IACP - ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

AVVISI DI GARE D'APPALTO

Bando di gara - Pubblico incanto per l'affidamento delle opere murarie e da artieri diversi occorrenti alla manutenzione su segnalazione e su rilascio di singole unita' immobiliari da parte dei rispettivi assegnatari in fabbricati di proprieta' o gestiti dall'Istituto

indetto per venerdi' 9 giugno 2000, alle ore 9, un pubblico incanto             
per l'affidamento delle opere murarie e da artieri diversi occorrenti           
alla manutenzione su segnalazione e su rilascio di singole unita'               
immobiliari da parte dei rispettivi assegnatari in fabbricati di                
proprieta' o gestiti dall'Istituto siti nella provincia di Bologna              
"Zona C", comuni di Borgo Tossignano, Casalfiumanese, Castel del Rio,           
Castel Guelfo, Castel San Pietro Terme, Civitella di Romagna, Dozza             
Imolese, Fontanelice, Imola, Medicina, Monterenzio, Mordano e Ozzano            
Dell'Emilia.                                                                    
1) L'importo complessivo dell'appalto e' di Lire 1.500.000.000 (pari            
ad Euro 774.685,35) a misura, IVA esclusa, cosi' composto:                      
- categoria prevalente OG 1 per Lire 858.000.000, (II classifica);              
ulteriori lavorazioni non appartenenti alla categoria prevalente:               
- categoria OS 28 per Lire 250.000.000 (I classifica);                          
- categoria OS 3  per Lire 235.500.000 (I classifica);                          
- categoria OS 30 per Lire 156.500.000 (I classifica).                          
Dette ulteriori lavorazioni non possono essere eseguite direttamente            
da impresa qualificata per la sola categoria prevalente e il                    
concorrente non qualificato rispetto ad esse dovra' quindi, pena                
l'esclusione, indicarle tra le opere subappaltabili o scorporarle.              
Si segnala infine che nell'appalto sono comprese lavorazioni                    
rientranti nell'ambito di applicazione della Legge 46/90, art. 1,               
lettere a), c), d) ed e) per la cui esecuzione sono quindi richieste            
le relative abilitazioni. Il concorrente, impresa singola o                     
raggruppamento di imprese, dovra' percio' risultare in possesso di              
dette abilitazioni o in alternativa, dichiarare che i relativi                  
interventi verranno subappaltati.                                               
2) La durata dell'appalto e' di diciotto mesi.                                  
3) La gara sara' aggiudicata con il criterio del massimo ribasso                
sull'elenco prezzi, come previsto dall'art. 21 della Legge 11/2/1994,           
n. 109 e successive modificazioni.                                              
In caso di parita' di offerte valide, si procedera' ad estrazione a             
sorte e si procedera' ad aggiudicazione anche in presenza di una sola           
offerta valida.                                                                 
4) Saranno ammesse alla gara imprese riunite, consorzi di cooperative           
di produzione e lavoro e consorzi d'imprese in base alla normativa              
vigente.                                                                        
5) I pagamenti verranno effettuati sulla base di situazioni mensili             
riferite ai soli lavori ultimati entro il mese. Il tutto come piu'              
dettagliatamente specificato nel capitolato speciale di appalto.                
6) L'appalto e' finanziato con rientri da quota parte canoni, fondi             
sede e finanziamenti propri IACP.                                               
7) Le imprese che intendono acquistare il capitolato speciale di                
appalto e l'allegato elenco prezzi, possono farlo presso la sede di             
questo Istituto, Piazza della Resistenza n. 4 - 40122 Bologna -                 
Servizio Tecnico, Ufficio Appalti e Affidamenti, Unita' operativa               
Affidamento appalti, dalle ore 9 alle ore 12,30 di ogni giorno                  
lavorativo, escluso il sabato ed inoltre il martedi' ed il giovedi'             
dalle ore 14,30 alle ore 17, una volta corrisposto il dovuto pari a             
Lire 60.000, IVA. inclusa.                                                      
Detto importo dovra' essere corrisposto:                                        
- a mezzo bonifico in c/c bancario n. 5540 intestato allo IACP di               
Bologna presso Rolo Banca 1473 SpA, filiale di Bologna "19", (cod.              
ABI 3556, cod. CAB 2432), Piazza Azzarita  n.7/G;                               
- mediante versamento presso la cassa dell'Istituto tutti i giorni              
feriali, escluso il sabato, dalle ore 9 alle ore 10,30 ed il giovedi'           
anche dalle ore 16 alle ore 17.                                                 
Qualora l'impresa ne richieda l'invio tramite il Servizio postale,              
dovra' tempestivamente farne richiesta via fax all'Istituto; a detta            
richiesta dovra' essere allegata la ricevuta del bonifico di cui al             
presente punto 7), comprensivo:                                                 
- dell'importo del capitolato richiesto;                                        
- dell'importo dell'elenco prezzi unitari;                                      
oltre al rimborso di Lire 14.600 per spese postali inerenti l'invio             
tramite lettera raccomandata espresso.                                          
Si precisa che il recapito del plico rimane ad esclusivo rischio del            
destinatario ove, per qualsiasi motivo, il plico stesso non giunga a            
destinazione in tempo utile.                                                    
8) Le imprese interessate dovranno far pervenire entro e non oltre le           
ore 12 di mercoledi' 7 giugno 2000 esclusivamente a mezzo di                    
raccomandata postale di Stato, servizio posta celere, recapito                  
autorizzato a mano (solo tramite agenzia e recapito di espressi per             
la citta' di Bologna autorizzati con decreto del Ministero delle                
Poste e Telecomunicazioni) un plico sigillato con ceralacca                     
contenente l'offerta e quanto altro indicato al punto 9), plico sul             
quale, oltre all'indicazione del mittente, deve apporsi chiaramente             
l'oggetto della gara per cui viene presentata offerta.                          
Il plico dovra' essere inviato ad uno dei seguenti indirizzi:                   
- "Al Presidente dell'Istituto autonomo per le case popolari della              
Provincia di Bologna - casella postale n. 1714 - 40100 Bologna" se              
inviato a mezzo di raccomandata postale di Stato;                               
- "Al Presidente dell'Istituto autonomo per le case popolari della              
Provincia di Bologna - Piazza della Resistenza n. 4 - 40122 Bologna"            
se inviato a mezzo di recapito autorizzato a mano, di servizio posta            
celere o corrispondenza in corso particolare.                                   
Resta inteso che il recapito del plico rimane ad esclusivo rischio              
del mittente ove, per qualsiasi motivo, il plico stesso non giunga a            
destinazione in tempo utile.                                                    
9) Il plico di cui al punto 8) che precede, dovra' contenere:                   
A) l'offerta redatta su carta semplice. Detta offerta dovra'                    
esprimere, in cifre ed in lettere, un'unico ribasso percentuale                 
sull'importo a base di gara ed essere sottoscritta con firma                    
leggibile e per esteso dal titolare o dal legale rappresentante                 
dell'impresa offerente. (Per la modulistica utilizzabile, si veda il            
punto 24). In caso di discordanza tra l'indicazione in lettere ed in            
cifre, sara' valida l'indicazione piu' vantaggiosa per                          
l'amministrazione. L'offerta deve essere chiusa in apposita busta               
debitamente sigillata con ceralacca e controfirmata sui lembi di                
chiusura, nella quale non dovranno essere inseriti altri documenti:             
sulla medesima busta sigillata contenente l'offerta deve essere                 
indicato l'oggetto della gara, il nominativo dell'impresa offerente,            
nonche' la dicitura: "contiene offerta". Tale busta sara' quindi                
inclusa nel plico contenente tutti gli altri prescritti documenti che           
dovra' anch'esso essere sigillato con ceralacca sui lembi di chiusura           
ed indicare all'esterno - oltre all'indirizzo di questo Istituto -              
anche l'oggetto della gara ed il nominativo dell'impresa mittente.              
Oltre il termine indicato, non resta valida alcuna altra offerta,               
anche se sostitutiva od aggiuntiva ad offerta precedente, e non si              
fara' luogo a gara di miglioria ne' sara' consentita - in sede di               
gara - la presentazione di altre offerte;                                       
B) istanza di partecipazione alla gara contenente le dichiarazioni              
seguenti: a) di aver preso visione delle norme, modalita' e                     
condizioni della gara contenute nel bando e di accettarle                       
incondizionatamente; b) di essersi recata sui posti dove debbono                
eseguirsi i lavori; c) di aver preso conoscenza di tutte le                     
circostanze generali e particolari che possono aver influito sulla              
determinazione dei prezzi e delle condizioni contrattuali che possono           
incidere sull'esecuzione delle opere, di aver giudicato i prezzi                
medesimi tali da consentire il ribasso che stara' per fare e di                 
possedere l'attrezzatura e la mano d'opera necessarie per l'immediata           
esecuzione dei lavori a partire dalla consegna degli stessi; d) gli             
estremi di iscrizione dell'impresa al competente Registro delle                 
imprese; e) il nominativo ed i dati anagrafici del titolare                     
dell'impresa (in caso di impresa individuale), dei soci (in caso di             
societa' in nome collettivo), dei soci accomandatari (in caso di                
societa' in accomandita semplice), degli amministratori muniti di               
poteri di rappresentanza (per ogni altro tipo di societa'), dei                 
direttori tecnici; f) di essere a diretta conoscenza che: - le                  
persone indicate alla precedente lettera e) hanno cittadinanza                  
italiana o di altro Stato appartenente l'Unione Europea, ovvero                 
residenza in Italia per gli stranieri imprenditori ed amministratori            
di societa' commerciali legalmente costituite, se appartengono a                
Stati che concedono trattamento di reciprocita' nei riguardi di                 
cittadini italiani; - a carico delle persone indicate alla precedente           
lettera e) non sono in corso procedimenti per l'applicazione di una             
delle misure di prevenzione di cui all'art. 3 della Legge 27 dicembre           
1956, n. 1423, o di una delle cause ostative previste dall'art. 10              
della Legge 31 maggio 1965, n. 575; - a carico delle persone indicate           
alla precedente lettera e) non esistono sentenze definitive di                  
condanna passate in giudicato ovvero sentenze di applicazione della             
pena su richiesta ai sensi dell'art. 444 del Codice di procedura                
penale, per reati che incidono sulla moralita' professionale. (Nel              
caso il dichiarante non abbia diretta conoscenza di quanto previsto             
alla presente lettera dovranno essere prodotte idonee dichiarazioni             
sostitutive rese da ciascuna delle persone indicate alla lettera e)             
oppure idonea certificazione, in originale o copia autenticata, e               
cioe': certificati di cittadinanza e residenza, certificati generali            
del Casellario giudiziale, certificato di iscrizione dell'impresa               
alla Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura                 
recante la dicitura di cui all'art. 9, DPR 252/98); g) la sussistenza           
dei restanti requisiti d'ordine generale previsti dall'art. 17 del              
DPR n. 34 del 25 gennaio 2000; h) di essere in regola con le norme              
che disciplinano il diritto al lavoro dei disabili, ai sensi                    
dell'art. 17 della Legge 68/99; i) le abilitazioni possedute                    
dall'impresa ai sensi della Legge 46/90. Come gia' precisato al punto           
1), si ricorda che nell'appalto sono comprese lavorazioni per la cui            
esecuzione e' richiesta l'abilitazione di cui all'art. 1, lettere a),           
c), d) ed e) della citata legge. Nel caso di imprese raggruppate, le            
richieste abilitazioni dovranno essere possedute dalle imprese che              
effettivamente eseguiranno gli interventi. Come gia' precisato al               
punto 1), nel caso il concorrente non possieda, in tutto o in parte             
le abilitazioni richieste, dovra' dichiarare al punto m) che gli                
interventi per i quali non e' abilitato verranno subappaltati; l)               
eventuali societa' che controllino la societa' offerente ai sensi               
dell'art. 2359 Codice civile. Si ricorda che ai sensi dell'art. 10,             
comma 1 bis della Legge 109/94 e successive modificazioni, alla                 
medesima gara non possono partecipare imprese che si trovino tra loro           
in una delle situazioni di controllo di cui all'art. 2359 Codice                
civile. Ove l'ipotesi di compartecipazione venga riscontrata,                   
pertanto, si procedera' all'esclusione, sia della societa'                      
controllata che di quella controllante; m) le opere che l'impresa               
intende subappaltare o concedere in cottimo. Sono subappaltabili                
tutte le lavorazioni indicate al punto 1), con il limite del 30% per            
quelle riconducibili alla categoria prevalente OG 1 (importo Lire               
858.000.000). Si ricorda che, ai sensi della normativa vigente, le              
opere non indicate non potranno formare oggetto di subappalto o                 
cottimo. Si ricorda inoltre che, come precisato alla lettera i) che             
precede e al punto 1), nel caso il concorrente, impresa singola o               
raggruppamento di imprese, non sia in possesso dell'abilitazione di             
cui all'art. 2, Legge 46/90 relativamente agli impianti di cui                  
all'art. 1, lettere a), c), d) ed e), la mancata dichiarazione che              
detti interventi verranno subappaltati comporta esclusione dalla                
gara; n) nel caso di consorzi fra societa' cooperative di produzione            
e lavoro costituiti a norma della Legge 25 giugno 1909, n. 422 e                
successive modificazioni e dei consorzi tra imprese artigiane di cui            
alla Legge 8/8/1985, n. 433, il nominativo dei consorziati per i                
quali il consorzio concorre. Si ricorda che, ai sensi dell'art. 13,             
comma 4 della Legge 109/94 e successive modificazioni, ai consorziati           
indicati e' fatto divieto di partecipare, in qualsiasi altra forma,             
alla gara; o) nel caso di cooperative o consorzi di cooperative, che            
il concorrente e' iscritto nell'apposito Registro prefettizio o nello           
Schedario generale delle cooperative presso il Ministero del Lavoro;            
p) che l'impresa e' in possesso di certificazione di sistema di                 
qualita' conforme alle norme europee della serie UNI EN ISO 9000                
rilasciata da organismi accreditati ai sensi delle norme europee                
della serie UNI CEI EN 45000, ovviamente se l'impresa e'                        
effettivamente in possesso di detta certificazione. Si ricorda che,             
ai sensi dell'art. 8, comma 11 quater della Legge 109/94 e successive           
modificazioni, per le imprese certificate la cauzione provvisoria e             
la garanzia fidejussoria previste rispettivamente dai commi 1 e 2               
dell'art. 30 della citata legge, sono ridotte del 50%. Le imprese non           
certificate, quindi, non godranno del beneficio della riduzione ma              
saranno comunque ammesse alla gara; q) che la cifra di affari in                
lavori realizzata nel quinquennio antecedente la data di                        
pubblicazione del presente bando non e' inferiore a 1,75 volte                  
l'importo a base di gara, ai sensi dell'art. 31, comma 1, lett. a)              
del DPR 34/00; r) l'esecuzione, nel quinquennio antecedente la data             
di pubblicazione del presente bando, regolarmente e con buon esito di           
lavori appartenenti alla categoria prevalente per un importo non                
inferiore al 40% dell'importo base di gara, ai sensi dell'art. 31,              
comma 1, lett. b) del DPR 34/00; s) che: - il costo complessivo                 
sostenuto per il personale dipendente, composto da retribuzione e               
stipendi, contributi sociali e accantonamenti ai fondi di quiescenza,           
non e' inferiore al 15% della cifra di affari in lavori di cui alla             
lett. q) che precede; oppure, - che il costo complessivo sostenuto              
per il personale dipendente assunto a tempo indeterminato non e'                
inferiore al 10% della cifra di affari in lavori, di cui almeno l'80%           
per personale tecnico laureato o diplomato; ai sensi dell'art. 31,              
comma 1, lett. c) del DPR 34/00; t) la dotazione stabile di                     
attrezzatura tecnica, determinata sotto forma di ammortamenti e                 
canoni di locazione finanziaria o di noleggio, per un valore non                
inferiore all'1 % della predetta cifra d'affari in lavori. Detto                
valore dovra' essere costituito per almeno la meta' dagli                       
ammortamenti e dai canoni di locazione finanziaria. L'istanza di                
partecipazione alla gara contenente le dichiarazioni di cui sopra               
dovra' essere autenticata nella firma; in alternativa all'autentica             
della firma dovra' essere allegata fotocopia, ancorche' non                     
autenticata, di un documento d'identita' del sottoscrittore. (Per la            
modulistica utilizzabile si veda il punto 24);                                  
C) certificato attestante la presa visione degli elenchi riportanti i           
dati identificativi degli immobili a cui si riferiscono i lavori in             
appalto e le ricevute informazioni riguardo il flusso delle esigenze            
manutentive verificatesi nei precedenti esercizi gestionali e                   
riguardo i contenuti tecnici degli interventi, nonche' la presa                 
visione del capitolato speciale ed elenco prezzi unitari. Tale                  
attestazione sara' rilasciata da un funzionario tecnico del Servizio            
Tecnico, Ufficio Attuazione degli interventi - Unita' operativa                 
Edilizia - III piano della sede IACP nella persona del geom. Giorgi             
Antenore (tel. 0542/31245) previo appuntamento da concordarsi                   
telefonicamente dalle ore 8 alle ore 9, dal lunedi' al venerdi'. Si             
precisa che, anche nel caso in cui l'impresa concorrente abbia                  
acquistato il capitolato speciale e l'elenco prezzi, con le modalita'           
previste al punto 7) che precede, il certificato di attestazione di             
cui alla presente lettera C), debitamente compilato e firmato dal               
funzionario dell'Istituto deve - pena l'esclusione - essere                     
presentato con la documentazione richiesta per la partecipazione alla           
gara;                                                                           
D) documento comprovante la costituzione della cauzione provvisoria             
di Lire 30.000.000, pari al 2% dell'importo dei lavori, che potra'              
essere costituita in uno dei seguenti modi: - in contanti o in titoli           
del debito pubblico o garantiti dallo Stato italiano, al corso del              
giorno del deposito, presso una Sezione di Tesoreria provinciale                
dello Stato italiano; - con fidejussione bancaria, da presentarsi da            
un Istituto di credito all'uopo abilitato in base al DPR 22/5/1956,             
n. 635; - con polizza cauzionale assicurativa, come previsto                    
dall'art. 13 della Legge 3/1/1978, n. 1, rilasciata da impresa di               
assicurazione regolarmente autorizzata all'esercizio del ramo                   
cauzioni, ai sensi dell'art. 1, lettera c) della Legge 10/6/1982, n.            
348 e di cui al DM 15/6/1984 (Gazzetta Ufficiale 19/6/1984, n. 167).            
La fidejussione bancaria o la polizza assicurativa dovra' essere                
corredata dall'impegno del fidejussore a rilasciare la garanzia                 
fidejussoria di cui all'art. 30, comma 2, Legge 109/94 e successive             
modificazioni qualora l'offerente risultasse aggiudicatario. La                 
fidejussione bancaria o la polizza assicurativa dovra' inoltre                  
prevedere espressamente la rinuncia al beneficio della preventiva               
escussione del debitore principale e la sua operativita' entro                  
quindici giorni a semplice richiesta scritta della stazione                     
appaltante. La fidejussione bancaria o la polizza assicurativa dovra'           
infine avere validita' per almeno centottanta giorni dalla data                 
ultima fissata per la presentazione delle offerte. I concorrenti in             
possesso di certificazione di sistema di qualita' conforme alle norme           
europee della serie UNI EN ISO 9000, rilasciata da organismi                    
accreditati ai sensi delle norme europee della serie UNI CEI EN                 
45000, hanno facolta' di costituire cauzione di Lire 15.000.000. Nel            
caso di imprese associate detta certificazione deve essere posseduta            
da ciascuna impresa per poter costituire la cauzione in misura                  
ridotta. La cauzione di cui alla presente lettera D) copre la mancata           
sottoscrizione del contratto per fatto dell'aggiudicatario ed e'                
svincolata automaticamente al momento della sottoscrizione del                  
contratto medesimo. Ai non aggiudicatari la cauzione sara' restituita           
entro 30 giorni dall'aggiudicazione definitiva;                                 
E) nel caso di associazioni temporanee di imprese o di consorzi di              
imprese di cui all'art. 2602 Codice civile: dichiarazione,                      
sottoscritta dalle imprese costituenti il raggruppamento o dal                  
consorzio, indicante la capogruppo e le mandanti e quali parti di               
lavoro ciascuna impresa assumera'. (Per la modulistica utilizzabile,            
si veda il punto 24).                                                           
I requisiti di ammissione alla gara verranno valutati, alla stregua             
della vigente normativa e di quanto indicato nel presente bando,                
sulla base della dichiarazione di cui al presente punto E).                     
10) Per le imprese che concorrono alla gara in associazione                     
temporanea e' richiesta in primo luogo la presentazione della                   
dichiarazione di cui al punto 9, lettera E). Si precisa inoltre che             
le dichiarazioni di cui alla lettera B) del punto 9) devono essere              
presentate necessariamente sia per l'impresa capogruppo che per le              
imprese mandanti: per queste ultime, in particolare, sono richieste             
le dichiarazioni di cui alle lettere B/d), B/e), B/f), B/g), B/h),              
B/i), B/l), B/n), B/o), B/p), B/q), B/r), B/s) e B/t); per la                   
capogruppo sono richieste anche le rimanenti dichiarazioni previste             
alla lettera B) del medesimo punto 9), nonche' la formulazione della            
istanza di partecipazione. L'associazione, inoltre, dovra' far                  
pervenire una scrittura privata autenticata in bollo, o atto pubblico           
notarile, da cui risulti:                                                       
- il conferimento di mandato speciale, gratuito ed irrevocabile, a              
chi legalmente rappresenta l'impresa capogruppo;                                
- l'inefficacia, nei confronti dell'ente appaltante, della revoca del           
mandato stesso per giusta causa;                                                
- l'attribuzione al mandatario, da parte delle imprese mandanti della           
rappresentanza esclusiva, anche processuale, nei confronti dell'ente            
appaltante per tutte le operazioni e gli atti di qualsiasi natura               
dipendenti dall'appalto, anche dopo il collaudo dei lavori, fino alla           
estinzione di ogni rapporto.                                                    
In alternativa alla produzione del mandato speciale di cui sopra, le            
imprese che costituiranno il raggruppamento dovranno sottoscrivere              
congiuntamente l'offerta.                                                       
Detta offerta dovra' contenere l'impegno che, in caso di                        
aggiudicazione, le imprese conferiranno mandato collettivo speciale             
con rappresentanza ad una di esse, da indicare quale capogruppo, la             
quale stipulera' il contratto in nome proprio e delle mandanti.                 
11) Requisiti economico-finanziari e tecnico organizzativi (punto               
9/B), lettere q), r), s) e t) delle imprese singole e delle imprese             
riunite: l'impresa singola sara' ammessa alla gara ove risulti in               
possesso dei requisiti con riferimento alla categoria prevalente ed             
all'importo complessivo a base di gara ovvero con riferimento alla              
categoria prevalente ed alle categorie delle lavorazioni diverse da             
quella prevalente ed ai corrispondenti singoli importi.                         
Per quanto concerne i requisiti delle imprese riunite si precisa che:           
in caso di raggruppamenti orizzontali, la capogruppo e le mandanti              
devono possedere i requisiti nella misura minima, rispettivamente del           
40% e del 10% di quanto richiesto all'impresa singola.                          
In caso di raggruppamenti verticali la capogruppo e le mandanti                 
devono possedere i requisiti in misura non inferiore a quella                   
richiesta per le imprese singole con riferimento, rispettivamente, ai           
lavori della categoria prevalente ed ai lavori delle opere scorporate           
che intendono assumere.                                                         
In ogni caso il raggruppamento deve possedere i requisiti nella                 
stessa misura richiesta per l'impresa singola.                                  
12) Nel caso di offerta presentata da consorzio di imprese costituito           
ai sensi dell'art. 2602 Codice civile, e' richiesta in primo luogo la           
presentazione della dichiarazione di cui al punto 9, lettera E).                
Le dichiarazioni di cui alla lettera B) del punto 9), devono essere             
presentate per tutte le imprese per conto delle quali il consorzio              
presenta offerta.                                                               
Il consorzio oltre alla documentazione di cui alle lettere A), B),              
C), D) ed E) del punto 9) dovra' far pervenire copia autenticata del            
contratto consortile nonche l'estratto autenticato di deliberazione             
dell'Organo amministrativo competente del consorzio, con la quale               
viene stabilito di presentare offerta per la gara in oggetto ed il              
connesso e conseguente mandato collettivo speciale con                          
rappresentanza.                                                                 
La predetta deliberazione e il mandato collettivo speciale dovranno             
inoltre stabilire quali imprese aderenti al consorzio assumeranno               
l'esecuzione dei lavori, specificandosi che le dette imprese in                 
solido con il fondo consortile, saranno tenute a garantire la buona             
esecuzione delle opere stesse, con riferimento sia alla disposizione            
del comma 2 dell'art. 2615 del Codice civile, sia alle disposizioni             
dell'art. 6 della Legge 17/2/1987, n. 80, il quale stabilisce che i             
consorzi d'imprese sono ammessi a partecipare alla gara di appalto              
alle medesime condizioni dei raggruppamenti temporanei di imprese.              
In alternativa alla produzione del contratto consortile, della                  
deliberazione e del mandato, le imprese che costituiranno il                    
consorzio dovranno sottoscrivere congiuntamente l'offerta.                      
Detta offerta dovra' contenere l'impegno che, in caso di                        
aggiudicazione, le imprese conferiranno mandato collettivo speciale             
con rappresentanza ad una di esse, da indicare quale capogruppo, la             
quale stipulera' il contratto in nome proprio e delle mandanti.                 
Per quanto concerne i requisiti richiesi alle imprese per conto delle           
quali il consorzio presenta offerta, si richiama la disciplina                  
dettata al precedente punto 11).                                                
13) In ciascuna gara e' vietato a ogni concorrente di partecipare in            
piu' di un'associazione temporanea o consorzio di imprese ovvero di             
partecipare anche in forma individuale qualora abbia partecipato in             
associazione temporanea o consorzio.                                            
Ai concorrenti indicati dai consorzi tra societa' cooperative di                
produzione e lavoro e dai consorzi tra imprese artigiane ai sensi del           
punto 9), lettera B/n) e' fatto divieto di partecipare, in ogni altra           
forma, alla medesima gara.                                                      
E' infine fatto divieto di partecipare alla medesima gara ad imprese            
che si trovino fra di loro in una delle situazioni di controllo di              
cui all'art. 2359 Codice civile ed alle imprese che abbiano in comune           
uno o piu' legati rappresentanti.                                               
14) Il recapito del plico rimane ad esclusivo rischio del mittente              
ove, per qualsiasi motivo, lo stesso non giunga a destinazione in               
tempo utile.                                                                    
Si fa luogo all'esclusione dalla gara nel caso in cui manchi o                  
risulti incompleto o difforme alcuno dei documenti richiesti al                 
precedente punto 9), lettere A), B), C) e D); nel caso il concorrente           
non risulti in possesso dei requisiti prescritti; nel caso il plico             
non venga recapitato nei termini e con le modalita' prescritte ed in            
ogni altra ipotesi di inottemperanza alle su indicate norme.                    
15) In applicazione dell'art. 10, comma 1 quater, della Legge 109/94            
e successive modificazioni, in ciascuna gara si procedera' a                    
sorteggiare il 10% - arrotondato all'unita' superiore - degli                   
offerenti per i quali sia stata verificata positivamente la                     
documentazione presentata. Effettuato il sorteggio le gare verranno             
sospese e riprese in altra data, previa comunicazione alle imprese              
interessate.                                                                    
Ai concorrenti sorteggiati verra' richiesto di produrre                         
documentazione a comprova dei requisiti di capacita'                            
economico-finanziaria e tecnico-organizzativa, requisiti che verranno           
cosi' comprovati:                                                               
a) il possesso dell'abilitazione di cui all'art. 2, Legge 46/90                 
relativamente agli impianti di cui all'art. 1, lettere a), c), d) ed            
e): con la produzione del certificato di iscrizione alla Camera di              
Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura dal quale risultino            
dette abilitazioni;                                                             
b) la cifra d'affari in lavori relativa all'attivita' diretta: da               
parte delle ditte individuali, delle societa' di persone, dei                   
consorzi di cooperative, dei consorzi tra imprese artigiane e dei               
consorzi stabili con la presentazione delle dichiarazioni annuali               
IVA, corredate da relativa ricevuta di presentazione; da parte delle            
societa' di capitale con la presentazione dei bilanci riclassificati            
in conformita' alle direttive europee e corredati della relativa nota           
di deposito;                                                                    
c) la cifra di affari in lavori relativa all'attivita' indiretta, in            
proporzione alle quote di partecipazione dell'impresa concorrente:              
con la produzione dei bilanci, riclassificati in conformita' alle               
direttive europee corredati dalla relativa nota di deposito, dei                
consorzi di cui all'art. 10, comma 1, lettere e) ed e bis) della                
Legge 11/2/1994, n. 109 e successive modificazioni e delle societa'             
fra imprese riunite dei quali l'impresa stessa fa parte, nel caso in            
cui questi abbiano fatturato direttamente alla stazione appaltante e            
non abbiano ricevuto fatture per lavori eseguiti da parte di soggetti           
consorziati;                                                                    
d) l'esecuzione dei lavori di cui al punto 9/B, lettera r): con i               
certificati di esecuzione dei lavori contenenti l'espressa                      
dichiarazione della stazione appaltante che i lavori sono stati                 
eseguiti regolarmente e con buon esito;                                         
e) il costo complessivo sostenuto per il personale dipendente di cui            
al punto 9/B), lettera s), composto da retribuzione, stipendi,                  
contributi sociali ed accantonamenti ai fondi di quiescenza: con il             
bilancio, corredato dalla relativa nota e riclassificato in                     
conformita' alle direttive europee dai soggetti tenuti alla sua                 
redazione; dai soggetti non tenuti alla redazione del bilancio con la           
presentazione delle dichiarazioni annuali dei redditi corredate da              
relative ricevute di presentazione nonche' con una dichiarazione                
sulla consistenza dell'organico, distinto nelle varie qualifiche, da            
cui desumere la corrispondenza con il costo indicato nei bilanci e              
dai modelli riepilogativi annuali attestanti i versamenti effettuati            
all'INPS e all'INAIL ed alle Casse edili in ordine alle retribuzioni            
corrisposte ai dipendenti e ai relativi contributi;                             
f) l'ammortamento di cui al punto 9/B, lettera t): da parte delle               
ditte individuali e delle societa' di persone con la presentazione              
delle dichiarazioni annuali dei redditi corredate da relativa                   
ricevuta di presentazione e da autocertificazione circa la quota                
riferita alla attrezzatura tecnica; da parte dei consorzi di                    
cooperative, dei consorzi tra imprese artigiane, dai consorzi stabili           
e dalle societa' di capitale con la presentazione dei bilanci                   
riclassificati in conformita' alle direttive europee corredati dalla            
relativa nota di deposito.                                                      
La documentazione richiesta dovra' essere presentata, in originale o            
copia conforme all'originale, entro 10 giorni dalla data di                     
ricevimento della richiesta, pena le conseguenze previste dall'art.             
10, comma 1 quater della Legge 109/94 e successive modificazioni.               
16) L'impresa provvisoriamente aggiudicataria e il concorrente che              
segue in graduatoria, se non sorteggiati, dovranno, entro 10 giorni             
dalla comunicazione dell'Istituto dell'aggiudicazione provvisoria,              
produrre i documenti a comprova dei requisiti richiesti dal bando di            
gara e che l'impresa ha dichiarato di possedere per essere ammessa a            
partecipare alla gara stessa, secondo quanto prescritto nel paragrafo           
precedente.                                                                     
Nel caso la prova non sia fornita o non confermi le dichiarazioni               
rese si applicheranno le sanzioni previste dall'art. 10, comma 1                
quater della Legge 109/94 e si procedera' alla determinazione della             
nuova soglia di anomalia dell'offerta ed alla conseguente eventuale             
nuova aggiudicazione.                                                           
In caso di aggiudicazione ad un raggruppamento temporaneo di imprese            
o ad un consorzio di imprese, tale documentazione dovra' essere                 
fornita per tutte le imprese interessate.17) L'aggiudicazione sara'             
immediatamente impegnativa per l'impresa aggiudicataria, mentre per             
l'Istituto appaltante diverra' esecutiva ad avvenuta approvazione e             
ratifica, a suo giudizio insindacabile, da parte della Commissione              
amministratrice straordinaria, del pubblico incanto stesso e che,               
prima della stipulazione del contratto di appalto:                              
- venga acquisita dall'Istituto la certificazione prevista dalla                
normativa antimafia (DPR 3/6/1998, n. 252);                                     
- venga costituita garanzia fidejussoria, pari al 10% dell'importo              
contrattuale dei lavori, con le modalita' specificate all'art. 30,              
commi 2 e 2 bis della Legge 109/94 e successive modificazioni. Si               
avverte che in caso di ribasso superiore al 20% la cauzione                     
definitiva e' aumentata di tanti punti percentuali quanti sono quelli           
eccedenti il 20%;                                                               
- si sia adempiuto a quanto indicato nei paragrafi precedenti, se non           
sorteggiata prima dell'apertura delle offerte.                                  
18) L'esecuzione delle opere avra' inizio dopo la stipulazione del              
formale contratto di appalto, in esito a consegna, risultante da                
apposito verbale.                                                               
E' facolta' dell'Istituto appaltante procedere in via d'urgenza,                
anche in pendenza della suddetta stipula, alla consegna dei lavori in           
base a quanto previsto dall'art. 337 della Legge 20/3/1865, n. 2248,            
All. F) e dell'art. 10 del Regolamento 25/5/1895, n. 350.                       
Qualora nel giorno fissato e comunicato, l'impresa aggiudicataria non           
si presenti a ricevere la consegna dei lavori, le verra' fissato un             
termine perentorio decorso inutilmente il quale, l'impresa potra'               
essere dichiarata decaduta dall'aggiudicazione.                                 
19) Ove l'impresa definitivamente aggiudicataria dei lavori non                 
addivenisse, entro il termine all'uopo fissato in apposita lettera              
alla stipulazione del formale contratto d'appalto, essa potra' essere           
dichiarata decaduta dall'aggiudicazione.                                        
Gli offerenti potranno svincolarsi dalle proprie offerte decorsi 120            
giorni dalla conclusione delle operazioni di gara, qualora l'Istituto           
non abbia provveduto a deliberare l'aggiudicazione ancorche'                    
provvisoria dell'appalto senza un giustificato motivo.                          
20) L'Istituto si riserva di esercitare la facolta' di cui all'art.             
10, comma 1 ter della Legge 109/94 e successive modificazioni.                  
21) In materia di subappalto o cottimo troveranno applicazione le               
disposizioni dell'art. 18 della Legge 55/90 e successive                        
modificazioni ed integrazioni.                                                  
22) La partecipazione alla gara comporta da parte di ogni impresa               
concorrente l'accettazione di tutte le norme e condizioni sopra poste           
e richiamate.                                                                   
23) L'impresa aggiudicataria, entro 20 giorni dalla stipula del                 
contratto e comunque dietro presentazione di regolare fattura da                
parte dell'Istituto, versera' l'importo delle spese contrattuali, di            
bollo, registrazioni e varie.                                                   
24) La modulistica utilizzabile per formulare l'offerta, l'istanza di           
partecipazione e le dichiarazioni richieste al punto 9/B), le                   
dichiarazioni per le associazioni temporanee ed i consorzi di imprese           
di cui all'art. 2602 Codice civile richieste al punto 9/E), e' a                
disposizione delle imprese e verra' consegnata alle stesse in                   
occasione della visione o dell'acquisto del capitolato, oltre ad                
essere inserita nel sito Internet IACP                                          
(www2.comune.bologna.it/bologna/iacpbo), unitamente al presente                 
bando.                                                                          
25) Ai sensi della Legge 675/96 si informa che i dati forniti dalle             
imprese nel corso del procedimento di affidamento saranno oggetto di            
trattamento in conformita' alle norme vigenti in materia di appalti             
pubblici.                                                                       
IL PRESIDENTE                                                                   
Marco Giardini                                                                  
Scadenza: 7 giugno 2000                                                         

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it