COMUNE DI SALSOMAGGIORE TERME (PARMA)

AVVISI DI GARE D'APPALTO

Bando di gara per l'appalto mediante pubblico incanto dei lavori di: a) variante al tracciato del collegamento tra Via I Maggio e Via Salvo D'Acquisto; b) collegamento tra SS n. 359 in localita' Campore e Via Salvo D'Acquisto. Procedura aperta

La gara e' fissata per mercoledi' 24 maggio 2000, alle ore 10 c.c.              
Ente appaltante: Comune di Salsomaggiore Terme - Piazza Liberta' n. 1           
- Provincia di Parma - tel. 0524/580111 - fax 0524/580199.                      
Criterio di aggiudicazione prescelto: procedura aperta - L'appalto              
sara' aggiudicato mediante pubblico incanto da esperirsi con il                 
criterio del prezzo piu' basso, inferiore a quello posto a base di              
gara, mediante ribasso sull'elenco prezzi posto a base di gara ai               
sensi dell'art. 21 della Legge 11/2/1994, n. 109 cosi' come                     
riformulato dalla Legge 415/98.                                                 
Si procedera' alla valutazione dell'anomalia delle offerte                      
relativamente a tutte le offerte che presentino un ribasso pari o               
superiore alla media aritmetica dei ribassi percentuali di tutte le             
offerte ammesse, con esclusione del dieci per cento, arrotondato                
all'unita' superiore, rispettivamente delle offerte di maggior                  
ribasso e di quelle di minor ribasso, incrementata dello scarto medio           
aritmetico dei ribassi percentuali che superano la predetta media,              
come previsto dall'art. 21, comma 1 bis della Legge 415/98 ed                   
esemplificato dalla circolare Lavori pubblici n. 568/508/331/UL del             
19/4/1999.                                                                      
La procedura di esclusione automatica non verra' effettuata qualora             
il numero delle offerte valide risulti inferiore a cinque. Non sono             
ammesse offerte in aumento. Nel caso di offerte uguali si procedera'            
all'aggiudicazione a norma del comma 2 dell'art. 77 del RD 23/5/1924,           
n. 827.                                                                         
L'Ente si riserva la facolta' di procedere all'aggiudicazione anche             
in presenza di una sola offerta valida. L'aggiudicazione in sede di             
gara mentre sara' immediatamente impegnativa per l'aggiudicatario,              
essa non costituisce la conclusione del contratto che sara' stipulato           
solo dopo l'adozione della determinazione di affidamento definitivo             
da parte del Responsabile del Servizio.                                         
Luogo di esecuzione - Caratteristiche generali dell'opera ed importo            
dei lavori: comune di Salsomaggiore Terme - L'appalto ha per oggetto            
l'esecuzione di tutte le opere e le forniture necessarie per la                 
realizzazione delle seguenti infrastrutture viarie: collegamento tra            
SS n. 359 e Via S. D'Acquisto con realizzazione di ponte sul torrente           
Ghiara, sovrappasso delle linea FS, muri di sottoscarpa e di                    
sostegno, nonche' scavi, demolizioni e movimenti di materie, opere              
d'arte minori, pavimentazioni, lavori diversi, opere in verde,                  
barriere di sicurezza, segnaletica verticale ed orizzontale ed                  
impianti di illuminazione.                                                      
Importo complessivo dei lavori Lire 4.150.000.000 (pari ad Euro                 
2.143.296,13). Importo dei lavori a base d'appalto Lire 2.710.000.000           
(pari ad Euro 1.399.598,20) di cui Lire 54.200.000 (pari ad Euro                
27.991,96), pari al 2% dell'importo dei lavori per oneri per la                 
sicurezza (ex art. 4, DLgs 494/96) non soggetto a ribasso d'asta.               
L'importo a base d'appalto e' cosi' ripartito:                                  
a) collegamento tra SS n. 359 in localita' Campore e Via S.                     
D'Acquisto Lire 2.330.278.332;                                                  
b) variante al tracciato del collegamento Via I Maggio e Via S.                 
D'Acquisto Lire 379.721.668.                                                    
Categoria delle opere: categoria prevalente: OG3 - classifica IV fino           
a Lire 5.000.000.000.                                                           
Ammissione imprese: sono ammessi a partecipare alla gara i soggetti             
in possesso dei requisiti di cui all'art. 8, comma 11 della Legge 11            
febbraio 1994, n. 109, riformulato dalla Legge 18/11/1998, n. 415               
nonche' imprese riunite ai sensi dell'art. 13 della Legge 109/94,               
modificata dalla citata Legge 415/98, con le modalita' ed i requisiti           
indicati nella circolare Ministero dei Lavori pubblici n.                       
182/440/93/2000.                                                                
Termine per l'esecuzione delle opere: il tempo utile per                        
l'ultimazione dei lavori e' stabilito in 540 giorni naturali,                   
successivi e consecutivi decorrenti dalla data del verbale di                   
consegna. Nel tempo contrattuale di cui sopra si e' tenuto conto,               
nella misura delle normali previsioni dell'incidenza di giorni 60 di            
andamento stagionale sfavorevole e, pertanto, per tali giorni non               
potranno essere concesse proroghe per recuperare i rallentamenti e le           
soste.                                                                          
Modalita' di finanziamento dell'opera: l'opera verra' finanziata in             
parte con mutuo di Lire 1.438.000.000, con i fondi del risparmio                
postale, in corso di perfezionamento con la Cassa depositi e prestiti           
ed in parte, per Lire 2.000.000.000 con contributo della Regione                
Emilia-Romagna concesso con deliberazione Giunta regionale n. 1629              
del 21/9/1998 ed in parte con contributo di privati. Le erogazioni da           
parte della Regione Emilia-Romagna avverranno con le modalita'                  
previste dall'art. 14 della L.R. 12/12/1985, n. 29. Il calcolo del              
tempo contrattuale per la decorrenza degli eventuali interessi non              
terra' conto dei giorni intercorrenti tra la spedizione della domanda           
di somministrazione dei fondi alla Cassa depositi e prestiti ed alla            
Regione Emilia-Romagna e la ricezione del mandato presso la Tesoreria           
comunale.                                                                       
Subappalto: e' consentito nel rispetto di quanto previsto dall'art.             
34 della Legge 109/94 cosi' come riformulato dalla Legge 415/98. La             
stazione appaltante non corrispondera', comunque, al subappaltatore o           
cottimista, l'importo dei lavori dagli stessi eseguiti; l'impresa               
aggiudicataria sara' tenuta a trasmettere copia delle fatture                   
quietanzate relative ai pagamenti effettuati a favore del                       
subappaltatore o cottimista entro venti giorni dalla data di ciascun            
pagamento, cosi' come previsto dall'art. 18, comma 3 bis della Legge            
55/90.                                                                          
Svincolo dell'offerta: gli offerenti possono svincolarsi dalla                  
propria offerta trascorsi 120 giorni naturali consecutivi dalla data            
dell'offerta.                                                                   
Informazioni: per informazioni di carattere tecnico le ditte                    
concorrenti potranno rivolgersi all'Ufficio Tecnico comunale nella              
persona del responsabile del procedimento (geom. Giulio Ticchi) nelle           
ore d'ufficio (tel. 0524/580239) e se di carattere amministrativo               
all'Ufficio Contratti (tel. 0524/580132). La documentazione potra'              
essere consultata esclusivamente nei giorni di giovedi' 11 e 18                 
maggio 2000 presso la nuova sede dell'Ufficio Tecnico comunale sita             
presso il Palazzo dei Congressi - Viale Romagnosi n. 7, dalle ore 10            
alle ore 11, come specificato meglio nel punto seguente. Il                     
capitolato speciale d'appalto e gli elaborati tecnici progettuali               
potranno essere comunque ritirati, a cura e spese degli interessati,            
presso la copisteria Eliocopy Snc, sita in  Salsomaggiore Terme, Via            
Riva n. 12 (tel. 0524/571425).                                                  
Norme e modalita' per la partecipazione al pubblico incanto: i pieghi           
contenenti l'offerta e la documentazione amministrativa, dovranno               
essere inseriti in apposito plico, debitamente sigillato con                    
ceralacca e controfirmato sui lembi di chiusura, con l'indicazione              
del mittente e recante sul fronte la dicitura "Offerta per la gara di           
pubblico incanto per l'appalto dei lavori di: a) variante al                    
tracciato del collegamento tra Via I Maggio e Via Salvo D'Acquisto;             
b) collegamento tra SS n. 359 in localita' Campore e Via Salvo                  
D'Acquisto".                                                                    
Il plico dovra' pervenire entro e non oltre le ore 12 del 23 maggio             
2000 indirizzato al Comune di Salsomaggiore Terme - Piazza Liberta'             
n. 1 - Ufficio Contratti.                                                       
La consegna del plico dovra' avvenire esclusivamente a mezzo                    
raccomandata postale espresso o posta celere, con l'avvertenza che              
non saranno presi in considerazione i pieghi che per qualsiasi                  
ragione, non esclusa la forza maggiore od il fatto di terzi, non                
risultino pervenuti a destinazione entro il predetto termine.                   
Si da' atto che in data 24 maggio 2000, alle ore 10, presso la Sala             
consiliare del Comune, sita in Piazza Liberta' n. 1, si procedera'              
alla presa d'atto delle offerte pervenute e, contestualmente,                   
all'estrazione a sorte delle imprese alle quali sara' richiesta la              
presentazione della documentazione, ai sensi dell'art. 10, comma 1              
quater della Legge 109/94, cosi' come riformulato dalla Legge 415/98            
e dal DPR 25/1/2000, n. 34, e che in data 7 giugno 2000, alle ore 10,           
si procedera' al formale espletamento della gara. Si precisa,                   
altresi', che il mancato rispetto dei termini accordati alle imprese            
selezionate per presentare la richiesta documentazione, comportera'             
l'esclusione dalla gara.                                                        
Si rammenta che la prosecuzione della presente procedura d'appalto e'           
comunque subordinata all'ottenimento del mutuo, in corso di                     
perfezionamento, da parte della Cassa depositi e prestiti.                      
Nel plico dovra' essere inclusa la documentazione di seguito                    
indicata:                                                                       
1) offerta, resa sotto forma di dichiarazione redatta in lingua                 
italiana e su carta bollata, contenente l'offerta espressa in                   
percentuale sul dato d'asta, cosi' in cifre come in lettere, senza              
abrasioni o correzioni di sorta, sottoscritta con firma leggibile e             
per esteso dal titolare o legale rappresentante dell'impresa o della            
societa', dell'ente cooperativo, delle imprese facenti parte del                
raggruppamento temporaneo d'impresa o dal legale rappresentante del             
consorzio. L'offerta dovra' essere inserita in apposita busta,                  
sigillata con ceralacca e controfirmata sui lembi di chiusura,                  
recante all'esterno il nominativo del mittente e la dicitura                    
"Offerta", nella quale non dovranno essere inseriti altri documenti.            
L'offerente dovra' indicare nell'offerta, o con dichiarazione                   
accessoria, pero' contestuale all'offerta, le opere che intende                 
affidare a terzi in subappalto od in cottimo (art. 34, Legge 415/98)            
e di aver tenuto conto, nella formulazione dell'offerta, degli oneri            
previsti per i piani della sicurezza fisica dei lavoratori, ai sensi            
dell'ex art. 9 del DPCM 55/91;                                                  
2) cauzione provvisoria dell'importo di Lire 54.200.000, pari al 2%             
dell'importo dei lavori posti a base di gara, da prestarsi nelle                
forme di cui all'art. 2 del DPR 16/7/1962, n. 1063 ed art. 30 della             
Legge 415/98. Tale cauzione dovra' contenere l'impegno del                      
fidejussore a rilasciare la garanzia di cui al comma 2 dell'art. 30             
della Legge 415/98 (cauzione definitiva), qualora risultasse                    
aggiudicatario e dovra' prevedere espressamente la rinuncia al                  
beneficio della preventiva escussione del debitore principale e la              
sua operativita' entro 15 giorni a semplice richiesta della stazione            
appaltante e dovra' avere una validita' di 180 giorni dalla data di             
presentazione dell'offerta;                                                     
3) documentazione amministrativa resa con la presentazione della                
seguente documentazione:                                                        
3.1. una dichiarazione, redatta su carta da bollo competente,                   
autenticata ai sensi dell'art. 20 della Legge 4 gennaio 1968,  n.15,            
ovvero non autenticata purche' unita a copia fotostatica del                    
documento d'identita' del sottoscrittore ai sensi dell'art. 2, comma            
10 della Legge 16/6/1998, n. 191, sottoscritta dal titolare o legale            
rappresentante con la quale l'impresa attesta:                                  
a) di essersi recata sul posto dove devono eseguirsi i lavori e di              
aver preso conoscenza delle condizioni locali, nonche' di tutte le              
circostanze generali e particolari che possono avere influito sulla             
determinazione dei prezzi e delle condizioni contrattuali, e di aver            
giudicato i prezzi medesimi nel loro complesso remunerativi e tali da           
consentire l'offerta che sara' per fare ed altresi' di possedere                
l'attrezzatura necessaria per l'esecuzione dei lavori;                          
b) di accettare l'appalto alle condizioni del capitolato generale               
d'appalto per le opere pubbliche dello Stato, approvato con DPR 16              
luglio 1962, n. 1063 e dell'apposito capitolato speciale d'appalto              
oggetto della gara;                                                             
c) di non trovarsi nelle condizioni di incapacita' di contrattare con           
la pubblica Amministrazione, di cui agli artt. 120 e seguenti della             
Legge 24 novembre 1981, n. 689;                                                 
d) di non trovarsi in nessuna delle condizioni di esclusione dalla              
gara elencate nell'art. 18 del DLgs 406/91 e nell'art. 24, comma 1              
della direttiva 93/97/CEE del 14/6/1993;                                        
e) di accettare, per quanto riguarda la determinazione dei prezzi,              
quanto previsto dall'art. 3 della Legge 8/8/1992, n. 359 e successive           
modificazioni ed integrazioni;                                                  
f) di non essere stata temporaneamente esclusa dalla presentazione di           
offerte in pubblici appalti;                                                    
g) di obbligarsi ad attuare a favore dei lavoratori dipendenti e se             
di cooperative anche verso i soci, condizioni normative e retributive           
non inferiori a quelle risultanti dai contratti di lavoro e dagli               
accordi locali integrativi degli stessi, applicabili alla data                  
dell'offerta alla categoria e nella localita' in cui si svolgono i              
lavori ed a rispettare le norme e procedure previste dalla Legge                
19/3/1990, n. 55, art. 18;                                                      
h) di non essere titolare di altra impresa concorrente nello stesso             
appalto ne' di rivestire in tale altra impresa la carica di legale              
rappresentante o di amministratore munito di rappresentanza ne' di              
essere direttore tecnico di altra impresa partecipante, ne' comunque            
di svolgere funzioni tali da essere in grado di conoscere l'offerta             
di altra impresa concorrente. Dichiara, altresi', che l'impresa                 
partecipante non fa parte con alcuna delle altre imprese                        
partecipanti, di associazioni, raggruppamenti o consorzi di imprese;            
3.2. dichiarazione autenticata ai sensi dell'art. 20 della Legge 4              
gennaio 1968, n. 15, ovvero non autenticata purche' unita a copia               
fotostatica del documento d'identita' del sottoscrittore ai sensi               
dell'art. 2, comma 10 della Legge 16/6/1998, n. 191, sottoscritta dal           
titolare o legale rappresentante dell'impresa concorrente,                      
attestante:                                                                     
a) la cifra d'affari in lavori, realizzata mediante attivita' diretta           
ed indiretta svolta nel quinquennio antecedente la data di                      
pubblicazione del presente bando, non inferiore a 1,75 volte                    
l'importo dell'appalto da affidare (Lire 4.742.500.000) (art. 31,               
comma 1, lett. a) del DPR 25/1/2000, n. 34);                                    
b) l'esecuzione, mediante attivita' diretta ed indiretta svolta nel             
quinquennio antecedente alla data di pubblicazione del presente                 
bando, di lavori appartenenti alla categoria prevalente oggetto                 
dell'appalto di importo non inferiore al 40% di quello da affidare              
(Lire 1.084.000.000) (art. 31, comma 1, lett. b), DPR 25/1/2000, n.             
34);                                                                            
c) di avere sostenuto, nel quinquennio antecedente la data di                   
pubblicazione del presente bando, un costo complessivo sostenuto per            
il personale dipendente non inferiore al 15% della cifra d'affari in            
lavori dichiarata al punto a) precedente (Lire 711.375.000) (art. 31,           
comma 1, lett. c) del DPR 25/1/2000, n. 34);                                    
d) di avere una dotazione stabile di attrezzatura tecnica,                      
determinata sotto forma di ammortamenti e canoni di locazione                   
finanziaria o di noleggio, per un valore non inferiore all'1% della             
cifra d'affari in lavori dichiarata al punto a) precedente (Lire                
47.425.000) (art. 31, comma 1, lett. d) del DPR 25/1/2000, n. 34).              
Il possesso dei requisiti di cui sopra dovra' essere documentato ai             
sensi dell'art. 29 del citato DPR 25/1/2000, n. 34 su richiesta della           
stazione appaltante;                                                            
3.3. attestato di conoscenza degli elaborati progettuali, secondo               
l'apposito modello, rilasciato dall'ingegnere capo o responsabile del           
procedimento dopo la presa visione dei medesimi, che avverra'                   
esclusivamente nei giorni di giovedi' 11 e 18 maggio 2000, dalle ore            
10 alle 11. A tal fine il rappresentante dell'impresa concorrente               
(titolare o dipendente tecnico appositamente delegato) dovra' recarsi           
il giorno prescelto, presso la nuova sede dell'Ufficio Tecnico                  
comunale sita nel Palazzo dei Congressi - Viale Romagnosi n. 7 (tel.            
0524/580250), portando una fotocopia semplice del certificato della             
Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura, se                  
titolare, ovvero delega della ditta dalla quale risulti che e' un               
dipendente tecnico della ditta stessa;                                          
3.4. attestato di avvenuta ricognizione dei luoghi, secondo                     
l'apposito modello, rilasciato dall'ingegnere capo o responsabile del           
procedimento al termine del sopralluogo, che avverra' esclusivamente            
nella giornate di giovedi' 11 e 18 maggio 2000, dalle ore 10 alle 11,           
con le stesse modalita' di cui al punto precedente;                             
3.5. certificato generale del casellario giudiziale di data non                 
anteriore a 6 mesi a quella fissata per la gara, per le imprese                 
individuali il certificato dovra' essere riferito al titolare                   
dell'impresa ed al direttore/i tecnico/i se questi e' persona diversa           
dal titolare. L'impresa potra' produrre tale certificato anche in               
copia autentica.                                                                
Per le imprese costituite in societa' commerciali o cooperative il              
certificato dovra' riferirsi al direttore/i tecnico/i ed a tutti i              
componenti della societa' se trattasi di societa' in nome collettivo,           
ai direttore/i tecnico/i ed a tutti i soci accomandatari se trattasi            
di societa' in accomandita semplice, al direttore/i tecnico/i ed agli           
amministratori muniti di poteri di rappresentanza per ogni altro tipo           
di societa' e per i consorzi. L'impresa potra' produrre tali                    
certificati anche in copia autenticata.                                         
In sostituzione del certificato del casellario giudiziale potra'                
essere presentata, da parte di ogni soggetto come sopra indicato, una           
dichiarazione di non avere riportato condanne penali con                        
sottoscrizione autenticata ai sensi dell'art. 20 della Legge 15/68,             
ovvero non autenticata purche' unita a copia fotostatica di un                  
documento d'identita' del sottoscrittore ai sensi dell'art 2, comma             
10 della Legge 16/6/1998, n. 191.                                               
Per la ditte individuali:                                                       
3.6. certificato di iscrizione nel Registro delle imprese rilasciato            
dalla Camera di Commercio di data non anteriore a 6 mesi a quella               
fissata per la gara da cui risulti:                                             
a) il nominativo del titolare della ditta;                                      
b) l'attestazione che la ditta medesima non si trova in stato di                
liquidazione  o di fallimento, che non ha presentato domanda di                 
concordato e che a carico di essa non si sono verificate procedure              
fallimentari nell'ultimo quinquennio anteriore alla suddetta data.              
Per le societa' commerciali, le cooperative ed i loro consorzi ed i             
consorzi fra ditte artigiane:                                                   
3.7. certificato di iscrizione nel Registro delle imprese rilasciato            
dalla Camera di Commercio di data non anteriore a sei mesi a quella             
fissata per la gara, da cui risultino:                                          
a) il nominativo della o delle persone che legalmente rappresentino             
la societa';                                                                    
b) l'attestazione, da richiedere espressamente, che la societa'                 
stessa non si trova in stato di liquidazione o di fallimento, che non           
ha presentato domanda di concordato e che, a carico di essa, non si             
sono verificate procedure di fallimento o di concordato nel                     
quinquennio anteriore alla suddetta data.                                       
In sostituzione delle certificazioni di cui ai punti 3.6. e 3.7.                
potra' essere presentata una dichiarazione in carta legale,                     
sottoscritta dal legale rappresentante, di data non anteriore a                 
quella della gara, dalla quale risulti la composizione della societa'           
e che la stessa non si trova in stato di liquidazione, fallimento e             
non abbia presentato domanda di concordato; dalla stessa deve anche             
risultare se procedure di fallimento o concordato si siano verificate           
nel quinquennio anteriore alla data stabilita per la gara; la stessa            
dev'essere completata con il nominativo della persona designata a               
rappresentare ed impegnare legalmente la societa' stessa.                       
Per tutti i consorzi:                                                           
- dichiarazione in carta libera recante l'elenco delle imprese                  
consorziate;                                                                    
- dichiarazione in carta libera indicante il nominativo delle imprese           
consorziate per le quali partecipa alla presente gara ai sensi                  
dell'art. 13, ultimo capoverso, comma 4 della Legge 415/98.                     
Per i soli consorzi di cooperative: certificato dello schedario                 
generale della cooperazione.                                                    
Per le societa' cooperative: certificato d'iscrizione nel Registro              
prefettizio.                                                                    
Riunioni d'imprese: per cio' che concerne le imprese riunite si fa              
riferimento a quanto previsto dall'art. 13 della Legge 18/11/1998, n.           
415 con le modalita' ed i requisiti indicati nella circolare                    
ministeriale Lavori pubblici n. 182/400/93/2000.                                
In caso di aggiudicazione dovra' essere presentato:                             
a) il mandato collettivo speciale con poteri di rappresentanza                  
conferito all'impresa mandataria o capogruppo da indicare, comunque             
in sede di offerta, risultante da scrittura privata autenticata e               
conforme alle prescrizioni di cui all'art. 23 del DL 19 dicembre                
1991, n. 406;                                                                   
b) la procura relativa al mandato di cui alla precedente lett. a)               
risultante da atto pubblico nei confronti del legale rappresentante             
dell'impresa capogruppo.                                                        
La documentazione amministrativa e la cauzione provvisoria dovranno             
essere inserite in apposita busta sigillata con ceralacca e                     
controfirmata sui lembi di chiusura, recante all'esterno il                     
nominativo del mittente e la dicitura "Documentazione                           
amministrativa".                                                                
Ulteriori norme ed avvertenze                                                   
Nella formulazione dell'offerta l'impresa dovra' porre particolare              
attenzione alle condizioni previste nel documento contrattuale                  
"Cronoprogramma" ed alle modalita' di misurazione e messa in opera              
dei materiali da rilevato stradale forniti dall'Amministrazione e               
forniti direttamente dall'impresa.                                              
Abrogazione della revisione prezzi: ai sensi dell'art. 3 della Legge            
11 febbraio 1994, n. 109 non sara' ammesso procedere alla revisione             
dei prezzi contrattuali e non si applichera' il comma 1 dell'art.               
1664 del Codice civile.                                                         
Contratto d'appalto: il contratto d'appalto relativo alla presente              
gara di pubblico incanto, ai sensi dell'art. 19, comma 4 della Legge            
18 novembre 1998, n. 415 sara' stipulato a corpo ed a misura, ai                
sensi delle disposizioni di cui all'art. 329 della Legge 20 marzo               
1865, n. 2248, Allegato F).                                                     
La stipulazione del contratto d'appalto con l'aggiudicatario e'                 
subordinata all'accertamento da parte di questa Amministrazione circa           
l'insussistenza a carico dell'interessato di procedimenti o di                  
provvedimenti di cui all'art. 10 della Legge 31 maggio 1965, n. 575 e           
successive modifiche ed integrazioni ed inoltre all'osservanza da               
parte dell'impresa appaltatrice degli adempimenti previsti dalla                
altre disposizioni antimafia.                                                   
Saranno poste e carico della ditta aggiudicataria tutte le spese                
contrattuali (diritti di segreteria, spese di registrazione, bollo,             
etc.) per le quali l'impresa stessa prima della stipula del                     
contratto, sara' tenuta a costituire adeguato deposito.                         
L'aggiudicataria sara' tenuta a presentarsi all'Ufficio Contratti,              
entro il termine da questi stabilito, per i seguenti adempimenti:               
- deposito spese contrattuali;                                                  
- presentazione del deposito cauzionale definitivo nella misura pari            
al 10% dell'importo contrattuale, ai sensi dell'art. 30, commi 2 e 2            
bis della Legge 415/98;                                                         
- costituzione della polizza assicurativa inerente l'esecuzione dei             
lavori e la sicurezza del cantiere, come previsto dall'art. 30, comma           
3 della richiamata Legge 415/98;                                                
- presentazione della dichiarazione inerente la composizione                    
societaria ai sensi del DPCM 11/5/1991, n. 55;                                  
- stipulazione contratto.In caso di inadempienza ai predetti obblighi           
l'aggiudicatario incorrera' nella decadenza da ogni suo diritto,                
restando comunque salva per l'Amministrazione ogni ulteriore azione             
di risarcimento danni come pure la facolta' di aggiudicare l'appalto,           
al concorrente che segue in graduatoria.                                        
In caso di fallimento o di risoluzione del contratto per grave                  
inadempimento dell'appaltatore, la stazione appaltante puo'                     
interpellare il secondo classificato al fine di stipulare un nuovo              
contratto per il completamento dei lavori alle medesime condizioni              
economiche gia' proposte in sede di offerta. In caso di fallimento              
del secondo classificato la stazione appaltante puo' interpellare il            
terzo classificato e, in tal caso, il nuovo contratto e' stipulato              
alle condizioni economiche offerte dal secondo classificato (art. 10,           
comma 1 ter della Legge 415/98).                                                
Garanzie e coperture assicurative: ai sensi dell'art. 30, comma 2               
della Legge 18/11/1998, n. 415 la ditta aggiudicataria sara'                    
obbligata a costituire una garanzia fidejussoria pari al 10%                    
dell'importo contrattuale dei lavori, che copra gli oneri per il                
mancato o inesatto adempimento contrattuale. La mancata costituzione            
della garanzia determinera' la revoca dell'affidamento e                        
l'acquisizione della cauzione provvisoria da parte di questa                    
Amministrazione. Nel caso l'offerta di gara dovesse presentare un               
ribasso d'asta superiore al 20%, la garanzia di che trattasi sara'              
aumentata di tanti punti percentuali quanti saranno quelli eccedenti            
la predetta percentuale di ribasso.                                             
L'esecutore dei lavori sara' altresi' obbligato a stipulare una                 
polizza assicurativa che tenga indenne l'Amministrazione                        
aggiudicataria da tutti i rischi di esecuzione secondo il dettato del           
comma 3 del citato art. 30 della Legge 415/98, nonche' le polizze               
indicate al comma 4 dello stesso art. 30, se ed in quanto dovute. Le            
condizioni di detta polizza dovranno in ogni caso essere sottoposte             
all'approvazione dell'Amministrazione appaltante.                               
Piano di sicurezza e coordinamento: i lavori di che trattasi sono               
soggetti alle prescrizioni minime di sicurezza e di salute da attuare           
nei cantieri temporanei o mobili ai sensi del DLgs 14/8/1996, n. 494.           
Divieto di corresponsione dell'anticipazione sull'importo                       
contrattuale:  ai sensi dell'art. 5 del DL 28 marzo 1997, n. 79,                
convertito nella Legge 28 maggio 1997, n. 140, non verra' concessa              
all'impresa appaltatrice alcuna anticipazione del prezzo di                     
aggiudicazione dei lavori.                                                      
Restituzione dei documenti: tutti i documenti e certificati                     
presentati all'impresa aggiudicataria saranno trattenuti dalla                  
stazione appaltante. I certificati ed i documenti presentati dalle              
imprese rimaste non aggiudicatarie saranno restituiti, una volta                
effettuata l'aggiudicazione dei lavori; la cauzione provvisoria sara'           
restituita entro trenta giorni dall'aggiudicazione.                             
Gli atti in questione, salvo l'offerta, potranno essere ritirati                
direttamente presso l'Ufficio Contratti.                                        
Consegna dei lavori: la consegna dei lavori all'impresa                         
aggiudicataria verra' effettuata sotto le riserve di legge pur in               
pendenza della formalizzazione del contratto d'appalto.                         
Controversie: qualora insorgano controversie relative all'esecuzione            
del contratto d'appalto troveranno applicazione gli artt. 31 bis e 32           
della Legge 18/11/1998, n. 415.                                                 
Disposizioni finali                                                             
Trascorso il termine fissato per la presentazione delle offerte non             
viene riconosciuta valida alcuna altra offerta anche se sostitutive             
od aggiuntive di offerta precedente. Non sono ammesse le offerte                
condizionate, e quelle espresse in modo indeterminato o con                     
riferimento ad offerta relativa ad altro appalto. In caso di                    
discordanza tra l'offerta indicata in cifre e quella in lettere, e'             
ritenuta valida l'indicazione piu' vantaggiosa per l'Amministrazione.           
Non si dara' corso all'apertura del plico che non risulti pervenuto             
entro le ore 12 del giorno di scadenza del termine di consegna o che            
risulti pervenuto con modalita' diverse da quelle prescritte o sul              
quale non sia apposto il mittente, la scritta relativa alla                     
specificazione dei lavori oggetto della gara, non sia sigillato con             
ceralacca e non sia controfirmato sui lembi di chiusura.                        
Non sara' ammessa alla gara l'offerta nel caso che manchi o risulti             
incompleto od irregolare alcuno dei documenti richiesti; parimenti              
determina l'esclusione dalla gara il fatto che l'offerta non sia                
contenuta nell'apposita busta interna debitamente sigillata con                 
ceralacca e controfirmata sul lembi di chiusura e recante                       
l'indicazione del mittente e l'oggetto della gara.                              
Si avverte che i documenti da presentare dovranno essere prodotti               
nella prescritta carta da bollo, ad eccezione di quelli per i quali             
il bollo e' esplicitamente escluso o per i quali, venga assolto in              
modo virtuale.                                                                  
I documenti non in regola con le disposizioni sul bollo non                     
comportano esclusione dalla gara; sara' consentita la successiva                
regolarizzazione.                                                               
L'Amministrazione appaltante si riserva la facolta' insindacabile di            
non dar luogo alla gara o di rinviarne la data senza che i                      
concorrenti possano accampare pretese al riguardo.                              
Per quanto non espressamente previsto nel presente invito, si fa                
rinvio alle leggi ed ai regolamenti in materia di lavori pubblici,              
nonche' alle norme del capitolato generale del Ministero dei Lavori             
pubblici approvato con DPR 16 luglio 1962,  n.1063 ed a quelle del              
capitolato speciale d'appalto, facente parte del progetto esecutivo             
dei lavori.                                                                     
Ai sensi dell'art. 10 della Legge 675/96 si informa che:                        
a) i dati personali forniti e raccolti in occasione del presente                
procedimento verranno utilizzati esclusivamente in funzione e per i             
fini dello stesso procedimento, il trattamento dei dati conferiti dai           
partecipanti alla gara ha la finalita' di consentire l'accertamento             
dell'idoneita' dei concorrenti rispetto all'affidamento dei lavori di           
cui trattasi;                                                                   
b) il conferimento dei dati richiesti ha natura facoltativa; un                 
eventuale rifiuto a rendere le dichiarazioni previste comportera'               
l'esclusione dalla procedura di gara;                                           
c) i dati raccolti potranno essere oggetto di comunicazione: - al               
personale dipendente dell'ente responsabile in tutto od in parte del            
procedimento e comunque coinvolto per ragioni di servizio; - agli               
eventuali soggetti esterni dell'ente comunque coinvolti nel                     
procedimento; - alla commissione di gara; - ai concorrenti in gara; -           
ai competenti uffici pubblici in esecuzione delle vigenti                       
disposizioni di legge; - agli altri soggetti aventi titolo ai sensi             
della Legge 241/90;                                                             
d) soggetto attivo della raccolta dei dati e' l'Amministrazione                 
aggiudicatrice.                                                                 
IL SINDACO  IL SEGRETARIO COMUNALE                                              
Adriano Grolli  Giorgio Lovili                                                  
Scadenza: 23 maggio 2000                                                        

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it