la concessione del contributo;                                   
- allo stanziamento complessivo, ai beneficiari ed  alle rispettive             
quote di contributo individuate al punto b) del dispositivo della               
delibera di Giunta regionale 539/97, con le modifiche prima descritte           
relativamente alle Aziende sopracitate;                                         
ritenuto altresi' di prevedere che:                                             
- l'importo massimo del contributo regionale non porra' eccedere il             
70% della spesa reale sostenuta in base all'art. 34, comma 1, L.R.              
30/98;                                                                          
- il suddetto contributo regionale sara' concesso, impegnato,                   
liquidato ed erogato secondo le seguenti modalita':                             
- concessione, impegno e contestuale liquidazione ed erogazione del             
primo acconto, entro il limite del 40%, a presentazione della=20                
documentazione (delibera di aggiudicazione gara e contratto di                  
fornitura) comprovante l'acquisto delle apparecchiatura previste;               
- liquidazione ed erogazione di ulteriore acconto del 40% a                     
presentazione delle fatture comprovanti la spesa per un importo pari            
ad almeno il 50% del totale della spesa;                                        
- liquidazione ed erogazione del saldo del 20% a presentazione delle            
fatture relative agli acquisti effettuati e certificazione della                
relativa funzionalita' dei sistemi attivati da parte della competente           
struttura regionale;                                                            
- il contributo sara' revocato qualora non risulti positiva la                  
verifica di funzionalita' effettuata dalla struttura regionale                  
competente;                                                                     
assunto il parere favorevole della Conferenza Regione Autonomie                 
locali all'"estensione del progetto regionale denominato STIMER" ai             
sensi dell'art. 30 della L.R. 3/99;                                             
richiamate le proprie deliberazioni n. 339 del 22 marzo 2001 di                 
istituzione dell'Agenzia regionale Trasporti pubblici,  n.391 del 27            
marzo 2001 di conferimento dell'incarico di Direttore dell'Agenzia al           
dott. ing. Bruno Ginocchini, n. 486 del 10 aprile 2001 di definizione           
delle attivita' dell'Agenzia;                                                   
dato atto, ai sensi dell'art. 4, sesto comma della L.R. 19 novembre             
1992, n. 41 e del punto 3.1 della deliberazione di Giunta regionale             
n. 2541 del 4 luglio 1995:                                                      
- del parere favorevole espresso dal Responsabile del Servizio                  
Mobilita' urbana e Trasporto locale dott. ing. Gustavo Minguzzi in              
merito alla regolarita' tecnica della presente delibera;                        
- del parere favorevole espresso dal Direttore dell'Agenzia Trasporti           
pubblici in merito alla legittimita' della presente delibere;                   
vista la L.R. 30/98;                                                            
su proposta dell'Assessore alla Mobilita' e Trasporti;                          
a voti unanimi e palesi, delibera:                                              
1) di approvare, secondo le valutazioni espresse in premessa, il                
modello di simulazione zonale predisposto da ATC di Bologna, in                 
riferimento ai bacini di Bologna, Modena e Ferrara, nell'ambito                 
dell'incarico citato in premessa, e di stabilirne l'applicazione a              
tutto il territorio regionale e ai diversi tipi di gestori ivi                  
compresi quelli ferroviari;                                                     
2) di approvare lo schema di capitolato tecnico di cui alle premesse            
e stabilire che sia utilizzato dai beneficiari di cui ai punti                  
successivi per attivare l'acquisto delle tecnologie e del software              
attraverso una forma associata unica, quanto meno relativamente alla            
tessera a microprocessore, in grado di garantire l'effettiva                    
interoperabilita' dei diversi sistemi aziendali;                                
3) di rimandare a successivo atto l'esecuzione dello studio di                  
zonizzazione definitiva relativa all'applicazione dello STIMER                  
secondo le finalita' e le motivazioni espresse in premessa;                     
4) di condizionare l'approvazione dei risultati dello studio di cui             
al punto 3) al parere della Conferenza Regione Autonomie locali;                
5) di confermare, cosi' come previsto nell'Atto di indirizzo 127/00             
del Consiglio regionale, il termine del 31 dicembre 2002 per                    
l'attivazione del titolo di viaggio integrato STIMER;                           
6) di confermare lo stanziamento complessivo, i beneficiari e le                
rispettive quote di contributo regionale indicate nella delibera di             
Giunta regionale 539/97 aumentando di Lire 800.000.000 - pari a Euro            
413.165,52 il contributo a favore di ATCM di Modena e riducendo                 
contemporaneamente di Lire 100.000.000 - pari a Euro 51.645,69 il               
contributo a favore rispettivamente di ciascuna delle seguenti                  
aziende: ACAP - Piacenza, TEP - Parma, ACT - Reggio Emilia, ATC -               
Bologna, ACFT - Ferrara, ATM - Ravenna, ATR - Forli'-Cesena, TRAM -             
Rimini;                                                                         
7) di dare atto che l'importo massimo del contributo regionale non              
potra' eccedere il 70% della spesa reale sostenuta in base all'art.             
34, comma 1, L.R. 30/98;                                                        
8) di stabilire che il suddetto contributo regionale sara' concesso,            
impegnato,  liquidato ed erogato secondo le seguenti modalita':                 
- concessione, impegno e contestuale liquidazione ed erogazione del             
primo acconto, entro il limite del 40%, a presentazione della                   
documentazione (delibera di aggiudicazione gara e contratto di                  
fornitura) comprovante l'acquisto delle apparecchiature previste                
secondo le modalita' stabilite al precedente punto 2);                          
- liquidazione ed erogazione di ulteriore acconto del 40% a                     
presentazione delle fatture comprovanti la spesa per un importo pari            
ad almeno il 50% del totale della spesa;                                        
- liquidazione ed erogazione del saldo del 20% a presentazione delle            
fatture relative agli acquisti effettuati e certificazione della                
relativa funzionalita' dei sistemi attivati da parte della competente           
struttura regionale;                                                            
9) di dare atto che con successivi provvedimenti in applicazione                
della normativa regionale vigente, il Direttore dell'Agenzia                    
Trasporti pubblici provvedera':                                                 
- alla concessione e all'impegno del contributo nei limiti degli                
importi individuati per ciascun beneficiario tenuto conto anche                 
dell'eventuale mutato assetto societario;                                       
- alla eventuale revoca del contributo qualora non risulti positiva             
la verifica di funzionalita' effettuata dalla struttura regionale               
competente.                                                                     
La presente deliberazione sara' pubblicata nel Bollettino Ufficiale             
della Regione Emilia-Romagna.                                                   

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it