REGIONE EMILIA-ROMAGNA - RESPONSABILE DEL SERVIZIO GESTIONE DIRETTA DELLE ATTIVITA' DELLA DIREZIONE GENERALE LAVORO, FORMAZIONE PROFE

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO DEL 30 ottobre 2000, n. 10408

Finanziamento di attivita' formative di cui all'Allegato B) della deliberazione 213/00 ricomprese nell'ambito Ob. 3 FSE 2000-2002

IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO                                                    
Viste:                                                                          
- la deliberazione di Giunta regionale n. 213 del 16 febbraio 2000,             
esecutiva, recante "Utilizzazione graduatorie aperte di attivita'               
formative di cui alle deliberazioni di Giunta regionale  1105/99,               
2351/99 e 2444/99" ed in particolare l'Allegato B) parte integrante             
della stessa;                                                                   
- la L.R. n. 16 del 28 febbraio 2000 "Bilancio di previsione della              
Regione Emilia-Romagna per l'anno finanziario 2000 e Bilancio                   
pluriennale 2000-2002" pubblicata nel Bollettino Ufficiale n. 37 del            
29 febbraio 2000;                                                               
richiamati:                                                                     
- il Regolamento (CE) n. 1260/1999 del 21 giugno 1999 recante le                
disposizioni generali sui  Fondi strutturali comunitari definendo in            
particolare nuovi obiettivi su cui concentrare l'azione dei Fondi;              
- il Regolamento (CE) n. 1783/1999 del 12 luglio 1999 relativo al               
Fondo europeo di sviluppo regionale;                                            
- il Regolamento (CE) n. 1784/1999 del 12 luglio 1999 relativo al               
Fondo sociale europeo;                                                          
- il Regolamento (CE) n. 1257/1999 del 17 maggio 1999 che definisce             
la nuova azione della Comunita' attraverso la riorganizzazione degli            
strumenti di sostegno allo sviluppo rurale;                                     
- il "Quadro di riferimento per sviluppare le risorse umane,                    
aumentare e migliorare  l'occupazione" trasmesso il 27/9/1999 dal               
Ministero del Lavoro e della Previdenza sociale all'Unione Europea,             
cosi' come previsto dai Regolamenti comunitari sopra citati;                    
- il Piano nazionale del Ministero del Lavoro e della Previdenza                
sociale riguardante le proposte dello Stato membro  nell'ambito                 
dell'Obiettivo 3 nell'Italia centro-settentrionale, per il periodo              
dall'1/1/2000 al 31/12/2006;                                                    
- il Quadro comunitario di sostegno (QCS) Ob. 3 regioni centro nord             
per il periodo 2000/2006, approvato dalla Unione Europea con                    
decisione C/1120 del 18/7/2000;                                                 
richiamate:                                                                     
- la Legge 21/12/1978, n. 845 "Legge quadro in materia di formazione            
professionale e  successive modificazioni";                                     
- la L.R. 24/7/1979, n. 19 "Riordino, programmazione e deleghe della            
formazione professionale" e successive modificazioni;                           
richiamate inoltre le deliberazioni di Giunta regionale, esecutive ai           
sensi di legge:                                                                 
- n. 1802 del 5 ottobre 1999, approvata dal Consiglio regionale con             
atto n. 1280 del  3/11/1999,  di adozione del documento "Quadro di              
riferimento ed orientamenti per un utilizzo coordinato dei fondi                
dell'Unione Europea da parte della Regione Emilia-Romagna per il                
periodo di programmazione 2000-2006";                                           
- n. 1947 del 26 ottobre 1999,  approvata  dal Consiglio regionale              
con atto n. 1275 del 3/11/1999 "Adozione del documento di                       
orientamento per il Programma operativo della Regione Emilia-Romagna            
Ob. 3 - Fondo sociale europeo 2000/2006";                                       
- n. 403 dell'1 marzo 2000, "Approvazione delle linee guida  per                
l'elaborazione  del  complemento  di programmazione regionale Ob. 3             
2000/2006";                                                                     
- n. 1639 del 3/10/2000 "Presa d'atto del Programma operativo -                 
Regione Emilia-Romagna - Ob. 3 - FSE - Periodo 2000/2006";                      
- n. 1475 dell'1 agosto 1997 "Direttive attuative per la formazione             
professionale e per l'orientamento triennio 1997/99" e successive               
modificazioni di cui alla deliberazione di Giunta regionale 528/99;             
- n. 539 dell'1 marzo 2000 "Approvazione direttive regionali stralcio           
per l'avvio della  nuova programmazione 2000/2006" nonche' la                   
determinazione del Direttore generale Formazione professionale e                
Lavoro n. 6398 dell'11 luglio 2000 "Aggiornamento quote di                      
partecipazione finanziaria e indennita' di frequenza - Direttive                
regionali stralcio  per l'avvio della nuova programmazione 2000/2006"           
e n. 8125 del 29/8/2000 "Modalita'  di liquidazione/erogazione dei              
contributi - Direttive stralcio per l'avvio della nuova                         
programmazione 2000/2006";                                                      
- n. 615 dell'1 marzo 2000, "Approvazione  del progetto sistema                 
esternalizzato di tesoreria per i pagamenti per l'attivita' formativa           
nell'ambito del programma Agenda per la modernizzazione regionale" ed           
in particolare il relativo allegato, nel quale sono individuate le              
modalita' di  pagamento esternalizzato con riferimento all'art. 14              
della Convenzione stipulata in data 29/3/2000 tra la Regione                    
Emilia-Romagna e il Tesoriere nonche' le determinazioni del Direttore           
generale Formazione professionale e Lavoro n. 1027 del 15 febbraio              
2000;                                                                           
- n. 2541 del 4 luglio 1995, esecutiva ai sensi di legge, recante               
"Direttive della Giunta regionale per l'esercizio delle funzioni                
dirigenziali";                                                                  
visti:                                                                          
- la deliberazione del CIPE del 5 novembre 1999, n. 174 con la quale            
si approva il  quadro finanziario programmatico 2000-2006 e si                  
definisce il contributo pubblico nazionale a carico del FNR da                  
destinare al cofinaziamento del FSE - Ob. 3 per il periodo 2000-2006,           
ed in particolare si assume a carico dello Stato la quota dell'80%              
della parte a carico dei pubblici poteri nazionali, pubblicata nella            
Gazzetta Ufficiale n. 14 del 19 gennaio 2000;                                   
- il Programma operativo per la Regione Emilia-Romagna, FSE -                   
Obiettivo 3 - periodo 2000-2006, approvato  con decisione C(2000)2066           
del  21 settembre 2000;                                                         
considerato che, in attuazione della citata deliberazione 213/00 si             
e' ora nelle condizioni di finanziare con questo atto le iniziative             
formative ritenute cantierabili di cui all'Allegato B), parte                   
integrante della stessa;                                                        
dato atto:                                                                      
- che i numeri di riferimento P.A. relativi alle attivita' formative            
individuate nell'Allegato B) della  gia' citata deliberazione 213/00            
si riferivano ad attivita' inserite nell'archivio del Sistema                   
informativo 1999 e che, pertanto, trovando ora gli stessi                       
finanziamento nell'anno  2000, occorre attribuire nuovi numeri P.A.             
per permettere l'inserimento nell'archivio del Sistema informativo              
2000, trattandosi del nuovo Programma operativo 2000/2006;                      
- della compatibilita' delle caratteristiche delle sopracitate                  
attivita' con i nuovi  orientamenti comunitari, che le stesse sono              
ricomprese nell'ambito del nuovo Programma operativo regionale                  
Obiettivo 3 periodo 2000-2006 e che sono state attribuite alla Misura           
D.1, secondo le modalita' indicate dallo stesso POR ed individuate              
con i nuovi rif. di P.A. negli Allegati A) e B), parti integranti               
della  presente  determinazione, riscontrabili con i precedenti rif.            
di P.A. anno 1999 indicati nel titolo dell'attivita';                           
- che n. 83 attivita' di cui all'Allegato B) della sopra citata                 
deliberazione 213/00, individuate nell'Allegato A) con valori                   
espressi in Lire e nell'Allegato A) bis con i medesimi valori                   
espressi in Euro, parti  integrante della  presente determinazione, a           
seguito di verifica sullo stato di attuazione delle stesse non sono             
risultate cantierabili, e pertanto ritenute non finanziabili;                   
dato  atto dell'avvenuta costituzione dell'Associazione temporanea di           
impresa per la gestione del progetto con rif. P.A. 2122/99 ora                  
2512/00, presentato dal soggetto gestore "Ex-Novo Srl" con sede in              
Bologna  in  qualita' di mandatario  della costituenda ati tra                  
l'"Ex-Novo Srl" con sede in Bologna, (mandatario), "Innovo Srl" con             
sede  in Bologna, "Pragmatica Srl" con sede in Bologna, "Pragmatica             
Snc di Giovanni Cutini & C." con sede in Bologna e "Franco Fantuzzi &           
C. Snc" con sede in Bologna (mandanti), in data 21 marzo 2000 con               
atto notarile dott. Federico Fasso', notaio in Bologna, come da                 
documentazione depositata agli atti dell'ufficio competente;                    
ritenuto quindi di finanziare, in base alla programmazione delle                
risorse attualmente iscritte a bilancio, n. 167 iniziative risultate            
cantierabili, per un costo complessivo di Lire 11.772.216.000 (pari a           
Euro 6.079.842,17), con un  onere  finanziario a  carico pubblico di            
Lire 9.316.882.000 (pari ad  Euro 4.811.767,99), ricomprese                     
nell'Allegato B), con  valori espressi in Lire e nell'Allegato B) bis           
con i medesimi valori espressi in Euro, parti integranti della                  
presente determinazione, che comprendono da pag. 2 a pag. 26 i dati             
finanziari di approvazione e nel segue di pag. 2 a segue di pag. 26             
dell'Allegato B) i dati progettuali suscettibili di eventuali                   
variazioni che  saranno autorizzati con successivi atti;                        
dato atto che sono stati attivati  gli accertamenti di cui alla Legge           
19 marzo 1990, n. 55 "Nuove disposizioni per la prevenzione della               
delinquenza di tipo mafioso e di altre gravi forme di manifestazioni            
di pericolosita' sociale" e successive modifiche, e nel rispetto di             
quanto previsto dall'art. 1 del DPR 252/98 e che di tale acquisizione           
si dara' atto al momento della liquidazione e relativa                          
regolarizzazione contabile;                                                     
richiamata la deliberazione  di  Giunta regionale n. 187  del                   
10/3/1999 "Approvazione  del Programma operativo Euro e attuazione              
dei progetti ôNormativa' e ôAtti amministrativi'";                              
ritenuto che ricorrano gli elementi di cui all'art. 57, comma 2 della           
L.R. 31/77 e successive modificazioni e che pertanto gli impegni di             
spesa possano essere  assunti con il presente atto per l'ammontare              
complessivo del finanziamento concesso pari a Lire 9.316.882.000                
(pari a Euro 4.811.767,99) sul biennio 2000/2001 in relazione alle              
prevedibili obbligazioni di pagamento che matureranno  sulle                    
annualita' medesime;                                                            
dato atto dei pareri favorevoli al presente provvedimento ai sensi              
dell'art. 4, comma 6, della L.R. 19 novembre 1992, n. 41 e della                
predetta deliberazione 2541/95:                                                 
- di regolarita' tecnica espressa dal Responsabile dell'Ufficio                 
Progettazione Bandi e Verifica e Approvazione progetti, Giovanni                
Gambetta;                                                                       
- di legittimita' del presente provvedimento;                                   
- di regolarita' contabile espresso dal Responsabile del Servizio               
Ragioneria e Credito, dott. Gianni Mantovani,  secondo anche quanto             
disposto con determinazione  del Direttore  generale  Risorse                   
finanziarie e strumentali n. 7350 del 26/9/1996;                                
determina:                                                                      
1) di prendere atto che i numeri di riferimento P.A. relativi  alle             
attivita' formative  individuate nell'Allegato B) della gia' citata             
deliberazione 213/00 si riferivano ad attivita' inserite                        
nell'archivio del Sistema informativo 1999 e che, pertanto, trovando            
ora gli stessi finanziamento nell'anno 2000, sono stati attribuiti              
nuovi numeri P.A. per permettere l'inserimento nell'archivio del                
Sistema informativo 2000, trattandosi del nuovo Programma operativo             
2000/2006, individuati negli Allegati A) e B), parti integranti della           
presente determinazione riscontrabili con i precedenti riferimenti di           
P.A. anno 1999 indicati nel titolo dell'attivita';                              
2) di dare atto che, per i motivi espressi  in premessa, n. 83                  
attivita', di cui all'Allegato B) della  sopra citata deliberazione             
213/00, individuate nell'Allegato A) con valori espressi in Lire e              
nell'Allegato A) bis con i medesimi valori espressi in Euro parti               
integranti della presente determinazione, non sono cantierabili, e              
pertanto non finanziabili;                                                      
3) di finanziare, quindi in ottemperanza a quanto previsto dalla gia'           
citata deliberazione 213/00, n. 167 attivita' formative individuate             
nell'Allegato B) con dati finanziari  espressi in Lire e                        
nell'Allegato B) bis con i medesimi dati espressi in Euro, parti                
integranti della presente determinazione che comprendono da pag. 2 a            
pag. 26 i dati finanziari di approvazione e nel segue di pag. 2 a               
segue di pag. 26 dell'Allegato B) i dati progettuali suscettibili di            
eventuali variazioni che saranno autorizzati con successivi atti, per           
un contributo pubblico complessivo di Lire 9.316.882.000 (pari ad               
Euro 4.811.767,99);                                                             
4) di impegnare la somma complessiva di  Lire 9.316.882.000 (pari ad            
Euro 4.811.767,99) cosi' suddivisa:                                             
- quanto a Lire 2.049.714.000 (pari ad Euro 1.058.588,94) registrata            
al n. 4212 di impegno sul Capitolo 75553 "Interventi per accrescere             
l'occupabilita'  e  la  qualificazione  delle risorse umane, anche              
attraverso lo sviluppo dell'imprenditorialita',  dell'adattabilita'             
delle imprese e dei lavoratori e delle pari opportunita'. Obiettivo             
3. Fondo di rotazione nazionale (Legge 21 dicembre 1978, n. 845,                
Legge 16 aprile 1987, n. 183, art. 9, Legge 19 luglio 1993, n. 236 e            
Reg. CE 1260/99) - Programma operativo regionale  2000-2006 - Mezzi             
statali", (CNI) del Bilancio  per l'esercizio finanziario 2000 che e'           
dotato della necessaria disponibilita';                                         
- quanto a Lire 2.096.298.000 (pari ad Euro 1.082.647,56) registrata            
al n. 4213 di impegno sul Capitolo 75555 "Interventi per accrescere             
l'occupabilita' e la  qualificazione  delle risorse umane, anche                
attraverso lo sviluppo dell'imprenditorialita',  dell'adattabilita'             
delle imprese e dei lavoratori e delle pari opportunita'. Obiettivo             
3. (Regolamento CE 1260/99) - Programma operativo regionale 2000-2006           
- Contributo CE sul FSE." (CNI) del Bilancio per il medesimo                    
esercizio finanziario 2000;                                                     
- quanto a  Lire 512.429.000 (pari ad Euro 264.647,49) registrata al            
n. 4214 di impegno sul Capitolo 75557 "Interventi per accrescere                
l'occupabilita' e la  qualificazione  delle risorse umane, anche                
attraverso lo sviluppo dell'imprenditorialita',  dell'adattabilita'             
delle imprese e dei lavoratori e delle pari opportunita'. Obiettivo             
3. (L.R. 24 luglio 1979, n. 19 e successive modifiche, L.R. 27 luglio           
1998, n. 25, Reg. CE 1260/99) - Programma operativo regionale                   
2000-2006 - Quota Regione." (CNI) del Bilancio per il medesimo                  
esercizio finanziario 2000;                                                     
- quanto a  Lire 2.049.714.000 (pari ad Euro 1.058.588,94) registrata           
al n. 29 di impegno sul capitolo del Bilancio per l'esercizio                   
finanziario 2001, che  sara' dotato  della necessaria disponibilita',           
corrispondente al Capitolo 75553 "Interventi per  accrescere                    
l'occupabilita' e la  qualificazione  delle risorse umane, anche                
attraverso lo sviluppo dell'imprenditorialita',  dell'adattabilita'             
delle imprese e dei lavoratori e delle pari opportunita'. Obiettivo             
3. Fondo di rotazione nazionale (Legge 21 dicembre 1978, n. 845,                
Legge 16 aprile 1987, n. 183, art. 9, Legge 19 luglio 1993, n. 236 e            
Reg. CE 1260/99) - Programma operativo regionale 2000-2006 - Mezzi              
statali",  (CNI) del Bilancio  per l'esercizio finanziario 2000;                
- quanto a  Lire 2.096.298.000 (pari ad Euro 1.082.647,56) registrata           
al n. 30 di impegno sul capitolo del Bilancio per l'esercizio                   
finanziario 2001, che sara' dotato della necessaria disponibilita',             
corrispondente al Capitolo 75555 "Interventi per  accrescere                    
l'occupabilita' e la  qualificazione delle risorse umane, anche                 
attraverso lo sviluppo dell'imprenditorialita',  dell'adattabilita'             
delle imprese e dei lavoratori e delle pari opportunita'. Obiettivo             
3. (Regolamento CE 1260/99) - Programma operativo regionale 2000-2006           
- Contributo CE sul FSE." (CNI) del Bilancio per l'esercizio                    
finanziario 2000;                                                               
- quanto a  Lire 512.429.000 (pari ad  Euro 264.647,49) registrata al           
n. 31 di impegno sul capitolo  del Bilancio per  l'esercizio                    
finanziario 2001 , che sara'  dotato della necessaria disponibilita',           
corrispondente al Capitolo 75557 "Interventi per  accrescere                    
l'occupabilita' e la  qualificazione delle risorse umane, anche                 
attraverso lo sviluppo dell'imprenditorialita',  dell'adattabilita'             
delle imprese e dei lavoratori e delle pari opportunita'. Obiettivo             
3. (L.R. 24 luglio 1979, n. 19 e successive modifiche, L.R. 27 luglio           
1998, n. 25, Reg. CE 1260/99) - Programma operativo regionale                   
2000-2006 - Quota Regione." (CNI) del Bilancio per l'esercizio                  
finanziario 2000;                                                               
5) di dare atto che l'esecutivita' degli impegni per l'esercizio 2001           
di cui al punto precedente rimane subordinata alle norme di gestione            
del bilancio cosi' come previsto dalla L.R. 31/77 modificata dalla              
L.R. 40/94;6) di stabilire che le modalita' gestionali delle                    
iniziative, che con il presente atto si finanziano, sono regolate               
dalle Direttive regionali in materia di formazione professionale                
1997/99 approvate con delibera n. 1475 dell'1 agosto 1999 e                     
successive modificazioni, dalla deliberazione 539/00, dalle                     
determinazioni del Direttore generale Formazione professionale e                
Lavoro 6398/00 e 8125/00 e da successive integrazioni/modificazioni             
in corso di definizione, nonche' da quanto di seguito specificato:              
- le attivita' che qui si finanziano devono terminare, di norma,                
entro il 28 febbraio 2001;                                                      
- il soggetto gestore e' tenuto a comunicare tempestivamente il                 
termine delle attivita' e dovra' presentare all'ufficio competente il           
rendiconto provvisorio delle spese sostenute, entro 30 giorni dal               
termine delle stesse;                                                           
- il mancato rispetto del termine indicato potra' comportare il                 
mancato riconoscimento delle quote accertate a saldo o, in  casi  di            
persistenti inerzie, la revoca  del finanziamento concesso;                     
- le  attivita' di cui alla  presente determinazione sono soggette              
alle  visite ispettive secondo le vigenti  disposizioni regionali,              
nazionali e comunitarie;                                                        
- le variazioni del calendario di attivita' devono essere comunicate            
preventivamente con congruo anticipo;                                           
- variazioni improvvise non sono di norma ammesse  salvo rari ed                
eccezionali casi, debitamente motivati;                                         
- l'accertamento, in sede di  verifica  in itinere, della mancata               
realizzazione del corso puo' comportare l'immediata revoca  del                 
finanziamento pubblico;                                                         
- il  mancato rispetto delle norme  indicate comporta la sospensione            
del corso,  per verificare col soggetto gestore le condizioni per il            
proseguo dell'attivita';                                                        
7) di dare atto che si procedera' con successive determinazioni del             
Responsabile del  Servizio competente per materia, ai sensi della               
L.R. 31/77 cosi' come modificata dalla L.R. 40/94 ed in applicazione            
della deliberazione 2541/95 nel rispetto di quanto precisato al                 
precedente punto 5) e al successivo punto 10):                                  
a) alla liquidazione e regolarizzazione contabile degli importi                 
dovuti con le modalita' indicate nella deliberazione 615/00 citata              
in premessa, nelle  risultanze  dell'analisi organizzativa di                   
dettaglio operata dal gruppo di lavoro costituito con determinazione            
del Direttore generale Formazione professionale e Lavoro n. 1027 del            
15/2/2000 e successive integrazioni nonche' in rapporto alla                    
convenzione in corso di definizione con il Tesoriere della Regione ed           
altri aspetti e procedure anch'essi in corso di definizione;                    
b) all'approvazione del rendiconto finale delle attivita' che con il            
presente atto complessivamente si finanziano sulla base della                   
effettiva realizzazione delle stesse;                                           
8) di dare atto che:                                                            
- viene affidata l'organizzazione e la gestione delle attivita'                 
analiticamente indicate negli Allegati B) e B) bis parti integranti             
della presente determinazione, agli Enti ed imprese individuati negli           
stessi allegati;                                                                
- gli interventi, cosi' come individuati negli Allegati B) e B) bis             
parti integranti della presente determinazione, sono contraddistinti            
da un numero di riferimento,  al quale corrispondono i dati                     
identificativi dell'iniziativa stessa;                                          
- gli interventi, cosi' come  individuati nell'Allegato B) parte                
integrante della presente determinazione, sono coerenti sia sotto gli           
aspetti giuridici sia sotto gli aspetti finanziari con il Quadro                
comunitario di sostegno (QCS) approvato con decisione C/1120 del                
18/7/2000;                                                                      
- relativamente alla quota di  FSE la programmazione regionale e'               
mantenuta all'interno dei finanziamenti assegnati dalla CE sul Fondo            
sociale europeo;                                                                
- relativamente alla quota di cofinanziamento nazionale, la                     
programmazione regionale e' mantenuta all'interno dei finanziamenti             
assegnati dal Ministero del Lavoro, e dal Ministero del Tesoro sul              
Fondo di rotazione nazionale;                                                   
9) di stabilire che il finanziamento delle attivita', riguardanti               
l'Ob. 3 FSE, e' calcolato sul contributo pubblico concesso cosi' come           
segue: per il 45% a carico del FSE, per il 44% a carico del Fondo               
nazionale di rotazione e per l'11% a carico della Regione                       
Emilia-Romagna cosi' come previsto da POR citato in premessa;                   
10) di subordinare  l'esecutivita' della  presente determinazione               
alla verifica  del rispetto  dei vincoli  posti  dalla Legge 55/90 e            
successive modificazioni, citata in premessa di cui si dara' atto nel           
provvedimento di liquidazione e relativa regolarizzazione contabile;            
11) di rilasciare per i corsi individuati nell'Allegato B) parte                
integrante del  presente  atto,  gli attestati  cosi'  come                     
individuati nello stesso mediante le codifiche regionali;                       
12) di dare  atto dell'avvenuta  costituzione  del raggruppamento               
temporaneo d'impresa relativamente al progetto con rif. P.A. 2122/99            
ora 2512/00 tra  "Ex-Novo Srl" con sede  in Bologna, (mandatario),              
"Innovo Srl" con sede in Bologna, "Pragmatica Srl" con sede in                  
Bologna, "Pragmatica Snc di Giovanni Cutini & C." con sede in Bologna           
e "Franco Fantuzzi & C. Snc" con sede in Bologna (mandanti) come                
evidenziato, nell'Allegato C) parte integrante al presente atto, con            
la relativa suddivisione in quote di ciascun soggetto;                          
13) di prendere atto, relativamente a quanto indicato al punto  12)             
che  precede, con  successivi provvedimenti di eventuali variazioni             
nella distribuzione delle  attivita' e delle  quote percentuali di              
spettanza precedentemente definite in fase di presentazione del                 
progetto;                                                                       
14) di stabilire che tutte le attivita' che qui si finanziano devono            
rispettare la  decisione comunitaria n. 1159 del 30 maggio 2000,                
relativa alle azioni informative e pubblicitarie a cura degli Stati             
membri sugli interventi dei fondi strutturali;                                  
15) di pubblicare la presente determinazione  nel Bollettino                    
Ufficiale della Regione Emilia-Romagna affinche' costituisca oggetto            
di  massima divulgazione.                                                       
IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO                                                    
Annuska Figna                                                                   
(segue allegato fotografato)                                                    

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it