IACP - ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FERRARA

AVVISI DI AGGIUDICAZIONE LAVORI

Licitazione privata semplificata - Avviso pubblico per la qualificazione di imprese cui affidare lavori di importo inferiore a 750.000 Ecu ai sensi dell'art. 23, commi 1 bis e 1 ter, Legge 109/94 modificata dalla Legge 415/98

L'Istituto autonomo case popolari della Provincia di Ferrara con sede           
in Ferrara, Corso Vittorio Veneto n. 7, intende procedere per l'anno            
2000 e per lavori di importo inferiori a 750.000 Ecu, IVA esclusa, ad           
esperimenti di gara a mezzo di "licitazione privata semplificata",              
invitando, per ogni singola gara, concorrenti scelti in osservanza al           
citato art. 23, comma 1 bis, Legge 109/94.                                      
Tipologia lavori: i lavori che questo Ente ha in previsione di                  
affidare nell'anno in corso con il suddetto sistema, riguardano                 
prevalentemente opere di nuova costruzione e di manutenzione                    
straordinaria per le quali verra' richiesta la qualificazione alle              
categorie lavori OG1 od OG11 (ex categorie G1 e G11, DM 15 maggio               
1998, n. 304).                                                                  
Normativa di riferimento: art. 23, Legge 109/94 e successive                    
modifiche ed integrazioni, DPR n. 34 del 25/1/2000 ("Regolamento                
Bargone") e relativa circolare esplicativa n. 182/400/93                        
dell'1/3/2000 Ministero Lavori pubblici.                                        
Requisiti di partecipazione: le imprese interessate devono essere in            
possesso di attestazione di qualificazione rilasciata da una SOA. In            
attesa della piena attuazione del nuovo sistema di qualificazione               
trovano applicazione le norme di cui di cui al citato DPR n. 34:                
- requisiti di ordine generale: vedasi art. 17, DPR n. 34;                      
- requisiti di capacita' tecnica e finanziaria:                                 
a) per i lavori inferiori a 150.000 Euro: vedasi art. 28, DPR n. 34;            
b) per i lavori superiori a 150.000 Euro ed inferiori a 750.000 Euro:           
vedasi art. 31 DPR.                                                             
Circa i concetti di "cifra d'affari in lavori", "costo per il                   
personale", "attrezzatura tecnica" si rinvia alla succitata circolare           
n. 182/400/93.                                                                  
Presentazione domande: i soggetti interessati dovranno presentare               
apposita domanda in bollo nella quale dovra' dichiararsi:                       
- gli eventuali altri enti a cui sono state inviate le domande di               
partecipazione;                                                                 
- di non aver presentato domande in numero superiore a quello                   
indicato dall'art. 23, comma 1 ter, Legge 109/94.                               
La suddetta domanda dovra' inoltre essere corredata dalla                       
documentazione di seguito specificata:                                          
1) autocertificazione redatta ai sensi della Legge 15/68 e successive           
modifiche ed integrazioni con la quale il richiedente dichiara la               
propria cittadinanza ed attesta la sussistenza dei requisiti                    
prescritti dall'art. 17, DPR 34/00;                                             
2) documentazione attestante la cifra d'affari in lavori, costo del             
personale, attrezzatura, lavori eseguiti (se interessati a lavori               
superiori a 150.000 Euro). Circa il dettaglio della predetta                    
documentazione si rinvia al testo della circolare  n.182/400/93 con             
le precisazioni che seguono: - per le dichiarazioni IVA, modelli                
740-750-Unico, bilanci annuali etc. e' ammessa la produzione in copia           
fotostatica; - per i documenti di maggiore consistenza (esempio                 
bilancio) l'impresa istante puo' inoltrare solo le copie delle parti            
contenenti i dati di interesse; l'Istituto potra' richiedere in                 
qualsiasi momento la produzione degli originali per verificare la               
conformita' copia-originale. E' ovviamente fatta salva la                       
possibilita' per l'impresa di produrre estratti autenticati da notaio           
con evidenziazione delle poste prescritte dalla circolare                       
ministeriale. Il quinquennio di riferimento e' dato dalle annualita'            
1994/1998 ovvero 1995/1999 in relazione al momento di inoltro della             
istanza.                                                                        
La documentazione dovra' essere racchiusa in busta chiusa con                   
l'indicazione "Richiesta di partecipare a licitazione privata                   
semplificata per l'anno 2000" e dovra' essere inviata al seguente               
indirizzo: Istituto autonomo case popolari di Ferrara - Corso                   
Vittorio Veneto n. 7 - 44100 Ferrara, a mezzo Servizio postale di               
Stato con raccomandata a.r.                                                     
Modalita' di formazione dell'elenco: si fa presente che l'elenco                
avra' validita' fino al 31 dicembre 2000, sulla base di questo                  
verranno scelti di volta in volta, a rotazione, i concorrenti da                
invitare alle singole licitazioni private. A tal proposito si precisa           
che trovera' applicazione il criterio della temporalita' della                  
presentazione delle domande (in tal senso fa fede la data e l'ora di            
ricevimento delle domande) e coerentemente con tale criterio l'elenco           
comprendera' anche le domande gia' pervenute a tutt'oggi a questo               
Ente.                                                                           
Lo IACP si riserva di adeguare le procedure adottate in base ai                 
chiarimenti ed aggiornamenti normativi che dovessero essere                     
successivamente emanati dalle autorita' preposte.                               
IL DIRETTORE                                                                    
Alfredo Botti                                                                   

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it