AZIENDA UNITA' SANITARIA LOCALE DI MODENA

CONFERIMENTO INCARICHI LIBERO-PROFESSIONALI

Conferimento di incarichi libero-professionali di Medico Veterinario per collaborazione nell'attivita' di Ispezione sanitaria negli impianti di macellazione industriale

In esecuzione a decisione del Direttore del Servizio Gestione del               
personale n. 2 del 4/1/2001, viene emesso avviso pubblico, per                  
titoli, per assegnazione degli incarichi professionali sopra                    
indicati, per attivita' di collaborazione nella Ispezione sanitaria             
negli impianti di macellazione industriale, rientrante nell'area di             
Igiene degli alimenti di origine animale, in collaborazione con il              
personale medico veterinario dipendente.                                        
Il trattamento economico per l'attivita' di cui trattasi e le                   
modalita' specifiche saranno previste nella convenzione che gli                 
interessati dovranno sottoscrivere.                                             
Requisiti specifici di ammissione                                               
a) Laurea in Medicina veterinaria;                                              
b) abilitazione all'esercizio della professione veterinaria;                    
c) iscrizione all'Albo dell'Ordine dei veterinari; e' considerato               
titolo di preferenza l'iscrizione all'Albo della Provincia di Modena.           
Modalita' degli incarichi                                                       
La durata degli incarichi sara' variabile da 3 a 12 mesi, per un                
numero di ore settimanali variabile da un minimo di 5 ad un massimo             
di 12, in funzione delle esigenze del Servizio.                                 
Le sedi di svolgimento dell'attivita' saranno ubicate nei seguenti              
ambiti territoriali:                                                            
- distretto di Carpi;                                                           
- distretto di Sassuolo;                                                        
- distretto di Pavullo;                                                         
- distretto di Vignola.                                                         
I candidati potranno esprimere la/le propria/e preferenza/e per le              
sedi di lavoro.                                                                 
Il compenso orario previsto e' di Lire 35.000 (comprensive delle                
spese di viaggio), + IVA + ENPAV per l'attivita' svolta in orario               
diurno (dalle ore 7 alle ore 19), e di Lire 45.000 (comprensive delle           
spese di viaggio) + IVA + ENPAV per l'attivita' svolta in orario                
notturno.                                                                       
Modalita' e termini per la presentazione delle domande                          
La domanda e la documentazione ad essa allegata, rivolta al Direttore           
generale dell'Azienda Unita' sanitaria locale di Modena, dovranno               
essere spedite mediante il Servizio postale al seguente indirizzo:              
- casella postale n. 565 - 41100 Modena centro entro e non oltre il             
ventesimo giorno non festivo successivo alla data di pubblicazione              
nel Bollettino Ufficiale della Regione Emilia- Romagna. A tal fine fa           
fede il timbro a data dell'Ufficio postale accettante;                          
oppure                                                                          
- la domanda e la documentazione ad essa allegata, potranno essere              
presentate direttamente all'Azienda Unita' sanitaria locale di Modena           
- Servizio Personale - Ufficio Concorsi - Via San Giovanni del                  
Cantone n. 23 - 41100 Modena, (esclusivamente negli orari di apertura           
al pubblico: dal lunedi' al venerdi' dalle ore 10 alle ore 13,30;               
lunedi', mercoledi' e giovedi' dalle ore 15,30 alle ore 18).                    
L'ufficio competente rilascera' apposita ricevuta.                              
Nella domanda dovra' essere indicato, sotto la propria personale                
responsabilita':                                                                
- nome, cognome, data, luogo di nascita e residenza;                            
- il possesso della cittadinanza italiana, ovvero di un Paese                   
dell'Unione Europea. Sono richiamate le disposizioni del DPCM                   
7/2/1994, n. 174;                                                               
- il Comune di iscrizione nelle liste elettorali, ovvero i motivi               
della non iscrizione o della cancellazione dalle liste medesime;                
- le eventuali condanne penali riportate;                                       
- il possesso dei requisiti specifici di ammissione;                            
- i servizi prestati presso le pubbliche Amministrazioni e le cause             
di risoluzione di precedenti rapporti di pubblico impiego;                      
- dichiarazione esplicita di accettare le condizioni e i termini                
contenuti nella convenzione;                                                    
- il domicilio presso il quale deve essere fatta all'aspirante ad               
ogni effetto, ogni necessaria comunicazione.                                    
L'Amministrazione non si assume responsabilita' per disguidi di                 
notifiche determinati da mancata, errata o tardiva comunicazione di             
cambiamento di domicilio.                                                       
Le domande si considerano prodotte in tempo utile anche se spedite a            
mezzo raccomandata con avviso di ricevimento entro il termine                   
indicato: a tal fine fa fede il timbro a data dell'Ufficio postale              
accettante.                                                                     
Ai sensi dell'art. 3, comma 5, della Legge 15/5/1997,  n.127, non e'            
richiesta l'autentica della firma in calce alla domanda.                        
La omessa indicazione nella domanda anche di un solo requisito                  
richiesto per l'ammissione determina l'esclusione dall'avviso.                  
I requisiti di cui sopra devono essere posseduti alla data di                   
scadenza del termine stabilito nell'avviso per la presentazione delle           
domande di ammissione.                                                          
Alla domanda di partecipazione all'avviso i concorrenti devono                  
allegare tutte le certificazioni relative ai titoli che ritengano               
opportuno presentare agli effetti della valutazione di merito e della           
formulazione della graduatoria.                                                 
I titoli di cui sopra possono essere dimostrati anche con                       
dichiarazione sostitutiva di certificazione, ovvero con dichiarazione           
sostitutiva di atto notorio, sottoscritte dal candidato e formulate             
nei casi e con le modalita' previste dal DPR 403/98.                            
Le domande di partecipazione all'avviso ed i relativi documenti                 
allegati non sono soggetti all'imposta di bollo.                                
Autocertificazione                                                              
Si precisa che il candidato, in luogo della certificazione rilasciata           
dall'Autorita' competente, puo' presentare in carta semplice e senza            
autentica della firma:                                                          
a) "dichiarazione sostitutiva di certificazione": nei casi                      
tassativamente indicati nell'art. 1 del DPR 403/98 (ad esempio: stato           
di famiglia, iscrizione all'Albo professionale, possesso del titolo             
di studio, di specializzazione, di abilitazione, ecc.), oppure                  
b) "dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorieta'": per tutti gli           
stati, fatti e qualita' personali non compresi nell'elenco di cui al            
citato art. 1 del DPR 403/98 (ad esempio: borse di studio, attivita'            
di servizio; incarichi libero-professionali; attivita' di docenza,              
frequenza di corsi di formazione, di aggiornamento; partecipazione a            
convegni, seminari; conformita' all'originale di pubblicazioni,                 
ecc.).                                                                          
La dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorieta' richiede una               
delle seguenti forme:                                                           
- deve essere sottoscritta personalmente dall'interessato dinanzi al            
funzionario competente a ricevere la documentazione,                            
oppure                                                                          
- deve essere spedita per posta - o consegnata da terzi - unitamente            
a fotocopia semplice di documento di identita' personale del                    
sottoscrittore.                                                                 
In ogni caso, la dichiarazione resa dal candidato - in quanto                   
sostitutiva a tutti gli effetti della certificazione - deve contenere           
tutti gli elementi necessari alla valutazione del titolo che il                 
candidato intende produrre; l'omissione anche di un solo elemento               
comporta la non valutazione del titolo autocertificato.                         
In particolare, con riferimento al servizio prestato, la                        
dichiarazione sostitutiva di atto di notorieta' (unica alternativa al           
certificato di stato di servizio) allegata o contestuale alla                   
domanda, resa con le modalita' sopraindicate, deve contenere l'esatta           
denominazione dell'Ente presso il quale il servizio e' stato                    
prestato, la qualifica, il tipo di rapporto di lavoro (tempo pieno /            
tempo definito / part-time), le date di inizio e di conclusione del             
servizio prestato nonche' le eventuali interruzioni (aspettativa                
senza assegni, sospensione cautelare, ecc.) e quant'altro necessario            
per valutare il servizio stesso. Anche nel caso di autocertificazione           
di periodi di attivita' svolta in qualita' di borsista, di docente,             
di incarichi libero-professionali, ecc. occorre indicare con                    
precisione tutti gli elementi indispensabili alla valutazione                   
(tipologia dell'attivita', periodo e sede di svolgimento della                  
stessa).                                                                        
Si precisa che restano esclusi dall'autocertificazione, fra gli                 
altri, i certificati medici e sanitari.                                         
Le pubblicazioni debbono essere edite a stampa; possono tuttavia                
essere presentate in fotocopia ed autenticate dal candidato, ai sensi           
dell'art. 2, comma 2 del citato DPR 403/98, purche' il medesimo                 
attesti, mediante dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorieta',            
resa con le modalita' sopraindicate, che le copie dei lavori                    
specificamente richiamati nell'autocertificazione sono conformi agli            
originali. E' inoltre possibile per il candidato autenticare nello              
stesso modo la copia di qualsiasi tipo di documentazione che possa              
costituire titolo e che ritenga di allegare alla domanda ai fini                
della valutazione di merito.                                                    
Si rammenta, infine, che l'Amministrazione e' tenuta ad effettuare              
idonei controlli sulla veridicita' del contenuto delle dichiarazioni            
sostitutive ricevute e che, oltre alla decadenza dell'interessato dai           
benefici eventualmente conseguiti sulla base di dichiarazione non               
veritiera, sono applicabili le sanzioni penali previste per le                  
ipotesi di falsita' in atti e dichiarazioni mendaci.                            
Nella certificazione relativa ai servizi deve essere attestato se               
ricorrono o meno le condizioni di cui all'ultimo comma dell'art. 46             
del DPR 761/79 (aggiornamento professionale obbligatorio); in caso              
positivo l'attestazione deve precisare la misura della riduzione del            
punteggio.                                                                      
Dovra', inoltre, essere allegato elenco, in duplice copia, in carta             
semplice, dei documenti presentati.                                             
La graduatoria sara' formulata in base ai punteggi assegnati per i              
titoli presentati, che saranno valutati secondo le norme del DPR n.             
483 del 10/12/1997; nell'ambito del periodo di validita' di                     
ventiquattro mesi dall'approvazione, la stessa potra' essere usata              
per il conferimento di eventuali altri incarichi relativi alla                  
medesima professionalita'.                                                      
I candidati con i quali verra' stipulato l'incarico                             
libero-professionale verranno avvisati a mezzo raccomandata a.r. e              
dovranno presentarsi per firmare l'atto di accettazione.                        
Per eventuali informazioni e procurarsi copia del bando gli                     
interessati potranno rivolgersi all'Ufficio Personale dell'Azienda              
Unita sanitaria locale di Modena, in Via San Giovanni del Cantone n.            
23 - 41100 Modena, nei giorni ed orari sopra indicati, oppure                   
collegarsi al sito Internet dell'Azienda: www.ausl.mo.it.                       
Per gli aspetti prettamente sanitari contattare il Dipartimento di              
Sanita' pubblica di Modena, tel. 059/435138, oppure il Servizio                 
Veterinario del Dipartimento di Sanita' pubblica del Distretto di               
Sassuolo, tel. 0536/873632.                                                     
IL DIRETTORE                                                                    
Marco Agazzani                                                                  
Scadenza: 20 febbraio 2001                                                      

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it