REGIONE EMILIA-ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 giugno 2001, n. 1200

L.R. 7/98 - Parziale modifica delle delibere Giunta regionale 715/98 e successive modificazioni e degli articoli 5 e 6 della Convenzione quadro fra Regione ed APT Servizi Srl - Approvazione schema di convenzione aggiuntiva

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA                                          
Richiamate:                                                                     
- la L.R. 4 marzo 1998, n. 7, concernente: "Organizzazione turistica            
regionale - Interventi per la promozione e commercializzazione                  
turistica - Abrogazione delle Leggi regionali 5 dicembre 1996, n. 47,           
20 maggio 1994, n. 22, 25 ottobre 1993, n. 35 e parziale abrogazione            
della L.R. 9 agosto 1993, n. 28";                                               
- nel loro  testo integrale le seguenti proprie deliberazioni,                  
esecutive nei modi di legge:                                                    
- n. 715 del 18/5/1998, concernente: "L.R. 4 marzo 1998, n. 7.                  
Approvazione delle direttive per gli interventi regionali di                    
promozione e di  commercializzazione turistica", e successive                   
modificazioni di cui alle deliberazioni 2145/98, 1225/00 e 1546/00;             
- n. 2465 del 14/12/1998, concernente: "Approvazione, ai sensi                  
dell'articolo 12 della L.R. 7/98, dello schema di Convenzione quadro            
di durata poliennale tra la Regione Emilia- Romagna e l'APT Servizi             
Srl", e successive modificazioni di cui alle deliberazioni 2452/99,             
1225/00 e 1546/00;                                                              
vista la convenzione quadro sottoscritta tra la Regione                         
Emilia-Romagna e l'APT Servizi Srl in data 13/1/1999, e successive              
modifiche;                                                                      
considerato che:                                                                
- l'esperienza maturata nel primo triennio di applicazione della                
citata L.R. 7/98 dalla Regione, dall'APT Servizi Srl, dalle Unioni di           
Prodotto e dai soggetti privati aderenti alle Unioni, ha determinato            
il sostanziale rafforzamento del complessivo sistema organizzativo              
turistico nonche' una elevata capacita' progettuale da parte delle              
Unioni di Prodotto e dei soggetti privati;                                      
- il processo organizzativo attuato ha, tra l'altro, determinato un             
aumento delle aggregazioni delle imprese turistiche emiliano                    
romagnole sia in termini qualitativi che quantitativi;                          
- unitamente a tale processo di aggregazione si e' elevata la                   
qualita' progettuale dei soggetti privati in termini di                         
specializzazione e di diversificazione delle proposte                           
promo-commerciali;                                                              
- e' stata altresi' evidenziata, dai soggetti pubblici e privati                
rappresentati nel Comitato di Concertazione dell'Agenzia regionale              
per il Turismo, una forte esigenza di adeguare la normativa                     
applicativa della L.R. 7/98 per renderla piu' aderente alla costante            
evoluzione del mercato turistico;                                               
ravvisata pertanto l'opportunita' di procedere ad una sostanziale,              
ulteriore  modifica della citata deliberazione 715/98 e successive              
modificazioni, ai fini di rafforzare in termini di efficacia e di               
efficienza l'azione della Regione nonche' di favorire la                        
competitivita' delle imprese turistiche sul mercato nazionale ed                
internazionale, anche mediante il raggiungimento dei seguenti                   
obiettivi:                                                                      
- Ottimizzare e ridefinire il sistema di valutazione dei programmi              
delle Unioni di Prodotto e dei progetti di promo-commercializzazione            
e commercializzazione presentati dai soggetti privati aderenti alle             
Unioni.                                                                         
Per favorire l'ottimizzazione, la razionalizzazione e la                        
semplificazione delle procedure attualmente vigenti, risulta                    
opportuno mettere in sinergia le conoscenze e le esperienze acquisite           
dalla Regione e dall'APT Servizi Srl arricchendole ed integrandole              
con l'apporto tecnico-specialistico di un soggetto esterno                      
all'organizzazione prevista dalla L.R. 7/98, particolarmente                    
qualificato e di riconosciuta esperienza in materia di marketing ed             
economia turistica.                                                             
La valutazione dei programmi delle Unioni e dei progetti dei privati            
sara' effettuata da un nucleo di valutazione istituito dalla Regione            
e composto da rappresentanti dell'Amministrazione regionale, dell'APT           
Servizi Srl nonche' dal sopracitato soggetto esterno.                           
- Favorire l'affermazione delle imprese turistiche aggregate sul                
mercato.                                                                        
Tale obiettivo si ritiene possa essere raggiunto attraverso                     
l'incentivazione delle aggregazioni di imprese turistiche che,                  
attraverso innovative forme di organizzazione interna e di                      
autoregolamentazione, sono in grado di garantire la qualita' dei                
prodotti e dei servizi offerti, congiuntamente alla capacita' di                
elaborare progetti di promo-commercializzazione e commercializzazione           
turistica di alta qualita'.                                                     
A tali fini viene introdotta una specifica misura di cofinanziamento            
regionale.                                                                      
- Sostenere lo sviluppo e la diversificazione dei prodotti turistici            
relativi ai comparti "Appennino e Verde", "Terme e Benessere",                  
"Citta' d'Arte, Cultura e Affari", per favorire il rafforzamento                
dell'economia turistica dei suddetti comparti.                                  
Si ritiene di poter raggiungere tale obiettivo prevedendo un sostegno           
finanziario piu' concreto ai programmi annuali di promozione e di               
marketing di prodotto presentati dalle Unioni relative ai citati                
comparti.                                                                       
- Semplificare, razionalizzare e sistematizzare temporalmente i                 
diversi adempimenti procedurali.                                                
Viene prevista:                                                                 
- la semplificazione e la razionalizzazione degli adempimenti                   
relativi alla presentazione della domanda di cofinanziamento;                   
- l'accelerazione e l'anticipazione della tempistica dei procedimenti           
amministrativi per consentire ai soggetti interessati di programmare,           
progettare e attuare i progetti di promozione, di                               
promo-commercializzazione e di commercializzazione in tempi certi e             
utili rispetto alle esigenze del mercato e della domanda turistica.             
- Superare l'attuale valutazione, espressa in punteggio, dei progetti           
elaborati dai soggetti privati aderenti alle Unioni. Ridefinire i               
relativi limiti della spesa ammissibile e del cofinanziamento                   
regionale.                                                                      
L'innalzamento della capacita' progettuale espressa                             
dall'imprenditoria privata ha prodotto una diffusa elaborazione di              
qualita' medio-alta nei progetti.                                               
Appare, quindi, non piu' attuale un sistema di valutazione espresso             
in punteggio, per non determinare una graduazione eccessiva e non               
piu' rispondente alla diffusa qualita' dei progetti.                            
Si attivera' pertanto un sistema che preveda un parere di valutazione           
espresso in "Alto", "Medio" e "Basso", basato su una "griglia" di               
riferimento contenente i diversi valori attribuibili ai vari elementi           
utili per la valutazione dei progetti.                                          
Ai fini di sostenere comunque la notevole adesione espressa dai                 
privati del settore al sistema organizzativo turistico introdotto con           
la L.R. 7/98 e concretizzatosi con un notevole numero di operatori              
che si sono associati tra loro, che hanno aderito alle Unioni di                
Prodotto e hanno presentato un rilevante numero di progetti, saranno            
ridefiniti i limiti di spesa ammissibile e i limiti del                         
cofinanziamento regionale;                                                      
ritenuto, in considerazione di quanto sopra esposto:                            
- di modificare parzialmente la propria deliberazione 715/98 e                  
successive modificazioni, cosi' come esplicitato nel dispositivo del            
presente provvedimento;                                                         
- di determinare la "Griglia di riferimento" per la valutazione dei             
progetti di promo-commercializzazione presentati dai soggetti privati           
aderenti alle Unioni, che in Allegato A alla presente deliberazione             
ne forma parte integrante e sostanziale e che contestualmente si                
approva;                                                                        
- di disporre altresi' i necessari adeguamenti agli articoli 5 e 6              
della Convenzione quadro di durata poliennale sottoscritta tra la               
Regione Emilia-Romagna e l'APT Servizi Srl, dando atto che il                   
Responsabile del Servizio competente in materia di Turismo,                     
provvedera' alla sottoscrizione dell'atto aggiuntivo, secondo lo                
schema di cui all'Allegato B del presente provvedimento che ne forma            
parte integrante e sostanziale ed il cui testo viene contestualmente            
approvato;                                                                      
richiamata la propria deliberazione n. 338 del 22/3/2001, esecutiva             
nei modi di legge, concernente: "Riordino delle Direzioni generali              
della Giunta regionale. Criteri per il conferimento degli incarichi             
di Direttore generale";                                                         
dato atto ai sensi dell'art. 4, comma 6 della L.R. 19 novembre 1992,            
n. 41 e del punto 3.1 della delibera 2541/95  dei pareri favorevoli             
espressi sul presente provvedimento:                                            
- in ordine alla regolarita' tecnica, dal Responsabile del Servizio             
Turismo e Qualita' Aree turistiche, dr. Valter Verlicchi;                       
- in ordine alla legittimita', dal Direttore generale Attivita'                 
produttive, Commercio, Turismo, dr. Uber Fontanesi;                             
su proposta dell'Assessore competente in materia di Turismo;                    
a voti unanimi e palesi, delibera:                                              
1) di stabilire, per le motivazioni espresse in premessa e che si               
intendono qui integralmente richiamate, la parziale modifica della              
propria deliberazione 715/98, cosi' come modificata dalle                       
deliberazioni 2145/98, 1225/00 e 1546/00, nel seguente modo:                    
Emendamento 1                                                                   
Il terzo, il quarto e il quinto capoverso del Paragrafo 1                       
"Adempimenti procedurali dell'Agenzia regionale per il Turismo" del             
Capo 1 del Titolo II della delibera 715/98 sono soppressi e                     
sostituiti come segue:                                                          
=1B"Il Piano annuale costituisce punto di riferimento propedeutico al           
successivo iter procedurale per le domande dei soggetti proponenti e            
per i provvedimenti regionali di cofinanziamento nonche' per gli                
incarichi all'APT Servizi Srl.                                                  
L'Agenzia regionale per il Turismo adotta il Piano annuale entro il             
31 marzo dell'anno antecedente quello di riferimento, al fine di                
consentirne l'approvazione da parte della Regione entro il 30 aprile.           
In via transitoria, per tutte le attivita' da realizzarsi nel 2002,             
tale Piano dovra' essere adottato dall'Agenzia entro il 31 maggio               
2001 ed approvato dalla Giunta regionale entro il 30 giugno 2001.".             
Emendamento 2                                                                   
Il secondo capoverso del Paragrafo 2 "Gestione" del Capo 1 del Titolo           
II della delibera 715/98, e' soppresso e sostituito come segue:                 
=1B"L'APT Servizi Srl invia alla Regione, entro il 31 maggio dell'anno          
antecedente quello di riferimento, ed in via transitoria per il solo            
anno 2002 entro il 31 luglio 2001, le proprie proposte contenenti la            
progettazione esecutiva.".                                                      
Emendamento 3                                                                   
Il primo capoverso del punto 1) "Presentazione delle domande" del               
Paragrafo 2 del Capo 2 "Unioni di Prodotto" del Titolo II della                 
delibera 715/98, cosi' come modificata dalla delibera 1225/00, e'               
interamente soppresso e sostituito come segue:                                  
"1) Presentazione delle domande                                                 
Ciascuna Unione regolarmente costituita e riconosciuta deve                     
presentare alla Regione Emilia-Romagna - Direzione generale Attivita'           
produttive, Commercio, Turismo - la domanda ai fini del                         
cofinanziamento regionale, ai sensi dell'articolo 13, comma 5,                  
lettera a) della L.R. 7/98 entro il 30 giugno dell'anno antecedente             
quello di riferimento. In via transitoria, le domande relative al               
cofinanziamento dei programmi da realizzarsi nell'anno 2002, devono             
essere presentate entro il 31 luglio 2001.".                                    
Emendamento 4                                                                   
Il secondo e il terzo capoverso del punto 3) "Modalita' procedurali e           
misura dei cofinanziamenti regionali" del Paragrafo 2 del Capo 2                
"Unioni di Prodotto" del Titolo II della delibera 715/98, cosi' come            
modificata dalla delibera 1225/00, sono interamente soppressi e                 
sostituiti come segue:                                                          
=1B"La Giunta regionale, al fine di stabilire la misura dei                     
cofinanziamenti dei programmi delle Unioni, si avvale di un nucleo di           
valutazione nominato con propria determinazione dal Direttore                   
generale Attivita' produttive, Commercio, Turismo. Il nucleo di                 
valutazione e' coordinato dal Responsabile del Servizio competente in           
materia di Turismo, ed e' cosi' composto:                                       
- due collaboratori del Servizio Turismo e Qualita' Aree turistiche             
della Regione Emilia-Romagna;                                                   
- due rappresentanti designati dal Consiglio di amministrazione                 
dell'APT Servizi Srl;                                                           
- un soggetto esterno al sistema organizzativo definito dalla L.R.              
7/98, individuato da APT Servizi Srl tra istituti e societa'                    
particolarmente qualificate e di riconosciuta esperienza in materia             
di marketing ed economia turistica.                                             
L'APT Servizi Srl provvedera' ad affidare l'incarico al soggetto                
esterno individuato.                                                            
L'onere derivante dal suddetto incarico e' ricompreso nel contratto             
tra Regione ed APT Servizi per l'insieme delle attivita' di supporto            
tecnico di carattere generale.                                                  
Il nucleo di valutazione suddetto esprime, sentite le Unioni                    
interessate, il proprio parere tecnico sul programma di ciascuna                
Unione, entro 60 giorni dalla ricezione dello stesso. A tali fini               
terra' conto principalmente della coerenza del programma alle linee             
strategiche regionali contenute nel Piano Annuale delle azioni di               
carattere generale, approvato dalla Giunta regionale per l'anno di              
riferimento, nonche' della congruita', incisivita' ed efficacia                 
dell'insieme delle azioni contenute nel programma stesso.".                     
Emendamento 5                                                                   
Il settimo capoverso del punto 3) "Modalita' procedurali e misura dei           
cofinanziamenti regionali" del Paragrafo 2 del Capo 2 "Unioni di                
Prodotto" del Titolo II della delibera 715/98, cosi' come modificata            
dalla delibera 1225/00, e' interamente soppresso e sostituito come              
segue:                                                                          
=1B"I cofinanziamenti regionali possono essere concessi in misura fino          
al 50% della spesa complessiva ammissibile risultante dal programma             
dell'Unione relativa al comparto Costa Adriatica, nonche' in misura             
fino al 60% della spesa complessiva ammissibile risultante  dal                 
programma delle Unioni relative ai comparti turistici economicamente            
piu' deboli: Appennino e Verde, Terme e Benessere, Citta' d'Arte,               
Cultura e Affari.".                                                             
Emendamento 6                                                                   
Il Paragrafo 3 "Progetti dei soggetti privati aderenti alle Unioni"             
del Capo 2 del Titolo II della propria deliberazione 715/98, cosi'              
come modificata dalla deliberazione 1546/00, e' interamente soppresso           
e sostituito come segue:                                                        
"1) Soggetti privati beneficiari dei cofinanziamenti e modalita' per            
la presentazione della domanda                                                  
I soggetti privati beneficiari dei cofinanziamenti regionali sono le            
aggregazioni o raggruppamenti di imprese turistiche, in qualsiasi               
forma costituiti cosi' come definite dall'art. 6 della L.R. 7/98.               
Tali soggetti possono richiedere i cofinanziamenti regionali per                
progetti di promo-commercializzazione e di commercializzazione                  
turistica.                                                                      
La domanda deve essere presentata all'APT Servizi Srl dal legale                
rappresentante o dal mandatario dell'aggregazione di imprese                    
turistiche di cui al precedente capoverso.                                      
Tale domanda deve pervenire all'APT Servizi Srl entro il 31 luglio              
dell'anno antecedente quello di riferimento. In via transitoria, le             
domande di cofinanziamento per progetti da realizzarsi nell'anno                
2002, devono essere presentate entro il 31 agosto 2001.                         
I dati contenuti nella domanda devono essere autocertificati ai sensi           
della vigente normativa.                                                        
Nella domanda di cofinanziamento il legale rappresentante o il                  
mandatario dell'aggregazione di imprese deve dichiarare, oltre ai               
dati identificativi ed anagrafici propri e della aggregazione, quanto           
segue:                                                                          
- l'appartenenza della aggregazione, alla data di presentazione della           
domanda, all'Unione di Prodotto cui fa riferimento il progetto                  
presentato;                                                                     
- l'elenco dei soci aderenti all'aggregazione;                                  
- che il medesimo progetto non e' stato presentato per il                       
finanziamento ai sensi di altre normative regionali, statali e                  
dell'Unione Europea.                                                            
Alla domanda deve essere allegata la seguente documentazione:                   
- il progetto;                                                                  
- una relazione generale corredata da una scheda tecnica di sintesi             
per evidenziare:                                                                
- gli obiettivi;                                                                
- i mercati e i target di domanda da privilegiare;                              
- le azioni programmate distinte almeno per tipologie di strumenti e            
materiali, modalita' e tempi del loro svolgimento;                              
- il preventivo di spesa articolato per tipologie e corredato dal               
piano finanziario.                                                              
Per facilitare la presentazione della domanda da parte delle                    
aggregazioni, l'APT Servizi Srl predispone una apposita modulistica.            
2) Elementi per l'ammissibilita' dei progetti                                   
Il cofinanziamento previsto dall'articolo 7 della L.R. 7/98 e'                  
rivolto principalmente a premiare le azioni congiunte degli operatori           
privati suscettibili di rafforzare ed integrare i prodotti turistici,           
incrementare ed ottimizzare le risorse disponibili in una logica di             
concertazione e di condivisione degli obiettivi.                                
Spese non ammissibili a cofinanziamento:                                        
- le iniziative di sola incentivazione;                                         
- le iniziative che riguardano esclusivamente la produzione di                  
materiale cartaceo di carattere generale;                                       
- le iniziative che contengono la commercializzazione di prodotti               
estranei alla Regione Emilia-Romagna in misura quantitativamente                
superiore al 30% del progetto;                                                  
- le spese di partecipazione alle fiere ed ai workshop del                      
rappresentante e del personale delle imprese aggregate.                         
Sono tuttavia ritenute ammissibili:                                             
- la stampa e la spedizione di materiale cartaceo finalizzato alla              
realizzazione del progetto (pacchetti, confidential, ecc);                      
- una quota in misura non eccedente il 10% del costo totale delle               
azioni del progetto, quale riconoscimento forfettario di spese                  
generali per la gestione delle iniziative, comunque documentabili;              
- una quota in misura non eccedente il 15% del costo totale delle               
azioni del progetto, per spese di progettazione, documentate.                   
3) Limiti di spesa e di cofinanziamento                                         
Ai fini dell'ammissibilita' a cofinanziamento regionale i progetti              
presentati dalle aggregazioni aderenti all'Unione di Prodotto Costa             
non possono essere di importo unitario inferiore a Lire 80 milioni e            
superiore a Lire 450 milioni; i progetti presentati dalle                       
aggregazioni aderenti alle altre Unioni di Prodotto non possono                 
essere di importo unitario inferiore a Lire 40 milioni e superiore a            
Lire 450 milioni.                                                               
Ciascuna aggregazione puo' presentare un solo progetto.                         
Dagli importi sopra indicati sono escluse l'IVA, le spese di gestione           
ordinaria, le spese per il personale ordinariamente impegnato nelle             
imprese costituenti l'aggregazione.                                             
I cofinanziamenti regionali possono essere concessi in misura non               
superiore al 20%.                                                               
Viene concessa una quota aggiuntiva di cofinanziamento, in misura non           
superiore al 5%, per i progetti presentati dalle aggregazioni                   
aderenti alle Unioni "Appennino e Verde", "Terme e Benessere" e                 
"Citta' d'Arte, Cultura e Affari", relative ai comparti turistici               
economicamente piu' deboli.                                                     
I cofinanziamenti regionali possono altresi' essere concessi in                 
misura non superiore al 35% della spesa ritenuta ammissibile, senza             
alcuna differenziazione tra le diverse Unioni di appartenenza, per              
"Progetti di Eccellenza" di cui al successivo punto 4).                         
4) Requisiti dei "Progetti di Eccellenza"                                       
I requisiti per accedere ai cofinanziamenti per "Progetti di                    
Eccellenza" sono i seguenti:                                                    
Requisiti relativi al soggetto                                                  
Essere in possesso di disciplinare di autoregolamentazione,                     
sottoscritto da tutte le imprese aderenti alla aggregazione, che                
dovra' prevedere:                                                               
- la definizione e l'applicazione degli standard di qualita' dei                
prodotti e dei servizi che si intendono proporre al mercato e                   
commercializzare;                                                               
- l'indicazione di specifici strumenti di controllo e di verifica               
rispetto alla applicazione degli standard condivisi;                            
- l'indicazione di un sistema di verifica attraverso il quale i                 
clienti/consumatori possano valutare la conformita' dell'offerta                
ricevuta rispetto agli standard contenuti nel disciplinare.                     
Le aggregazioni devono segnalare, nella domanda di cofinanziamento,             
le denominazioni assunte quali club di prodotto, circuiti o altre               
specifiche, l'utilizzo di marchi e/o logos di riconoscimento, le                
eventuali certificazioni richieste e/o ottenute.                                
Le aggregazioni, in possesso dei requisiti suddetti, dovranno                   
presentare la relativa documentazione allegandola alla domanda di               
richiesta di cofinanziamento.                                                   
Requisiti relativi al progetto                                                  
Ottenere un parere di valutazione "Alto", secondo quanto indicato al            
successivo punto 5.3).                                                          
5) Modalita' procedurali                                                        
5.1) Elementi di valutazione dei progetti                                       
La valutazione dei progetti sara' basata sui seguenti elementi:                 
- realizzazione di azioni sui mercati esteri, diversificazione e                
specializzazione, qualita' dei servizi offerti, precisa                         
individuazione dei target e dei mercati oggetto dell'intervento,                
qualita' delle azioni e relativa efficacia, coerenza intrinseca delle           
azioni e degli strumenti previsti rispetto agli obiettivi del                   
progetto;                                                                       
- coerenza e compatibilita' delle iniziative e delle azioni previste            
dal progetto con le linee del Piano annuale delle azioni di carattere           
generale dell'anno di riferimento;                                              
- collegamento del progetto alle azioni ed alle iniziative contenute            
nel programma dell'Unione di appartenenza dell'aggregazione.                    
La Regione predetermina la griglia dei diversi valori attribuibili ai           
suddetti  elementi, che sia di riferimento per la valutazione dei               
progetti.                                                                       
Tale griglia e' trasmessa alle quattro Unioni di Prodotto che                   
provvederanno alla divulgazione della stessa fra i loro associati.              
Per un'ottimale diffusione dell'informazione, tale griglia sara'                
trasmessa anche ad APT Servizi Srl e potra' essere richiesta alla               
Regione Emilia-Romagna - Servizio Turismo e Qualita' Aree turistiche.           
5.2) Istruttoria amministrativa                                                 
APT Servizi Srl effettua l'istruttoria amministrativa circa i                   
requisiti di ammissibilita' delle aggregazioni richiedenti i                    
cofinanziamenti, la completezza della anagrafica e della                        
documentazione prodotta.                                                        
APT Servizi Srl invia tempestivamente copia dei progetti al                     
coordinatore del nucleo di valutazione di cui al successivo punto               
5.3).                                                                           
Entro il 30 settembre dell'anno antecedente quello di riferimento e,            
in via transitoria per i progetti da realizzarsi nell'anno 2002,                
entro il 15 ottobre 2001, APT Servizi Srl comunica alla Regione                 
Emilia-Romagna le risultanze del lavoro svolto con l'invio di quattro           
elenchi, uno per ciascuna Unione, delle aggregazioni ammissibili a              
cofinanziamento regionale.                                                      
Tali elenchi dovranno contenere:                                                
- l'esatta denominazione e i dati anagrafici dell'aggregazione                  
richiedente il cofinanziamento regionale;                                       
- l'esatta identificazione del legale rappresentante o del mandatario           
dell'aggregazione;                                                              
- la indicazione della Unione di Prodotto di appartenenza;                      
- l'esatta denominazione del progetto;                                          
- la ammissibilita' o la non ammissibilita' a cofinanziamento delle             
aggregazioni richiedenti.                                                       
5.3) Istruttoria tecnica                                                        
L'istruttoria tecnica e la valutazione dei progetti, nonche' la                 
sussistenza dei requisiti previsti per le aggregazioni che richiedono           
l'accesso ai "Progetti di Eccellenza", sara' effettuata da un nucleo            
di valutazione nominato, con propria determinazione, dal Direttore              
generale Attivita' produttive, Commercio, Turismo.                              
Il nucleo di valutazione effettua l'istruttoria tecnica dei progetti            
ed esprime per ciascuno un parere di valutazione "Alto", "Medio" o              
"Basso".                                                                        
Le aggregazioni potranno essere sentite per eventuali chiarimenti.              
Il nucleo di valutazione sara' coordinato dal Responsabile del                  
Servizio competente in materia di turismo e sara' cosi' composto:               
- due collaboratori del Servizio Turismo e Qualita' Aree turistiche             
della Regione Emilia-Romagna;                                                   
- due rappresentanti designati dal Consiglio di amministrazione                 
dell'APT Servizi Srl;                                                           
- un soggetto esterno al sistema organizzativo definito dalla L.R.              
7/98, individuato da APT Servizi Srl tra istituti e societa'                    
particolarmente qualificate e di riconosciuta esperienza in materia             
di marketing ed economia turistica.                                             
L'APT Servizi Srl provvede ad affidare l'incarico al soggetto esterno           
individuato.                                                                    
L'onere derivante dal suddetto incarico e' ricompreso nel contratto             
tra Regione ed APT Servizi Srl per l'insieme delle attivita' di                 
supporto tecnico di carattere generale.                                         
Entro il 30 settembre dell'anno antecedente quello di riferimento, e            
in via transitoria per il solo anno 2001, entro il 15 ottobre, il               
nucleo di valutazione comunica alla Regione Emilia-Romagna le                   
risultanze del lavoro svolto mediante l'invio delle schede tecniche             
relative alla valutazione dei progetti, unitamente all'elenco dei               
progetti stessi (uno per ciascuna Unione).                                      
Gli elenchi dovranno evidenziare:                                               
- i "Progetti di Eccellenza";                                                   
- il parere di valutazione "Alto, Medio o Basso" su ciascun progetto;           
- l'importo complessivo della spesa ammissibile per ciascun progetto.           
5.4) Approvazione Piano di cofinanziamento                                      
La Regione Emilia-Romagna, acquisite le risultanze del lavoro svolto            
da APT Servizi Srl e dal nucleo di valutazione, provvede con proprio            
atto entro il 31 ottobre dell'anno antecedente quello di riferimento            
e, in via transitoria per i progetti da realizzarsi nell'anno 2002,             
entro il 30 novembre 2001, alla approvazione del Piano di                       
cofinanziamento regionale dei progetti di promo-commercializzazione             
ritenuti ammissibili secondo la seguente graduazione:                           
- per i "Progetti di Eccellenza", la percentuale di cofinanziamento             
non potra' essere superiore al 35% della spesa ritenuta ammissibile;            
- per i progetti con parere di valutazione "Alto o Medio" la                    
percentuale di cofinanziamento non potra' essere superiore al 20%               
della spesa ritenuta ammissibile. Per le aggregazioni aderenti alle             
Unioni relative ai comparti turistici economicamente piu' deboli,               
viene concessa una quota aggiuntiva di cofinanziamento in misura non            
superiore al 5%;                                                                
- per i progetti con parere di valutazione "Basso" la percentuale di            
cofinanziamento non potra' essere superiore al 15% della spesa                  
ritenuta ammissibile. Per le aggregazioni aderenti alle Unioni                  
relative ai comparti turistici economicamente piu' deboli, viene                
concessa una quota aggiuntiva di cofinanziamento in misura non                  
superiore al 5%.In relazione alle disponibilita' del bilancio                   
regionale il cofinanziamento dei progetti e' effettuato secondo le              
seguenti priorita':                                                             
1) "Progetti di Eccellenza";                                                    
2) progetti con parere di valutazione "Alto";                                   
3) progetti con parere di valutazione "Medio";                                  
4) progetti con parere di valutazione "Basso".                                  
Le economie che si potranno verificare per rinunce, revoche o                   
utilizzo di minori importi nella realizzazione dei progetti, nonche'            
le eventuali ulteriori disponibilita' derivanti dall'assestamento del           
bilancio regionale per il medesimo esercizio, verranno utilizzate per           
cofinanziare, con appositi atti del Direttore generale competente in            
materia di Turismo, i progetti ritenuti ammissibili ma non                      
cofinanziati.                                                                   
Con la deliberazione del piano di cofinanziamento la Giunta regionale           
dispone la stipulazione di apposito contratto con l'APT Servizi Srl             
per la gestione dei cofinanziamenti dei progetti di                             
promo-commercializzazione relativi all'anno di riferimento,                     
autorizzandone la sottoscrizione da parte del Responsabile del                  
Servizio competente in materia di Turismo.                                      
La medesima deliberazione stabilisce l'impegno del complessivo budget           
da trasferire all'APT Servizi Srl per la gestione e la liquidazione             
dei cofinanziamenti  regionali. Stabilisce inoltre le modalita'                 
relative alle rendicontazioni da richiedere ai soggetti beneficiari             
ai fini della erogazione dei cofinanziamenti e  quelle relative alle            
cauzioni (fidejussioni, polizze assicurative o depositi cauzionali)             
che  dovranno essere versate all'APT Servizi Srl da parte dei                   
soggetti beneficiari dei cofinanziamenti, a pena di decadenza dai               
cofinanziamenti stessi, a garanzia della realizzazione dei progetti.            
A tali fini il progetto si intende realizzato se viene speso almeno             
il 60% dell'importo ritenuto ammissibile, sempre che lo stralcio                
funzionale venga considerato dall'APT Servizi Srl congruo ed                    
efficace.                                                                       
L'APT Servizi Srl effettua la gestione e la liquidazione dei                    
cofinanziamenti regionali provvedendo ad acquisire tutte le                     
documentazioni e le certificazioni occorrenti secondo la normativa              
vigente ai fini della erogazione di fondi pubblici a favore di                  
soggetti privati.";                                                             
2) di approvare, ai fini della valutazione dei progetti presentati              
dai soggetti privati aderenti alle Unioni, la "Griglia di                       
riferimento" contenente i diversi valori attribuibili, come indicato            
all'Allegato A parte integrante e sostanziale del presente atto;                
3) di disporre, in conseguenza delle modifiche di cui al precedente             
punto 1) i necessari adeguamenti agli articoli 5 e 6 della                      
Convenzione quadro di durata poliennale sottoscritta tra la Regione             
ed APT Servizi Srl in esecuzione delle proprie deliberazioni in                 
premessa richiamate e che qui si intendono integralmente riportate,             
dando atto che il Responsabile del Servizio competente provvedera'=20           
alla sottoscrizione  dell'atto aggiuntivo secondo lo schema di cui              
all'Allegato B al presente provvedimento che ne forma parte                     
integrante e sostanziale ed il cui testo viene contestualmente                  
approvato;                                                                      
4) di dare atto che, a seguito della richiamata propria deliberazione           
338/01, le parole "Direzione generale Cultura e Turismo" contenute              
nella vigente Convenzione quadro tra Regione Emilia-Romagna ed APT              
Servizi Srl, si intendano sempre sostituite con le seguenti:                    
"Direzione generale Attivita' produttive, Commercio, Turismo";                  
5) di pubblicare integralmente la presente deliberazione nel                    
Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna.                              
ALLEGATO A                                                                      
"Griglia di riferimento" contenente i diversi valori attribuibili ai            
vari elementi utili per la valutazione dei progetti presentati dai              
soggetti privati aderenti alle Unioni                                           
Si considerano tre parametri:                                                   
1) il valore intrinseco del progetto, la sua qualita';                          
2) la coerenza con le azioni del Piano regionale annuale;                       
3) il collegamento con il Programma dell'Unione.    Per esplicitare             
il valore intrinseco del progetto e quindi la bonta' del progetto in            
se', si utilizzeranno parametri di valutazione che esplicitano in               
modo chiaro la qualita' che contraddistingue i singoli elementi che             
compongono l'idea progettuale.                                                  
Per valutare invece la coerenza, la compatibilita' ed il collegamento           
con i piani regionali e delle unioni, viene effettuata un'analisi               
comparativa che fa emergere la continuita' e le integrazioni che                
esistono tra quanto previsto a livello regionale e di area e quanto             
previsto dai progetti.                                                          
Con questo si vuole soprattutto incentivare e premiare un forte                 
coordinamento tra tutti i soggetti regionali che lavorano nel                   
turismo: piu' si lavorera' in maniera convergente, maggiore sara'               
l'impatto, e quindi la visibilita', dei prodotti emiliano-romagnoli,            
maggiore il potere di contrattazione in termini commerciali e minore            
la duplicazione delle azioni.                                                   
I parametri                                                                     
La valutazione viene effettuata attraverso tre livelli di giudizio:             
alto, medio, basso.                                                             
Requisiti del progetto                                                          
Valore intrinseco del progetto                                                  
- Livello di internazionalizzazione  A M B                                      
e' la misura di quanto un progetto si espone verso i mercati esteri,            
quanto queste contano nella strategia del progetto, quanto vi viene             
investito.                                                                      
- Incisivita' di prodotto  A M B                                                
si tratta di valutare le chanches che attualmente il mercato offre,             
garantisce, a quello specifico progetto in relazione alla sua                   
specificita'/unicita', ai bacini geografici ed ai segmenti a cui e'             
rivolto. Nel caso di progetti di eccellenza saranno presi in                    
considerazione anche gli standard di qualita' che distinguono il                
prodotto. Le tendenze del mercato turistico internazionale,                     
nazionale, regionale, oltre che le ricerche ad hoc, costituiscono il            
quadro di riferimento per poter effettuare tale valutazione.                    
- Innovazione e/o creativita'  A M B                                            
si premiano quei progetti che si distinguono per la capacita' di                
offrire un prodotto totalmente "ex novo" e/o per la capacita' di aver           
introdotto una forte spinta alla diversificazione di un prodotto gia'           
esistente. Nella valutazione rientrano pure le singole azioni che lo            
sostengono.                                                                     
- Coerenza tra gli obiettivi, i mercati, le azioni ed i costi                   
A M B                                                                           
e' la continuita', le relazioni che esistono tra l'individuazione del           
prodotto, la scelta del mercato e dei mezzi per colpirlo, e la spesa            
prevista per tale scopo. Nel caso di progetti di eccellenza verra'              
premiata anche la coerenza che sussiste con il disciplinare e                   
relativa applicazione.                                                          
- Integrazione tra soggetti di settori diversi  A M B                           
si deve poter prefigurare la costruzione di un "pacchetto" turistico            
completo di tutti i servizi, in relazione al prodotto che si vuole              
vendere e alle tipologie di operatori che vi partecipano.                       
Coerenza con il Piano regionale annuale                                         
- Mercati/Target  A M B                                                         
si verifica la coerenza tra quelli indicati a livello regionale e               
quelli previsti dai privati.                                                    
- Strumenti/azioni  A M B                                                       
si entra nello specifico degli strumenti di marketing e delle azioni            
utilizzate, premiando quindi quei soggetti che si inseriscono, si               
integrano nelle azioni gia' programmate a livello regionale.                    
Collegamento con il Programma dell'Unione                                       
1) Con il Programma in generale  A M B                                          
l'aderenza tra quanto svolge l'Unione e quanto previsto dal privato             
che aderisce all'Unione stessa, e' un  fattore premiante in termini             
di successo ed impatto progettuale.                                             
2) Con gli strumenti/azioni  A M B                                              
verra' valutato e premiato il fatto che il progetto presentato dal              
privato abbia un riscontro concreto con le linee operative che                  
contraddistinguono la programmazione delle Unioni. Nella valutazione            
verranno premiate le aggregazione che evidenziano un concreto,                  
esplicito e chiaro collegamento con le azioni di                                
promo-commercializzazione previste.                                             
Requisiti del soggetto                                                          
stato inoltre introdotto il principio di riconoscere e favorire con             
una percentuale piu' alta di cofinanziamento (35%) quei progetti che,           
oltre a raggiungere una valutazione di qualita' di fascia "Alta", si            
pongono anche l'obiettivo di regolamentare, per tutti gli aderenti              
interni al soggetto socio dell'Unione, il processo di miglioramento             
qualitativo del prodotto e di raggiungere livelli alti di                       
soddisfazione del cliente.                                                      
A tale fine l'aggregazione deve produrre un disciplinare di                     
autoregolamentazione, che definisca:                                            
- quali sono le caratteristiche, gli standard che agli occhi dei                
turisti:                                                                        
- distinguono quello specifico prodotto turistico da altri;                     
- sappiano far riconoscere la motivazione di vacanza che e' sottesa;            
- siano in grado di soddisfare le esigenze di quel particolare target           
a cui sono rivolti;                                                             
- si propongono come elemento di "riconoscibilita' e garanzia".                 
Si tratta quindi di norme, che i soggetti si sono dati                          
volontariamente, che esaltano e valorizzano le peculiarita' anche dei           
servizi erogati dall'aggregazione di imprese:                                   
- specifici strumenti di controllo interno e di verifica rispetto               
alla applicazione degli standard condivisi. Con cio' si vuole                   
esaltare il concetto per cui il "contratto" che si instaura tra gli             
aderenti e l'aggregazione (e il marchio) che li rappresenta deve                
essere severamente rispettato. Se solo uno dei componenti                       
l'aggregazione non e' conforme alle aspettative di qualita' definite            
negli standard viene meno lo sforzo dell'intera aggregazione;                   
- la misurazione della soddisfazione del cliente. Dato che la                   
soddisfazione del cliente e' un risultato ed un obiettivo nello                 
stesso tempo, che garantisce il riacquisto e la diffusione di una               
memoria positiva della vacanza (che e' ancora la principale leva di             
marketing), e' importante indicare un sistema di verifica attraverso            
il quale l'aggregazione possa raccogliere e valutare il grado di                
soddisfazione dei clienti/consumatori rispetto al prodotto a loro               
offerto, e possa trarne le indicazioni utili per il successivo                  
miglioramento dello stesso.                                                     
ALLEGATO B                                                                      
Schema di convenzione aggiuntiva alla Convenzione quadro di durata              
poliennale sottoscritta tra la Regione Emilia-Romagna e l'APT Servizi           
Srl in data 13/1/1999                                                           
L'anno duemilauno, il giorno . . . . . . . . . . . . . . . . del mese           
di . . . . . . . . . . . . , nella sede della Regione Emilia-Romagna,           
posta in Bologna, Viale A. Moro n. 52,                                          
fra                                                                             
il signor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .             
(qualifica), il quale interviene nel presente atto in nome e per                
conto della Regione Emilia-Romagna (codice fiscale), come da                    
provvedimento della Giunta regionale n. . . . . in data . . . . . . .           
. . . ;                                                                         
il signor . . . . . . . . . . . . . . . . . . . (qualifica), il quale           
interviene nel presente atto in nome e per conto della Societa' APT             
Servizi Srl (codice fiscale), a cio' delegato con provvedimento del             
C.d.A. della Societa' n. . . . . in data . . . . . . . . . ;                    
premesso che                                                                    
- la Regione Emilia-Romagna svolge le funzioni in materia di turismo            
ai sensi dell'art. 2 della L.R. 7/98 ed in particolare per quanto               
attiene agli interventi per la promozione e la commercializzazione,             
assolve ai propri compiti previsti dagli artt. 5, 6 e 7 della Legge             
regionale medesima;                                                             
- la L.R. 7/98 ha stabilito che la Regione si avvalga dell'APT                  
Servizi Srl quale strumento operativo;                                          
- la Societa' a responsabilita' limitata APT Servizi e' stata                   
costituita, con la partecipazione della Regione Emilia-Romagna, ai              
fini dello svolgimento dei compiti istitutivi essenziali (art. 11,              
comma 1 della L.R. 7/98):                                                       
1) la gestione e l'attuazione dei progetti e dei piani regionali in             
materia di turismo;                                                             
2) l'ausilio tecnico-scientifico per le decisioni della Regione in              
materia di turismo;                                                             
3) la fornitura di servizi relativi alla progettazione e alle                   
attivita' di realizzazione di programmi e iniziative in materia di              
turismo;                                                                        
4) la gestione di azioni di marketing concertate fra i diversi                  
settori.                                                                        
Viste:                                                                          
- la deliberazione della Giunta regionale n. 2465 in data 14 dicembre           
1998, esecutiva nei modi di legge, concernente: "Approvazione, ai               
sensi dell'art. 12 della L.R. 7/98 dello schema di convenzione quadro           
di durata poliennale tra la Regione Emilia-Romagna e l'APT Servizi              
Srl";                                                                           
- la convenzione quadro sottoscritta tra la Regione Emilia-Romagna e            
l'APT Servizi Srl in data 13/1/1999;                                            
- la deliberazione della Giunta regionale n. 2452 in data 14 dicembre           
1999, esecutiva nei modi di legge, avente ad oggetto: "L.R. 7/98 -              
Parziale modifica della deliberazione della Giunta regionale n. 2465            
del 14/12/1998 - Approvazione schema di convenzione aggiuntiva alla             
convenzione quadro di durata poliennale sottoscritta tra la Regione             
Emilia-Romagna e l'APT Servizi Srl";                                            
- la convenzione aggiuntiva alla citata convenzione quadro,                     
sottoscritta in data 20/12/1999;                                                
- la deliberazione della Giunta regionale n. 1225 in data 18 luglio             
2000, esecutiva nei modi di legge, avente ad oggetto: "L.R. 7/98 -              
Determinazione in via indicativa dei budget da destinare ai programmi           
delle Unioni di Prodotto per l'anno 2001 - Parziale modifica della              
delibera 715/98 e degli articoli 5 e 6 della convenzione quadro tra             
Regione e APT Servizi Srl - Approvazione schema di convenzione                  
aggiuntiva";                                                                    
- la convenzione aggiuntiva alla citata convenzione quadro,                     
sottoscritta in data 7/8/2000;                                                  
- la deliberazione della Giunta regionale n. 1546 in data 19                    
settembre 2000, esecutiva nei modi di legge, avente ad oggetto: "L.R.           
7/98 - Parziale modifica della deliberazione della Giunta regionale             
715/98 e degli articoli 5 e 6 della convenzione quadro tra Regione ed           
APT Servizi Srl - Approvazione schema convenzione aggiuntiva";                  
- la convenzione aggiuntiva alla citata convenzione quadro,                     
sottoscritta in data 25/9/2000;                                                 
- la deliberazione della Giunta regionale n. . . . . del . . . . . .            
. . , esecutiva nei modi di legge, avente ad oggetto: ". . . . . . .            
. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .           
. . . . . . . . . . . . . . . . ";                                              
si conviene e si stipula quanto segue:                                          
Art. 1                                                                          
A) All'articolo 5 della sopra richiamata convenzione quadro fra                 
Regione Emilia-Romagna ed APT Servizi Srl sottoscritta in data                  
13/1/1999 ed integrata in date 20/12/1999, 7/8/2000 e 25/9/2000 il              
comma 2 e' interamente soppresso e sostituito come segue:                       
"In particolare dovra' garantire:                                               
- effettuazione di un servizio di comunicazione e di corrispondenza             
su richiesta di operatori pubblici e privati nonche' di richiedenti             
di informazioni turistiche a carattere generale;                                
- attivita' di partecipazione e collaborazione per la rete integrata            
realizzata dalla Regione nell'ambito del sistema informativo                    
turistico regionale ai sensi dell'articolo 2 della L.R. 7/98;                   
- fornitura alla Regione di pareri tecnici e di valutazione di                  
proposte che pervengono all'APT Servizi Srl ed alla Regione in                  
materia di promozione turistica;                                                
- elaborazioni e progettazioni nonche' specifica attivita'                      
propositiva e tecnica in materia di promozione turistica, nonche'               
relazioni tecniche sulle attivita' svolte per conto della Regione in            
Italia e all'estero, anche ai fini della elaborazione degli atti                
programmatici della Regione e del Piano annuale delle azioni di                 
carattere generale;                                                             
- partecipazione, con  le modalita' indicate nelle direttive di cui             
alle deliberazioni 715/98 e successive modificazioni, al nucleo                 
nominato dalla Regione per la valutazione dei programmi delle Unioni            
di Prodotto e dei progetti di promo-commercializzazione dei privati;            
- nell'ambito del supporto tecnico previsto all'articolo 12, comma 1,           
lettera a) della L.R. 7/98, affidamento di incarico ad un soggetto              
esterno, individuato tra istituti o societa' particolarmente                    
qualificate e di riconosciuta esperienza in materia di marketing ed             
economia turistica, per la partecipazione al nucleo nominato dalla              
Regione per la valutazione dei programmi delle Unioni di Prodotto e             
dei progetti di promo-commercializzazione dei privati;                          
- attivita' di istruttoria amministrativa inerente le domande                   
presentate dai soggetti privati aderenti alle Unioni, secondo quanto            
indicato nella normativa vigente;                                               
- attivita' di gestione relativa ai cofinanziamenti dei programmi               
delle Unioni e dei progetti di commercializzazione dei soggetti                 
privati aderenti alle Unioni stesse, concessi dalla Giunta regionale            
con apposite deliberazioni, ai sensi dell'articolo 7 della L.R. 7/98            
ed in attuazione delle vigenti direttive regionali, intrattenendo               
tutti i rapporti con i soggetti beneficiari, con la predisposizione             
di tutti gli adempimenti di controllo e finanziari, ivi comprese le             
liquidazioni e i pagamenti;                                                     
- la partecipazione a gruppi tecnici inerenti al settore;                       
- l'attivazione di gruppi tecnici inerenti al settore;                          
- attivita' di acquisizione e gestione di documentazione in materia             
di promozione e commercializzazione turistica;                                  
- partecipazione alle riunioni indette dall'Agenzia regionale, su               
invito della Regione, nonche' il rilascio di pareri tecnici;                    
- attivita' di coordinamento dell'immagine a livello regionale tra i            
vari soggetti operanti nel settore.";                                           
B) all'articolo 6 della soprarichiamata convenzione quadro fra                  
Regione Emilia-Romagna ed APT Servizi Srl sottoscritta in data                  
13/1/1999 e integrata in date 20/12/1999, 7/8/2000 e 25/9/2000:                 
- il primo comma e' interamente soppresso e sostituito come segue:              
"L'APT Servizi Srl, per la ricezione delle domande di cofinanziamento           
presentate dai soggetti privati aderenti alle Unioni per i progetti             
di commercializzazione e per la relativa istruttoria amministrativa,            
si atterra' a tutto quanto previsto nelle direttive applicative di              
cui all'articolo 5 della L.R. 7/98.";                                           
- il quarto comma e' interamente soppresso e sostituito come segue:             
"L'APT Servizi Srl terra' i rapporti con i vari soggetti beneficiari            
e potra' stabilire eventuali forme di pagamento in acconto o per                
stati di avanzamento secondo le modalita' previste dalle direttive              
regionali di cui alla deliberazione 715/98 e successive                         
modificazioni, nonche' dalla deliberazione di concessione dei                   
cofinanziamenti.";                                                              
- l'ottavo comma e' interamente soppresso e sostituito come segue:              
"A seguito della presentazione delle relative documentazioni e                  
rendicontazioni da parte dei soggetti beneficiari, l'APT Servizi Srl            
procedera' con propri atti alla liquidazione dei contributi regionali           
verificando le somme a ciascuno spettanti.".                                    
Bologna,                                                                        
per LA REGIONE EMILIA-ROMAGNA  per L'APT SERVIZI SRL                            
. . . . . . . . . . . . . . . . . . .   . . . . . . . . . . . . . . .           
. . . .                                                                         

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it