COMUNE DI MODENA

AVVISI DI GARE D'APPALTO

Bando di gara per pubblico incanto - L.R. 8/4/1994, n. 15 - Piano di riordino trasporto pubblico locale - Infrastrutture per il trasporto urbano - Sottostazioni e strutture stradali per linee filoviarie

Il Comune di Modena - con sede in Via Scudari n. 20 - tel. 206111 -             
telefax 222425, indice pubblico incanto per l'appalto dei lavori in             
oggetto (deliberazione della Giunta comunale  n.1866 del 14/11/1997).           
L'incanto verra' esperito il 5/3/1998, alle ore 9,30, presso la                 
Residenza municipale di questo Comune, Via Scudari n. 20, in seduta             
pubblica.                                                                       
Importo a base d'asta: Lire 1.405.196.790, suddiviso fra le seguenti            
categorie di lavori:                                                            
- Lire 705.417.690 per costruzioni e pavimentazioni stradali                    
- Lire 699.779.100 per costruzioni speciali in cemento armato.                  
Criterio di aggiudicazione e modalita' di partecipazione:                       
l'aggiudicazione verra' effettuata mediante pubblico incanto con il             
criterio del massimo ribasso sull'elenco prezzi unitari, ai sensi del           
disposto dell'art. 21 della Legge 109/94, come modificato dal DL                
101/95 e sua Legge di conversione 216/95.                                       
L'Amministrazione comunale procedera' all'esclusione automatica delle           
offerte, ai sensi dell'art. 21, comma 1 bis della Legge 109/94 e                
successive modificazioni ed integrazioni e del DM dei Lavori pubblici           
18/12/1997. L'Amministrazione si riserva altresi' la facolta' di                
sottoporre a verifica, mediante istruttoria, l'offerta aggiudicataria           
ed, eventualmente, anche le altre offerte non escluse.                          
Non sono ammesse offerte in aumento.                                            
Per partecipare alla gara i soggetti interessati dovranno far                   
pervenire all'Amministrazione scrivente - Protocollo generale - Via             
Scudari n. 20 - per posta o a mano purche' entro il termine                     
perentorio del 3/3/1998, ore 12,30, un plico sigillato indicante gli            
estremi della gara e contenente quanto previsto al seguente paragrafo           
"Norme di partecipazione".                                                      
Luogo di esecuzione: Via Villa d'Oro - Via Cesari/Via Cesare Costa -            
campo sportivo Zelocchi - parcheggio Policlinico - magazzino ATCM -             
ex magazzino AMCM.                                                              
Caratteristiche tecniche: l'appalto ha per oggetto l'esecuzione di              
tutti i lavori e le forniture necessarie per:                                   
- realizzazione del capolinea della linea n. 11 della rete                      
filoviaria;                                                                     
- sistemazione e consolidamento di Via Cesari-Via Cesare Costa;                 
- costruzione di n. 4 sottostazioni di conversione di energia                   
elettrica da alternata a continua.                                              
Termine di esecuzione: il tempo utile per l'ultimazione dei lavori e'           
stabilito in giorni 150 continui e naturali a decorrere dalla data              
del verbale di consegna. Si precisa che i lavori si intendono                   
ultimati quando, da apposito verbale, risulteranno soddisfatti tutti            
gli adempimenti contrattuali relativi all'opera, compreso lo                    
smantellamento del cantiere e la relativa pulizia.                              
Per ogni giorno di ritardo nell'esecuzione dei lavori rispetto al               
termine fissato verra' applicata una penale, comprendente anche le              
spese derivanti dal prolungamento della Direzione lavori, di Lire               
1.000.000.                                                                      
Finanziamento: in parte con mutuo del Consorzio Credito Opere                   
pubbliche, in parte con contributo del Consorzio ATCM.                          
Pagamenti: l'impresa avra' diritto a pagamenti in acconto ogni                  
qualvolta il suo credito liquido, al netto del ribasso d'asta e di              
ogni ritenuta prevista dalla normativa vigente, raggiunga la somma di           
Lire 300.000.000.                                                               
Sono ammesse a partecipare imprese singole, associazioni temporanee,            
cooperative e consorzi, nonche' imprese non italiane e quindi non               
iscritte all'Albo nazionale costruttori, aventi sede in uno Stato               
della CEE alle condizioni previste dalla Legge n. 406 del 19/12/1991.           
Sono escluse dalla partecipazione alla gara le imprese che si trovino           
nelle ipotesi di esclusione di cui all'art. 24 della Direttiva CEE              
93/37.                                                                          
fatto obbligo ai soggetti aggiudicatari di trasmettere, entro venti             
giorni dalla data di ciascun pagamento compiuto nei loro confronti,             
copia delle fatture quietanzate relative ai pagamenti da essi                   
aggiudicatari via via corrisposti al subappaltatore o cottimista con            
l'indicazione delle ritenute di garanzia effettuate.                            
Norme di partecipazione                                                         
Le ditte interessate a partecipare dovranno far pervenire entro la              
data di scadenza e con le modalita' di cui sopra un plico sigillato             
indicante gli estremi della gara in oggetto e contenente:                       
1) L'offerta redatta in carta bollata da Lire 20.000, espressa in               
percentuale, sia in cifre che in lettere; in caso di discordanza si             
ritiene valida l'indicazione in lettere, salvo i casi di errore                 
evidente. L'offerta dovra' essere sottoscritta per esteso dagli                 
imprenditori o dai legali rappresentanti delle societa' e dovra'                
essere chiusa in separata busta sigillata e controfirmata sui lembi             
di chiusura.                                                                    
2) Una dichiarazione in carta bollata con la quale l'impresa                    
dichiara: - di essersi recata sul posto dove debbono eseguirsi i                
lavori, di aver preso conoscenza delle condizioni locali, nonche' di            
tutte le circostanze generali e particolari che possono influire                
sull'esecuzione dei lavori e di aver giudicato i prezzi medesimi nel            
loro complesso remunerativi e tali da consentire l'offerta che stara'           
per fare; - che l'offerta tiene conto degli oneri previsti per i                
piani di sicurezza; - di essere in grado di eseguire in proprio,                
mediante maestranze dipendenti, tutte le opere ed i lavori compresi             
nell'appalto o, in alternativa, i lavori o le parti di opere che                
intende subappaltare o concedere a cottimo, indicando da uno a sei              
subappaltatori candidati ad eseguire detti lavori. Nel caso di                  
indicazione di un solo soggetto, all'atto dell'offerta deve essere              
depositata la certificazione attestante il possesso da parte del                
medesimo dei requisiti di cui al numero 4) del comma 3 dell'art. 34             
della citata legge (iscrizione all'Albo nazionale costruttori o alla            
Camera di Commercio, in base all'importo dell'appalto se superiore o            
inferiore a Lire 75.000.000). In materia di subappalto o di cottimo             
si richiama comunque il disposto dell'art. 34 della Legge 109/94 come           
modificato dal DL 101/95 e sua Legge di conversione 216/95. A tal               
fine si precisa che non puo' essere subappaltato piu' del 30% della             
categoria prevalente. Si ricorda, infine, che l'art. 34 della                   
suddetta Legge 109/94 si applica anche alle attivita' che richiedono            
l'impiego di manodopera, quali le forniture con posa in opera e i               
noli a caldo, se singolarmente superiori al 2% dell'importo dei                 
lavori affidati. Le categorie relative alle lavorazioni previste in             
progetto con i relativi importi sono indicate all'art. 3 del                    
Capitolato speciale d'appalto; - di non trovarsi in nessuno dei casi            
di esclusione dalla gara previsti dall'art. 24 della Direttiva CEE              
93/37, cosi' come prevede l'art. 8, comma 7 della Legge 109/94. - Ai            
sensi dell'art. 13, quarto comma, della Legge 109/94, e' fatto                  
divieto ai concorrenti di partecipare alla gara in piu' di                      
un'associazione temporanea o consorzio, ovvero di partecipare alla              
gara in forma individuale qualora partecipi alla gara medesima in               
associazione o consorzio. Con riferimento quindi a tale divieto                 
qualunque tipo di consorzio partecipante (consorzio ex art. 2602                
Codice civile, consorzio ex Lege 422/1909, consorzio ex Lege 443/85,            
consorzio stabile, ecc.) deve allegare alla alla documentazione di              
offerta, a pena di esclusione, l'elenco aggiornato delle imprese                
consorziate e dei consorzi di cui fa parte, debitamente sottoscritto.           
Per quanto sopra si stabilisce che, in caso di rilevata                         
partecipazione contemporanea di consorzi ed imprese loro consorziate,           
si procedera' all'esclusione delle sole imprese consorziate. Sempre             
ai sensi del divieto di cui al citato art. 13 della Legge 109/94, in            
caso di rilevata partecipazione alla gara di una impresa in piu' di             
una associazione temporanea o di contemporanea partecipazione alla              
gara di una impresa sia in forma individuale che in associazione                
temporanea, si procedera' all'esclusione sia di tale impresa che                
della o delle associazioni temporanee a cui tale impresa partecipa. -           
Di avere acquistato gli elaborati tecnici di progetto. Si precisa che           
l'acquisto degli elaborati progettuali e' obbligatorio, pena                    
esclusione dalla gara: detti elaborati potranno essere acquistati               
presso l'Ufficio Amministrativo Traffico Viabilita' Trasporti -                 
Comune di Modena - Via Santi n. 60, previa prenotazione via fax                 
(059/206393) tutte le mattine dalle ore 8,30 alle ore 12,30, versando           
Lire 35.000 presso una qualunque sede o agenzia della "Rolo Banca               
1473" (Tesoriere del Comune di Modena) oppure sul conto corrente                
postale 17367418 intestato a "Comune di Modena - Servizio Tesoreria"            
indicando come causale "Acquisto elaborati infrastrutture per il                
trasporto urbano - sottostazioni e strutture stradali" e consegnando            
copia della ricevuta di versamento all'Ufficio Amministrativo stesso.           
3) Attestazione di avvenuto sopralluogo: si precisa che la ditta                
offerente dovra' effettuare accurata visita del luogo ove dovranno              
svolgersi i lavori, con l'assistenza del tecnico incaricato (ing.               
Nabil El Ahmadie' - tel. 059/206274 o geom. Valter Verrico - tel.               
059/206243), da effettuarsi perentoriamente entro la scadenza del               
pubblico incanto, pena l'esclusione dalla gara; pertanto colui che              
effettuera' la visita dovra' concordare il sopralluogo con uno dei              
detti tecnici, presentarsi munito di apposita delega scritta della              
ditta, da consegnare al tecnico stesso, e compilare con il tecnico              
incaricato lo schema di attestazione di avvenuta visita dei luoghi,             
da allegare, cosi' completato, alla documentazione dell'offerta, a              
pena di esclusione. Si precisa che verra' ammesso esclusivamente un             
delegato per ciascuna ditta. Le informazioni tecniche relative alle             
opere potranno essere richieste in occasione del sopralluogo di cui             
sopra all'ing. Nabil El Ahmadie' o geom. Valter Verrico.                        
4) Certificato di iscrizione all'Albo nazionale costruttori,                    
rilasciato dal Ministero dei Lavori pubblici per le categorie dei               
lavori - 6 e 4 - e per importi adeguati, in corso di validita' (un              
anno dalla data del rilascio), considerata la particolarita' dei                
lavori che prevedono opere in cemento armato speciale per le                    
sottostazioni e la costruzione dei binari interni all'opera destinati           
ad ospitare i macchinari di trasformazione di energia elettrica.                
5) Prova dell'avvenuta costituzione della cauzione provvisoria pari             
al 2% dell'importo dei lavori a base d'appalto, ai sensi dell'art.              
30, comma 1 della Legge 109/94, a pena di esclusione. Si precisa che            
detta cauzione provvisoria potra' essere prestata nelle modalita' di            
seguito indicate: a) mediante polizza fidejussoria; b) mediante                 
fidejussione bancaria; c) mediante versamento della somma a titolo di           
cauzione da prestarsi nei modi seguenti: - pagamento da effettuarsi             
presso la Rolo Banca 1473 SpA filiale n. 20 sede di Modena (Tesoriere           
comunale - Piazza Grande n. 40 - Modena) muniti della presente, della           
partita IVA e di assegno circolare intestato: Tesoriere del Comune di           
Modena; - a mezzo bonifico bancario intestato a: Tesoriere del Comune           
di Modena presso Rolo Banca 1473 SpA. Filiale n. 20 Sede di Modena -            
Piazza Grande n. 40 - Modena - Conto di Tesoreria - coordinate                  
bancarie: c/c 99999999/3 ABI 3556, CAB 12930 indincando il versante e           
la causale: cauzione pubblico incanto infrastrutture per il trasporto           
urbano - sottostazioni e strutture stradali (Cap. 5525/1). Si                   
richiede inoltre ai partecipanti, nell'eventualita' non risultassero            
aggiudicatari ed abbiano prestato la cauzione provvisoria secondo le            
modalita' di cui al punto c), di specificare con nota sottoscritta              
dal legale rappresentante della ditta, di quale modalita' di seguito            
indicate intendono avvalersi per il rimborso: - a mezzo accredito su            
c/c postale fornendo le coordinate postali e numero di c/c postale              
(spese a carico del rimborsato); - a mezzo accredito su c/c bancario            
fornendo coordinate bancarie e numero di c/c bancario.                          
Per le imprese individuali: le imprese individuali, oltre ai                   
documenti indicati nei precedenti punti 1), 2), 3), 4), 5), dovranno            
fare pervenire i seguenti atti: certificato generale del casellario             
giudiziale di data non anteriore a sei mesi da quella fissata per la            
gara, riferito al titolare dell'impresa e al direttore tecnico, se              
persona diversa dal titolare di essa.                                           
Per le societa' commerciali e le cooperative: le societa'                      
commerciali e le cooperative e loro consorzi che concorrono alla                
gara, oltre ai documenti richiesti ed indicati nei precedenti punti             
1), 2), 3), 4), 5), dovranno fare pervenire i seguenti atti:                    
A) Il certificato di iscrizione al Registro delle imprese di cui al             
DPR 581/95 presso la Camera di Commercio competente e/o il                      
certificato della Cancelleria del Tribunale competente di data non              
anteriore a sei mesi a quella fissata per la gara contenente: - il              
nominativo delle persone delegate a rappresentare ed impegnare                  
legalmente la societa'; - l'attestazione che la societa' non si trova           
in stato di liquidazione o fallimento, che la medesima non ha                   
presentato domanda di concordato e che a carico di essa non si sono             
verificate procedure di fallimento o di concordato nel quinquennio              
anteriore alla data della gara.                                                 
B) Il certificato del Casellario giudiziale di data non anteriore a             
sei mesi, riferito: - al direttore tecnico ed a tutti i componenti se           
si tratta di societa' in nome collettivo; - al direttore tecnico ed a           
tutti i soci accomandatari se si tratta di societa' in accomandita              
semplice; - al direttore tecnico e agli amministratori muniti di                
poteri di rappresentanza per ogni altro tipo di societa'.                       
Per le imprese riunite (Titolo V, DLgs 19/12/1991, n. 406): l'impresa           
capogruppo dovra' presentare la documentazione di cui ai precedenti             
punti 1), 2), 3), 4), 5) nonche' per ciascuna impresa facente parte             
la riunione, compresa la capogruppo stessa, anche la documentazione             
di cui ai precedenti punti A) e B).                                             
La capogruppo dovra' inoltre presentare:                                        
a) il mandato conferito dall'impresa/e mandante/i, risultante da                
scrittura autentica (o copia di esso, autenticata) e conforme alle              
prescrizioni di cui all'art. 23 del DLgs 19/12/1991, n. 406;                    
b) la procura relativa al mandato di cui alla precedente lettera a),            
risultante da atto pubblico (o copia di essa autenticata).                      
Qualora il mandato e la procura siano contenuti in uno stesso atto,             
si precisa che tale atto dovra' essere redatto a pena di esclusione             
dalla gara, nella forma di atto pubblico.                                       
Per ciascuna delle imprese riunite la capogruppo dovra' presentare,             
altresi', un certificato, in bollo, di iscrizione all'Albo nazionale            
costruttori da cui risulti l'iscrizione ad entrambe le categorie                
richieste (categorie 6 e 4) per un importo pari ad almeno 1/5                   
dell'importo dei lavori di ogni singola categoria: fermo restando che           
la somma degli importi di iscrizione di ciascuna categoria delle                
imprese raggruppate deve essere almeno pari all'importo a base d'asta           
delle singole categorie di lavoro (e cioe' per la categoria ANC 6:              
Lire 705.417.690 e per la categoria ANC 4: Lire 699.709.100).                   
A norma dell'art. 15 del "Regolamento comunale per la disciplina dei            
contratti" tutti i certificati richiesti (Camera di Commercio, ANC,             
Tribunale, Casellario giudiziale) possono essere sostituiti da una              
dichiarazione scritta, redatta in carta bollata, riportante anche in            
forma contestuale il contenuto dei certificati stessi, sottoscritta             
dai singoli interessati e per le societa', dal legale rappresentante.           
Qualora l'impresa si avvalga di tale facolta', e' tenuta a presentare           
la documentazione, a convalida delle precedenti dichiarazioni, solo             
in caso di aggiudicazione, entro 5 giorni dalla gara.                           
Avvertenze                                                                      
- il recapito del piego rimane ad esclusivo rischio dell'impresa                
concorrente, nel caso che, per qualsiasi motivo non venga effettuato            
in tempo utile all'indirizzo indicato, a nulla valendo neppure la               
data apposta dall'Ufficio postale;                                              
- trascorso il termine fissato non sara' riconosciuta valida alcuna             
offerta, anche sostitutiva od aggiuntiva di offerta precedente;                 
- si procedera' all'aggiudicazione anche nel caso in cui pervenga una           
sola offerta valida, in caso di ribassi uguali si procedera' a norma            
di legge;                                                                       
- non saranno ammesse offerte condizionate o espresse in modo                   
indeterminato;                                                                  
- il periodo decorso il quale gli offerenti hanno facolta' di                   
svincolarsi dalla propria offerta, qualora non sia ancora intervenuta           
l'aggiudicazione, e' fissato in 120 giorni.                                     
Per evitare dubbi di interpretazione si chiarisce che l'offerta                 
dovra' essere chiusa in busta sigillata e controfirmata sui lembi di            
chiusura; tale busta sara' quindi inclusa nel piego contenente tutti            
gli altri documenti, che dovra' pure essere sigillato sui lembi di              
chiusura e portare, oltre all'indirizzo di questo Comune, anche                 
l'oggetto della gara d'appalto ed il nominativo dell'impresa                    
mittente.                                                                       
Si precisa pertanto che l'impresa sara' esclusa dalla gara in oggetto           
nel caso che manchi o risulti incompleto o irregolare uno dei                   
documenti richiesti.                                                            
Obblighi dell'impresa aggiudicataria                                            
- l'impresa aggiudicataria dovra' provvedere alla costituzione della            
cauzione definitiva, nei modi previsti per legge, entro la data                 
prevista nel capitolato speciale ed addivenire alla stipulazione del            
contratto nel termine stabilito dall'Amministrazione comunale;                  
- sono a carico dell'impresa aggiudicataria tutte le spese ed i                 
diritti relativi alla stipulazione del contratto e alla sua                     
registrazione;                                                                  
- poiche' in sede di analisi dei prezzi, l'Amministrazione si e'                
basata, riguardo al costo della mano d'opera, sulle tariffe sindacali           
di categoria, l'impresa si obbliga ad attuare nei confronti dei                 
lavoratori dipendenti occupati nei lavori costituenti oggetto del               
presente contratto e se cooperative, anche nei confronti dei soci,              
condizioni normative e retributive non inferiori a quelle risultanti            
dai contratti collettivi di lavoro applicabili, alla data                       
dell'offerta, alla categoria nella localita' in cui si svolgono i               
lavori, nonche' le condizioni, risultanti dalle successive modifiche            
ed integrazioni ed in genere da ogni altro contratto collettivo                 
applicabile nella localita' che per la categoria venga                          
successivamente stipulato.                                                      
Inoltre l'impresa si obbliga ad effettuare i versamenti dei                     
contributi stabiliti per fini mutualistici, nonche' delle competenze            
spettanti agli operai per ferie, gratifiche, ecc., in conformita'               
alle clausole contenute nei patti nazionali.                                    
Il mancato versamento dei sopra menzionati contributi e competenze              
costituisce inadempienza contrattuale soggetta alle sanzioni                    
amministrative.                                                                 
L'impresa si obbliga altresi' a continuare ad applicare i suindicati            
contratti collettivi anche dopo la scadenza e fino alla loro                    
sostituzione.                                                                   
I suddetti obblighi vincolano l'impresa anche nel caso che la stessa            
non sia aderente alle associazioni stipulanti o receda da esse.                 
L'impresa e' responsabile, in rapporto alla Stazione appaltante,                
dell'osservanza delle norme di cui ai precedenti commi da parte degli           
eventuali subappaltatori nei confronti dei rispettivi loro dipendenti           
anche nei casi in cui il contratto collettivo non disciplini                    
l'ipotesi del subappalto;                                                       
- in caso di inottemperanza degli obblighi derivanti dal precedente             
articolo, accertata dalla Stazione appaltante o a questa segnalata              
dall'Ispettorato del lavoro, la Stazione appaltante medesima comunica           
all'impresa eventualmente, all'Ispettorato suddetto l'inadempienza              
accertata e procede ad una detrazione del 20% sui pagamenti in                  
acconto, destinando le somme cosi' accantonate a garanzia                       
dell'adempimento degli obblighi di cui sopra, per i lavori in corso             
di esecuzione, ovvero alla sospensione del pagamento del saldo, se i            
lavori sono ultimati.                                                           
Il pagamento all'impresa delle somme accantonate, o della rata di               
saldo, non sara' effettuato sino a quando dall'Ispettorato del lavoro           
non sia stato accertato che ai dipendenti sia stato corrisposto                 
quanto loro dovuto, ovvero che la vertenza e' stata definita.                   
Per tale sospensione o ritardo nel pagamento, l'impresa non puo'                
opporre eccezione alla Stazione appaltante e non ha titolo a                    
risarcimento danni.                                                             
L'impresa aggiudicataria dovra' altresi' presentare la documentazione           
necessaria per il rilascio della certificazione di cui all'art. 2 del           
DLgs 8/8/1994, n. 490 e piu' precisamente:                                      
a) certificato di iscrizione alla CCIAA, di data non anteriore a sei            
mesi (da quella dell'aggiudicazione);                                           
b) modulo GAP debitamente compilato, datato, timbrato e sottoscritto.           
IL CAPO SERVIZIO TRAFFICO TRASPORTI                                             
Alessandro di Loreto                                                            
Scadenza: 3 marzo 1998                                                          

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it