IACP - ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

AVVISI DI GARE D'APPALTO

Bando di gara per l'affidamento delle opere murarie, affini e da artieri diversi occorrenti alla costruzione di un edificio per n. 12 alloggi in comune di Bazzano (BO), Lotto 1032/R

Verra' indetta una licitazione privata, da aggiudicarsi con il                  
criterio del massimo ribasso delle opere a blocco forfait previsto              
dall'art. 21, Legge 109/94 e successive modificazioni ed integrazioni           
e con l'applicazione del criterio automatico di esclusione delle                
offerte anomale previsto dal comma 1 bis del citato articolo 21 e dal           
DM Lavori pubblici del 18/12/1997 pubblicato nella Gazzetta Ufficiale           
della Repubblica Italiana - serie generale - del 2/1/1998, per                  
l'affidamento delle opere murarie, affini e da artieri diversi                  
occorrenti alla costruzione di un edificio per n. 12 alloggi in                 
comune di Bazzano (BO), Lotto 1032/R.                                           
L'importo a base di gara e' di Lire 1.383.000.000 a blocco                      
forfait.Responsabile del procedimento e' l'ing. Vincenzo Cosmi.                 
Il progetto e' stato affidato nel marzo 1997.                                   
Finanziamento con fondi di cui alle Leggi 457/78 - 179/92, biennio              
1994/1995.                                                                      
Durata dell'appalto: 480 giorni naturali e consecutivi a partire                
dalla data del verbale di consegna.                                             
Pagamenti: a seguito di situazioni mensili su stato di avanzamento,             
ogni volta che il credito netto dell'impresa raggiungera' l'importo             
di Lire 80.000.000.                                                             
Iscrizione ANC: categoria 2, classe V.                                          
Per l'esecutore d'interventi su impianti di cui all'art. 1, lettere             
a), b), c), d), e) ed f) della Legge 46/90 e' richiesta                         
l'abilitazione relativa.                                                        
Saranno ammesse alla gara imprese non iscritte all'ANC, aventi sede             
in uno Stato della CEE alle condizioni previste dagli artt. 18 e 19             
del DLgs 406/91.                                                                
In materia di subappalti verranno applicate le disposizioni di cui              
all'art. 18 della Legge 55/90 e successive modificazioni ed                     
integrazioni.                                                                   
Saranno ammesse alla gara imprese riunite, consorzi di cooperative di           
produzione e lavoro e consorzi di imprese in base alla normativa                
vigente.                                                                        
vietata la partecipazione contemporanea alla gara di un'impresa a               
titolo individuale e quale componente di un'associazione temporanea o           
di un consorzio di imprese di cui all'art. 2602 C.C.                            
L'impresa singola verra' percio' esclusa dall'invito nel caso venga             
accertato che faccia parte di un'associazione temporanea o di un                
consorzio di imprese di cui all'art. 2602 C.C., anch'essi richiedenti           
l'invito.                                                                       
inoltre vietato all'impresa di fare parte di piu' associazioni                  
temporanee o piu' consorzi di imprese di cui sopra, richiedenti                 
l'invito.                                                                       
Verranno percio' esclusi dall'invito tutti i predetti consorzi di               
imprese e tutte le associazioni temporanee di cui al medesima faccia            
parte.                                                                          
Gli offerenti potranno svincolarsi dalle proprie offerte decorsi 120            
giorni dala data della conclusione delle operazioni di gara, qualora            
l'Istituto non abbia provveduto a deliberare l'aggiudicazione                   
ancorche' provvisoria dell'appalto, senza giustificato motivo.                  
Le imprese interessate dovranno far pervenire all'Istituto - Piazza             
della Resistenza n. 4 - 40122 Bologna (casella postale 1714 - 40100             
Bologna - tel. 051/292111, telefax 051/292658) entro e non oltre le             
ore 12 del 10 marzo 1998, richiesta d'invito in carta semplice                  
corredata, a pena di esclusione, da dichiarazione attestante:                   
A) l'insussistenza dei casi contemplati dall'art. 24, comma 1, della            
Direttiva 93/37/CEE del Consiglio del 14 giugno 1993. La sussistenza            
dei casi di cui al citato art. 24 e' causa di esclusione dalla                  
procedura di affidamento dei lavori di cui al presente bando;                   
B) l'iscrizione all'ANC, per categoria e classe richiesta;                      
C) l'adesione o meno dell'impresa ad un consorzio di imprese di cui             
all'art. 2602 Codice civile e, in caso di risposta affermativa, il              
nominativo del consorzio cui aderisce.                                          
Nel caso di raggruppamenti di imprese, le dichiarazioni di cui alle             
precedenti lettere A), B) e C) devono essere fornite da ciascuna                
impresa.                                                                        
Nel caso di raggruppamenti orizzontali, ciascuna impresa deve essere            
iscritta all'ANC, categoria prevalente 2, per classifica pari ad                
almeno un quinto dell'importo dell'appalto.                                     
In ogni caso la somma degli importi per i quali le imprese sono                 
iscritte deve essere almeno pari all'importo dei lavori da appaltare.           
In caso di raggruppamenti verticali, la capogruppo deve essere                  
iscritta alla categoria 2 per classifica non inferiore alla V.Sono              
scorporabili le seguenti opere:                                                 
5.a) impianti termici,                                                          
     ventilazione e condizionamento  Lire 83.500.000                            
5.b) impianti igienici,                                                         
     idrosanitari e gas  Lire 89.800.000                                        
5.c) impianti elettrici,                                                        
     telefonici, televisivi  Lire 55.000.000                                    
5.d) impianti di ascensore  Lire 40.000.000                                     
Si precisa che l'iscrizione all'ANC dovra' essere necessariamente               
posseduta dalle imprese mandanti che intendano assumere le opere                
scorporabili di cui alle categorie sopra riportate e i cui importi              
superano Lire 75.000.000.                                                       
Per quanto riguarda le imprese mandanti che intendano assumere le               
opere scorporabili i cui importi risultano inferiori a Lire                     
75.000.000 e non siano iscritte all'ANC, dovra' risultare dal                   
certificato di iscrizione al "Registro delle imprese" tenuto presso             
la Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura,                  
l'iscrizione per l'attivita' relativa.                                          
In ogni caso la somma degli importi per i quali le imprese sono                 
iscritte deve essere almeno pari all'importo dei lavori da appaltare.           
Si precisa che si procedera' ad aggiudicazione anche nel caso venga             
presentata una sola offerta valida.                                             
Si avverte che l'impresa, all'atto dell'offerta, dovra' presentare              
una dichiarazione attestante, tra l'altro, di possedere                         
l'attrezzatura e la mano d'opera necessarie per l'immediata                     
esecuzione dei lavori a partire dalla consegna degli stessi.                    
Saranno escluse le domande di partecipazione non conformi alle                  
prescrizioni di cui sopra.                                                      
Le lettere di invito saranno spedite entro 120 giorni dalla data di             
pubblicazione del presente bando.                                               
Le richieste d'invito non vincolano l'Istituto.                                 
IL PRESIDENTE                                                                   
Marco Giardini                                                                  
Scadenza: 10 marzo 1998                                                         

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it