REGIONE EMILIA-ROMAGNA - GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 16 gennaio 2001, n. 18

Invito a presentare progetti da realizzare con il contributo del Fondo Sociale Europeo per il periodo 2001-2002 (Obiettivo 3) e con le risorse assegnate dalla circolare MLPS n. 92 del 29 dicembre 2000 (Legge 236/93)

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA                                          
Richiamati:                                                                     
- la decisione della Commissione Europea C/1120 del 18/7/2000 che               
approva il Quadro Comunitario di Sostegno (in seguito denominato QCS)           
Ob. 3 Regioni centro nord per il periodo 2000/2006;                             
- la decisione della Commissione Europea n. 2066 del 21/9/2000 che              
approva il Programma operativo Regione Emilia- Romagna - FSE -                  
Obiettivo 3 - 2000/2006;                                                        
- la deliberazione del CIPE del 5/11/1999, n. 174 con la quale si               
approva il quadro finanziario programmatico 2000-2006 per quanto                
riguarda il contributo nazionale;                                               
- gli "Indirizzi per l'integrazione delle politiche del lavoro, della           
programmazione e dell'istruzione. Triennio 2000/2002" approvati con             
deliberazione del Consiglio regionale n. 1316 del 22/12/1999,                   
esecutiva;                                                                      
richiamate inoltre le proprie deliberazioni:                                    
- 539/00 "Approvazione direttive regionali stralcio per l'avvio della           
nuova programmazione 2000/2006", esecutiva, nonche' la determinazione           
del Direttore generale Formazione professionale e Lavoro n. 8125 del            
29/8/2000 "Modalita' di liquidazione/erogazione dei contributi -                
Direttive stralcio per l'avvio della nuova programmazione 2000/2006"            
e successive modificazioni/integrazioni;                                        
- n. 1639 del 3 ottobre 2000 "Presa d'atto del POR Ob. 3 - Fondo                
Sociale Europeo periodo 2000/2006 - della Regione Emilia-Romagna",              
esecutiva;                                                                      
- n. 1694 del 10 ottobre 2000, "Approvazione del Complemento di                 
programmazione del POR Ob. 3 - 2000/2006", esecutiva;                           
visto in particolare l'ambito di competenze assegnato, dagli                    
indirizzi regionali succitati, alla Regione e alle Province in merito           
all'integrazione dei sistemi del lavoro, della formazione e                     
dell'istruzione;                                                                
tenuto conto che alla Regione compete il ruolo di indirizzo,                    
promozione, programmazione generale, sulla base di un ampio                     
coinvolgimento delle Province e dei partner economici e sociali, di             
coordinamento, di monitoraggio, controllo e valutazione  dell'intero            
sistema e di anticipazione e sperimentazione di linee e modelli di              
intervento innovativi;                                                          
ritenuto pertanto  necessario focalizzare gli interventi per il                 
periodo 2001/2002 ad azioni connesse agli ambiti propri di                      
programmazione regionale;                                                       
preso atto di quanto contenuto nel materiale di discussione per la              
costruzione del "Documento di politica economico-finanziaria                    
2001/2003" (di seguito denominato DPEF);                                        
visto in particolare il verbale del Comitato di coordinamento                   
interistituzionale  predisposto a seguito delle sedute realizzate nel           
periodo novembre/dicembre 2000 sulla valutazione della programmazione           
approvata per l'anno 2000/2001 e sulle successive linee di                      
operativita' per la programmazione 2001/2002;                                   
ritenuto, con il presente atto, di dare attuazione alle azioni di               
pertinenza regionale cofinanziabili dal FSE espresse nel DPEF sopra             
menzionato, piu' specificatamente a quanto previsto all'interno delle           
schede in esso contenute, di seguito riportate:                                 
- scheda n. 1 del DPEF "Come essere la nuova Regione", in particolare           
per quanto concerne le azioni volte alla qualificazione ed                      
innovazione della PA nel quadro dell'agenda della modernizzazione;              
- scheda n. 8 del DPEF "Sviluppo della persona, promozione sociale e            
solidarieta'", in particolare per quanto concerne azioni per la                 
fruizione dei congedi parentali, azioni rivolte ad immigrati e a                
favore di soggetti a rischio ed in situazione di esclusione sociale;            
- scheda n. 12 del DPEF "Sapere", in particolare per quanto concerne            
azioni per il riconoscimento dei crediti formativi, definizione di              
standard di qualita' dell'offerta formativa, sviluppo di un'offerta             
formativa integrata per l'obbligo formativo e di un'offerta integrata           
e individualizzata di formazione permanente;                                    
- scheda n. 13 del DPEF "Conoscenza", in particolare per quanto                 
concerne lo sviluppo di strumenti di elearning;                                 
- scheda n. 14 del DPEF "Lavoro", in particolare per quanto concerne            
iniziative a favore dei lavoratori atipici, a sostegno alla mobilita'           
geografica del lavoro, a sostegno al collocamento mirato dei                    
disabili, a sostegno ai progetti di pari opportunita' per le donne e            
per facilitare la conciliazione del lavoro con la vita familiare;               
- scheda n. 15 "Sicurezza nelle strade", in particolare per quanto              
concerne azioni di formazione rivolte ai docenti della scuola e della           
formazione professionale a sostegno di progetti sperimentali delle              
scuole anche finalizzati alla formazione dei genitori, azioni di                
formazione rivolte a docenti di scuola guida, azioni di                         
sensibilizzazione e formazione dei giovani;                                     
- scheda n. 16 del DPEF "Sicurezza nei luoghi di lavoro", in                    
particolare per quanto concerne la realizzazione di moduli specifici            
inerenti la sicurezza all'interno di tutti i percorsi formativi di              
accesso al lavoro;                                                              
- scheda n. 17 DPEF "Sicurezza nelle citta'";                                   
- scheda n. 18 "Sicurezza alimentare", in particolare per quanto                
concerne interventi formativi, connessi al progetto "fattorie                   
didattiche", rivolti al mondo della scuola al fine di avvicinare i              
giovani alle realta' rurali e alla conoscenza dei prodotti e dei                
processi produttivi di qualita', attraverso percorsi didattici svolti           
all'interno di aziende agricole;                                                
rilevato che le azioni che col presente atto si attuano relative alle           
schede del DPEF nn. 15, 16 e 17 rappresentano una prima attuazione di           
quanto previsto dalla risoluzione del Consiglio regionale del                   
15/12/2000 in tema di "Sicurezza";                                              
preso atto che il Ministero del Lavoro e della Previdenza sociale con           
la Circolare 92/00 del 29/12/2000, avente ad oggetto "Interventi di             
promozione di piani formativi aziendali, settoriali e territoriali e            
sviluppo della prassi della formazione continua" assegna alla Regione           
Emilia-Romagna la somma di Lire 28.253.646.067 (pari a Euro                     
14.591.790,44);                                                                 
tenuto conto che la medesima Circolare consente alla Regione di                 
destinare la quota di risorse assegnate come segue:                             
- fino ad un massimo del 60%, per il finanziamento di progetti                  
aziendali e pluriaziendali di formazione, gia' presentati alla                  
Regione ai sensi della Circolare ministeriale 30/00 e pervenuti entro           
la data del 27 novembre 2000, se accompagnati da accordo o da parere            
positivo delle organizzazione sindacali dei lavoratori. Parte di tale           
quota potra' essere destinata, secondo la valutazione e le esigenze             
ravvisate dall'Amministrazione, al finanziamento di progetti                    
individuali di formazione secondo i criteri e le modalita' indicati             
nella Circolare gia' indicata;                                                  
- una quota non inferiore al 40%, per il finanziamento, attraverso              
procedure di evidenza pubblica, di Piani formativi aziendali,                   
territoriali e settoriali concordati tra le parti sociali;                      
considerato pertanto che la Regione Emilia-Romagna, in riferimento a            
quanto sopra specificato, intende destinare, con apposito atto:                 
- la somma di Lire 2.800.000.000 (pari a Euro 1.446.079,32) al                  
finanziamento di progetti individuali di formazione sulla base di               
criteri e modalita' indicati nella Circolare 30/00;                             
- la somma di Lire 9.000.000.000 (pari a Euro 4.648.112,09) al                  
finanziamento di progetti di formazione aziendale gia' presentati ai            
sensi della Circolare 30/00, attualmente collocati in graduatoria               
come si evince dalla determinazione del Direttore generale Formazione           
professionale e Lavoro n. 9336 del 2/10/2000;                                   
- la somma di Lire 16.453.646.067 (pari a Euro 8.497.599,03) al                 
finanziamento di nuove attivita' di formazione continua da                      
presentarsi ai sensi della Circolare 92/00 del 29/12/2000;                      
valutata la necessita' di promuovere interventi per lo sviluppo e               
l'occupazione attraverso l'approvazione dell'"Invito a presentare               
progetti da realizzare con il contributo del Fondo sociale europeo              
per il periodo 2001/2002 (Obiettivo 3)", di cui all'Allegato 1),                
comprendente l'Allegato A) "Misure e azioni finanziabili"; l'Allegato           
B) "Contenuto del regime di aiuti alla formazione notificato dalla              
Regione Emilia-Romagna alla Commissione Europea", l'Allegato C)                 
"Piano finanziario, che si allegano quali parti integranti e                    
sostanziali della presente deliberazione";                                      
valutata altresi' la necessita' di promuovere gli interventi di cui             
alla Legge 236/93 sopracitata con l'approvazione dell'Allegato D)               
"Interventi di promozione di piani formativi aziendali, settoriali e            
territoriali e sviluppo della prassi della formazione continua", che            
si allega quale parte integrante e sostanziale della presente                   
deliberazione;                                                                  
tenuto conto che i progetti dovranno essere formulati ed inviati                
secondo le modalita' e nei termini riportati nel succitato Allegato             
1);                                                                             
dato atto che la valutazione dei progetti, di cui al succitato                  
Allegato 1), comprendente gli Allegati A), B) C) e D), verra'                   
effettuata da un Nucleo di valutazione interno all'Assessorato                  
Lavoro, Formazione, Scuola e Universita', che risulta cosi' composto:           
- Valerio Vignoli, Direzione generale "Formazione professionale e               
Lavoro", coordinatore nel Nucleo di valutazione;                                
- Stefania Scorri, Direzione generale "Formazione professionale e               
Lavoro" - Sistema Informativo lavoro, Formazione professionale e                
Scuola (supplente Milko Forni);                                                 
- Paola Zaniboni, Servizio "Formazione professionale" (supplente                
Anita Gaiani);                                                                  
- Nicoletta Molinaro, Servizio "Scuola, Universita' e Integrazione              
dei sistemi formativi" (supplente Maria Grazia Rosa);                           
- Gianluca Sagradini, "Agenzia Emilia-Romagna Lavoro" (supplente                
Patrizia Gigante);                                                              
- Silvia Tolomelli, Servizio "Gestione diretta della attivita' della            
Direzione" (supplente Mariangela Salsini);                                      
specificatamente per la funzione di verbalizzazione e segreteria                
tecnica risulta nominata:                                                       
- Enrica Morandi, Servizio "Gestione diretta della attivita' della              
Direzione";                                                                     
dato atto inoltre:                                                              
- che ogni modifica nella composizione del Nucleo di valutazione,               
fatta salva la natura interservizi del Nucleo stesso, sara' adottata            
con determinazione del Direttore generale al Lavoro e Formazione                
professionale;                                                                  
- che il Nucleo di valutazione potra' essere integrato di competenze            
specifiche richieste dalla natura dei progetti da valutare;                     
considerato che al termine delle istruttorie relative ai progetti               
pervenuti, di cui all'Allegato A) sopra citato, verranno redatte                
delle graduatorie di progetti per Assi e Misure, in ordine di                   
punteggio conseguito, che consentiranno di finanziare le attivita' in           
esse comprese sulla base delle disponibilita' finanziarie e delle               
priorita' programmatiche regionali;                                             
considerato inoltre che al termine delle istruttorie relative ai                
progetti pervenuti relativamente all'Allegato D) sopra citato,                  
verranno redatte delle graduatorie di progetti in ordine di punteggio           
conseguito, finanziabili in base alle risorse disponibili;                      
dato atto che le azioni di cui all'Allegato A), gia' citato,                    
troveranno copertura finanziaria dalla disponibilita' pari a Lire               
12.000.000.000 (pari ad Euro 6.197.482,79) che saranno allocate sul             
Capitolo n. 75161 del Bilancio regionale per l'anno 2001 nonche'                
nell'ambito del Programma operativo Ob. 3 - FSE - 2000/2006, cosi'              
come esplicitato nell'Allegato C) sopra menzionato e potranno                   
eventualmente trovare copertura finanziaria aggiuntiva, in caso di              
particolari azioni innovative e/o sperimentali, sul Capitolo n. 75161           
"Spese per l'attuazione delle iniziative di formazione professionale            
autorizzate direttamente dalla Regione ed attuate dalla stessa e da             
enti, associazioni e fondazioni, convenzionati o non convenzionati,             
comprese le spese connesse agli interventi di diritto alla formazione           
professionale (art. 30, L.R. 24/7/99, n. 19 e successive modifiche)"            
del Bilancio per l'esercizio finanziario 2001;                                  
tenuto conto che:                                                               
- ad integrazione delle attivita' di formazione continua previste               
nell'Allegato A) succitato, si prevedono interventi di promozione di            
piani formativi aziendali, settoriali e territoriali e sviluppo della           
prassi della formazione continua, di cui all'Allegato D) compreso nel           
succitato Allegato 1);                                                          
- che gli interventi di cui al sopra menzionato Allegato D)                     
troveranno copertura finanziaria nella Circolare del Ministero del              
Lavoro e della Previdenza sociale "Interventi di promozione di piani            
formativi aziendali, settoriale e territoriali e sviluppo della                 
prassi della formazione continua" n. 92/00 del 29/12/2000 per un                
ammontare complessivo di Lire 16.453.646.067 (pari a Euro                       
8.497.599,03);                                                                  
vista la deliberazione CIPE dell'8/8/1995 "Criteri e modalita' di               
presentazione e di selezione delle proposte di sovvenzione globale              
finalizzate agli obiettivi dei piani di sviluppo regionale", nonche'            
la "Normativa tecnica concernente l'utilizzo delle sovvenzioni                  
globali per l'attuazione degli interventi cofinanziati dai fondi                
strutturali dell'Unione Europea" allegata alla medesima                         
deliberazione;                                                                  
tenuto conto, inoltre, che il suddetto strumento:                               
- fornisce alla Regione Emilia-Romagna l'occasione di utilizzare una            
strumentazione particolarmente idonea alla sperimentazione,                     
nell'attuazione degli interventi, di forme di compartecipazione                 
diretta con gli operatori economici interessati in prima istanza alla           
realizzazione degli interventi stessi;                                          
- consente di affidare la realizzazione delle misure interessate ad             
un organismo o ad un insieme di organismi che garantiscono la                   
compresenza di tutte le competenze necessarie all'attuazione delle              
misure;                                                                         
- accelera e snellisce i tempi e le procedure di mobilitazione e                
utilizzo delle risorse finanziarie previste per l'attuazione delle              
misure stesse;                                                                  
tenuto infine conto che il QCS Obiettivo 3 - 2000/2006 e il POR                 
Emilia prevedono esplicitamente l'utilizzo della sovvenzione globale            
per la gestione di parte degli interventi inseriti nel P.O.                     
regionale, Asse B, Misura B.1, in particolare per quanto riguarda i             
piccoli sussidi per capitale sociale e che all'attuazione dello                 
strumento si provvedera' con successivo ed apposito atto;                       
considerato altresi' che le iniziative:                                         
- implementazione sistema informativo per la formazione                         
professionale, l'apprendistato, il lavoro, l'istruzione ed il                   
sostegno al piano di accreditamento;                                            
- certificazione delle competenze ed elaborazione di standards                  
formativi: progettazioni di fattibilita' operative sia sul lavoro che           
nella formazione professionale e integrazione fra i sistemi;                    
- affidamento di servizi audit e controlli per l'accreditamento;                
- monitoraggio e valutazione delle politiche del lavoro e della                 
formazione professionale e integrazione con l'istruzione e                      
l'Universita';                                                                  
- comunicazione, informazione e pubblicita' numero verde della                  
formazione professionale, del lavoro, dell'apprendistato e                      
dell'istruzione; siti internet dell'Assessorato;                                
verranno aggiudicate mediante procedura di gara ad evidenza pubblica            
attivata con appositi successivi atti a valere sulle risorse allocate           
nelle Misure A1 - C1 - F2;                                                      
tenuto conto per la Misura C3:                                                  
- che con propria deliberazione n. 2368 del 19 dicembre 2000 e' stato           
approvato l'"Invito a presentare progetti da realizzare con il                  
contributo del FSE per il periodo 2000-2001 Ob. 3 - Misura C 3 -                
Formazione superiore - Integrazione nei percorsi universitari in                
attuazione del POR della Regione Emilia-Romagna - Ob. 3 FSE                     
2000/2006";                                                                     
- che con apposito atto verra' effettuata una chiamata di progetti              
nel settore dello "spettacolo" che terra' conto dei soggetti di                 
riferimento e delle particolarita' connesse al settore stesso con               
riferimento alle risorse allocate nella Misura C3;                              
vista la propria deliberazione 2541/95 con cui sono state fissate le            
direttive per l'esercizio delle funzioni dirigenziali;                          
considerato e sentito il parere degli organi previsti dalla L.R.                
25/98 e precisamente il Comitato interistituzionale e la Commissione            
regionale tripartita sia in ordine alla linee propedeutiche per la              
progettazione FSE che in ordine ai contenuti attuativi della                    
circolare ministeriale Legge 236/93 di cui Allegato D;                          
dato atto:                                                                      
- del parere favorevole espresso dalla Responsabile del Servizio                
Gestione diretta delle attivita'  della Direzione generale, Annuska             
Figna, in merito alla regolarita' tecnica del presente atto, ai                 
sensi dell'art. 4, sesto comma, della L.R. 41/92;                               
- del parere favorevole espresso dal Direttore generale dell'Area               
Formazione professionale e Lavoro, dott.ssa Cristina Balboni, in                
merito alla legittimita' del presente atto, ai sensi dell'art. 4,               
sesto comma, della L.R. 41/92;                                                  
ritenuto di dichiarare la presente deliberazione immediatamente                 
eseguibile, ai sensi dell'art. 49 della Legge 10 febbraio 1953, n. 62           
e successive modificazioni, al fine di dare attuazione a quanto                 
previsto dal POR citato in premessa e garantire il pieno utilizzo dei           
fondi nazionali e comunitari a disposizione della Regione;                      
su proposta dell'Assessore competente per materia;                              
a voti unanimi e palesi, delibera:                                              
1) di approvare l'"Invito a presentare progetti da realizzare con il            
contributo del Fondo Sociale Europeo per il periodo 2001/2002                   
(Obiettivo 3)", di cui all'Allegato 1), comprendente l'Allegato A)              
"Misure e azioni finanziabili", l'Allegato B) "Contenuto del regime             
di aiuti alla formazione notificato dalla Regione Emilia-Romagna alla           
Commissione Europea", l'Allegato C) "Piano finanziario" che si                  
allegano quali parti integranti e sostanziali della presente                    
deliberazione;                                                                  
2) di approvare inoltre l'Allegato D) relativo agli interventi di cui           
alla Legge 236/93 "Interventi di promozione di piani formativi                  
aziendali, settoriali e territoriali e sviluppo della prassi della              
formazione continua", che si allega quale parte integrante e                    
sostanziale della presente deliberazione;                                       
3) di dare atto che per la valutazione dei progetti ci si avvale del            
Nucleo di valutazione regionale come in premessa individuato;                   
4) di dare atto che le attivita' finanziate con le risorse regionali            
saranno gestite e rendicontate con le regole del FSE Ob. 3 2000/2006            
e che tali attivita' potranno essere utilizzate overbooking in sede             
di rendicontazione qualora si realizzassero economie relative alle              
iniziative cofinanziate dal Fondo Sociale Europeo;                              
5) di pubblicare la presente deliberazione, comprensiva dell'Allegato           
1), nel Bollettino Ufficiale della Regione.                                     
A voti unanimi e palesi, delibera inoltre:                                      
di dichiarare la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai            
sensi dell'art. 49 della Legge 10 febbraio 1953, n. 62 e successive             
modificazioni, per le motivazioni espresse in premessa.                         
(Controllata dalla CCARER il 29/1/2001, prot. n. 63/06)                         
(segue allegato fotografato)                                                    

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it