COMUNE DI RICCIONE (RIMINI)

AVVISI DI GARE D'APPALTO

Bando per l'affidamento, a licitazione privata, dei lavori di: 1) restauro e cambio di destinazione "Villa Lodi Fe'" in Via Delle Magnolie; 2) prolungamento del parco di Via Ortona

Stazione appaltante: Comune di Riccione (Rimini), Via Vittorio                  
Emanuele II n. 2 - Ufficio Amministrativo, tel. 0541/608265 - fax               
0541/601962, sito Internet www.llpp-riccione.net/bandi.                         
Si rende noto che questo Ente, in esecuzione degli atti: progetto 1)            
Giunta comunale n. 265 del 19/8/1999, progetto 2) Giunta comunale n.            
158 del 29/4/1999, intende affidare i 2 distinti appalti dei lavori             
in oggetto con contratti in parte a corpo ed in parte a misura, per             
gli importi:                                                                    
progetto 1): a base d'asta di Lire 1.280.000.000, Euro 661.064,83               
cat. prevalente OG2 con classifica III fino a Lire 2.000.000.000,               
Euro 1.032.913; importo assoggettabile a ribasso Lire 1.256.000.000,            
Euro 648.669,86; importo per oneri di sicurezza non assoggettabile a            
ribasso Lire 24.000.000, Euro 12.394,96 (ex art. 31, comma 2, Legge             
109/94 e successive modifiche).                                                 
Le opere da eseguire sono cosi' suddivise:                                      
1) categoria prevalente OG2 (ex G2) per un importo di Lire                      
693.898.650, Euro 358.368,74 classifica II (fino a 1 miliardo, Euro             
516.457);                                                                       
2) opere scorporabili: cat. OG1 (ex G1) per un importo di Lire                  
304.252.650, Euro 157.133,38 classifica I (fino a 500 milioni, Euro             
258.228) qualificazione obbligatoria; cat. OG11 (ex G11) per un                 
importo di Lire 281.848.700, Euro 145.562,71 classifica I (fino a 500           
milioni, Euro 258.228) qualificazione obbligatoria;                             
progetto 2): a base d'asta di Lire 1.200.000.000, Euro 619.748,28               
cat. prevalente OG3 con classifica II fino a Lire 1.000.000.000 Euro            
516.457; importo assoggettabile a ribasso Lire 1.199.080.000, Euro              
619.273,14; importo per oneri di sicurezza non assoggettabile a                 
ribasso Lire 920.000, Euro 475,14 (ex art. 31, comma 2, Legge 109/94            
e successive modifiche).                                                        
Le opere da eseguire sono cosi' suddivise:                                      
1) categoria prevalente OG3 (ex G3) per un importo di Lire                      
863.047.000, Euro 445.726,58 classifica II (fino a 1 miliardo, Euro             
516.457);                                                                       
2) opere scorporabili: cat. OG10 (ex G10) per un importo di Lire                
180.740.000, Euro 93.344,42 classifica I (fino a 500 milioni, Euro              
258.228) qualificazione obbligatoria; cat. OS24 (ex S1) per un                  
importo di Lire 156.213.000, Euro 80.677,28 classifica I (fino a 500            
milioni, Euro 258.228); secondo l'All. A e l'art. 3, comma 4, DPR               
34/00; mediante licitazioni private con il criterio del prezzo piu'             
basso, inferiore a quello posto a base d'asta (al netto degli oneri             
per la sicurezza), determinato mediante offerta a prezzi unitari con            
esclusione automatica, ai sensi dell'art. 21, commi 1 e 1-bis, della            
Legge 109/94 e successive modifiche.                                            
Progetto 1): trattasi del restauro di un edificio di interesse                  
storico culturale denominato "Villa Lodi Fe'" tutelato ex Lege                  
1089/39, art. 4 e successive modifiche, allo scopo di ricavarne spazi           
per mostre, conferenze, incontri ed altre attivita' culturali ubicato           
in Via delle Magnolie.                                                          
Progetto 2): trattasi della costituzione di un corridoio di                     
collegamento tra il "parco Guido Rossa" (parco di Viale Ortona) e               
quello del Castello degli Agolanti con l'obiettivo di creare un                 
percorso continuo che dalla citta' si estenda sino alle aree di                 
pregio storico con gli ingressi principali situati il primo su Viale            
Chieti poi su Viale Abruzzi.                                                    
Progetto 1): il termine di esecuzione dai lavori, ai sensi dell'art.            
28 del Capitolato speciale d'appalto (Elab. D1), e' di 360 giorni               
naturali e consecutivi, decorrenti dalla data del verbale di consegna           
degli stessi.                                                                   
Progetto 2): il termine di esecuzione dei lavori, ai sensi dell'art.            
32 del Capitolato speciale d'appalto, e' di 150 giorni naturali e               
consecutivi, decorrenti dalla data del verbale di consegna degli                
stessi.                                                                         
Data l'urgenza, il Comune si riserva la facolta' di procedere, in               
pendenza di contratto ed ai sensi dell'art. 337, secondo comma e                
dell'art. 338 della Legge 20 marzo 1865, n. 2248, All. F, alla                  
consegna dei lavori dopo l'aggiudicazione definitiva.                           
Le opere sono finanziate:                                                       
progetto 1) con emissione di BOC ed i pagamenti in acconto verranno             
erogati ogni qualvolta venga raggiunto l'importo di Lire 250.000.000,           
Euro 129.114,22, al netto delle ritenute e con le modalita' previste            
dall'art. 6 del Capitolato speciale d'appalto (Elab. D1);                       
progetto 2) con emissione di BOC ed i pagamenti in acconto verranno             
erogati ogni qualvolta venga raggiunto l'importo di Lire 300.000.000,           
Euro 154.937,07, al netto delle ritenute e con le modalita' previste            
dall'art. 8 del Capitolato speciale d'appalto.                                  
Non si procedera' all'apertura della busta sino a quando non sara'              
perfezionato il corrispondente finanziamento.                                   
Tale condizione preclude qualsiasi pretesa di ordine economico da               
parte delle ditte offerenti, nel caso di mancata apertura delle buste           
medesime.                                                                       
L'Amministrazione si avvarra' della facolta' di cui all'art. 10,                
comma 1/ter, della Legge 109/94 e successive modifiche.                         
Sono ammesse a partecipare alla gara i soggetti di cui all'art. 10,             
comma 1, della Legge 109/94 e successive modifiche.                             
Per i requisiti delle imprese singole, riunite o da riunire, nel                
rispetto delle previsioni contenute nell'art. 13 della Legge 109/94 e           
successive modifiche, si fara' riferimento a quelli previsti dal                
Regolamento per la qualificazione all'art. 31, DPR  n.34 del                    
25/1/2000, cosi' come ulteriormente specificato dalla lett. b) della            
circolare del Ministero Lavori pubblici dell'1/3/2000, prot. n.                 
182/400/93.                                                                     
Ai fini di cui sopra si precisa che i requisiti richiesti e                     
sottoelencati, che devono essere soddisfatti dalle imprese candidate,           
sono riferiti al quinquennio antecedente la data di pubblicazione del           
presente bando di gara.                                                         
Progetto 1):                                                                    
a) cifra d'affari in lavori, realizzata mediante attivita' diretta e            
indiretta, non inferiore a Lire 2.240.000.000, Euro 1.156.863,45;               
(1,75 volte l'importo globale a base d'asta);                                   
b) esecuzione, mediante attivita' diretta e indiretta, di lavori                
appartenenti alla categoria prevalente oggetto dell'appalto non                 
inferiore a Lire 512.000.000, Euro 264.425,93; (40% dell'importo                
globale a base d'asta);                                                         
c) costo complessivo sostenuto per il personale dipendente, di cui              
all'art. 31, lett. c), DPR 34/00, non inferiore al 15% della cifra              
d'affari in lavori effettivamente realizzata, di cui almeno il 40%              
per personale operaio, computato come previsto all'art. 18, comma 10,           
DPR 34/00;                                                                      
d) dotazione stabile di attrezzatura tecnica, di cui all'art. 31,               
lett. d), DPR 34/00, non inferiore all'1% della cifra d'affari in               
lavori effettivamente realizzata, di cui almeno la meta' costituito             
da ammortamenti e da canoni di locazione finanziaria, determinata               
come previsto dall'art. 18, comma 8, DPR 34/00.                                 
Progetto 2):                                                                    
a) cifra d'affari in lavori, realizzata mediante attivita' diretta e            
indiretta, non inferiore a Lire 2.100.000.000, Euro 1.084.559,49;               
(1,75 volte l'importo globale a base d'asta);                                   
b) esecuzione, mediante attivita' diretta e indiretta, di lavori                
appartenenti alla categoria prevalente oggetto dell'appalto non                 
inferiore a Lire 480.000.000, Euro 247.899,31; (40% dell'importo                
globale a base d'asta);                                                         
c) costo complessivo sostenuto per il personale dipendente, di cui              
all'art. 31, lett. c), DPR 34/00, non inferiore al 15% della cifra              
d'affari in lavori effettivamente realizzata, di cui almeno il 40%              
per personale operaio, computato come previsto all'art. 18, comma 10,           
DPR 34/00;                                                                      
d) dotazione stabile di attrezzatura tecnica, di cui all'art. 31,               
lett. d), DPR 34/00, non inferiore all'1% della cifra d'affari in               
lavori effettivamente realizzata, di cui almeno la meta' costituito             
da ammortamenti e da canoni di locazione finanziaria, determinata               
come previsto dall'art. 18, comma 8, DPR 34/00.                                 
Nel caso in cui le imprese candidate siano gia' in possesso                     
dell'attestazione di qualificazione rilasciata da una SOA, la                   
qualificazione regolata dagli artt. 29 e seguenti del DPR 34/00 non             
trovera' applicazione, essendo esso ammesso alla gara con il solo               
possesso dell'attestato adeguato per categoria e classifica ai valori           
richiesti nel presente bando.                                                   
Di conseguenza la procedura di verifica a campione non si effettuera'           
per le imprese che si presentano in gara esibendo l'attestazione di             
qualificazione rilasciata da una SOA, come specificato dalla lett. c)           
della circolare del Ministero Lavori pubblici dell'1/3/2000, prot. n.           
182/400/93.                                                                     
L'offerta presentata si riterra' vincolante per il concorrente per              
180 giorni decorrenti dalla data di inizio delle gare o relativa alla           
verifica della documentazione presentata.                                       
Le imprese dei Paesi appartenenti all'Unione Europea saranno ammesse            
alle condizioni di cui all'art. 8, comma 11-bis, della Legge 109/94 e           
successive modifiche.                                                           
Si procedera' all'aggiudicazione anche nel caso sia presentata una              
sola offerta valida per ogni appalto. La cauzione provvisoria e' pari           
al 2% della somma a base d'asta di ciascun appalto, la cauzione                 
definitiva e' pari al 10% dell'importo contrattuale di ciascun                  
appalto fatta salva la maggiorazione di cui all'art. 30, comma 2,               
della Legge 109/94 e successive modificazioni.                                  
Tale cauzione e' ridotta del 50% per le imprese in possesso della               
certificazione di sistema di qualita' conforme alle norme europee               
della serie UNI EN ISO 9000, come previsto dall'art. 8, comma                   
11-quater, lett. a), Legge 109/94 e successive modifiche.                       
L'istanza di partecipazione, una distinta per ogni appalto, redatta             
in bollo ed in lingua italiana, dovra' essere spedita, esclusivamente           
per mezzo del Servizio postale di Stato, entro il ventesimo giorno              
dalla data di pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione al           
seguente indirizzo: Comune di Riccione, Ufficio Protocollo, Via                 
Vittorio Emanuela II n. 2 (cap 47838) e dovra' comunque pervenire,              
pena l'esclusione, entro la ore 13,30 del quinto giorno feriale                 
successivo a tale data.                                                         
La busta dovra' indicare la seguente dicitura: richiesta di                     
partecipazione alla gara d'appalto dei lavori di (vedi oggetto, se              
per entrambi, citare i 2 oggetti).                                              
Nella richiesta d'invito, una distinta per ogni appalto, indicante la           
ragione sociale ad il numero di telefono e fax della ditta candidata,           
l'impresa dovra' dichiarare, a pena di esclusione:                              
1) di possedere i requisiti di ordine generale previsti dall'art. 17            
del DPR 34/00 (N.B.: per le societa' commerciali, cooperative e                 
consorzi la presente dichiarazione dovra' essere resa autonomamente             
da parte di tutti i soggetti previsti dal terzo comma, dell'art. 17);           
2) di possedere i requisiti di ordine speciale di cui agli artt. 18 e           
31 del DPR 34/00 nella misura dettagliata dal presente bando, oppure,           
(se in possesso di attestazione di qualificazione rilasciata da una             
SOA), di possedere l'attestato adeguato per categoria e classifica ai           
valori del presente bando;                                                      
3) la non partecipazione alla gara di imprese che si trovino fra di             
loro in una delle situazioni di controllo di cui all'art. 2359 del              
Codice civile, ai sensi dell'art. 10, comma 1-bis, della Legge 109/94           
e successive modificazioni;                                                     
4) la non partecipazione alla medesima gara in piu' di                          
un'associazione temporanea o consorzio, ovvero la non partecipazione            
alla gara anche in forma individuale qualora abbia partecipato alla             
gara stessa in associazione o consorzio, ai sensi dell'art. 13, comma           
4, Legge 109/94 e successive modificazioni;                                     
5) qualora partecipi come consorzio, di cui all'art. 10, comma 1,               
lett. b), Legge 109/94 e successive modifiche, per quali ditte                  
consorziate il consorzio concorre;                                              
6) di essere iscritto alla CCIAA con l'indicazione del numero, della            
data di iscrizione e dell'attivita' specifica d'impresa, nonche' di             
tutti gli altri elementi ivi contenuti;                                         
7) di essere in regola con le norme che disciplinano il diritto al              
lavoro dei disabili (art. 17, Legge 12/3/1999, n. 68).                          
La domanda di partecipazione, una distinta per ogni appalto, dovra'             
essere sottoscritta dal legale rappresentante, nel caso di societa',            
dal titolare della ditta, nel caso di impresa individuale, oppure,              
nel caso di associazione temporanea o consorzio, potra' essere                  
presentata un'unica domanda di partecipazione, sottoscritta da tutti            
i soggetti, legali rappresentanti o titolari della varie ditte                  
componenti l'associazione temporanea od il consorzio e dovra' essere            
corredata dalla fotocopia semplice di un documento di identita', in             
corso di validita', del soggetto e/o dei soggetti che sottoscrivono             
la domanda stessa, pena l'esclusione.                                           
Le lettere d'invito, distinto per ogni appalto, per la partecipazione           
alla gara saranno spedite entro il termine di 120 giorni dalla data             
di pubblicazione del presente bando.                                            
Non potra' essere qualificato il soggetto la cui dichiarazione                  
risulti incompleta o difforme da quanto richiesto. La stessa, se                
priva di bollo competente, verra' trasmessa all'Ufficio del Registro            
per le sanzioni di competenza.                                                  
Ai sensi e per gli effetti della Legge 31/12/1996, n. 675 si informa            
che i dati personali verranno acquisiti dalla stazione appaltante e             
trattati anche con l'ausilio di mezzi elettronici esclusivamente per            
le finalita' connesse alla procedura concorsuale ovvero per dare                
esecuzione ad obblighi previsti dalla legge.                                    
Responsabile unico del procedimento per progetto 1) e' l'arch.                  
Giovanni Morri - tel. 0541/608340; responsabile unico del                       
procedimento per progetto 2) e' l'ing. Eugenio Pantusa - tel.                   
0541/608325.                                                                    
IL DIRIGENTE DEL SETTORE                                                        
Ivo Castellani                                                                  
Scadenza: 29 maggio 2000                                                        

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it